Un impellente desiderio rivoluzionò la mia vita.

Scritto da , il 2021-01-01, genere sadomaso

Vivevo beatamente in campagna da solo e quella Domenica sentivo tanto il desiderio di scoparmi una bella donna ma la mia agendina non aveva nomi da contattare e quindi ripiegai sulla possibilità di incontrare sulla strada una prostituta disponibile anche nei giorni festivi. Presi quindi l'auto e me ne andai in giro con la speranza di incontrarne una. Girai a lungo sui viali di Roma ma lo storico Viale tor di Quinto, notissimo punto d'incontro con puttane, alla Domenica era deserto e dovetti, dopo avere visionato altri punti noti, tornarmene a casa e, per maggiori chiarimenti in merito, telefonai al mio amico Giovanni, anche lui noto frequentatore di puttane e, dopo il mio sfogo, fu lui a darmi una soluzione alla ricerca: le inserzioni su un quotidiano romano, oppure i siti su internet. Non uscii di nuovo per acquistare un giornale ma invece aprii internet e digitai donna in cerca di uomo e lì, potendo anche vedere le foto, trovai una morona che era uno schianto ma ragionai pure con freddezza che la foto fosse solo un'esca ed in realtà la mora non le assomigliava affatto in realtà però decisi ugualmente di telefonarle per un appuntamento ma lei mi rispose che non riceveva ma veniva lei a casa del cliente. Riflettei alcuni secondi ma poi le diedi il mio indirizzo con la convinzione che se non mi fosse piaciuta potevo dirle di tornare a casa sua e ciao. Dopo venti minuti sentii un'auto arrivare al mio cancello ed aprii subito. Vidi poi che l'auto si fermava al mio ingresso di casa ed una donna alta, formosa, bella di viso, scendeva dall'auto sportiva. Era veramente una gran figa. Quando aprii la porta vidi che era veramente una gran figona e si presentò subito:" sono Isabella, chiedo per un incontro cento euro, va bene?" Le risposi subito di sì ed arrivammo in camera mia dove lei si spogliò e chiese dove stava il bagno e l'accompagnai al luogo. Quando entrò vidi che stava osservando due scatole di siringhe e mi disse:" se vuoi fare dei giochi con questa roba, allora prendo il doppio del compenso!". Le chiarii che dovevo fare una cura ricostituente ma lei allora mi fece notare che era un poco masochista e gradiva l'essere punzecchiata da aghi sul culo e sui seni, comprese le coscione. Finì poi di spogliarsi ed altrettanto feci io e, stesici sul letto, lei disse:" ma, dato che ci godo a ricevere aghi in culo, sulle natiche, se vuoi puoi farlo gratuitamente" e la cosa mi diede per un attimo una leggera scossa e brivido insieme. Mi alzai ed andai quindi al bagno dove presi alcool, cotone e siringhe e, quando stavo per strofinare sulla natica il cotone imbevuto di alcool, lei mi chiese di sculacciarla un poco prima della puntura per scaldare il suo culetto ben formoso e grazioso. La sculaciai quindi a lungo e, dopo una strofinata di cotone le infilai l'ago sulla natica ma lei mi chiese di ripetere l'azione, specificando:" devi infilare l'ago con molta lentezza, così lo sentirò tutto ben doloroso, poi farai altrettanto sull'altra natica" Quindi ripetei l'azione con molta lentezza e sentii lei che gemeva ma non di dolore ma piacere infatti, dopo che le bucai la prima natica, m'implorò di passare alla seconda sempre lentamente e poi disse;" ma non hai fiale di salina che mi tormenterebbero il giusto con tanto bruciore sulla carne?". Fortunatamente per lei, mi ricordai che iniettare acqua distillata, significava sentire un profondo bruciore sulla carne. Quindi scesi in garage dove avevo flaconi di distillata per la batteria dell'auto e ne presi uno che subito usai per riempire due siringhe e feci a lei altre due iniezioni che sentii subito darle un gran bruciore infatti lei si mordeva le labbra e tratteneva grida che emanava in sordina. Tolto l'ago strizzai il cotone imbevuto d'alcool sul buchino fatto sulla natica e lei disse:" Che male all'inizio ma che gusto dopo, subito dopo!" La cosa mi stava eccitando sempre di più e, dopo che le avevo infilato dieci aghi su una natica ed altrettanti sull'altra, spinsi uno per uno gli stantuffi delle siringhe iniettandole così molta acqua distillata che dalle sue smorfie capii che le bruciava moltissimo. Solo dopo che le avevo tolto gli aghi dal culo, mi resi conto che tale gioco mi aveva eccitato moltissimo e, senza dirle nulla, le spalancai le cosce e, dopo leccata a lungo la figa, le infilai il cazzo mostruosamente eretto, rigido che solo dopo lunghe cavalcate si scaricò di un mare di sborra e la sventolona mi disse" Sei stato molto bravo...mi hai dato prima tanto dolore e lì già godevo, ma dopo ho veramente provato gran piacere!" Dopo una pausa brevissima me la scopai nuovamente e, dopo che ci rivestimmo entrambi, stavo per darle duecento euro ma lei mi bloccò la mano e mi disse:" Se mi farai nuovamente venire da te, dovrai sempre farmi prima soffrire e poi godere e perciò oggi mi accontenterò di soli cento euro, grazie, bonazzo!"

Questo racconto di è stato letto 3 1 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.