Tacco 10

Scritto da , il 2015-11-08, genere tradimenti

Tacco 10




All’ultimo congresso a Milano al Quark Hotel, un ragazzo, Nicola, infermiere pugliese di Molfetta, 30 anni, mi avvicinò complimentandosi con me dopo l’intervento che avevo poco prima tenuto.
Mi conosceva già di fama, per aver letto alcuni miei articoli, ma, aggiunse che non pensava fossi così affascinante e sexy. Un complimento, anche se l’approccio non era stato molto elegante. Mi rimase accanto durante le sessioni. Di sottecchi mi scrutava. Anch’io, senza dare nell’occhio lo osservavo: era un bel ragazzo, bruno, atletico. L’interesse che manifestava per me, andava oltre gli aspetti professionali: c’era ben altro, evidentemente. Ho circa 50 anni e sono piuttosto piacevole, molto sexy (molti hanno cercato di avermi, ma io mi sono sempre negata). Dicono di me che sono ancora una gran figa, e quel giovanotto mi voleva conquistare. Pensai che fosse a caccia di avventure e forse aveva voglia di una bella donna matura e nota nell’ambiente. In buona sostanza, di una scopata diversa dal solito. Sembrava preparare l’attacco. Attendevo curiosa e intrigata. La sera, in occasione della cena sociale, ero ansiosa di vedere come Nicola si sarebbe mosso. Mi tirai: abito nero con discreta scollatura, tacco 10 su gamba nuda e arrivai, attirando gli sguardi ammirati dei maschietti. Nicola mi venne incontro, ed intraprendente, mi fece sedere accanto a lui, nei posti che aveva precedentemente occupato. Le mie colleghe mi guardavano da lontano, sghignazzavano e, immaginavo, lanciavano commenti piccanti su di me (“guarda la santarellina, si è procurata carne fresca, guarda come mostra le tette, va là che il cazzo giovane ti piace…”). Nicola mi attirava. Era un giovane animale da preda: rozzo, d’accordo, ma mostrava una forte carica fisica, animalesca. Era interessato al mio corpo: si vedeva da come mi guardava le gambe, i piedi, la scollatura. Uno sguardo spermatico, che mi invogliava a lasciarmi andare. A tavola iniziò una piacevole corteggiamento, fatto di battute via via più allusive, di sfioramenti, di sguardi. Nicola fece intenzionalmente cadere il tovagliolo. Si chinò e nel raccoglierlo, sfilandomi abilmente la scarpa decolleté, mi afferrò un piede, mantenendolo per un po’ prigioniero della sua mano calda. Poi si portò alla bocca le dita con cui mi aveva stretto, e se le baciò visibilmente compiaciuto. Il tocco di quelle dita, di quella intimità, mi diede una piacevole sensazione. Rimasi certamente un po’ turbata, ma fu un attimo, e ripresi a giocare stuzzicandolo: parole sempre più maliziose, doppi sensi e ripetuti sfioramenti della sua gamba con il mio piedino nudo. Mentre all’apparenza nulla accadeva a tavola, sotto il tavolo, invisibile, il gioco della seduzione procedeva spedito.







