La fica sborrata di mia figlia 4

Scritto da , il 2018-12-14, genere incesti

QUESTO E'IL CAPITOLO 5° - MI SCUSO PER L'ERRORE

Rassicurato dalle parole di Sandra e dopo i primi attimi di esitazione,mi ero seduto sul pavimento di fronte a lei e dopo aver assunto una postura comoda,avevo cominciato ad accarezzarle il piede e la gamba sino al ginocchio.

Poi,sollecitato dalle sue parole,avevo cominciato a leccarle le dita e la pianta dei piedi con timidi approcci.

D'un tratto,mentre ancora non avevo preso completa confidenza col suo arto,lei si è distesa e sollevando le gambe,aveva cominciato a strusciare entrambi i piedi sul mio viso e sorridendo maliziosamente,mi invitava ad imboccare le dita e succhiarle come fossero prelibatezze.

Lentamente,avevo capito i suoi gusti e mentre le leccavo e succhiavo entrambi i piedi,lei aveva chiuso gli occhi ed aveva cominciato ad ansimare.

-Che bello...che bello...vedi com'era facile...hai imparato presto.

Ora succhiami bene gli alluci come se mi stessi facendo un pomp.....-

Mentre la succhiavo i suoi ansimi salivano di tono.

-Amore...pennellami le gambe sotto l'attaccatura delle ginoccia e poi risali sino all'interno delle cosce che voglio sciogliermi alle carezze della tua lingua e all'umido dell tua saliva.

Bagnami tutta,fammi vibrare,suona il mio corpo come fosse uno strumento musicale.

Oddio...se ripenso a quando me lo faceva lui....non mi aveva ancora sverginata ma mi faceva godere sfiorandomi soltanto con la lingua tra le cosce,sotto le ascelle,ciucciandomi i piccoli capezzoli sporgenti come gemme di rosa(così mi diceva lui) sui miei seni ancora acerbi ma sensibili ai primi approcci erotici.

Mmmmm.... che bello...così...continua così....scalami anche tu...conquista con la tua lingua il bottoncino a guardia del mio scrigno già umido per la tua bocca.

Siii...cosiiii....aprimi le grandi labbra...entraci dentro....chiavami con la lingua...leccami li...succhiami...bevi il mio brodo....fammi godere...aaaaa...ahhhhhh....godo....godo....-

Godeva,si contorceva e spingeva la mia testa dentro di se e mi sentivo risucchiato nel suo corpo e nella sua mente e mi sentivo rapito in un piacere immenso nella consapevolezza che ero io in quel momento a farla godere in un modo per me sconosciuto.

Quando gli effetti dell'orgasmo si erano chetati ed il suo corpo giaceva abbandonato sul divano,io ero ancora inginocchiato e con la testa tra le sue cosce,percepivo le sue carezze sui miei capelli e sentivo che mi sussurrava qualcosa che non riuscivo a decifrare ma che percepivo come sensazioni sublimi.

-Vieni qui Antonio,siediti accanto a me.-

Sandra come a volermi ringraziare,mi stringeva a se e mi ricopriva di dolci bacini ed io assolutamente incapace di ogni reazione,la lasciavo fare.

Roteava la lingua intorno alle mie labbra,i miei occhi,mi tillava gli orecchi soffiandovi il alito caldo e vitale.

Mi infilava la lingua in bocca cercando la mia coinvilgendola in una danza umida,vorticosa e sensuale.

-Scommetto che ti sei bagnato anche tu.-

Mi aveva bisbigliato in un orecchio mentre mi infilava una mano dentro le mutande.

-Lo sapevo...lo sapevo.....credo proprio che basteranno poche lezioni e finalmente potrò averti come piace a me.-

Poi,dopo una pausa in cui i suoi occhi dolci e felini si rispecchiavano nei miei,mi aveva sorpreso dicendomi:

-Antonio.....credo proprio che accetterò la tua proposta di fidanzamento.-

Da quel momento le cose tra di noi si evolvevano in modo favoloso.

Io ogni giorno imparavo qualcosa della sua complessa personalità e della sua illimitata carica erotica.

Non vi era più neanche un lembo della sua pelle sconosciuta ai miei occhi,al mio tatto e,soprattutto alle mie labbra e la mia lingua.

Come le piaceva essere leccata tra le natiche e penetrata l'ano con la lingua dopo che le avevo fatto una completa doccia con la mia saliva leccandola e umettandola tra le dita dei piedi e delle mani,sotto le ascelle profumate e lisce come il monte di Venere depilati con incredibile cura e nei più segreti anfratti del suo meraviglioso corpo.

Già dopo poche settimane,avevo assunto anche il compito di tenerla liscia e profumata depilandola e massaggindola con delle creme esotiche che le procurava un suo amico.

Ormai non vivevo che per lei.

La mia mente era continuamente presa dal suo pensiero e stimolata dal ricordo dei suoi racconti.

Ricordo l'effetto che mi aveva fatto la volta in cui mi aveva raccontato di quando finalmente lui le aveva colto la verginità come fosse un fiore di campo.

Le piaceva raccontarmi quell'episodio in modo sempre diverso.

Talvolta era lei ad avergli regalato quel bocciolo non ancora dischiuso ed altre,lo aveva colto lui con la stessa delicatezza di un'ape che sugge il nettare di un fiore per trasformarlo in dolce ed fragrante miele.

A volte si libravano in volo abbracciati mentre lui le scivolava dentro senza alcun dolore facendole scoprire piaceri sino a quel tempo solo agognati come l'ultimo dono...un traguardo della sua giovane e spumeggiante esistenza.

Era incredibile la sua capacità di coinvolgermi nelle sue storie e nelle sue voglie sempre nuove,sempre più spinte sempre più sulle ali di un coinvolgente sogno.

E fu così che un giorno mentre l'aspettavo nella sua cameretta per festeggiare il mio compleanno,l'ho vista arrivare con un pacchetto che sorridendo aveva poggiato sul tavolo.

Poi,correndomi incontro mi aveva abbracciato e stringendomi a se mi aveva detto:

-Amore....ho due regali per te.-

Io che avevo visto un solo pacchetto avevo ribattuto:

-Due regali?!Esagerata!-

-Amore...quello è un regalino ma vi è una sorpresa per te.

Inginocchiati amore.-

Accadeva spesso che mi rivolgesse quel genere di richiesta ma in quel momento sentivo che non era come le altre volte.

Mentre ero in ginocchio davanti a lei,mi aveva accarezzato i capelli e poi,dopo aver sollevato la gonna l'aveva lasciata ricadere sulla mia testa stringendomi poi contro la sua pancia.

Immediatamente avevo percepito uno strano,pungente odore che non era il profumo del suo corpo e del suo sesso che conoscevo oramai benissimo.

Era qualcos'altro che,per di più mi aveva bagnato il viso.

Dopo alcuni secondi passati al buio in compagnia di quelle strane e nuove sensazioni,Sandra aveva sollevato la gonna lasciando che la luce illuminasse il suo perizoma reso lucido da vistose chiazze.

Erano impregnate di sperma!

Segue



Questo racconto di è stato letto 9 8 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.