Sara dolce amore mio

Scritto da , il 2015-08-06, genere incesti

Era Sabato, il tanto desiderato sabato senza scuola, senza doversi alzare presto, stavo poltrendo nel letto quando mia sorella mi chiamò dal soggiorno mi affacciai alla porta della camera da letto e le chiesi.
“Cosa vuoi Sara”
“Luca cosa fai questa mattina?”
“Perché?”
“Volevo andare a correre un poco in pineta ti va di venire con me”
“Sul momento rimasi dubbioso poi visto che non avevo altre cose da fare risposi.
“Va bene Sara però prima devo fare alcune telefonate poi andiamo”
Sbrigai velocemente le due chiamate, mi cambiai con un abbigliamento adatto e scesi al piano inferiore dove lei era già in attesa da alcuni minuti.
“Su!!! Fratellino datti una mossa” Poi con aria di sfida aggiunse.
“Ti sfido in una gara di corsa”
La guardai ridendole in faccia.
“Sara ma per favore, anche se sei più grande di me di tre anni ti batto ad occhi chiusi”
“Scommettiamo fratellino”
“E cosa scommettiamo”
“Se vinco io sarai il mio “schiavetto” per tutta la giornata e se vinci tu ti permetto di uscire con me e le mie amiche”
“Cosa intendi per schiavetto?”
“Intendo che qualunque cosa io vorrò tu dovrai farlo”
Ci pensai un po sopra poi decisi di accettare.
“Allora se vinco io stasera mi fai venire in discoteca con te?”
“Va bene Luca ci sto, tanto perdi tu”
Nostra madre vedendo questo siparietto rise divertita e c'invito ad uscire e lasciarle il campo libero per sbrigare i lavori di casa.

Ci fermammo nel piazzale erboso all'ingresso del parco Sara parcheggiò e poco dopo mi raggiunse.
“Allora andiamo”
“Ok sorella se vuoi ti do un poco di vantaggio”
“Non fare lo stupido e preparati a perdere”
Senza alcun indugio lei urlò.
“Fratellino l'arrivo è al maneggio Cavallo Felice” e cominciò a correre per il piccolo sentiero fra i pini.
Colto di sorpresa mi trovai impreparato e senza alcun riscaldamento muscolare mi misi al suo inseguimento.

Accidenti!!! Sara era veramente veloce il suo passo fluido e rapido mi sconcertò, mi resi conto che sarebbe stato veramente difficile batterla. Dopo alcuni minuti fui preso da crampi molto probabilmente causati dalla partenza a freddo e dovetti fermarmi con dolori atroci alla coscia, vidi mia sorella rallentare e fermarsi e capendo che qualcosa non andava tornò indietro.
“Cosa c'è Luca”
“Sara i crampi alla gamba”
Lei rise e con sarcasmo.
“Poverino il mio fratellino ha tanto male”
In quel momento l'avrei strozzata.
“Ti rendi conto che hai perso e da oggi sei al mio servizio”
“Ok,Ok….non mi rompere hai vinto tu”
Con calma ritornammo alla macchina, Sara mi aiutò sorreggendomi continuando però a prendermi in giro.
Quando rientrammo a casa la sua boria si scatenò raccontando a nostra madre la sua superiorità enfatizzando quello che mi avrebbe fatto fare per festeggiare la sua vittoria.
Il pomeriggio lo passai lavando la sua 500 e riordinando la sua stanza compreso altri servizi che normalmente non avrei mai fatto, come quello di andarle a comperare gli assorbenti al supermercato.
“Fratellino...come premio perché ti sei comportato bene ti porto con me stasera”
Fui sorpreso e per riconoscenza le diedi un bacio sulla guancia.
“Che schifo Luca puzzi di sudore vatti a lavare”
M'infilai sotto la doccia.
La prospettiva che sarei uscito con lei e le sue amiche mi eccitava molto, erano tutte belle ragazze e questo mi rendeva giulivo, ero talmente su di giri che neanche mi resi conto che lei entrando in bagno mi sorprese nudo mentre mi stavo asciugando.
“Per la miseria Luca sei attrezzato bene” Solo in quel momento misi a fuoco la situazione e mi copri con le mani.