Mi sentivo lusingata di piacere a un uomo più giovane di me e di attizzarlo. Notai che a Nicola si era gonfiato il pacco: davvero notevole. Dovetti resistere alla voglia di toccarglielo. Subentrò in me una spensierata voglia di evasione, che mai, avevo provato nella mia vita, molto tranquilla. Non avevo mai tradito mio marito, pure avendone avuta l’occasione. Perché non provare questa esperienza? Forse, per il ragazzo, io ero solo un oggetto da usare, e poi vantarsi con gli amici e colleghi, un bel trofeo da esibire, ma , in fondo, non mi importava: si faceva strada un desiderio forte di lasciarmi andare ad una relazione adulterina. I capezzoli, mi resi conto, si erano inturgiditi al pensiero. Finita la cena rimasi a chiacchierare con le mie colleghe su argomenti di lavoro, ma anche di gossip, corna, tresche. Poi tutte scherzarono sul corteggiamento, nei miei confronti, di Nicola e del fatto che io non fossi dispiaciuta di questo, ma anzi era sembrato che gli avessi dato corda. Forse il corteggiamento non era stato così occulto. Nadia, maliziosamente mi chiese se, per caso, quella sera avessi deciso di concedermi. “Dai diccelo, sii brava; in fondo con gli occhi, ti ha già scopato”. (Nadia, gran pettegola avrebbe avuto per le mani un bel gossip, da raccontare in giro: “Alice e il suo toy boy! Quella tutta d’un pezzo ha ceduto. Ti dico si è fatta scopare da uno più giovane di lei. Si vabbé, sarà una discreta figa, ma come se la tira…). Tutte si divertivano a immaginare la scena in cui io, morbida gallinella, venivo sbranata dal giovane felino. Risposi, ridendo, che non cercavo avventure, mi bastava Max, e che poi Nicola non era il mio tipo, e che l’avevo solo un po’ provocato, per giocare un po’, per divertimento. Loro non mi sembravano del tutto convinte e quando ci lasciammo, sentivo le loro risatine in sottofondo. Entrando nelle rispettive camere attigue, Nadia mi salutò con un “buonanotte”, pieno di sottintesi. Forse in quel momento schiacciava una giovane congressista. Finita la serata mi ritirai in camera mettendomi in libertà. Ero delusa: Nicola si era eclissato dopo cena, rivolgendo le sue intenzioni a qualche giovane congressista e forse, in quel momento se la spassava con lei. Sentivo la mia voglia erotica esplosa durante quella sera, frustrata e ne ero contrariata.
Le scarpe tacco 10, mi avevano reso molto affascinante, ammirata, ma adesso la pagavo: poveri i miei piedi! Avevo appena iniziato a massaggiare le mie estremità, quando qualcuno bussò alla porta. Avevo addosso solo le mutandine, e così indossai in fretta l’accappatoio e andai alla porta. Era Nicola. Lo feci entrare con il cuore che correva, e con il respiro accelerato.
”Scusa l’ora, ma mi piacerebbe riprendere quel discorso iniziato a tavola, specie sotto la tavola."
Arrossii, mentre le gambe mi tremavano. Lo feci accomodare sperando che il corridoio fosse deserto, libero sguardi indiscreti. Mi chiese cosa stessi facendo di bello, ed io un po’ imbarazzata e, con filo di voce, non riuscii a dirgli altro che la verità, cioè che stavo massaggiando i miei piedi indolenziti. Lui sorridendo, con gli occhi che fissavano le mie generose mammelle che facevano capolino dall’accappatoio, che un po’ si era aperto, sollevandosi al ritmo dei miei respiri, mi disse: ”Li massaggio io i tuoi graziosi piedini, in fondo ho già fatto la loro conoscenza. Sono bravo, vedrai. Siediti”. Prese i miei piedi nelle sue forti mani, cominciando ad accarezzarli , a massaggiarli, a baciarli. All’inizio mi irrigidii. Ero molto eccitata, con il desiderio caldissimo di lasciarmi andare, ma ancora frenate dalle mie radicate convinzioni. Non capivo se mi girava la testa per il vino della cena, o per la forte emozione. Repentinamente Nicola mi baciò in bocca, ed io ricambiai, abbandonandomi completamente fra le sue braccia. Baci appassionati e profondi con la mia lingua, che si intrecciava con la sua. Mi fece scivolare di dosso l’accappatoio e, mi fissò intensamente.
Disse: “Sai, sei proprio una gran figa; chissà quanta gente qui al congresso vorrebbe trovarsi al mio posto.” Mi palpeggiò e baciò le tette, il culo, mi mise le mani sotto le mutandine, infilandole nella passera umida e leccandosi poi le dita, così che, ai baci successivi, assaporavo il gusto del mio sesso dalla sua bocca. “Nicola, fermiamoci, forse commettiamo uno sbaglio. Sono una donna sposata e amo mio marito”. Dissi, retraendomi, per fare un po’ di scena. Nicola sapeva bene che cosa in realtà io volessi. Sogghignò. Proseguì imperterrito e deciso, sfilandomi le mutandine, che annusò intensamente, voluttuosamente. Ammirò e apprezzò il mio nero vello pubico. Lui era vestito e io nuda fra le sue braccia: mi sentivo dominata, sua schiava. Mi ero arresa e Nicola, ormai vincitore, stava per farmi sua, suo puro oggetto di piacere; un sesso fra un dominatore e una ancella e la cosa mi intrigava.
