Il dopo laurea 9.

Scritto da , il 2020-09-22, genere etero

Il mattino dopo, vidi all'orologio che erano solo le otto ed io iniziavo il lavoro per le nove, così cominciai a stuzzicare il bel culo di Albertina puntandogli il cazzo sull'ano e sditalinai la fighina per podurre umori che avrebbero poi lubrificato il culetto per penetrarla. Gli umori si presentarono sulla mia mano in abbondanza e così passai le dita sull'ano ed accostai il cazzo spingendolo dentro e, dopo una faticosa penetrazione inizai a stantuffare su e giù facendo svegliare Albertina che subito strinse il povero cazzo con le sue muscolose natiche, provocandomi un dolore affatto sopportabile, ed allora lo tirai fuori e diedi delle sonore sculacciate che la fecero lamentare assai poi, visto che si era rassegnata ad essere ben inculata, la penetrai fino in fondo e scopai fino a sborrare una quantità indefinita. Estratto fuori il cazzo, le imposi di succhiarmelo pulendolo bene e lei si sottomise al mio ordine. Dopo che ebbe terminato andammo insieme sotto la doccia e, mentre aprivo lo studio, lei andò a fare un pò di spesa ed io attendei i potenziali pazienti. Mentre guardavo il TG alla tv entrò una ragazza molto bella di viso ma il corpo era composto da forme straripanti e, quando si sedette difronte a me, disse subito che voleva perdere molti chili con la mia guida. La invitai quindi a spogliarsi e lei faticò molto a reggersi in piedi a sfilare la larga gonna poi ebbe affanno a togliersi gli slip ed il reggiseno. La feci sdraiare sul lettino e lo sentii scricchiolare pur avendo la garanzia scritta che sosteneva pesi intorno ai centocinquanta chili e lei per fortuna rimase immobile ed iniziai a palparle l'addome, i fianchi, i seni, poi le proposi una terapia composta da mini punture che le avrei praticato con lentezza ed obliquamente sottopelle. Preparai dopo il suo consenso dieci siringhe piene di un medicinale che le avrebbe purtroppo provocato bruciore e le chiesi in merito se voleva che la rendessi immobile fissandole polsi e caviglie sul lettino e le spiegai il motivo così lei acconsentì a malincuore ma pur di perdere peso era disposta a tutto. La legai bene poi disinfettai le natiche ed iniziai a penetrarla col primo ago che non sentì entrarle dentro ma quando si trattò del liquido allora si lamentò trattenendo il più possibile il grido liberatorio ma io la invitai a non preoccuparsi e urlare il necessario...in fondo coo questo sistema avrebbe scaricato la tensione. Passai poi alla seconda e lì sentii lei lamentarsi di meno e la stimolavo dicendole che si stava facendo tutto questo per avere in un prossimo futuro un fisico invidiabile da vedere. Lei mi regalò un sorrisone ed allora approfittai per punzecchiarle l'altra natica con la terza puntura e l'iniezione la sopportò bene. Andammo avanti così e, quando arrivammo all'ultima puntura, le dissi che se voleva potevo provocarle del piacere per farsi distendere mentalmente. Accettò la mia proposta e subito le sgrillettai il clitoride e lei ansimò guardandomi con gli occhioni veramente bellissimi. Mi piegai di fianco e le leccai la figona con le labbra dilatate dal piacere al massimo e lei sborrò fino ad allagare il lenzuolo che copriva il lettino. Dopo che si riprese dall'orgasmo provato, mi chiese se poteva sdebitarsi facendomi un bocchino o scopando. Le dissi che ne avremmo parlato tra dieci giorni, quando cioè lei avrebbe perduto bei chili, così ci si poteva muovere comodamente. Mi chiese se poteva darmi un bacio per ringraziamento e riconoscenza ed io approvai la sua richiesta. Mi baciò sulla guancia ma poi si spostò infilandomi la lingua in bocca facendomi provare anche dei brividi. Quando poi l'aiutai a rivestirsi mi chiese quanto mi doveva ma le risposi che ne avremmo parlato a termine terapia, così lasciò sulla scrivania cento euro e baciandomi ancora se ne andò via. Albertina entrò subito, chiedendomi cos'erano quelle grida di dolore ed io le spiegai della cura dimagrante in corso. Ancora tutto preso da quel visone bellissimo, presi Albertina in braccio e la portai sul letto poi andai a mettere un cartello sulla porta dove avevo scritto "sono assente per una visita domiciliare urgente, se necessita il mio intervento, prego chiamare il mio numero diretto" che scrissi dopo. Andai poi dritto in camera dove Albertina era già sdraiata sul letto nuda e, senza denudarmi calai giù i pantaloni ed andai ad incularla insalivandole l'ano, possedendola poi delicato come una zappa. Lei si lamentò ma quando il pisellone le stava tutto dentro, allora gridò ma di piacere.

Questo racconto di è stato letto 1 8 3 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.