Gay fa la finta trans per un etero

Scritto da , il 2018-02-23, genere gay

Una storia vera che vi riporto nuda e cruda come è stata vissuta e raccontatami questa mattina. È Sabato è quasi mezzogiorno sto vagabondando tra le bancarelle del mercato rionale quando involontariamente mi scontro con una persona che poi ho riconosciuta essere il mio caro conoscente Ugo un simpaticissimo gay di 27 anni. Ma allora guarda dove vai e non come se stessi tra le nuvole? Ugo!!! Scusami ma mi hanno spinto e ti sono venuto addosso, ma non ti fai più vivo come stai!? Marco!!? Che piacere incontrarti. Bene, bene sono stato impegnato perché ho cambiato lavoro e casa ora verrò ad abitare qui in zona e forse ci incontreremo più spesso. E tu Marco come stai? Si va! fra alti e bassi ma si va; hai già cambiato casa e lavoro? Il lavoro si adesso faccio l’analista di processi informatici per la casa sto facendo un sopralluogo per rendermi conto della zona prima di trasferirmi qui a fine mese; allora tu verrai a trovarmi vero? Certo ma adesso se vuoi ci prendiamo un caffè? . Se invece mangiamo qualche cosa visto che è anche l’ora? Si certo! anzi ti porto in questo Centro commerciale qui vicino dove ci sono dei self-services buoni. Naturalmente per il giorno e per l’ora c’è un super affollamento e a fatica abbiamo trovato un tavolo perciò lo abbiamo bloccato e poi ci siamo andati a servire; con calma abbiamo cominciato a goderci il pranzo parlando del più e del meno e facendoci tante risate. Io sto ricordando ad Ugo un episodio accadutoci alcuni anni fa ma Ugo si è azzittito e non mi ascolta più anzi è tutto teso a seguire i discorsi che fanno le persone al tavolo vicino al nostro dove sono sedute: un uomo di circa 30 anni molto mascolino, piacente e due signore anche loro sui 30 anni. Ho seguito la scena con curiosità fino a che i vicini di tavolo si alzano e vanno via allora chiedo ad Ugo ma perché eri tanto interessato? hai superato il limite dell’educazione, se il tipo si fosse alzato e ti avesse fatto una scenata avrebbe avuto ragione. Hai tempo? Perché? Vuoi che ti racconto quello che mi è successo la settimana scorsa? Dai! Dai! Io sono curioso come una scimmia? Ti faccio la necessaria premessa. Tu sai che io sono un gay che tiene distinti i rapporti con gli etero e nel loro ambiente mimetizzo bene la mia omosessualità ma quando sono nel mio mondo gay libero completamente la mia “frociagine”. Tu sai anche come sono nei rapporti sessuali perché più di una volta mi hai visto all’opera: prevalentemente passivo ma se m’ingrifo o mi fanno ingrifare possono essere attivo e anche molto attivo dando molte grosse soddisfazioni perché bella grossa è la mia mazza. Dunque da un po’ di tempo ho la voglia di sbattere prima a letto e poi contro il muro gli etero ipocriti tutti maschi e figa.
La settimana scorsa ho messo un annuncio su un sito per incontri gay presentandomi come trans di passaggio per pochi giorni, condisco l’inserzione con tutte le piccanterie necessarie e preciso “accetto solo etero”. Marco tu non puoi immaginare quanti messaggi mi sono arrivati! quando li metto io come gay alla ricerca di maschio attivo non ne arriva nessuno. OK! Detto fatto fisso l’appuntamento con uno qualsiasi e pongo anche in maniera forte le mie condizioni: alle ore 22:00 precise non un minuto prima e non un minuto dopo, l’incontro base è di solo 1 ora e non oltre e poi altre cosine che non ricordo più. Tiro fuori l’attrezzatura che uso per andare alle feste in costume e mi preparo, alla fine mi guardo allo specchio e mi sono piaciuto; la bella parrucca con i capelli ramati veri faceva un bel pendant con i miei occhi chiari, mi ero data una ripassatina di depilante anche se non c’era bisogno, ho messo le protesi mammarie che sono così fantastiche da sembrare vere e non si staccano anche se manipolate con decisione: Marco mi sono costate un botto .
Sembravo una trans fatta e rifinita. Alle 22:00 precise squilla il cellulare: sono al portone mi apri? Scala D 1° piano a destra OK? la porta è socchiusa. Entra questo bell’uomo, atletico, abbigliamento casual macho quando lo vedo mi viene una strizza al culo e penso tra me e me questo mi spacca lo sfintere. Ciao amore chiudi la porta e vieni da me lui avanza circospetto perché l’illuminazione è soffusa, gli tendo la mano che lui mi stringe vigorosamente mentre la mia la lascio molle, lo trascino nella camera da letto e lo guardo: che bonazzo!! Il culo continua a fremere. Si spoglia rapido e senza tentennamenti come chi è già abituato a queste situazioni: resta nudo, una leggera peluria gli copre il petto e le gambe in mezzo alle quali pende un notevole cazzo. Mi alzi la luce vorrei vederti mentre ti spogli, certo amore