Uno squalo chiamato Mariagrazia - 2^ Parte

Scritto da , il 2021-03-31, genere dominazione

Così nei venerdì successivi, nonostante fosse tornata Vanessa, Mariagrazia volle sempre Dario e durante il massaggio si fece sempre più audace. Faceva in modo da fare dei movimenti che sembrassero casuali, affinchè Dario le toccasse la fica e le tette con la speranza che si lasciasse andare. Invece niente. Anzi quando succedeva il ragazzo le chiedeva scusa e riprendeva il suo lavoro con estrema professionalità.
Fino a quando non le venne l'idea di invitarlo a casa sua con la scusa di un massaggio in privato per arrotondare lo stipendio. Alle titubanze di Dario, che sapeva il suo titolare non gradiva che i suoi dipendenti facessero questa cosa che definiva scorretta, gli disse che se avesse accettato, non solo nessuno avrebbe saputo nulla, ma gli avrebbe pagato la giornata più del doppio di quanto prendeva da Renato.

Così il ragazzo accettò e il sabato successivo, di mattina presto si presentò a casa di Mariagrazia.
Lei lo accolse già in accappatoio, aveva appena fatto la doccia e approntato un lettino da massaggi con tutto il necessario. Il tempo di un caffè e si distese al solito prona, stavolta completamente nuda e senza alcun pudore nei confronti del ragazzo che invece rimase spiazzato dal gesto, e invitò Dario ad iniziare il suo lavoro.

Il giovane aveva appena iniziato, quando Mariagrazia gli disse: “Perchè non togli quel camice e ti metti anche tu un po' più in libertà. Siamo a casa mia, non ci vede nessuno”
Dario eseguì, ma a lei non bastò: “C'è caldo, siamo in estate...togli pure la maglietta e rimani tranquillamente in pantaloncini...dai, non aver timore...te lo sto dicendo io, non mi stai mancando di rispetto...su”
Il ragazzo tentennò un po' poi anche stavolta eseguì. Poi stava per rimettersi al lavoro, quando Mariagrazia, vedendolo a torso nudo, gli disse: “Wow, sei veramente un bel ragazzo...che fisico che hai...ecco, vedi...adesso così va molto meglio...e mi sento molto meglio anche io...su, siamo a casa e non al centro benessere, possiamo fare qualcosa di ancor più rilassante e più intimo senza che nessuno rompa le palle, non credi?”
“Oh si certo signora, se è questo che vuole...io sono d'accordo e totalmente al suo servizio...e comunque grazie per il complimento...detto poi da una donna affascinate come lei è un onore” rispose Dario che nel frattempo iniziò con la manipolazione dei piedi.

Dopo un po' che glieli massaggiava gli venne spontaneo dire: “Signora ha veramente dei piedi bellissimi...perfetti, lisci, ben curati...”
Mariagrazia a quel punto ebbe l'assist che aspettava: “Si, me lo dici sempre, grazie Tesoro...ma allora se ti piacciono così tanto perchè...perchè...non me li baci un pò...sopra, sotto, fra le dita...eh? ...dai”
Quell'esortazione inaspettata spiazzò nuovamente Dario che le rispose: “Ma...ma...sta dicendo sul serio Signora?”
Mariagrazia: “Si, certo...mi piacerebbe tanto lo facessi...del resto hai detto prima che sei totalmente al mio servizio...e allora vai, ubbidisci!”

Dario ebbe solo un attimo di titubanza, poi si chinò ed essendo la sua signora distesa prona, iniziò a baciargli con dolcezza le piante dal tallone, la caviglia, fino alla parte sottostante le dita. Lo fece più volte, su e giù.
Al chè dopo un po' Mariagrazia lo esortò ad usare, adesso, la lingua. Così il ragazzo iniziò a leccarle le piante dei piedi, dita comprese, bene e soprattutto con molta lentezza, cosa che la donna gradì tantissimo. Tanto che lentamente si girò per mettersi supina in modo che Dario le potesse leccare pure la monta e in mezzo alle dita. Cosa che il ragazzo fece in maniera automatica, evidentemente estasiato pure lui dal sapore e dall'odore di quei piedi meravigliosi.

Mariagrazia se li fece leccare ben bene per un bel po', poi come avessero un'intesa telepatica, Dario capì che era il momento di salire oltre i piedi. Così sempre leccando, dai piedi passò su per tutte le gambe, all'interno cosce, fino ad arrivare alla fica che era bagnata e semiaperta dall'eccitazione.
A quel punto Mariagrazia gli ordinò di togliersi i pantaloncini perchè voleva vedergli il cazzo. Dario, che nel frattempo salito sul lettino si era piazzato fra le sue cosce in posizione da preghiera islamica per leccargli il clitoride, non se lo fece dire mezza volta e la accontentò.

