Il dopo laurea 8.

Scritto da , il 2020-09-21, genere etero

Al mattino dopo fui svegliato da Albertina con un bacio ed un ottimo caffè: che bell'inizio della giornata! Andai a farmi una doccia e poi, vedendo Albertina completamente nuda a pettinarsi allo specchio, mi avvicinai a lei silenzioso come un gatto e l'abbracciai ai fianchi stringendola e facendole sentire il cazzone che avevo puntato tra le sue sode e gustosissime natiche. Lei si girò e si avviò verso il letto aprendo le braccia per accogliermi ed io subito mi misi al suo fianco e, quando vidi che stava allargando le cosce, non resistetti e, sgrillettatole un poco il clitoride, appena le uscì un poco degli umori, le accostai il cazzo e glielo infilai in figa scopandola con un vigore da sballo. Io pompavo e lei ansimava, io la spingevo e lei sussultava e, quando infine se ne venne, allora godei anch'io lasciandomi andare e sborrandole dentro, conscio che come medico potevo riparare subito all'indesiderata ingravitata, infatti, dopo che facemmo la doccia insieme ci rivestimmo e subito le scrissi la richiesta per andare in Farmacia a farsi dare la pillola anticoncezionale. Lei andò subito a prendersi la pillola ed io ricevetti il primo paziente del giorno, una signora sulla quarantina d'anni che mi presentò subito il suo problema: suo marito la avrebbe tradita anche con una puttana, se lei non si fosse decisa a cedergli il suo appetitosissimo culo, e su quello ero d'accordissimo con lei, aveva sì un gran bel culo. Oltre alla paura del dolore che avrebbe certamente provato, date le dimensioni del pene coniugale, lei temeva che le si sarebbe lacerato l'ano ed allora toccò a me rassicurarla che fatto con delicatezza non sarebbe accaduto l'irreparabile ma lei passò subito alla sua proposta: prima mi chiese se per me lei era appetibile o no, poi disse che se fossi stato io a sverginarle il culetto, l'avrebbe sopportato bene. Le dissi in tutta risposta che senza dubbio era una gran bella signora ed un culo come il suo non lo si poteva certo rifiutare ed allora, senza esitare, la vidi slacciarsi la gonna lasciandola cadere in terra e poi sfilarsi le mutandine che coprivano una figona pelosissima, contornata da reggicalze nero, calze nere, roba da smuovere anche un vecchio e per giunta paralitico!. Mentre lei esibiva il suo gran bel culo, sentii la porta aprirsi ed allora andai incontro ad Albertina, dicendole che avevo un caso tosto da impegnarmi tutta la mattinata ed allora non facesse attermi da altri pazienti, poi tornai al mio studio. Lì la sventolona mi attendeva sdraiata su lettino ma le presi la mano guidandolaalla camera da letto dove la feci denudare tutta e, dopo avergle leccato l'ano a lungo, le infilai un dito intriso di pomata fluida per agevolare l'inculata. Le feci sbocchinare il cazzo per renderlo viscido al punto giusto e poi accostai il glande all'ano spingendolo dentro lentamente e lei iniziò a gemere, a lamentarsi nel sentire un dolorino che però le durò poco tempo e dopo divenne anche per lei solo piacere e, quando infine la penetrai fino in fondo, si lasciò andare e gemeva fiottando di continuo. Io me ne venii sborrandole tutto dentro e, quando poi ci ritrovammo nello studio ricomposti, allora mi mise due banconote da cento euro chiedendomi se andavano bene per il mio onorario e me le presi con un grazie! Le feci gli auguri sulla sua esperienza anale col marito e la accompagnai alla porta. Albertina entrò da me e mi chiese se la avevo scopata quella gnocca e le risposi se voleva che facessi altrettanto a lei. Mi rispose subito di sì ma a malincuore le risposi che dovevamo rimandare tutto al dopo cena e al momento mi accontentai di un suo bocchino per godere ancora un poco. Mentre insieme sistemavamo lo schedario dei pazienti, vedemmo entrare in sala d'attesa una ragazza che doveva avere intorno ai vent'anni e, sedutasi ad attendere, notai che era sconvolta ed agitata assai. Chiesi così ad Albertina di farla accomodare in studio e le chiesi il motivo della sua presenza da me. La poverina era timidissima e chiese la presenza