Erotici Racconti

2 gusti sono meglio che uno Capitolo 3 rimasri solo parte 2

Scritto da , il 2017-12-07, genere trans



Mary ed io eravamo seduti sul divano a sfiniti e sudati quando dal bagno usci Luana che torno in salotto e disse a Mary che il bagno era libero, lei si alzo e mi fece cenno di seguirla, ma Luana mi spinse di nuova a sedere e disse: " e no cara ora è il mio turno" io dissi:" beh ma una doccia non mi dispiacerebbe, insomma sono ricoperto di sudore e sperma" Luana scoppio a ridere e esclamo:" tesoro la doccia la fai dopo che tanto ora continui a sporcarti" io ero esausto avrei voluto una pausa: " guarda sono un po stanco e forse non ho poù colpi in canna" dissi sperando in una pausa ma Luana aprendo l'accapatoio e facendo uscire il suo bel cazzone disse:" vedi tesoro che tu non abbia colpi in canna non è un probblema quelli ce li ho io tu devi solo ciucciare il mio cazzo" io alla vista del bastone scappelato mi feci forza, sapervo che la mia gola non avrebbe avuto pace per un altro pochino, mi alzai dal divano e mi inchinai al cospetto di Lu, con le mani presi le sue natiche e con la bocca andai a leccere e a ciucciare un po le palle che dondolavano tra le gambe di Lu, poi spostai la.mano destra sul cazzo e con la lingua ne perscorsi la lunghezza per arrivare alla rossa cappella pulsante che feci sparire nella mia bocca, iniziai a infilarmi quell'uccello in bocca e a tirarlo fuori e mentre lo facevo uscire con la lingua facevo una spirale, sentivo Luana ansimare lo succhiavo tutto e lo facevo arrivare fino in gola e giù giù sempre di più ormai stavo diventado esperto, padroneggiavo il riflesso di rigurgito e padroneggiavo anche quel cazzo.
Andai avanti a succhiarlo dolcemente e piano un bel po e intango il gusto dell'eccitazione di Luana si liberava nella mia bocca e la mia voglia di sperma caldo nella mia bocca aumentava, aumentai la velocità e la voracità dell'affelazio Lu era ormai al limite e io aumentai di più sentivo che stava per esplodere le me lo cacciai più in profondita poi lei mi prese la testa e mi trattenne verso di.lei col suo cazzo in gola e poi esplose senti in suo sperma caldo uscire dalla sua cappella dritto nella mia gola era tanto mi ando per traverso facendomi tossire e lo sperma mi usci dal naso, lu tiro fuoru il suo cazzo dalla mia bocca e inizio a sbattermelo sulla faccia, io mi alzai con le msni mi pulii il viso dallo sperma e me la leccai, poi mi misi a carponi sul divano e dissi: dai Luana voglio il tuo cazzo in culo, devastami aprimi in due, inondami le budella di sborra, SCOPAMI" lei in men che non si dica mi stava giá trapanado con vigore, le sue palle sbattevano con le mie, mi stava sbattendo per bene e io godevo e urlavo dal piacere sentivo il suo cazzo entrare e uscire e lei mi sculacciava, mi trapanava sempre più forte e sempre cattiva, io non capivo più niente, strengevo il bordo del divano forte tra le mani, a volte lo mordevo non pensavo ad altro che a voler sentire la sborra calda di Lu invadermi il retto, lei mi teneva per I fianchi e continuava a sfondarmi, ogni colpo che mi dava era una goduri, il suo cazzone duro e lungo entrava fino in fondo e mi stimolava la prostata, il mio cazzo duro dondolava come un perverso pendolo a ogni colpo e sotto I colpi di Luana spruzzai un bel po sul divano. 
Lu continuó a scoparmi fino a che non si accorse del divano sporco di sborra si tolse dal mio culo e con forza mi prese la testa mi Porto sopra la mia sborrata e mi ci mise la faccia sopra: "guarda che hai fatto al divano, guarda tutto sporco ora pulisci con la lingua." Lei mi teneva per i capelli e mi strofinava la su divano sporco, lo sperma mi si spalvava su tutto il viso e io con la lingua cercavo di farne entrare in bocca il piú possibile.
Mi facevo schifo da solo mentre deglutivo quel liquido lattiginoso, che stsvo favendo pensavo tra me e me, forse stavo esagerando, ero li in casa di due trans nudo a pecora che mi facevo fare di tutto...
Poi Lu mi fece girare e Provó a mettermi di nuovo il cazzo in bocca ma io in un impeto di ribellione e pentimento per il mio comportamento mi spstai e dissi di no, Luana si mise a ridere col suo cazzo duro in mano e inizio a darmelo sul viso a mo di schiaffo, mi prendeva a cazzate in faccia e diceva "che fai ti ribelli, il mio cazzo non ti gusta piú, forse non hai capito che tu sei la troia mia e di Mary, ora Apri quella bocca..."
Io Provai a ribellarmi ma niente le cotinuava a schiaffeggiarmi poi Mary usci dalla doccia tornó in soggiorno vide la scena e interveni.........



Questo racconto di è stato letto 1 4 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.