Quando nostra madre ci vide uscire di casa si raccomandò di fare attenzione per la strada e di non bere.
Arrivammo al bar ritrovo abituale di Sara e delle sue amiche verso le dieci e la prima cosa che notai fu il loro affiatamento non ci misi molto a fare conoscenza con tutti, mi trovai subito a mio agio. Dopo aver girovagato diversi Pub della zona verso mezzanotte entrammo al “Pineta” il noto locale di Milano Marittima era gremito di gente e non mi sorpresi della notorietà che Sara aveva in quell'ambiente, fu una processione di abbracci e baci qualcuno allungo anche le mani sul sedere di mia sorella, provai una forma di gelosia e di rabbia per quel gesto ma poi tutto passò in secondo piano quando Luana la migliore amica di Sara mi trascino nella bolgia della pista.
Sfinito e stanco sprofondai in un divanetto appoggiai la testa sul bordo superiore in pieno relax quando una mano mi passò tra i capelli scompigliandomeli era Sara.
“Allora Luca ti diverti”
“Moltissimo sorellina”
“Ti piace Luana?”
La guardai chiedendole.
“Perché?”
“Mi ha rotto le scatole fino a poco fa voleva sapere tutto di te se hai la ragazza se sei un bravo ragazzo e tante altre stronzate”
“E tu cose lei hai detto”
“Che come corridore non vali un cazzo, ma che però hai un gran bell'arnese”
Mi sentii arrossire in faccia e risi con gusto.
“Gli hai detto proprio cosi”
“Certo è la verità”

Alle tre ci fu la classica puntata in pasticceria con relativa abbuffata di bomboloni e cappuccino ero stanco però felice, qui il gruppo si divise in vari tronconi e mentre Luana mi lasciava il suo numero telefonico mia sorella poco distante sbirciava incuriosita.
Il tragitto verso casa fu interrotto poco dopo quando Sara si fermò al bordo della strada e con un sorriso indagativo mi chiese.
“Quella troia di Luana ti ha dato il numero del cellulare”
“Si …. Ma perché la chiami troia”
“Perché vuole scoparti per poi mandarti a fanculo come fa con tutti”
“Scusa ma non è una tua amica”
“Amica un cazzo....se cerca di farti del male questo non mi va bene”
Vedere mia sorella incazzata per me mi piaceva molto il suo volto teso e nervoso mi eccitava.

