Erotici Racconti

Quel caldo pomeriggio di gugno part 2

Scritto da , il 2017-07-15, genere fisting

E bene si lei una bellissima ragazza, mi ha sorpreso in doccia mentre mi infilavo il fondo di una bottiglia di birra nel culo e a quanto pare tutt'altro che scandalizzata si trovava sul divano del mio soggiorno con la figa e le tette all'aria a masturbarsi.
Io come da suo ordine mi avvicinai e direttamente mi inginocchiai al suo cospetto e senza indugiare affondai la testa tra le sue gambe, iniziai a leccare quella bella patata nera fuori e rosa dentro una bella bistecona, ci dedicai un po di tempo e aiutandomi con le dita la feci arrivare all'eiaculaIone, scoprendo che.non solo era sexy e maiala ma squirtava anche, infatti mi sqiurto in faccia un bel getto abbondante che mi fini anche in bocca, poi presi il mio cazzo in mano e indirizzai verso la sua figa ancora gocciolante, iniziai a scoparla e mi tuffai con la testa tra le sue tette, le ciucciavo tutte e con la lingua giocavo coi capezzoli, lei asnsimava sotto I miei colpi poi volle cambiare posizione, si mise a pecorina il suo culo nero davanti a me, io dal primo giorno che l'avevo vista sognavo di scoparle qul culone da nera cosi quando me lo trovai davanti natiche larghe non esitai un attimo, sputai sul buco del culo e ci infilai il cazzo, la mia cappella si fece largo pian piano allargando quel buchetto stretto un po alla volta entrando aggevolato dalla mia saliva entro la cappella e poi il resto 2 3 colpi lenti e tranquilli inizia a darci più fora fino a che non iniziai a sbattermela con forza e vigore ad ogni pompata il cazzo usciva del tutto e rientrava con forza lei urlava di piacere fino a che mi disse voglio di più infilami la mano e il cazzo buttamelo  in figa.
Io smisi di sfondarle il culo col mio cazzo, e iniziai scoparle la fica mentre cominciai ad infilarle 2 dita nel culo poi 3 e poco dopo la quarta il suo buco del culo si allargava poi entro anche il pollice e subito dopo la mano, cosi ricomincia a pomparla affondando con il cazzo  nella figa e con la mano nel suo culo, lei godeva come una maiala io nel vedere la mia mano entrare senpre più affondo fino a quasi sopra il polso ormai e poi uscire mi eccitavo tsntissimo sentivo che stavo per arrivare cosi levai la mano e passai il cazzo dalla figa al culo ormai sfondato e le ci sborrai dentro un fiume di sborra lei ansimo.
Ansimante si girò verso di me con una facia che cercava di nascondere l'eccitazione con una finta rabbia e mi disse:"mi sei venuto in culo senza il mio permesso ora ne pagherai le coseguenze, inginochiati a terra e apri la bocca."
Io lo feci poi lei si alzo in piedi si posiziono a gambe aperte sopra la mia faccia, e inizio a spingere e sforzare l'ano, ll sfintere si dilatava fino a far uscire come la piccola rosellina rossa da qui inizió a colare il mio seme col quale poco prima avevo inondato il suo culo, la sborra colava nella mia bocca, io gia avevo assaggiato la mia sborra ma cosi no, a bocca aperta sotto il culo sfondato di quella gnocca nera, la gustavo tutta poi quando fini leccai le ultime gocce dall rosellina che usciva dal buchetto aperto poi lei si sposto mi guardo tutto sporco di mia sborra e suo squirt e mi disse ora è meglio andare in doccia....

Questo racconto di è stato letto 6 2 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.