La scala oscillava molto...ma chi scendeva 5.

Scritto da , il 2020-11-20, genere etero

Tornai a casa tardi ed Irina mi attendeva affacciata al balcone e quando vide che stavo scendendo dall'auto, mi chiamò sorridendomi e la sua espressione dolce e sensuale mi diede una scossa che mi fece salire le scale quasi volando e la trovai ad attendermi a braccia aperte. Ci abbracciammo, baciammo con una passione tale che ci fece finire subito a letto e così il suo arrosino, le patate ed il dolce, li trovammo dopo mezz'ora di sesso intensissimo...mezzi bruciacchiati ed allora, senza scomporci ed incazzarsi, le dissi ch era il caso di farle conoscere una trattoria vicino casa. Lei si preparò in un attimo esalimmo in macchina che, per contornare la cena bruciata, ci rallegrò non partendo affatto ma la mia bambolona mi schioccò un bacio per poi lasciarmi solo e nel mentre andava a casa a prendere i due caschi. Salimmo in moto ma io non ne ero proprio convinto, ricordandomi di averla vista guidare più volando che correndo e mi strinsi ai suoi fianchi e guardai il cielo stellato rassegnato che...me la sarei "fatta addosso... . Lei però intui il mio stato d'animo e partì lentamente, procedendo poi moderatamente ed arrivammo alla trattoria dove cenammo godendo le specialità. Dopo la gustosa cena ritornammo a casa, sempre con velocità moderata e quando arrivammo a casa scendemmo dalla moto e, tolti i caschi, lei m'abbracciò ringraziandomi per la cena offerta poi però mi disse che ora dovevo ringraziarla io per non avermi dato emozioni troppo grosse con la moto. Mi misi a ridere e la baciai in bocca appassionatamente. Entrammo a casa ed io andai a sedermi davanti alla TV; lei si mise in camicia da notte e vestaglia trasparente venendosi a sedere accanto a me e quando sentii la sua coscia contro la mia, l'abbracciai e mi misi in ginocchio spalancandole le cosce, scoprendo la sua figona che già lasciava uscire umori luccicanti ed invitanti per essere leccati ed assaporati, ed io lo feci con foga e eccitandomi sempre di più per poi appoggiarle il cazzo davanti alla figa e penetrandola vigorosamente scopandola più volte e sborrandole un poco in pancia e poi sui seni che che poi leccai dandole dopo la sborra rimanente nella sua bocca slinguandola eccitatissimo ed anche lei voleva darmi nuove sensazioni, così mi spompinò ma ad un certo punto mi fece rigirare a pancia sotto, facendomi immaginare che mi avrebbe come minimo infilato un suo ditino in culo, invece c'infilò la punta della lingua e mi leccò fino a dare una nuova erezione che mi stimolò a leccare l'ano anche a lei ed inculandola poi col focoso cazzo che sembrava non volesse proprio stancarsi ed io lo feci scatenare tra le bellissime natiche di Irina che smaniava, ansimava, sbrodolava umori come una cascata di un fiume. Io la penetravo sempre più forte e lei gemeva sempre di più quasi urlando di piacere e, dopo non sò più quando, finimmo per addormentarci sfiniti sul divano ma il pizzicorino dell'aria fresca della notte ci risvegliò ed io quasi stavo per alzarmi in piedi per andarcene a letto ma lei mi prese in mano il cazzo che poco dopo rispondeva alle sue carezze sul glande e si rivolse a me chiedendomi di penetrarla ancora nel suo desideroso culo e...chiaro che non le dissi di no ma subito la leccai all'ano poi la penetrai godendo così entrambi ansimando mugolando. Ragazzi che roba!?! Le gambe non mi reggevano più ma riuscii ad andare a letto con Irina abbracciata stretta al mio fianco. Il rimanente della notte si concluse con un sonno ristoratore e, nonostante i prcedenti giochi, ad innoltrato mattino, erano le dieci, ci svegliammo insieme e lei scese subito sotto le lenzuola prendendomi in bocca il cazzo e facendomi sborrare goduriosamente. Che bell'inizio della giornata. Dopo una gustosa colazione squillò il suo telefonino e lei rispose per poi esclamare con gioia:"amore della zia...". Terminata la telefonata mi spiegò che aveva parlato con sua nipote, una bellissima ragazza fresca di maggior'età e le aveva chiesto di potere venire in Italia da lei. Mi guardò negli occhi e poi disse che se volevo ospitarla per un pò, di certo le avrei potuto "fare la festa" perchè era matematicamente sicura che fosse ancora vergine, illibata dal naso ai piedi. Mi feci una gran risata perchè proprio non lo avevo neanche pensato di scoparmi la bambolina ma se la zietta, anzi, la ziettona acconsentiva...e chi se la faceva scappare!?!.

Questo racconto di è stato letto 1 6 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.