Avvicinai il mio viso al suo e la baciai sulla guancia lei mi fissò sorpresa e la sua espressione si addolcii, i nostri occhi s'incrociarono, a quel punto le sue mani presero il mio volto e le sue labbra si posarono alle mie.
Fu un bacio lungo ed intenso.
Sara spostò la vettura dal ciglio della strada provinciale e s'infilò per una stradina laterale fermandosi dopo un centinaio di metri dietro un vecchio fienile.
“Fratellino ti voglio scopare”
Rimasi senza parole con una salivazione azzerata, stavo per avere un rapporto sessuale con mia sorella.
“Non ti preoccupare Luca vedrai ti piacerà”
La testa sembrava scoppiarmi, sia per l'emozione ma soprattutto perché fare sesso con la propria sorella non era una cosa di tutti i giorni.
“Ma se rimani incinta”
“Non dire scemenze Luca piglio la pillola ”
Le sue mani cominciarono a spogliarmi, in brevissimo tempo rimasi a petto nudo....la sua bocca comincio a baciarmi dandomi dei leggeri morsi, sensazioni mai provate pervasero il mio corpo.
“Sapessi Luca quante volte avrei desiderato farti mio”
"Ti spiavo quando facevi la doccia"
"Beh.. confidenza per confidenza, anch'io ti ho spiato quando eri in bagno."
Eravamo tutt'e due molto eccitati e il mio occhio corse alle sue magnifiche gambe.
Lei si posizionò meglio nell'angusto abitacolo e con aria semi seria disse.
"Non sei molto scandalizzato dalle mie confessioni, vero?"
"No. Figurati, solo che avremmo potuto dircelo. Ci saremmo risparmiati di sbirciare dai buchi delle serrature".
"Che avresti fatto?"
"Ti avrei invitato nel mio letto ed avremmo fatto l'amore. "Peccato abbiamo perso delle belle occasioni per divertirci".
"E non possiamo recuperare?"
Guardò verso i miei jeans "Mi sembra che il tuo amichetto reclami maggior attenzione, o sbaglio?"
Non si sbagliava, i suoi discorsi mi avevano fatto eccitare. L'idea di farlo con lei era il massimo che potessi desiderare.
Mi tolsi gli ultimi indumenti in un attimo
"Hai proprio un bel corpo sai" disse carezzandomi il petto "E a me piacciono i ragazzi nudi"
Si spogliò anche lei. Aveva un corpo armonioso e delicato.
"Toccami fra le gambe fratellino fammi godere"
Con un vero miracolo acrobatico riusci a trovare la posizione migliore per assolvere a questo suo desiderio
Iniziammo a masturbarci lentamente. Osservai la sua mano prendere con grazia il mio cazzo per poi manipolarlo dolcemente, mentre io con cura e determinazione massaggiavo il suo clitoride.
Non vedevo l'ora di possederla con movimenti goffi e innaturali la spogliai.
"Piano fratellino mi strappi i vestiti fai con più delicatezza"
Lei si girò mostrandomi la schiena e lentamente si tolse collant e perizoma gia arrotolati alle caviglie, il suo culo era stupendo, poi con una mossa rapida si rigirò e prese il mio uccello in bocca.
Era cosi brava che per un attimo mi sembrò di svenire dal piacere, la sua bocca comincio a leccare e a succhiare il mio arnese in un movimento ritmato che mi porto più volte alla soglia dell'orgasmo.
In quel momento con mia sorella nuda e disponibile tutte le idee più sconce e libidinose mi frullarono in testa, la vista del suo culo perfetto ed invitante mi liberò delle mie inibizioni istintivamente le chiesi.
“Sara ti posso inculare”
Lei non disse nulla e presi per un si la sua non risposta.
Fu una vera sfida nel trovare la posizione migliore e con delicatezza entrai dentro quel canale stretto e delicato.
“Luca per favore fai piano"
"No!!...No!!!.....toglilo mi stai rompendo tutta, cristooo....mi fai male”
“Dai sorellina fammelo mettere un altro pochino dentro”
“No....Luca ho male il tuo cazzo è grosso e sento un male tremendo”
Avrei voluto affondarglielo tutto fra le chiappe e a malincuore uscii dal quel caldo e oscuro pertugio.
“Scusami tesoro avevo proprio male”
La baciai e ci ritrovammo abbracciati il mio pene spingeva contro la sua pancia e i nostri inguini erano a contatto sfregandosi in un gioco sensuale, il dolore ai testicoli mi avvisava che era giunto il momento di penetrarla per liberare il mio seme dentro l'utero di Sara.
La cappella forzò l'ingresso e s'incuneò dentro il canale vaginale dalle pareti morbide e calde, le grandi labbra si schiusero come le valve di un ostrica per lasciare che la mia verga violasse il suo antro.
I battiti del mio cuore rimbombavano nella testa come tamburi impazziti e l'emozione che provavo in quel momento era un misto di godimento e felicità che percorreva tutto il mio corpo sotto forma di un brivido leggero e continuo per poi sfociare in gemiti di godimento e di piacere.
“Si!!!! Luca....chiavami cosi bravo... cazzo!!...
sei bravissimo”
Con le mani le sollevai leggermente il bacino i miei affondi diventarono più possenti e penetranti, la lubrificazione della vagina era talmente abbondante da causare strani suoni dentro l'utero, provocando una fuoriuscita continua di umori sul sedile dell'auto.
Raggiunsi l'orgasmo con un rantolo di piacere, lei di riscontro adoperò i muscoli vaginali per aspirare dentro se fino all'ultima goccia di sperma, non voleva che uscissi dalla sua pancia e in preda ad una forma di possessione mi strinse con le gambe in una morsa inscindibile, alternando parole dolci a frasi sconnesse i suoi baci seguiti da morsi lasciarono sul mio corpo i segni di tale furore.
Rimanemmo per diversi minuti abbracciati l'uno all'altra, poi rivestendoci lei disse.
“Ascolta Luca questa cosa sarà il nostro segreto”
“Però Sara lo facciamo ancora vero?”
“Vedremo fratellino,vedremo”
Quel vedremo fu l'inizio di un rapporto che dopo diversi mesi continua ancora, passando da momenti febbrili a paure di essere scoperti altrettanto intense che ci ha portati a conoscere tutto l'erotismo e la libidine che si celava dentro noi, con la certezza che nessuna emozione è mai stata cosi forte e piacevole come quella di poter fare all'amore con la persona che per questioni morali ed etiche non bisognerebbe mai violare. .

Questo racconto di è stato letto 2 9 4 5 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.