Alla fine mi sono scopato mia figlia

Scritto da , il 2014-06-22, genere incesti

Mia figlia Marta mi telefonò verso le sei del pomeriggio e disse:
“Papà domani mi puoi accompagnare dal meccanico Leandro e a Torino per tutta la settimana e io ho da sbrigare diversi impegni fuori Rimini e sono senza auto”
“Ok bambina mia a che ora devo passarti a prendere “
“Andrebbe bene sulle nove”
Da quando Mia moglie Licia era morta un anno prima in un incidente stradale avevo riversato tutte le mie attenzioni alle persone più care, ed in particolar modo a mia figlia Marta.

Marta era una ragazza dolce e bella, si era sposata con Leandro una persona dal carattere particolare e la loro unione non era stata sempre rose e fiori, mio Genero era una persona difficile da gestire la sua insicurezza aveva condizionato mia figlia a subirne il suo influsso non sempre positivo e solo l'indipendenza lavorativa l'aveva portata ad essere più calma e reattiva, diverse volte erano arrivati sul punto di lasciarsi, ma poi per un motivo o per l'altro avevano sempre rimandato questa decisione.

Come ogni mattina mi alzai verso le otto preparai alcune carte per lo studio e dopo la consueta doccia e il rituale del caffè, mi diressi all'appuntamento con Marta, la figura snella e benfatta di mia figlia si stagliava sotto il porticato della palazzina dove abitava salutando con una mano e un caldo sorriso mi accolse.
“Ciao Papà come stai?”
“Bene e tu?”
“Diciamo bene però potrebbe andare meglio”
Capii che c'era qualcosa che non andava ma feci finta di nulla, la leggera rotondità del suo ventre lasciava intuire l'entrata nel quarto mese di gravidanza, la dolcezza del suo viso accompagnava quel senso di grazia che mia figlia aveva di naturale e quando istintivamente le toccai la pancia lei sorrise nuovamente.

Il meccanico sconsolato rivolto a mia figlia disse:
“Signora qua ci vuole la centralina elettronica nuova ed io non l'ho in magazzino, bisogna farla venire da Bologna o da Ravenna di conseguenza per oggi l'auto non gliela posso consegnare”

Marta con fare desolato mi guardò.
“Come faccio papà debbo andare in diversi uffici a Riccione, Pesaro, e a Milano Marittima Accidenti!!!!!”
“Ascolta facciamo cosi Tesoro..... io oggi non vado allo studio, mi prendo una giornata di ferie non ho appuntamenti particolari e quelli del pomeriggio li sposterò nei prossimi giorni cosi potrò accompagnarti io”
“Ma papà no..... non è giusto al limite prestami l'auto”
“Tesoro è tanto che faccio la voglia di stare una giornata con te....cosi prendo al volo l'occasione e per oggi sarò il tuo autista”
La sua risata schietta e squillante mi riempii di felicità.

La mattinata passò velocemente il tratto stradale Riccione Pesaro era breve e Marta sbrigo le sue pratiche in breve tempo, a quel punto decidemmo d'imboccare la statale Romea con direzione Milano Marittima e prima di arrivare nella deliziosa località balneare ci fermammo a mangiare in un ristorantino sul lungomare di Cesenatico.

I discorsi si diversificarono su svariati argomenti poi caddero sul suo legame famigliare e qui ebbi la conferma di quanto sospettavo, le cose non andavano nel verso giusto, la totale mancanza di attenzioni di Leandro e la paura che quel figlio non avrebbe avuto la forza di unire maggiormente il loro legame la preoccupava fortemente la sua voce era inquieta e il suo stato d'animo era turbato.

Si sentiva tremendamente sola, la paura che stava provando le creava diversi dubbi, sentiva di non essere pronta a diventare madre, inoltre il cambiamento in atto nel suo corpo le aveva tolto sicurezza di essere una donna attraente e desiderata.
Questo comportamento era dovuto da diversi fattori ma soprattutto dalla mancanza di un appoggio morale da parte del partner.
Il suo totale disinteresse la stava portando verso un isolamento e un distacco progressivo dei sentimenti affettivi con conseguenze molto pericolose.

