Il regalo di mio padre.

Scritto da , il 2021-01-10, genere etero

Con il massimo voto presi il Diploma di Maturità Classica e, dopo anni di studi sudatissimi, mio padre mi disse che con mamma saremmo andati a festeggiare ad una trattoria al mare vicino Roma: Fiumicino. Amavo molto il mare ed il pesce, così pensai che il premio era quello di mangiare pesce insieme. Andammo quindi alla trattoria che conoscevamo da anni ed uscimmo dal locale sazi e felici. Papà propose di farci una passeggiata per aiutare la digestione e, camminando a lungo arrivammo ad un viale dove troneggiava l'insegna di una concessionaria di moto. Io, passandoci davanti mi fermai ad osservare le moto esposte e dissi a mamma ed a papà che quella Moto Guzzi era uno schianto; poi riprendemmo la passeggiata e ad un certo punto mio padre si mette a telefonare e sento chiaramente che parla di quella di colore rosso e fa presente che tra poco sarebbe stato lì. Poi lui si riavvicina a me e mi prende a braccetto. Giriamo intorno al palazzo interamente e dopo ci troviamo proprio davanti al negozio di moto e lui mi lascia il braccio, ed apre la porta d'ingresso chiedendo a me ed a mamma di seguirlo e così facciamo. Entriamo dentro quindi e lui mi chiede se quella rossa ecc., ecc., mi piace. Chiaro che gli dico di sì aggiungendoci poi "moltissimo" e lui dice al venditore di farne un pacchettino per regalarla a me. Il oncessionario ride ed io spalanco gli occhi, incredulo che quella meraviglia di moto era dstinata a me. Chiaro che mi lancio ad abbracciare papà, poi mamma e lei mi chiede poi di scegliere anche un casco ed un giubetto di pelle nero...un classico per i centauri! Io stento a credere che è realtà e non un sogno ma poi, dopo che papà e mamma hanno pagato il tutto, ed il concessionario mi consegna le chiavi, io salgo in sella ed accendo il motore subito rombante ed improvvisamente mi cadono le lacrime di gioia, così rimetto la moto sul cavalletto e scendo per riabbracciare i miei che mi stringono con affetto ed anche il venditore si commuove al mio comportamento. Risalgo in moto ed esco dal negozio con attenzione, poi papà mi dice che mi aspetteranno a casa. Dopo che ho dato gas sfreccio sul lungomare e svolto per Roma, poi, dopo neanche mezz'ora sono sotto casa della mia Sissi, la mia fidanzatina da due anni. Le telefono e lei scende subito sulla strada ma non riconosce chiaramente me perchè non sà nulla della moto e col casco non mi riconosce così alzo la visiera e noto che mi ha subito individuato e viene da me. Le racconto del regalone dei miei e le porgo un secondo casco che lei subito indossa e sale a cavallo dietro a me. Facciamo un giro intorno al suo palazzo poi dopo un lungo bacio mi separo da lei per tornare a casa e non lasciare i miei impensieriti. Al portone mio li trovo ad attendermi e chiedono che giro ho fatto, spiegando a loro di essere passato da Sissi, diminutivo di Silvana da parte mia. Dopo che ho salutato i miei, giro per andare al garage dove avrei lasciato la moto al sicuro ma ad un incrocio un furgone non mi dà la regolare precedenza ed anzi, al contrario, me lo trovo ingiustamente a procedere avanti tamponandomi paurosamente e lì non sò dire di più. Solo dopo due giorni mi sveglio su un letto di Ospedale e sento dolori dapertutto e vedo con lo sguardo appannato mia madre seduta accanto a me e vicino a lei c'era Sissi, piangente. Cerco di muovere una mano per accarezzare mamma e poi Sissi ma non ce la faccio a muovermi ma provo a parlare ed emetto un lamento di un solo fiato debolissimo. Ambedue si girano osservandomi e mi chiedono subito come stò ma non ce la faccio a parlare e posso solo muovere un dito, per farle capire che ci sento bene ma non mi riesce di parlare. Chiamano subito i medici che corron subito da me e mi toccano delicatamente dapertutto ma io non riesco a farmi capire dicendo che sono letteralmente a pezzi, però poi il Primario mi fa delle domande suggerendomi che facendo l'occhiolino due volte significa bene ma uno solo male, così rispondo alle sue domande e lui infine mi ringrazia per la collaborazione. A quel punto chiede a mamma ed a Sissi di andarsene pure a casa che me la caverò assai bene essendo molto giovane. Anche lui coi medici va via e poco dopo entra un'infermiera che deve darmi delle pillole e lì...cominciano i miei guai a doppio senso, doppio perchè negativi e positivi insieme...ma in seguito spiegherò tutto!

Questo racconto di è stato letto 5 0 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.