Erotici Racconti

2 gusti è meglio di 1 (capitols 3 ) rimasti soli parte 1

Scritto da , il 2017-01-22, genere trans

Arrivati al piano atraversammo un corridoio e arrivammo alla porta dell'appartamento, aprirono ed entrammo.
La porta si apriva su un salone davanti una finestra enorme da dove le luci della città splendevano a destra del finestrone una TV 52 pollici davanti un divano immenso a semicerchio e a sinistra un angolo cottura magnivico insomma sembrava un appartamento da  Film.
"Dividete questo appartamento solo in due" chiesi Luana disse " no siamo altrè in 4 ma una è in ferie e una a lavoro"
Mary aggiusse "ora accomodati, rilassati che a te ci penso io, mentre Lu si fa una doccia."
Io mi misi a sedere sul divano Luana ando in un altra stanza e Mary apri una bottiglia da vino rosso, mi purse un bicchiere e fece partire della musica, lei poi si piazzo davanti a me in piedi, gambe aperte,dal bordo della gonna faceva ancora capolino la cappella rosea e umida del suo gran cazzone.
Lei lentamente iniziò un spogliarello, girandosi di spalle abbasso la cerniera della gonna e inizio a sfilarla facendola scivolare lungo I fianchi e la mini stretta seguiva le sue forme fino a cadere a terra, si piego in avanti per togliere la gonna tra I suoi piedi, piazzandomi il suo culone da Nicky minaj  davanti, io rimasi a bocca aperta davanti a quello spettacolo.
Lei girò la testa si tirò una sberla sul culo e disse:" Ti piasce scio che tu vede"
Cio che vedevo era una meraviglia due gambe bellissime che partivano da una scarpa col tacco e terminavano sulla curva bellissima di quel culone color ebano con le natiche aperte che mostravano una linea perfetta interrotta da un buco di culo perfetto pronto per essere sfondato e che continuavo fino a sfumare in uno scroto depilato e gonfio di desiderio da cui partiva come un pendolo dondolante tra le due gambe divaricate quel suo cazzo, cazzo che solo ora notavo quanto fosse veramente grosso,ed era ancora solo barzotto, scappellato ancora dalle evoluzioni di prima dondolava sbattendo tra le cosce (per un attimo mi domandai come fossi riuscito a domare quella Belva poco prima in macchina).
Mary dopo essersi sculacciata nuovamente, si tirò su si girò e sensuale iniziò a cazzarezzarsi il seno e ancora era nascosto dal top poi inizia a parlo scendere dolce lungo le sue forme prima del suo seno e dal estremita superiore del top escono due capezzoli le areole tonde di un rosa scuro I seni fatti perfettI sembravano seni veri, il top continua a scendere lungo il suo addome piatto e sinioso poi lungo i fianchi e il sedere e poi cadde a terra, come con la gonna si China per sfilarlo da i piedi abbogiando una mano sulla mia coscia e pogendomi una bellissima visuale delle sue tette.
Poi torno a ballare, sinuosa a ritmo di musica, facendo scivolare le sue mani sul suo corpo poi si mise a cavalcioni su di me e iniziammo a baciarci voracemente.
La mia voglia saliva e il mio cazzo si induriva, Mary noto la cosa e mi ordino di spogliami e scoparla, io ubbidii mi alzai mi tolsi il vestiti, il mio cazzo esplose pulsante di piacere fuori dalle mutande la cappella rossa pulsante e le palle cariche di piacere liquido.
Mentre mi spogliavo lei gia se era messa a pecora culo all'aria sul divano, prima di iniziare a trapanarle il culo con la stessa forza usata da lei in quel parco, decisi lubbrificare e dilatare quel suo bel buchetto, cosi infilai la mia lingua tra le sue natiche dritta sulla superficia esterna dell'Ano lo leccai bene come fosse una fighetta ogni tanto ci spuntavo sopra è ricominciavo a leccare, con la mano sinista gli accarezzavo la chiappe e con la destra lo scroto e il pisello, poi con la lingua seguii il solco tra le natiche fino ad arrivare allo scroto che inizia a leccare e ciucciare infilandomi le 2 palle in bocca, il tutto mi lasciava in bocca vari sapori, il gusto del sapone cocco  e cacao ( che solo più avanti scoprii fosse il sapone che usava) misto a un retrogusto di sperma che sicuramente le era Colato dal pene nei nostri rapporti precedenti, nel giro di poco mi ritrovai nuovamente con il suo cazzo tra le labbra (pensai che fosse proprio un vizzio ma quella sera mo piaceva averlo in bocca).

E nel frattempo la mia mano sinistra si era spostata da accarezzare la natica, a infilarle un dito alla volta nel culo.
Mentre ero concentrato nel cicciare le palle, il cazzo e a giocare con la lingua sulla cappella non mi stavo accorgendo che Mary stava urlando di fermarmi perchè ero entrato con tutte è 5 le dita e le facevo male un altro po e sarebbe entrata la mano fino al polso.
Io levai la mano mi alzai in piedi e infilai il mio cazzo carico nel suo culo e iniziai a trapanarla, il mio uccello non avrebbe fatica ad entrare ma per lubbrificare meglio sputai sul sfintere e poi ci premetti sopra con la cappella rossa e gonfia che entrò facilmente seguita dal resto del mio cazzo fino in fondo, le misi le mani sui fianchi e iniziai a spingere da dietro.
Il mio pisello entrava e usciva da quel culo stratosferico, sentivo le vene pulsare e ogni volta che usciva le vedevo anche, andavo sempre più veloce ed a ogni colpo che le devo il buco si allargava e lei gemeva, entravo e uscivo sempre piu forte e sempre più veloce e il buco era sempre più largo, arrivavo fino in fondo fino a fare sbattere I nostri scroti fra loro, ogni colpo era più Violento e ad ogni colpo il buco era più largo e umido tanto che il cazzo usciva del tutto e rientrava, a volte sbagliavo mira e sbattevo sul suo di cazzo, ad una certa io salii con i piedi sul divano e lei da essere appagata allo schienle con mani e testa si appoggio sul cuscino sotto e inarcuo la schiena e il la trapanavo da sopra sempre di cattiveria? la sculacciavo e lei mi urlava che ne voleva di più il mio cazzo entrava e usciva I nostri corpi sbattevano e facevano un rumore tipo clap continuammo cosi per un po fino a che Mary mi chiese di cambiare posizione
Lei si giro a pancia in su e porto le gambe sopra la sua testa io nella posizione dI prima lè tenevo le gambe e la pompavo, andammo avanti fino a che lei non venne poi mi fece cambiare di nuovo me lo prese in bocca e me lo succhio fino a che non venni anche io nella sua bocca.
La sua bocca era piena del mio piacere che lei degluti, io mi avvicinai e la bacia poi mi sedetti sul divano vicino a lei, eravamo nudi e sudati ma ancora molto vogliosi.

Questo racconto di è stato letto 2 7 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.