Ogni buco è pieno

Scritto da , il 2018-08-15, genere tradimenti

Ogni buco è pieno e gli altri aspettano il loro turno.

DICIASSETTE.
Lo ribadisco ancora . Ora io e Luca camminiamo alla luce del sole. Io non lavoro più con mio marito. Ovviamente cerchiamo di non incrociarlo per evitare imbarazzi . E ci riusciamo.
Presento Luca a tutte o quasi le mie conoscenze. Ci trattano come due piccioncini ignari di quante corna abbia già in testa.
Io sono sessualmente scatenata. Vorrei essere scopata sempre, dalla mattina alla sera. Mi masturbo pensando che fino a poco tempo fa ero una vergine di culo e ora invece so cosa significhi avere cazzi i ogni buco e anche contemporaneamente.
Si chiamano doppiette ed è in quel periodo che ne faccio una che ancora oggi a distanza di anni il solo pensiero mi fa bagnare.
Nel capitolo DODICI accenno ad un certo Steve. La prima volta fu in motel con il cornuto costretto a chiudersi in un bar. Era un sabato pomeriggio. Mi piacque subito. Mi fece venire quattro o cinque volte urlando come una cagna. Mi capitò in seguito di tornare sempre da sola a casa sua (poteva ospitare in quanto single). Un'altra volta passai con lui anche una notte completa.
Ma ora voglio parlare di quando andammo a casa sua per fare delle gang. In quel periodo ne facemmo due ravvicinate e sempre ospitati da lui.
Steve è abile perché è in grado di soddisfare una puttana come me anche da solo ma è un eccellente organizzatore. Ha formato un gruppo di una decina di tori. Ma non degli sfigati che si uniscono per fare numero ma dei veri tori da monta che praticano con gran successo anche da soli. Se si sommassero i feedback sarebbero a centinaia.
Se si aggiunge il fatto che scopano spesso insieme potete immaginare l’affiatamento. Tutti dotati di un uccello mai più corto di ventidue centimetri. Giovani ma esperti. Anche bei maschi.
La prima gang è memorabile. Ero presente io insieme a Luca e ad un'altra coppia. Oltre a Steve c’erano tre porci.
La prima parte (forse perché ero nuova mentre la coppia la avevano già incontrata) si gettarono su di me come porci scopandomi in tutti i modi. L’unico vestito era il cornuto che filmava mentre anche il marito dell’altra coppia si era gettato su di me. Era evidente che considerava Luca un vero cornuto e faceva di tutto per metterlo in imbarazzo anche ponendomi delle domande alle quali rispondevo con entusiasmo. Come quando mi chiese (mentre mi inculava) perché fossi una rotta in culo. Io risposi al volo perché sono una troia! E lui mi invitò a dirlo al cornuto.
Mentre solo un toro si dedicava all’altra donna gli altri erano su di me. Ad un certo punto nel video sono talmente circondata da maschi che non mi si vede nemmeno.
Il clou però avvenne quando andai a cavallo di Steve mentre sulla testiera del letto e affiancati due tori mi offrivano il cazzo il bocca. Non solo il cazzo. Anche le palle e io leccavo tutto fino ad arrivare al buco del culo! Poi sentii armeggiare dietro. Era il marito che mi cercava il culo. Un attimo dopo ero piena in tutti i buchi. E i tori impazzivano. Nel video si sente chi dice ha tutti i buchi pieni chi dice guarda come gode sta puttana chi invece invita a incularmi e mettere dentro anche le palle! Un estasi!
Poi godono tutti rigorosamente in bocca e finiamo.
Io vado in bagno mentre la coppia si ricompone e se ne va.
In sala gli altri si stanno rivestendo e bevono qualcosa chiacchierando. Luca è di spalle quando li raggiungo. Mi dirà che vedrà il viso di Steve tra lo sorpreso e l’eccitato.
Non mi ero vestita. Anzi, mi presentai ancora con il completino da monta (come lo chiamo io).
Steve non ebbe bisogno di altro. Tra lo sguardo basito del cornuto mi prese per mano e disse altri altri tori : Anna vuole altro cazzo! Dai ragazzi diamoglielo!
Ci fu un secondo tempo tutto per me! Ancora piena in ogni buco. Per un'altra ora di sesso.
Non fu tutto. Una volta finalmente rivestiti Luca mi vide in un angolo mentre limonavo con passione con un certo Gianluca il cui nick è Amicob. Mi piaceva quel maschio. Mi piaceva da impazzire. Me lo sarei scopata anche da sola.
Al rientro a casa io e Luca avemmo una piccola discussione in quanto sostenne che il mio comportamento lo metteva in imbarazzo. Io non stetti zitta e gli dissi che se dovevamo andare a fare i porci e io dovevo sempre stare attenta a ogni movimento tanto valeva che la smettavamo subito.
Ovviamente io ci tenevo. Mi piaceva e mi piaceva ancora fare la puttana.
Fu un piccolo bluff che però funzionò. A quanto pare!

Questo racconto di è stato letto 4 5 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.