Alla donna apparve un cazzo bellissimo. Grosso, duro ed eretto al massimo, con la cappella sgusciata e arrossata per l'eccitazione. Glielo prese immediatamente in mano e glielo masturbò quel tanto che bastò a sentire di nuovo l'effetto godurioso di un bel cazzo duro fra le mani dopo tanto tempo.
Poi lo fece riandare giù e Dario riprese a leccarle la fica fino a farla esplodere in un orgasmo clitorideo. Dopo di che il ragazzo prese il cazzo in mano, prima glielo sfregò tutto attorno le labbra della fica, in un gioco entro e non entro, e poi, in posizione del missionario, la penetrò iniziando a scoparla prima con lentezza e poi, via via, aumentando il ritmo fino a sbatterla per poi esplodere assieme in un orgasmo da urlo.

Ma mica finì lì? Con un venticinquenne a propria totale disposizione e tanta fame di sesso arretrata non poteva assolutamente finire li. Così i due passarono in camera da letto, dove Mariagrazia fece stendere il ragazzo sul letto e con mano e lingua iniziò a fargli un sensuale pompino. In men che non si dica, quel giovane e bellissimo cazzo tornò duro come il marmo.
A quel punto si mise in posizione da formare un “69” e mentre Dario gli leccava fica e culo, lei riprese il pompino, sempre in maniera lentissima e sensuale, così che al ragazzo aumentò in maniera impellente la voglia di sborrare. Però sul più bello, la donna si fermò. Gli piacque vederlo soffrire e supplicarla di farlo venire.

Quindi, Mariagrazia, mentre fra mano e bocca giocava col suo cazzo e il ragazzo ansimava dalla voglia di venirsene, ne approfittò per strappargli una promessa solenne, una sorta di atto di fede a lei: “Se vuoi che ti faccia sborrare, dimmi che da questo momento in poi sarai mio e solo mio!” gli intimò
Nel frattempo gli menò di nuovo lentamente il cazzo alternando qualche colpo di lingua sulla cappella, il ragazzo moriva di voglia.
Dario: “Si Signora...si”
Mariagrazia: “Giuralo!...Giura che farai tutto quello che ti ordinerò io...tutto!”
Ancora una menata dolce e sensuale con la lingua sulle palle, il ragazzo stava impazzendo
Dario: “Si...Signora...si...lo giuro!”
Mariagrazia: “Guarda che non è un gioco che finisce qui...prendi un impegno serio e giurami fedeltà e sottomissione già subito dopo che ti avrò fatto venire!”
Lo masturbò un po' più forte, ma prontamente si fermò. Il ragazzo era totalmente impazzito.
Dario: “Signora...si...glielo giuro, ma la prego sto impazzendo dalla voglia di venire...pietà, giurò che sarò il suo schiavetto personale...giuro!”
Mariagrazia: “Schiavetto hai detto?” Masturbandolo ancora lentamente.
Dario: “Si Signora...si!...prometto e giuro!!”
Mariagrazia: “bene...quand'è così, allora...” Tolse la mano e si sedette dolcemente su quel cazzo ormai durissimo come il ferro e pronto ad esplodere, facendosi penetrare fino in fondo. Bastò solo qualche colpo di su e giù che il ragazzo gli esplose dentro riempiendola di sborra a momenti fino alla gola.

Fu una mattinata stupenda per Mariagrazia. Una cosa così la sognava da tempo. Ma alla fine pure per Dario che mai avrebbe potuto pensare che una donna di quell'età potesse fargli quell'effetto.
I due pranzarono pure assieme, nel corso del quale Dario le rinnovò la promessa di diventare solo suo per sempre e tornarono un'altra volta a scopare come non ci fosse un domani.
Nei giorni successivi, Dario lasciò il lavoro e il monolocale, trasferendosi in via definitiva da Mariagrazia che adesso finalmente aveva un massaggiatore e stallone da monta tutto a sua disposizione come una vera regina.
E come una vera regina voleva che Dario gli facesse pure da maggiordomo quando invitava a casa le sue amiche. Il ragazzo doveva servire loro il the e i pasticcini al tavolo, mentre Mariagrazia faceva la splendida esibendo il suo bel toy boy totalmente sottomesso a lei. Ma anche da autista, doveva infatti accompagnarla ovunque lei volesse ed era costretto ad aspettarla in auto anche per ore, a volte una mezza giornata, senza potersi allontanare nemmeno per pisciare, perchè Mariagrazia voleva trovare la macchina a sua disposizione subito appena usciva dal luogo dove si era recata, non sopportava dovergli chiamare al cellulare e aspettare che lui tornasse a prenderla,
Doveva fare la spesa e dare una mano a Concetta, la donna di servizio che veniva ogni giorno per cucinare e fare i mestieri in casa, per poi, arrivata la sera, dedicarsi totalmente a lei: doccia, o bagno con idromassaggio, assieme, massaggio, pedicure completa, nella quale Mariagrazia si divertiva ad umiliare Dario facendogli bere un po' dell'acqua dove aveva tenuto i piedi a mollo, e poi a letto a scopare fino all'alba e oltre.