Il fatto poi di tradire mio marito, quell’assaggiare il gusto di qualcosa di proibito rendeva la situazione oltremodo eccitante. Mi stese sul letto e cominciò a carezzarmi e palpeggiarmi tutto il corpo, dalla testa ai piedi; continuava a baciarmi ovunque. Non resistevo più, non avevo più difese. Si concentrò sui seni che toccava e carezzava e poi di nuovo sulla vulva in cui introduceva con fare sicuro prima un dito, poi più dita alla volta. Avevo la figa bagnata e lui me la leccò e succhiò fino a farmi godere come una cagna in calore. Si spogliò: che corpo muscoloso! Il suo pene era imponente e già in erezione, esplosivo nella sua vitalità, quasi fosse un animale stanco di stare contenuto e impaziente di fuoriuscire, bellissimo. Lo volevo tutto per me. Leccai il glande e l’asta e poi lo succhiai con estremo piacere. Nicola spinse il suo grosso e duro cazzo profondamente nella mia bocca. Era esaltante! Brividi percorrevano il mio corpo. "Nicola sono tua. Voglio sentirti dentro di me. Scopami, ti prego, sto bruciando.” Mentre mi abbandonavo completamente chiudendo gli occhi, lui infilò il suo bellissimo arnese dentro di me, prima dolcemente divaricando le pieghe della figa grondante di odorosi umori e palpitante di desiderio, poi mi possedette potentemente. Sentivo il mio corpo sovrastato e schiacciato da quel maschio nerboruto e il suo pene grosso e duro, sembrava aprirmi tutta. L’abbraccio di quel corpo muscoloso, tonico, giovane sulle mie forme morbide era esaltante. Che notte! Mi penetrò instancabile, concedendosi delle brevi pause per riprendere fiato e poi ricominciare con rinnovato vigore.
Era uno stallone vigorosissimo e pieno d’iniziativa: a quanti cambi di posizione mi sottopose! Riusciva a controllare e ritardare l’eiaculazione e così scopava a lungo, tanto da stupirmi.
Anch’io, del resto, desideravo continuare quel gioco bollente, a lungo.
Raggiunsi più volte l’orgasmo, come mai mi era accaduto nella mia vita. Finalmente, anche lui venne gemendo e il suo seme caldo mi riempì la vagina. Per concedermi un ultimo piacere presi in bocca il suo membro ancora eretto, bagnato di sperma caldo e vischioso e lo ripulii gustandone il sapore voluttuosamente. Volevo essere la sua troia fino in fondo. Lui guardava me, la sua preda, sorridendo visibilmente soddisfatto. Ero totalmente appagata, sfinita, ma in estasi. Nella stanza profumo di sudore e sesso, odori vaginali e di sperma. Mi divertiva, l’idea che lui si potesse vantare con gli amici e colleghi di essersi scopato la prof. Alice, e di averla fatta urlare di piacere. Mi esaltava essere la protagonista di quell’avventura, godevo intimamente nel sentirmi una puttana. Avevo tradito Max per la prima volta, ma non ero pentita: mi si era aperto un orizzonte nuovo ed eccitante, finalmente libera da quel perbenismo che mi aveva, fino ad allora, contraddistinto. All’alba Nicola scivolò dal letto per fare ritorno alla sua stanza. Mi baciò. Disse che, quella notte, non l’avrebbe mai dimenticata e che io ero uno straordinario animale erotico. D’accordo, erano parole rozze, ma mi fecero piacere. Ci lasciammo con la promessa di rivederci, ma non ci credevo più di tanto.
La mattina, Nadia, mentre facevamo colazione, prendendomi da parte, sorridendo maliziosamente, mi disse: ”Forse guardavi un film porno stanotte? Si sentivano gemiti, mugolii, urletti e rumori, che poco spazio lasciavano alla fantasia, provenire dalla tua camera. Il personaggio del film mi sembra rispondesse al nome di Nicola". Rise sguaiatamente. " Comunque, ti confesso, mi son divertita, anche se mi hai tenuta sveglia tutta la notte per l’eccitazione, cattivona. Purtroppo potevo gustarmi solo l’audio. Dammi il titolo, perché vorrei guardarlo integralmente, a casa.” Le feci un bel sorriso, chiusi gli occhi e sospirai. Capivo che Nadia, sapeva tutto e aveva il suo desiderato gossip.
“Il film è notevole, ma non ricordo il titolo”. Dissi, e poi : “Alla prossima, cara. Stammi bene.” Adesso mi sento serena, senza ripensamenti su quello che è stato. Libera dai pettegolezzi che deriveranno da questa storia, alimentati da una bisbetica invidiosa, che avrebbe voluto tanto, essere al mio posto.

Questo racconto di è stato letto 1 0 1 2 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.