Volutamente cercai di entrare dentro la sfera delle emozioni e delle sensazioni che roteavano nel suo mondo con grande abilità riusci a violare le sue difese. Ci fu come uno scoppio di verità, di impulsi repressi, di violenze morali finora male gestite e taciute, cosi seppi che suo marito da mesi non aveva più rapporti sessuali con lei e l'isolamento che l'accompagnava la terrorizzava enormemente inoltre la sensazione che suo marito avesse un'altra donna la tormentava.

Quella che doveva essere una bella giornata all'insegna della tranquillità con Marta si stava rivelando un crogiolo di scoperte poco gradevoli.

Ci ritrovammo a passeggiare per il lungo mare e nonostante la sua forza d'animo alcune lacrime solcarono il suo volto, l'abbracciai e la strinsi a me con dolcezza lei mi guardo rassicurata dalla mia presenza, con tenerezza si strinse a me.... istintivamente la baciai sulle guance poi preso da un senso di protezione appoggiai le mie labbra sulle sue.

Marta non allontanò il viso dal mio ed istintivamente rispose al mio bacio, preso da un senso di vergogna ebbi la percezione di fare una cosa sporca ma la sua freschezza e il profumo del suo corpo non mi fece desistere, anzi una sensazione strana s'impossesò di me, mi sentii ebbro di felicità stavo baciando sulla bocca mia figlia in un luogo pubblico, come fossimo due amanti lo stimolo di violare le regole imposte dal buonsenso e dalla moralità mi eccitò moltissimo.

“Scusami Marta non so cosa mi è preso perdonami” ebbi il coraggio di dirle dopo quell'approccio.
“Papà non scusarti.... se la cosa non ti crea problemi ti dico che quel bacio mi ha fatto piacere”

Mia figlia mi ringraziava per averla baciata, questa cosa detta da lei mi diede lo spunto di sentirla mia, ma non come genitore, mi senti dopo tanto tempo “uomo” il bacio che le avevo dato per me voleva dire moltissimo dopo la morte di mia moglie nessun altra donna aveva mai posato le labbra sulle mie.

Marta svolse il suo lavoro e nel giro di poco tempo eravamo sulla strada di ritorno.
Alle porte di Rimini mia figlia mi chiese.
“Papà non voglio stare da sola stasera, posso stare da te”
“Certamente Marta, se vuoi puoi passare tutta la settimana finché non ritorna tuo marito”
Mi senti tremendamente lusingato e felice.
Prima di rientrare a casa ci fermammo al supermercato facemmo la spesa e li incontrammo alcuni amici suoi, per un attimo la vidi rasserenata e tranquilla questo mi diede un forte sollievo. Con cura osservai al sua figura la gonna elegante il maglioncino chiaro, il colore ramato dei suoi capelli che si adagiavano sulle spalle come una cascata d'oro le davano le sembianze di una ragazzina, anche la leggera rotondità della pancia aveva un tocco di sensuale altamente erotico......un pensiero che un padre non dovrebbe avere ma che però spontaneamente mi balzo agli occhi.

Quando l'auto si fermò davanti al cancelletto della villetta con una grazia tutta femminile disse:
“Papà non scendere ci penso io ad aprire”
Nello scendere la gonna le si sollevò leggermente mettendo in mostra le cosce tornite e le lunghe gambe svettarono nella penombra della luce di cortesia il bordo alto delle calze autoreggenti fece capolino fra la stoffa della gonna, un brivido percorse la mia schiena per un attimo un groppo mi si formò in gola, poi un respiro profondo e lungo mi fece riflettere e tornare alla normalità.
Cristo!!! era mia figlia........dovevo darmi una regolata......questa riflessione mi martellò nella testa per alcuni attimi come un gong.

