Il dovere di ingravidare mia figlia - 6 - mia figlie e la mia segretaria incinte - Fine

Scritto da , il 2016-01-06, genere incesti

La mia segretaria mi aveva stretto le braccia al collo ed aveva fatto aderire tutto il corpo contro il mio ed essendo più bassa di me,mi faceva percepire anche il peso del suo generoso corpo.

Le sue labbra attaccate alle mie accondiscendenti ed aperte,permettevano alla sua lingua di frugare ogni angolo della mia bocca guizzando sulla mia lingua sino a provocarne il risveglio e coinvolgerla in una umida e frenetica danza erotica.

Un bacio lungo e profondo al termine del quale entrambi abbiamo dovuto abbandonarci ad un salvifico,lungo respiro.

Mentre io continuavo a respirare affannosamente lei,pur col fiato corto,rantolando mi aveva detto:

-Lo sai.....anche tra me e mio padre c'era il rapporto che c'è tra te e tua figlia.

Lo sai io e lei siamo coetanee ed in un certo senso anch'io mi sento come fossi tua figlia e devo confessarti che quando vi sento così vicini e felici mi coglie una certa gelosia.-

Io l'ascoltavo in silenzio e percepivo che via via che il suo respiro diveniva più normale,aumentavano i battiti del suo cuore che martellavano sempre più forte il mio petto.

-......anch'io avrei voluto un figlio da mio padre.....-

Aveva detto d'un tratto con voce ferma colpendomi come una fucilata.

-Purtroppo mio padre è mancato appena dopo il mio matrimonio ponendo fine al nostro sogno......si....al nostro sogno!

Anche lui sin da quando avevamo cominciato a fare l'amore insieme sognava di darmi un suo bambino e se non ho capito male anche mia madre era d'accordo giacché era a conoscenza del nostro amore incestuoso già da molto tempo.

Dopo che mio padre era venuto meno,ho cercato di farmi ingravidare da mio marito e visto che non riuscivo a rimanere incinta,senza dirgli niente ho fatto l'esame della mia fertilità e del suo sperma scoprendo che è lui ad essere infertile.-

Mentre mi confidava quelle cose cosi intime,si era staccata da me e seduta sul divano continuava a parlarmi con gli occhi gonfi di lacrime:

-Dottore.....gliel'ho già detto.....-

Aveva ripreso dandomi del lei:

-Dottore....io ho l'età di sua figlia e come le ho già detto la considero come se lei fosse mio padre........dottore....io non ricordo neanche più quante volte l'ho fatta godere con la bocca!

Credo che sia giusto che adesso lei mi dia qualcosa di più!

Voglio fare l'amore.....voglio sentirti dentro di me....finalmente!

Voglio che tu mi scaldi e mi riempia col tuo seme.......PAPA'...PAPA'...voglio essere messa incinta da te!-

La tristezza dei suoi occhi,le lacrime che le solcavano il viso ed il tono accorato che aveva usato mi avevano convinto.

Avrei ingravidato anche lei come fosse davvero mia figlia.

-D'accordo...d'accordo...amore....proveremo insieme ad avere un bambino ma....non possiamo cominciare subito hai sentito anche tu quanto smaniosa sia mia figlia che io rientri al più presto a casa.

E poi con lei ho solo 2 giorni ancora di tentativi prima che tornino la madre ed il marito con te invece......abbiamo tutto il tempo che ci occorre.-

Le mie parole le avevano fatto risplendere il volto come illuminato da un improvviso raggio di sole e levandosi di scatto mi si è agganciata al collo sollevando le gambe e rimandomi agganciata come a volersi librare in volo mentre le sue labbra cercavano ancora la mia bocca.


Mia figlia mi stava aspettando dietro la porta di casa già nuda.

Truccata,pettinata e profumata come se fosse già pronta per vestrsi ed uscire ed invece si era preparata solo per me.

Appena la porta fu chiusa,mi aveva tolto la giacca,la cravatta,la camicia ed i pantaloni ed infine con le mie mutante in mano come fosse un trofeo,mi aveva spinto sul divano ed aveva cominciato a succhiarmi il cazzo ed i testicoli con inusuale voracità.

Poi assumendo una postura assolutamente nuova,mi era salita addosso in modo da posizionare il bacino in alto con il sesso aperto sulla mia bocca e la testa proiettata verso la mia verga dura e svettante.

Un vero e proprio sessantanove in posizione semi-verticale sul divano.

Ci siamo leccati a vicenda per non troppo tempo tale era la sua smania di sentirsi scaldare l'utero col mio seme.

Si è girata e si è fatta penetrare a smorza-candela e mentre si chiavava da sola con le braccia intorno al collo mi baciava dappertutto e bisbigliava meravigliose frasi d'amore.

Per i restanti giorni,abbiamo fatto l'amore senza tregua mentre in ufficio la mia segretaria non perdeva occasione per rimanere sola con me e parlarmi dei suoi sogni che finalmente stavano per essere coronati.

Il marito di mia figlia era rientrato ed anche mia moglie aveva fatto ritorno imponendomi subito di espletare i miei doveri coniugali.

A suo marito la mia bambina aveva confermato che l'infiammazione era in via di guarigione e che presto avrebbero potuto riprendere a fare l'amore.

Mia moglie stupita dalle mie rinvigorite prestazioni,pretendeva che ogni sera le passassi la sua razione di sesso e d'altra parte mia figlia teneva accesa la mia libido con continue telefonate e qualche incursione nel mio ufficio per farsi "rinfrescare" l'utero con nuove spruzzate di seme.

Mi sentivo un stallone!

In tutta quella bolgia di sesso l'unica che aspettava pazientemente il suo turno era la mia segretaria che ogni giorno si presentava in ufficio sempre più bella e desiderabile.

SMS di mia figlia:

-PAPAAAAAAAAAAAA........E' FATTAAAAAAAAA........SONO GRAVIDAAAAAAAAAAA.......SONO FINALMENTE INCINTA.....TROVA UNA SCUSA E STASERA PORTAMI A CENA!-

Non avevamo una casa disponibile per quella sera e dunque siamo dovuti andare nel mio ufficio dove,come mi aveva promesso mia figlia,oltre al sesso sfrenato mi ha dato ancora il tanto agognato culo che mi aveva negato per tutto il periodo.

Quella sera ha preteso che le sborrassi sempre e solo nel culo sino al completo prosciugamento dei miei testicoli.

Dopo due settimane anche la mia segretaria era incinta e per festeggiare l'avvenimento avevo organizzato una festa alla quale era presente mia moglie,mia figlia e il marito e la mia segretaria col marito e con sua madre che per tutta la sera mi aveva lanciato strane occhiate come di approvazione.

Una bellissima festa con finale a sorpresa.

Mentre in salotto si conversava sula fortunata coincidenza delle due gravidanze mia figlia si era appartata a chiacchierare con la mia segretaria nella sua stanza e mentre io vi passavo accanto per andare in bagno,mi hanno afferrato per la giacca e mi hanno trascinato dentro estraendomi insieme il cazzo per farmi un pompino a quattro labbra e due lingue e quando entrambe avevano la bocca piena di sperma,si sono alzate e mostrandomi orgogliose il frutto del mio piacere mi hanno sussurrato:

-Grazie papà!-


Fine

Questo racconto di è stato letto 1 7 5 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.