Una famiglia originale 25 - Orgia incestuosa con la benedizione e un pompino del prete

Scritto da , il 2020-05-18, genere incesti

Mentre la ragazza sghignazzando già pregustava il momento della resa dei conti col marito frocio e cornuto,in salotto la "festa" era già cominciata.

Quando lei,in compagnia del sacerdote si era affacciata dalla porta del soggiorno,la scena che le si era presentata era questa:"La mamma discinta ma con ancora gli abiti addosso,era distesa sul divano con la gonna tirata su,le gambe oscenamente aperte e la testa di Fulvio tra le cosce che le ravanava la fica con la lingua mentre con le mani le strizzava i capezzoli.

Suo figlio da dietro,le pompava la bocca col cazzo che pareva di legno mentre i suoi testicoli sbattevano sui suoi occhi e sulla fronte emettendo uno strano suono di di membra battute.

A quel doppio trattamento,lei mugulava al ritmo dello stantuffo che ad ogni affondo sino alle corde vocali,provocava osceni sciacquii di saliva accompagnati dai suoni dei rigurgiti malamente trattenuti in gola.

Quando la ragazza si era avvicinata,il bacino della mamma si contorceva smanioso mentre le mani del giovane ne accompagnavano i singulti.

Il divano era già un lago di umori,la mamma aveva sicuramente avuto già più di un orgasmo.

Le sue guance erano bagnate da un misto di saliva e residui gastrici dall'odore di vino che,scivolandole sulle spalle,colavano sino a bagnarle le tette,il vestito ed il cuscino del divano.

Quella scena così incredibile,aveva risvegliato le sue voglie e senza neanche spogliarsi,si era distesa sotto al giovane che le stava facendo impazzire la mamma e gli aveva imboccato l'enorme arnese che svettava turgido tra le gambe.

In quella posizione,nonostante l'ingombro del pancione,gli era piuttosto agevole leccargli i coglioni e il buco del culo e mentre con una mano lo segava,con l'altra si sgrillettava la vogliosa fica già senza mutande.

A quel punto,i suoi risucchi si univano alle grida soffocate della donna,agli ansimi del giovane stallone ed ai crescenti sbuffi del fratello che pareva oramai sul punto di sborrare nella bocca di sua madre.

Nadia lo aveva promesso alla mamma che sarebbe stata proprio lei ad accompagnare per la prima volta l'enorme cazzone di Fulvio dentro la sua fica.

Al momento giusto,quando la verga del toro aveva cominciato a pulsare tra le sue dita,si era sollevata e invitando l'uomo ad alzarsi con la pressione delle sue mani,lo aveva puntato tra le grandi labbra di sua madre già ben lubrificate dalla saliva e dai suoi stessi umori e mentre da dietro spingeva il maschio dentro il suo corpo,un grido di piacere accompagnato dal grugnito del figlio che spruzzava sperma nella sua bocca, aveva riempito la stanza come un eco sordo e inquietante.

Il volto della mamma simile ad una maschera appariva paonazzo e nonostante l'evidente sofferenza,non aveva fatto nulla per impedire al figlio di chiavarla in modo così brutale sino a spararle direttamente in gola i suoi bollenti fiotti di sperma.

Mentre lo stallone si era portato le gambe della donna sulle spalle per dare inizio alla monta,la ragazza si era avvicinata al viso della mamma e dopo aver ripulito con la bocca il cazzo del fratello,aveva leccato il seno ed il viso di lei sino a congiungersi alla sua bocca in un lascivo bacio dal sapore fraterno.

Era felice mentre gustava dalla bocca della mamma lo stesso seme che l'aveva ingravidata.

Dopo quel lungo,osceno e incestuoso bacio,si era inginocchiata dietro lo stallone ed afferrandolo per i fianchi,aveva annegato la testa tra i suoi glutei e accompagnandolo nei suoi movimenti pelvici,aveva ripreso a leccargli il buco del culo.

La mamma,con la bocca finalmente libera,emetteva disordinate urla di piacere sciogliendosi senza sosta in continui deliranti orgasmi.

La ragazza con gli occhi chiusi e le mani ben salde continuava a leccare e stringere i testicoli ben cosciente che la monta sarebbe continuata sino a far impazzire la mamma senza che l'instancabile stallone se ne venisse.

Ed era successo proprio così,la mamma dopo l'ennesimo orgasmo,completamente sudata e con i suoi umori che dal divano erano scivolati copiosi sul pavimento,aveva smesso di ansimare "Ancora...ancora...che cazzo...che cazzo...ancora...ancora...per gridare:"Basta...basta....così mi fai morire...mi uccidi così!"

A quel grido di resa,la figlia si era fiondata sul divano a cosce aperte permettendo al maschio di sfilarsi dalla mamma per entrare subito nel suo corpo voglioso e continuare il suo incessante martellamento.

Dopo aver fatto godere anche la figlia per ben due volte,l'uomo si era sfilato e sedendosi esausto e madido di sudore sul divano,aveva offerto la sua bestia ben ritta e turgida e lucida degli umori delle due donne,alle avide bocche di mamma e figlia.

Quelle scene avevano impressionato il ragazzo al punto che anche il suo cazzo aveva ripreso turgore.

Il prete seduto sulla poltrona,sino a quel momento aveva assistito a quelle scene con apparente distacco e mentre le due donne erano impegnate con le loro bocche a gustarsi l'enorme torta a forma di fungo del fratello,lui aveva adocchiato il ragazzo che si stava toccando il cazzo.

E' bastato uno sguardo d'intesa ed un lieve cenno d'assenso perché il prete gli si inginocchiasse davanti e cominciasse a fargli un gustoso pompino.

Naturalmente,c'era da aspettarselo data la storia del prelato ma il giovane era rimasto ugualmente sorpreso dall'abilità con la quale con le mani,le labbra e la lingua,il parroco l'aveva fatto godere ingoiando tutto il suo sperma e leccandolo dopo,sino a lasciarlo completamente pulito e lucido:

-Ti è piaciuto il bidet?-

Aveva chiesto con un sorrisetto ironico il prete mentre si leccava le labbra.

-Si molto ma anche il pompino non era male!-

Aveva risposto il ragazzo rimettendosi comodo sulla poltrona per gustarsi la scena di sua madre e sua sorella alle prese con quell'indomabile bestia.

Dopo altri lunghi minuti,finalmente gli ansimi del maschio erano diventati rantoli e poi un grugnito bestiale quando,stringendo a se le teste delle due donne,aveva cominciato a spruzzare come una pompa interminabili fiotti di sperma che schizzavano d'appertutto sui loro volti,sui capelli colpendo persino con la potenza dei suoi getti,il ragazzo seduto a quasi un metro da lui.

Sfiniti e col respiro ansimante,si sono abbandonati sul divano intrecciando i loro corpi con i vestiti impregnati di sudore,di umori e di sperma.

Anche il prete con l'aria più rilassata era sbracato sulla sua poltrona mentre il ragazzo pareva meditare su quanto fosse gia successo e quello che l'aspettava per quella lunga notte appena iniziata.

segue

Questo racconto di è stato letto 7 4 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.