Mangiammo e Marta si sedette vicino a me.
“Cosa stai facendo Papà”
“Tesoro domani ho alcune cause da portare in tribunale e sto preparando la scaletta dei miei assistiti, comunque è una cosa che mi porterà via una decina di minuti”
“OK allora io telefono a Leandro” la sua voce nel dire questa frase si rattristò.
La vidi allontanarsi ed appartarsi nel corridoio, poi un dialogo fitto e ed agitato mi fece capire che un ennesima discussione era in corso.
Quando ritornò era tesa, nervosa ed affannata, non dissi nulla ma le feci capire che se aveva bisogno io ero li.

Si sedette sul divano accanto a me non disse nulla sollevo le gambe appoggiandole alle mie e si distese appoggiando la testa sul cuscino.
La mia mano le accarezzò i polpacci in un massaggio lieve e rilassante, il fruscio delle calze fra le mie dita era l'unico rumore che si udiva nella stanza.
Guardai nella sua direzione il suo viso sembrava più rilassato, teneva gli occhi chiusi e un sospiro lungo e leggero usci dalla sua bocca.
”Marta se ti do fastidio dimmelo smetto se vuoi”
“No papà ti prego continua e bellissimo mi piace”
La manipolazione divenne ancora più intensa, le mie dita sentivano il calore della sua pelle attraverso la sottile trama del Nylon, una sensazione coinvolgente mi stava trascinando in uno stato di piacere innaturale.
“Papà non ti preoccupare sei talmente bravo e delicato”

Sapevo che questa situazione era decisamente intrigante, ed io non riuscivo più a capire fino a che punto avrei potuto spingermi.
Qua non si trattava più di un semplice massaggio, le strane sensazioni provate quando ci eravamo baciati si ripresentavano, ora in forma più accentuata.....sentivo una forma di vergognosa attrazione per mia figlia. Lei era una donna di 25 anni molto attraente ed io un uomo quarantaseienne con un astinenza sessuale lunga dodici mesi.

La mia mano salì dal polpaccio alla rotula, poi lentamente fino alla coscia, Marta si mise supina per favorirmi nella manipolazione divaricando leggermente le gambe.
“Marta andrei meglio se potessi toglierti le calze” Lei annui con un cenno del capo.

Il contatto con la pelle nuda di mia figlia mi dava una carica emotiva sublime. Mentre massaggiavo quella parte delicata del suo corpo lo stimolo sessuale aumentava gradatamente, avrei voluto allungare le mani sotto la stoffa della gonna, toccare il suo sesso, accarezzare la rotondità del suo ventre affondare il mio viso nel suo inguine.
Erano una serie di frame che anticiparono l'erezione del mio pene pochi attimi prima che Mia figlia aprisse gli occhi mostrandole tutta la mia vergognosa libidine di genitore snaturato.

“Papà cosa succede” Non risposi ma non occorreva una risposta per chiarire quello che stava succedendo il rigonfiamento dei miei pantaloni ne erano la chiara dimostrazione.
Marta si alzo dalla posizione in cui si trovava e si avvicinò a me.
“Marta sta succedendo una cosa che non dovrebbe succedere” Feci l'atto di alzarmi per andarmene ma Marta mi bloccò il braccio. Prese la mia testa fra le sue braccia come si fa con un bimbo per consolarlo quando ha commesso una malefatta, mi accarezzo e con voce suadente disse.
“Su papà non e successo nulla...... su, su, non è successo nulla”
La sua voce calma e distesa mi tranquillizzò la sua mano accarezzò il volto e le sue labbra si posarono sulle mie in un bacio dolcissimo.
“Papà ti voglio bene in questo momento sento di volerti un bene sconfinato”
La mia bocca s'incollò alla sua e la mia lingua violò la chiostra dei denti di Marta, le lingue si toccarono prima timorose poi accelerarono il loro movimento in un balletto sempre più intenso e vorticoso
Le mie mani accarezzavano la sua schiena con lentezza sollevarono il bianco maglioncino fino all'altezza del gancetto del reggiseno, Marta ebbe un attimo d'irrigidimento in una frazione di secondo si rese conto di quello che stava succedendo distaccò le sue labbra dalle mie.
“Papà stiamo facendo una cosa che....... spero ti renda conto della sua portata, tutti e due dobbiamo essere coscienti di quello che facciamo”
“Si tesoro lo so Marta........non dire altro ti prego”