sono qui per soddisfarti ma devo ricordarti che sono €300 sei d’accordo? Si ma tu sborri 2 volte? Si ma allora amore ce ne vogliono € 350 anticipati va bene ? Si ecco! e poggia sul comodino i soldi. Io penso che sarò per la prima volta frocia sfondata e pagata; pensando a questo mi spoglio eccitata, mi muovo come se avessi fatto la spogliarellista da sempre come primo lavoro; resto nuda con il culo pronto ed il cazzo mezzo in tiro. Lui si avvicina verso di me, mi passa la lingua molto insalivata sulle labbra e sul viso, inginocchiandosi, mi fa scivolare le mani sul culo mentre lei farfuglia: così liscio arrapante è così che mi piace; le sue mani scivolano su tutto il mio corpo e tastano le finte mammelle: morbide e sode!! non si sente il silicone della protesi, hai una bella bestia tra le gambe è quasi come il mio che va sui 23/24.
Alza la testa e mi guarda chiedendomi ma ti viene bello duro? L’ispezione è finita e le sue mani tornano ad accarezzare le mie gambe mentre la sua bocca si apre per far entrare dentro il mio cazzo, lo scappella e lo succhia, mi esce un grido traditore con tono più maschile che femminile. Lui non se ne accorge e troppo preso a succhiare e schiaffeggiare le mie natiche mentre balbetta: una trans così figa non l’avevo incontrata ancora. Io speravo ed aspettavo che si decidesse a spaccarmi il culo ma qualche premonizione mi faceva intuire che la mia speranza ed attesa sarebbe stata vana, infatti, lui si alza si avvia verso il letto e ci cade pesantemente sopra: ora scopami, fottimi, sventrami con il tuo cazzone duro, sborrami in gola, sul petto dappertutto, pisciami addosso. Ma tu non sei etero? Si ma lo voglio nel culo, faccio pompini, mi faccio pisciare addosso, mi piace lo strap-on ma quelli grossi Ho avuto uno smarrimento: da chiavata a chiavatore . È stato in quel momento che dentro me mi sono sentito frocio attivo avrei voluto finire quella mia sceneggiata trans e fotterlo come frocio attivo. Ho smanacciato il cazzo, più glielo sbattevo forte sul viso e sulle labbra per farmelo venire duro e lui più si eccitava.
Il cazzo mi venne duro lo insalivai gli sputai tra le natiche poi senza se e senza ma gli piantai la mia bella mazza nel culo e cominciai a fotterlo anche se lui si torceva lamentandosi di avergli fatto tanto male anzi più si lamentava e più mi si induriva il cazzo e più l'inculavo di brutto. Ti piace il cazzo troia? Ti piace farti sfondare le viscere, vuoi sentirti tutto dentro anche le palle? SI SI! Allora girata portati su le gambe che ti apro come una vacca. Lo stavo martellando veloce a cazzo duro dentro e fuori da circa 10 minuti e non me ne rendevo conto:ero fuori di me; mentre lui continuava a gemere con il suo cazzo moscio e le palle flosce. Glielo tirai fuori e tolto il preservativo gli sborrai dove voleva lui: in bocca, sulla faccia, sul petto.
Avevo il cazzo ancora mezzo duro e sporco di sperma glielo infilai in bocca e me lo feci pulire dalla sua lingua, glielo spinsi in gola e lo feci passare oltre e lo tenni finché non lo vidi con le lacrime agli occhi la bocca piena di saliva che lo soffocava.
Basta, Basta mi diceva lui ma non ero non contento lo feci girare mettendolo a pecorina con le gambe slargate, presi un altro preservativo e ci infilai dentro la mano, dopo averlo lubrificato cominciai a lavoragli il buco del culo e sentii che cedeva quindi presi il resto del tubo di lubrificante sparandoglielo dentro e a seguire gli feci entrare mezza mano poi tutta: lo stavo ravanando ben bene sentendolo muggire come una vacca alla fine vidi uscire dal suo pene floscio una colata di sperma. Non gli diedi nemmeno il tempo di riprendersi che gli dissi ora te ne devi andare l’ora è finita. Si rivestì rapido e prima di uscire mi domandò: quando posso tornare? Sei stata grande! io sono STATA grande? Ah Si certo! tu sei etero ed io LA trans. Posso tornare? Ci devo pensare ti chiamo io ma adesso vai. Scusami Ugo e che cosa c’entrano quelli di prima? C’entra eccome la persona che prima fissavo intensamente era lui quello che è venuto a casa mia! e adesso stava parlando con quelle signore di come lui quando è con le donne non può fare a meno di farle la corte per portarsele a letto. Scoppio a ridere e guardo Ugo. Io ho sbagliato tutto con te Ugo! Perché? quando tre anni fa ti facevo la corte perché mi avevano detto che hai un tarello bello grosso da sballo dovevo dirti che ero etero ma mi piaceva prenderlo nel culo chissà forse ti avrei portato letto.
NO se mi avessi detto che eri gay e ti piaceva prenderlo nel culo forse mi avresti convinto.
Ciao Ugo! Ciao Marco! Teniamoci in contatto.

Questo racconto di è stato letto 4 3 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.