Mariagrazia nei confronti di Dario era possessiva e gelosa. Lo controllava ossessivamente, soprattutto in presenza di altre donne, e il più piccolo errore o omissione del ragazzo era l'occasione per ricordargli a muso duro che: “Ricordati che sei mia proprietà, mi appartieni e fai solo quello che dico io, chiaro!?”
Ma era quando si trasferivano nella residenza a mare che Mariagrazia lo diventava ancora di più. Dario in costume era veramente un bel vedere e attirava gli sguardi femminili soprattutto delle più giovani. Per questo lo voleva avere ancor di più sott'occhio e non lo faceva allontanare da lei mai senza il suo permesso (quando lo aveva però gli chiedeva conto anche dei minuti di ritardo nel tornare). Gli era vietato scendere in spiaggia solo senza di lei, se non qualche minuto prima perchè le doveva sistemare l'ombrellone e la sdraio, per poi aspettarla e metterle l'abbronzante. Nemmeno il bagno poteva fare solo, ci doveva essere lei che se lo spupazzava in acqua per far crepare d'invidia le sue amiche. Chiaramente nessuna donna, per nessun motivo, poteva avvicinarlo. Anche chiedergli solo una semplice informazione. Le volte che succedeva andava su tutte le furie e una volta rientrati in casa pretendeva che si facesse perdonare in ginocchio e dopo avergli leccato piedi e fica.

Dario per Mariagrazia divenne, ben presto, pure un affare. Per carità, guai sempre a chi lo avvicinava o se il ragazzo si allontanava senza permesso, però visto che qualcuna delle sue amiche non si limitò più al solo mangiarselo con gli occhi, ma si spingeva oltre con tentativi più o meno palesi di adescarlo, lo squalo che era in lei intuì che al dilettevole poteva unire l'utile. Quindi mise di canto la gelosia e iniziò a “prestarlo” ovviamente sotto lauto pagamento.
In particolare fra le “clienti” più assidue c'era Rosanna, sua coetanea, una donna che non badava a spese per godersi i piaceri della vita. Bella in viso ma grassa al limite con l'obesità per quanto amava stare a tavola e al limite con la ninfomania per quanto amava gli uomini soprattutto giovani.

Per avere Dario a sua totale disposizione, anche solo per un paio di ore, pagava a Mariagrazia cifre importanti. Si faceva fare e faceva di tutto Rosanna, ma non il semplice massaggio o la classica scopata. No. Prima voleva che il ragazzo gli facesse una specie di spogliarello, poi, una volta nudo, lo toccava dappertutto, alternando bacetti e leccatine sui suoi pettorali, sui bicipiti scolpiti e sul suo bel cazzo grosso e duro.
Poi passava alla cosa che amava di più: fare soffrire Dario facendolo stendere sul letto e, stando attenta a non soffocarlo con la sua mole, posizionarsi in modo da mettergli il suo grasso culo in faccia e costringerlo a leccarle un po' il buco e un po' la fica, mentre lei gli suppliziava il cazzo usando mani e bocca. Poi dal culo passava a farlo soffrire coi piedi in faccia continuando il supplizio al cazzo. Insomma Rosanna godeva comprare, sottomettere ed umiliare i partner di turno e ancor di più nel vederli costretti a soddisfare il suo corpo nudo e grasso.
Cosi alla fine, quando si riteneva soddisfatta di aver suppliziato Dario abbastanza, si faceva scopare da dietro, alla pecorina, per poi farsi sborrare in bocca.

Questa vita da fidanzato/domestico e da trastullo sessuale a pagamento, per Dario durò parecchi anni senza che mai il ragazzo cercasse di sottrarsene e nemmeno lamentarsene. Ubbidiva e sottostava ad ogni desiderio e ordine di Mariagrazia con la medesima passione dei primi giorni. Pure quando lei si ammalò e finì i suoi giorni prima nel letto di casa e poi in quello di una lussuosa clinica.
Così quando venne a mancare, il ragazzo si ritrovò un'altra volta solo, squattrinato e precario. Per un attimo aveva sperato che qualcuna del giro delle amiche, che lo conoscevano bene in tutti i sensi, se lo prendesse per se. Ma non fù così, perchè tutte o sposate o conviventi, tuttalpiù si limitarono di tanto in tanto a frequentarlo di nascosto solo per usarlo sessualmente.
Quindi fu costretto a lasciare l'attico e affittarsi un monolocale dove, per sbarcare il lunario, continuò a fare il prostituto per donne mature.

Fino a quando un giorno un postino gli recapitò una raccomandata riguardante la convocazione presso lo studio di un importante notaio e fu lì che scoprì, con somma meraviglia e gaudio, che Mariagrazia lo aveva eletto unico erede universale dei suoi beni: le due case, l'auto, parecchi affitti di case e terreni e ben due sostanziosi contocorrenti bancari, quello della donna ed uno che lei, in segreto, aveva aperto per lui, perchè - gli disse il notaio leggendo le testuali parole sul testamento - la tanta passione, sottomissione e adorazione che gli aveva riservato per tutti quegli anni, andava premiata per sempre. Così Dario tornò a vivere nel lussuoso attico, ma stavolta da padrone assoluto. Prese con se due belle ragazze, una bianca ed una di colore, ufficialmente come domestiche, ma in realtà continuava con loro a fare lo schiavetto leccapiedi, perchè l'imprinding del primo “amore” non si scorda mai.

Questo racconto di è stato letto 3 0 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.