Nel dire questa frase il candido reggiseno liberò il petto di mia figlia dalla costrizione della stoffa le mammelle libere da impedimenti esplosero in tutta la loro maestosità le mie dita s'impossessarono di quella parte anatomica, strinsero i bottoncini rosati dei capezzoli e sollevarono l'indumento sfilandolo dalla testa.

Mi sembrò d'impazzire quando le baciai il seno le scure aureole si raggrinzirono rimpicciolendosi e le mie dita si affondarono nella soffice carne, con lentezza le sollevai la gonna fino alla vita scoprendole le gambe fino all'inguine le cosce erano sode e bianchissime la voglia di morderle di leccarle di profanare la sua intimità diventò irresistibile in un attimo mi sbarazzai delle bianche mutandine di pizzo lacerandole e mi tuffai con il volto fra le sue gambe ed aspirai il profumo di donna che emanava dalla parte più segreta del suo corpo m'inebriai di quell'odore cosi aspro e sensuale che il suo sesso emanava, stavo annusando la figa di mia figlia con il cuore che mi batteva all'impazzata.
Il clitoride di Marta era turgido, lo strinsi fra le labbra mentre la lingua gli roteava intorno sempre più velocemente. Quando le sue cosce si strinsero con forza intorno alla mia testa capii che lei stava godendo enormemente di questa mia pratica erotica, i gemiti sempre più frequenti l'accompagnarono fino al punto che senti in bocca il sapore salato del suo godimento Marta fu scossa da un tremito di piacere e mi riempii di parole dolci e sensuali un ultimo sussulto fu la coronazione alla frase.
“Papà ti amo”
L'abbracciai da dietro ed iniziai a baciarle il collo. Con la punta della lingua seguii la delicata forma della schiena ed arrivai ai glutei. Marta si lasciava fare tutto con estrema naturalezza, le feci appoggiare le braccia ai bordi del divano le aprii le natiche e con la punta della lingua cominciai a titillare l'orifizio anale i muscoli si rilassarono gradatamente e il suo buchetto si apri lentamente dilatandosi poco a poco, in preda ad una forte bramosia Marta agitò il corpo scosso da violenti sussulti implorandomi di non fermarmi di andare ancora più in profondità.
“Si cosi papà continua ti prego non fermarti leccami il buco del culo ”
Il pene mi doleva, la sua durezza e la sua solidità era talmente enorme che neanche con sua madre aveva mai avuto una simile consistenza.
“Rilassati tesoro” le sussurrai ed appoggiai la punta del mio cazzo sull'apertura del culetto, mia figlia s'irrigidì di colpo e quando le entrai dentro strinse fortemente le natiche, cominciai a spingere piano affinché quella parte anatomica si adattasse ad essere penetrata.
“Papa fai piano per favore”

La libidine e una forma di perversione nel sapere se li era ancora vergine mi porto a porgergli la fatidica domanda.
“Tesoro tuo marito ti ha mai inculata”
La sua risposta fu breve e perentoria “NO”
Un colpo secco fece sprofondare fino alla radice il cazzo dentro lei, Marta urlò.
“ Ahiaaa!!!!!Papà mi hai fatto male”
Fui scosso da un tremito irrefrenabile stavo sverginando il culo di mia figlia, pochi colpi e l'orgasmo mi colse di sorpresa le venni dentro il sedere, una quantità enorme di sperma inondò le sue viscere.
Il suo sguardo era diventato dubbioso, penetrante ed interrogativo.

