Erotici Racconti

Le Terme

Scritto da , il 2018-11-08, genere pissing

Si pensa che chi ha sistemato le necessità di base nella vita non possa soffrire.
Hai una casa, una attività tua che ti da di che vivere, una bella fidanzata, non hai malattie. I tuoi capricci sono un insulto a chi non ha queste cose.

Ecco, vi devo comunicare che il dolore li ignora questi ragionamenti, e rimane vero qualunque sia la causa. Non è che sia più sopportabile se la causa non è socialmente accettata.

Così il compleanno. Per me compleanno significa solo desiderare di morire subito per non dover aspettare. Significa anche non voler vedere nessuno, parlare con nessuno, non ascoltare auguri, non avere regali, rifiutare qualunque comportamento ragionevole.
In pratica chiudersi in casa, non rispondere e sperare che non si ricordino.

Le donne però hanno l’abitudine di capire tutto al contrario, e io avevo fatto l’errore di accennare alla fidanzata che avrei preferito si prendesse un giorno libero.
Era invece arrivata davanti alla porta, aveva minacciato di chiudere tutto il rapporto se non avessi aperto, non contenta mi aveva trascinato nell’automobile.

Ci si era diretti verso una delle tante terme sparse per questa provincia, un viaggio poco allegro, visto che guardavo il finestrino senza dire una parola, e nel silenzio desideravo un incidente che mettesse fine a tutto. Anche lei guidava in silenzio col solito sguardo fisso da serpente. Se gli occhi sono lo specchio dell’anima, la sua è nascosta bene, mai che sia possibile capire cosa le passa per la testa.

La sorpresa, non l’aveva chiamata regalo per non peggiorare le cose, ma comunque la sorpresa, era un grottino privato, con la sorgente di acqua calda e la vasca, solo per noi. L’odore solforoso di uova sode dava fastidio solo all’inizio, appena entrati nell’acqua si era levata il costume un pezzo alla volta, poi aveva tolto il mio.

Era come essere finito dentro un intrico di alghe, quelle alte che si agitano con le onde, si muoveva su di me con la stessa lentezza casuale. In qualunque altro giorno avrei reagito subito, ma in quel momento lasciavo soltanto fare senza rispondere.
Non mi rassegnavo, ma neppure la fidanzata si rassegnava.

“ Ho un’altra sorpresa per te. Sai che ho l’idromassaggio ? “

Sempre quell’espressione immobile, e io a chiedermi cosa intendesse, quando arrivò un flusso più caldo, come una carezza proprio li sul pube.
Me la stava facendo addosso sotto l’acqua, e la novità mi restituì subito l’erezione perduta, sarei stato dubbioso se me lo avessero detto, ma l’usel aveva deciso per conto suo che gli piaceva ed era partito senza ascoltare ragioni.

Seguendo all’indietro quel flusso caldo, lo piantai alla fonte, mentre sopra la superficie le mordevo il collo. Nel momento in cui ero tornato attivo lei si era resa passiva, quando si sente mordere il collo non capisce più nulla e rimane ferma a farsi fare qualunque cosa, lo so.
La spinsi contro il bordo della vasca, di modo che potesse reggersi con le braccia e galleggiare a pelo d’acqua mentre la impalavo, vidi partire un altro piccolo getto dalla sua uretra, e a quel punto avevo perso ogni ritegno, volevo solo avere il mio piacere al più presto, senza nessun pensiero di ricambiare.
E a cose fatte mi appoggiai anche io al bordo, di fianco a lei.

“ Stai zitta. Non dire quel che stai pensando, o ricomincio da capo a non parlare. “

( sospiro della fidanzata ) “ Oggi è un giorno qualunque e noi siamo qui alle terme solo per caso. Va bene così ? “

“ Va meglio. “

“ Però “ – continuò lei – “ Visto che è un giorno come gli altri, a casa riprendiamo questo discorso. Vero ? “

“ Andata. “

Cosa è capace di inventarsi, mi sentirei grato, se oggi non fosse oggi.
Domani la ringrazierò.

Questo racconto di è stato letto 1 8 7 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.