anche di Albertina per parlarmi del suo problema che la angosciava, ovvero, lei aveva ieri sera avuto un incontro con un ragazzo che frequentava da poco tempo e, proprio ieri lui le aveva sfregato il pene tra le cosce e le aveva imbrattato di sperma l'inguine ed aveva paura che il liquido seminale fosse penetrato in vagina e l'avesse resa incinta. Le dissi che era il caso ispezionassi il suo utero e, con l'aiuto di Albertina la feci spogliare e le misi le caviglie ai sostegni che tengono le gambe ben spalancate e, indossato un guanto che lubrificai col gel, iniziai a penetrarla in vagina ma lei sussultò e subito riscontrai che aveva l'imene intatto e perciò la rassicurai di starsene tranquilla che nulla era entrato in lei. Tirò un profondo sospiro e, tenendo la sua mano tra quelle di Albertina, mi regalò un sorrisone da farmi inorgoglire. La feci rivestire e, quando poi mi chiesedi quanto era il mio compenso, le risposi con un sorriso, invitandola a tornare da me per tutti i controlli che voleva ma per ora non mi doveva nulla. Sempre sorridente mi ringraziò ed andò via serena. Intanto arrivò l'ora di pranzo ed io avvisai mia madre di non aspettarmi a tavola perchè non potevo lasciare solo il paziente messo male le dissi con freddezza e lei mi augurò un buon lavoro. Mentre Albertina era in cucina sentii un profumo che mi attirò lì da lei e, nell'osservarle il suo bel culo, le dissi che in serata avrei pensato anche a lui e lei mi diede un'occhiata assai alludente. Preparò un buo pranzetto e, dopo il caffè ci sdraiammo sul letto e lei slacciò i calzoni per farmi poi un rilassante pompino. Il pomeriggio fu assai noioso, non venne nessuno, così mi dedicai a leggere "l'informatore del Medico" per aggiornarmi sui nuovi farmaci sul mercato. Dopo la cena sempre ben fatta da Albertina, ci mettiamo a guardare la TV ma, vuoi il mio corpo che strusciava su di lei e lei che scopriva le cosce nel muoversi, finimmo col preferire il letto alla TV e ci andammo senza indugiarci su. In pochi attimi ci trovammo nudi e, dopo un lungo bacio slinguando focosamente, le dissi che quella sera avrebbe perduto anche la verginità anale e la vidi subito arrossire e la sentii tremare abbracciandomi ma la tranquillizzai subito dicendole che sarei stato delicatissimo ed in poco tempo il minimo dolore sarebbe divenuto solo un ricordo ma da dimenticare nel tempo. La sdraiai sul letto, scesi a ciucciarle il grilletto e le slinguai la fighina già colma di umori che uscivano fuori in abbondanza e così ci passai un dito tanto da renderlo viscido che poi infilai lentamente nell'ano che subito si strinse impedendomi di avanzare dentro, così lo tirai fuori e, passatomi un bel pò di gel sul glande, che appoggiai all'ano, iniziai a spingerlo dentro intanto le mordicchiavo l'orecchio dietro e le titillavo il clitoride facendola gemere e sospirare ma quando lei sentì spingere dentro il cazzo, allora s'irrigidì impedendomi di penetrarla ancora di più. Mi fermai continuando ad accarezzarla dapertutto e quando sentii che si stava rilassando, "sciogliendo", allora la penetrai in un solo colpo facendola urlare ma le grida si esaurirono subito dopo, quando sentì che il pisellone la aveva penetrata completamente e si era fermato di nuovo. Iniziai a stantuffare di continuo e lei mi gridò di possederla con più impeto e senza freni, così le diedi dei colpi decisi e di nuovo si lamentò urlando ma io non desistei e mi fermai solo dopo un'abbondante sborrata. Quando poi feci uscire fuori il cazzo dal suo culo, le intimai di ripulirlo succhiandolo, spompinandolo e lei fece tutto con maestria, con devozione e, quando poi sborrai di nuovo, inghiottì tutto e venne ad abbracciarmi al collo, slinguandomi in bocca e provocandomi una nuova erezione con la quale la scopai di nuovo e lei se ne venne sborrando un mare di umori. Dopo che la inculai per la seconda volta, lei gridò di godere moltissimo ed io gongolai nel mio orgoglio di averle fatto provare tanto piacere.

Questo racconto di è stato letto 2 3 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.