Una notte intera con un toro da monta

Scritto da , il 2018-12-21, genere tradimenti


TRENTAQUATTRO.
Dico spesso che avevo provato tutto. In realtà c’è sempre qualcosa da provare. Non avevo mai passato fuori una notte intera. Intendo con Luca a casa. E con chi potevo farla se non con Steve?
Il buon Steve nel frattempo gestiva un albergo e fu lieto di ospitarmi . A lui tornava meglio dalla domenica al lunedì in quanto era un giorno più tranquillo.
La domenica pomeriggio mi feci vestire da Luca. Lo salutai ed uscii.
Con Steve non ci sono problemi di video. Molti sanno della sua seconda vita e non ha niente da nascondere. Si fa quindi ritrarre a viso scoperto senza timori.
Con Luca sono d’accordo che avrei chiamato io in quanto prima avremmo cenato e solo quando fosse stato libero saremmo andati in camera.
Lo chiamai verso l’una di notte. Luca rispose e si riprese con il PC mentre lo faceva. Fu uno sprovveduto perché non riuscì a inserire subito il vivavoce ma quando riuscì dovette nascondere il telefono sotto il cuscino da quanto urlavo dal piacere. Inoltre si era scordato pure gli auricolari… tanto per dire che quel giorno non ne indovinò una!
Mi sentì durante tutta la monta. Un delirio di godimenti. Venti minuti intensi.
Quando rientrai nella tarda mattinata Luca era già a lavoro. Il video lo vide solo al suo rientro.
Inizia con un mio spogliarello davanti a uno Steve al centro del letto. Gli abbassai io gli slip lavorandolo bene di bocca. Poi come sempre m invita a cavalcarlo. Io lo faccio ma senza infilarmi il cazzo ma solo strusciandomelo sulla figa. Sono io a infilarmelo. Al che so che da li a breve impazzirò dalla goduria quindi allungo il braccio verso il comodino. Prendo il telefono e chiamo Luca.
Quando sono certa che stia suonando lo depongo sul letto. Il più vicino possibile.
Poi penso solo al cazzo del porco. Steve come di consueto non mi fa cavalcare liberamente ma mi tiene le spalle accompagnando il cazzone con colpi decisi. Godo e vengo e poi ancora vengo e godo.
Poi mi mette alla pecorina. Sento che mi infila qualcosa in culo. E’ un minicazzo in lattice con la base rettangolare. E subito il suo fantastico cazzo di carne in figa. Mi pompa alla grande. Un attimo e sfila il cazzo finto dal culo e lo sostituisce con il suo. Una bella inculata!
C’è tempo anche per una bella montata da sopra fino a che arriva il suo momento.
Steve è famoso (tra le altre cose) anche per il suo urlo disumano quando orgasma! Un urlo spaventoso. Lungo da apparire interminabile e intenso. Pare lo stiano ammazzando!
A me piace. Al che lo invito a mettersi in ginocchio al centro del letto. Questa posizione mi permette di vederlo in faccia mentre il suo cazzo mi esplode in bocca!
Fu così intenso che bastarono i venti minuti della videocamera. Ovviamente il primo tempo. Poi ci fu un seguito!



Questo racconto di è stato letto 5 9 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.