La fica sborrata di mia figlia 9

Scritto da , il 2018-12-26, genere incesti

Quel mattino mi ero svegliato lasciando che mia moglie restasse ancora un po a letto per riprendersi dalla notte appena trascorsa.

In bagno avevo subito notato di avere il viso arrossato e le labbra vagamente tumide e livide.

Quella notte era trascorsa in maniera più movimentata del solito.

Quello era il giorno in cui saremmo partiti per le agognate vacanze ed il giorno prima l'avevo trascorso con mia moglie ad immaginare come sarebbero state le nostre vacanze in quel posto rinomato per i suoi costumi liberi sulla costa azzurra.

Certo,avremmo avuto la "zavorra" di nostra figlia e suo marito ma la cosa,pareva non disturbare oltre modo mia moglie.

Più ne parlavamo e più lei pareva eccitarsi all'idea di ciò che avremmo potuto fare.

In verità,io avevo più presente nella mia mente ciò che mia figlia avrebbe voluto fare aggregandosi a noi come non era mai avvenuto per le vacanze.

Fatto sta che mia moglie si era eccitata davvero e non per quello che avremmo fatto ma per come reagiva il suo corpo in quel momento e le voglie che le scatenavano quei progetti.

Senza tanti giri di parole,quel pomeriggio mi aveva detto:

-Antonio.i discorsi che abbiamo fatto oggi,mi hanno eccitata da morire e devo assolutamente scaricarmi altrimenti passiamo una notte agitata.-

Detto fatto!

Aveva subito preso il telefono e si era organizzata la serata con un suo amico che neanche conoscevo.

Avevamo già programmato che il mattino successivo al nostro arrivo in albergo l'avrei depilata nelle zone intime per prepararla a quello che ci aspettava nella spiaggia per nudisti che avevamo previsto di frequentare.

Naturalmente,prima di fare la doccia e truccarsi,mi aveva chiesto di anticipare la depilazione della sua fica per quella situazione straordinaria.

Io l'aveva rasata e poi l'avevo aiutata a truccarsi e vestirsi per il suo incontro.

Al suo rientro alle due del mattino,mi aveva svegliato e come sempre,mi si era seduta sul viso per farmi leccare la crema che aveva in se.

Quelle notte però,non era stata come le altre volte.

Nonostante avesse goduto più volte ed il maschio le fosse venuto in bocca e nella fica,era rincasata più vogliosa di quando era uscita.

Subito mi aveva strofinato le chiappe sul viso per oltre 20 minuti per godere ancora della mia lingua e travasarmi il suo carico di sborra insieme ai suoi abbondanti flussi vaginali.

Poi aveva voluto fare l'amore portando all'orgasmo anche me più volte.

Pareva davvero scatenata quella notte e nonostante mi avesse fatto godere già 2 volte nella sua tana,si era impegnata con la bocca sul mio sesso sino a risvegliarlo ed estrarne gli ultimi residui di sperma.

Il risultato di quella notte brava protrattasi sino all'alba,è stato il mio viso arrossato dalla continua frizione della sua fica e del suo sensibile buco del culo ed il mio cazzo livido e dolorante in conseguenza del "lavoro forzato" al quale era stato sottoposto dalle sue mani dalla sua fica e dalla sua bocca.

Mentre ero in bagno per rassettarmi e fare il bilancio di quella notte di sesso pazzo,mia moglie giaceva beatamente piena e addormentata.

Quando,verso mezzogiorno,le avevo portato il caffè a letto,lei aprendo gli occhi mi aveva ringraziato e,guardandomi in viso mi aveva detto:

-Amore....hai il viso rosso....che ti è successo?-

Poi era scoppiata in un riso contagioso che aveva coinvolto anche me.

Anche mia figlia a tavola mentre facevamo un leggero spuntino prima del viaggio,pareva aver notato il mio viso irritato ed a stenti si era trattenuta dal fare domande o commenti imbarazzanti davanti al marito ed alla mamma.

Io avevo suggerito di andare tutti(io mia moglie e nostra figlia col marito)con una sola automobile ma le donne che notoriamente hanno la vista più lunga,hanno posto il problema che se avessimo voluto,in quelle tre settimane,fare cose diverse,sarebbe stato più opportuno disporre di 2 automobili.

Io ero oramai abituato al fatto che le scelte della mia vita venissero decise da mia moglie e non avendo nulla in contrario,il primo di Agosto di quell'anno siamo partiti per la costa azzurra.

La casa che aveva scelto mia figlia era davvero grande e confortevole e permetteva,volendo una vita riservata per entrambe le coppie.

La prima sera siamo andati tutti e quattro in giro per esplorare la cittadina e poi siamo andati a cena in un caratteristico ristorante francese.

Quella notte io e mia moglie eravamo talmente stanchi che siamo andati a letto presto ed abbiamo dormito abbracciati come ai tempi dell'università in cui lei,amorevolmente mi accompagnava ad accettarla per quello che era:Un donna libera,sessualmente emancipata,dominante ed impossibile da imbrigliare con qualunque conformismo.

Io ero il suo uomo,il suo accompagnatore,il suo futuro marito ma in nessun modo potevo avere pretese sulle sue libertà,men che meno sulle sue scelte sessuali.

Mi piaceva quando dormivamo abbracciati,mi sentivo protetto ed al tempo stesso mi sentivo importante proteggendola a mia volta colla stretta del mio abbraccio.

Il giorno dopo siamo andati a prenotare un posto su una spiaggia sul laghetto e mentre mia figlia e mio cognato esploravano l'ambiente,mia moglie socializzava con alcune coppie ed alcuni maschi "Bellocci e interessanti" come li definiva lei.

Nel pomeriggio dopo aver pranzato in quel posto,Sandra e il marito erano andati a fare un pisolino a casa mentre io e mia moglie eravamo rimasti in spiaggia.

Verso le 17,le carezze di mia moglie mi aveva risvegliato dal sonnellino che avevo schiacciato sulla sdraio.

Dopo essersi seduta a cavalcioni sul mio grembo,mi aveva preso una mano e se l'era portata tra le cosce coperta da un pareo colorato.

Aveva il costume completamente bagnato ma non era acqua....non aveva fatto il bagno:

-Amore...ricordi quel bonazzo con quella moglie bionda che mi ha guardata per tutta la mattina?

Sai,a un certo punto la moglie si è allontanata con un altro maschio e lui,mentre tu dormivi mi ha invitata a prendere un gelato.

In verità non era proprio gelato il biscotto che mi ha offerto,era piuttosto caldo e duro anche se gocciolava lo stesso come puoi sentire se mi metti la mano dentro il costume.-

Non aveva proprio perso tempo mia moglie e già il primo giorno del nostro arrivo,aveva trovato il modo di sollazzarsi.

Mentre si stringeva a me sulla sdraio,mi dava dei bacini e di tanto in tanto,mi portava tra le labbra le dita che nel frattempo intingeva nella sua fica sborrata.

Le leccavo le dita e la baciavo sulla bocca e senza rendermene conto,mi sono sentito sciogliere nel costume come mi succedeva talvolta ai tempi dell'università.

-Sei proprio un porcello Antonio,te ne sei venuto senza la mia autorizzazione e senza neanche avermi leccata.....stasera te la farò pagare!-

Mi aveva bisbigliato nell'orecchio mentre con una mano perlustrava il mio costume bagnato di sperma.

segue





Questo racconto di è stato letto 9 8 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.