Ebbi un attimo d'imbarazzo avevo provocato dolore a mia figlia, mi scusai dando la colpa all'eccitazione e mi sentii profondamente a disagio guardandola in volto.
Marta con molta comprensione ma determinata disse
”Papà sei stato molto cruento, io ti ho dato il mio corpo, ti sto dando me stessa, ritengo di essere stata una donna che si è spogliata di tutte le remore che comporta l'azione e che abbiamo commesso e tu dovevi essere più delicato, dovevi aiutarmi anche con la gentilezza in questa decisione che avrà ripercussioni sicuramente anche in futuro”
Mi senti profondamente confuso e colpito dal discorso semplice ma conciso di Marta.
Mi scusai nuovamente ma mi resi conto che la magia che si era creata poche ore prima era svanita per una mia mancanza.
La serata si concluse nel modo meno desiderato, Marta si ritirò nella stanza degli ospiti ed io mi ritrovai seduto sul divano come un cretino a meditare di come ero riuscito a rovinare quello che di bello si era verificato nelle ultime ore.

Il giorno seguente mi alzai presto, dovevo andare in tribunale avevo due cause da perorare e le sedute durarono più del previsto protraendosi fino alle tredici, immaginando che Marta fosse tornata a casa sua non mi preoccupai più di tanto dell'orario anzi bighellonai al baretto dove di solito facevo colazione parlando di sport con Sergio in barista, lo squillo del cellulare mi fece distogliere dalla discussione e rimasi piacevolmente sorpreso quando lessi nel display il nome di mia figlia.
“Papà io ho preparato da mangiare a che ora ritorni perché qua si raffredda tutto”
Il mio cuore comincio a battere forte, la mia Marta era ancora a casa mia, la felicita comincio a sprizzare da tutti i pori tanto che lasciai la mancia a Sergio il quale sbigottito disse.
“ Ma avvocato cosa succede tutto bene”
“Tutto Ok amico....ho ricevuto un'ottima notizia... ciao Sergio a domani”
Salii in auto e velocemente mi diressi verso casa, ero in estasi mia figlia era ancora sotto il mio tetto e mi aspettava, mi sentivo ringiovanito di dieci anni capii in quel momento quanta felicità e forza poteva darti una relazione con la persona che desideravi.

Marta mi aspettava e quando entrai in cucina era indaffarata a sistemare le pietanze in tavola la guardai e lei sorrise.
“Ciao Papà come mai cosi tardi”
Non risposi mi avvicinai e la baciai sulla guancia lei sembro sorpresa e disse.
“Sulla guancia”
In quel momento il cuore sembrò scoppiarmi dalla contentezza.
“Scusa Tesoro” E posai le mie labbra sulle sue, i nostri volti erano alla distanza di pochi centimetri l'uno dall'altra la sua faccia era calma e rilassata.
“Sai papà stamattina mi sono svegliata ero tranquilla e felice e non me la sono sentita di rientra re a casa mia.......era da tanto tempo che non provavo questa sensazione”

La mia mano si posò sulla rotondità della pancia.
“E lui cosa dice e calmo come lo sei tu”
Lei rise accarezzandomi.
“Bhe !!!lui per il momento e ancora in fase di costruzione e non ha molto da dire”
Mangiammo e Marta mi fece sentire dopo tanto tempo come una persona che ha una visione del suo futuro ben delineata, sapevo per il momento che il problema maggiore era mio genero ma in quel momento rifiutai di pensare a lui, per me ora c'era solo mia figlia.
Fissai con insistenza mia figlia.
“Papà perché mi guardi cosi”
“Marta tu non puoi capire quanta felicità ho dentro di me e quanto ti voglio bene”
“Anch'io ti voglio bene e forse un po di più” e rise sonoramente.
Ero seduto a tavola mi spostai di lato, e le chiesi di avvicinarsi, lei si diresse nella mia direzione fino ad essere alla mia portata....le posai le mani sui fianchi e le baciai la pancia con infinito amore.
“Papà come la mettiamo con Leandro” e il suo volto s'incupì.
“Figliola troveremo una soluzione anche a quella cosa li, per ora non pensiamoci”

Trovai una scusa per non recarmi nuovamente allo studio, ed anche lei tralasciò due appuntamenti che avrebbe avuto nel pomeriggio, perciò avremmo passato il pomeriggio e la serata assieme e questo ci fece provare una felicità reciproca.

“Papà usciamo questa sera”
“Dove vorresti andare tesoro”
“E da tanto che non vado più a sentire un poco di musica perché non andiamo al “Saloon Kitty”
L'idea mi piacque molto il Saloon Kitty era un piano bar del Ravennate ed era fuori da potenziali sguardi indiscreti e soprattutto il proprietario era stato un mio cliente di conseguenza potevo contare sulla sua discrezione.
La giornata Marta la passò nel curare il proprio corpo. Decise lei per me come avrei dovuto vestirmi e cosa indossare per la nostra uscita, questa sua premura mi piacque moltissimo, ogni argomento era uno stimolo per avvicinarci maggiormente ed instaurare quel rapporto di famigliarità che era scemato fra noi con il suo matrimonio.
Quando si presentò in soggiorno con in mano alcuni capi di vestiario mi sentii particolarmente emozionato.
“Papà quale abito pensi sia adatto per stasera”
La scelta era fra un vestito nero corto di Dolce&Gabbana e un abitino di Daniele Carlotta optai per il completino nero anche perché metteva in risalto le sue gambe e riusciva a mascherare la leggera rotondità addominale.
La scelta della biancheria intima doveva rimanere una sorpresa....e lo disse ridendo, anche se già qualcosa avevo intuito vedendo il sacchettino della Perla.

I bagni separati della villetta davano una certa discrezione, pertanto all'atto della vestizione mi fu negato ogni sopralluogo, attesi pazientemente che Marta scendesse le scale che portavano dai piani superiori a quelli inferiori fumando ed immaginando quel momento in trepida attesa.
Rimasi senza parole quando si presentò sui primi gradini della scala, mia figlia era stupenda un ovale perfetto incorniciava da una cascata di capelli ramati che facevano da cornice ideale ad un volto delicato e bellissimo, l'emozione mi fece tremare le gambe.
Marta sapeva di essere una bella donna e quell'insieme di abbinamenti abito, accessori ed infine la prestanza fisica la rendevano unica.

La musica soffusa e la voce calda del pianista creavano un ambiente molto particolare, se poi il tutto veniva accostato ad un ambiente elegante e signorile come quello di Milano Marittima si capiva il perché questo locale era il massimo esponente di questo genere di ritrovi, il proprietario fu gentilissimo mettendo a nostra disposizione un cameriere solo per noi.

La serata passò velocemente e prima di ritornare a Rimini io e Marta facemmo una passeggiata per uno dei corsi della località balneare la serata era fresca, eravamo ancora nel mese di Marzo e Marta si strinse a me.
“Papà sono stata benissimo e sono felicissima” Guardando la nostra immagine riflessa in una vetrina aggiunse.
“Però siamo una bella coppia....papà sei un bel uomo” mi bacio e non potei fare a meno di farle sentire la mia erezione sul suo ventre, lei rise.
“E sei anche molto eccitato da quel che sento” ci stringemmo maggiormente l'uno all'altra dirigendoci verso l'auto.
I brevi chilometri che ci separavano da casa diventarono interminabili, la sua mano quasi a volersi sentire rassicurata strinse la mia e la baciò.
La dimostrazione di quanto poco fosse intelligente Leandro risultò evidente, la mancanza di sensibilità e di tatto aveva portato mia figlia a distaccarsi gradatamente da lui, lasciandomi però il piacere d'inferirgli il colpo di grazia attraverso il mio studio legale.

La voglia di averla fra le braccia era tanta, avrei voluto saziarmi di quel corpo fin da quell'istante, il pensiero che una giovane donna sangue del mio sangue era li accanto me a mia disposizione mi dava un'eccitazione senza pari.
Se tutto questo era la conseguenza di una elaborazione del cervello sul tabù dell'incesto che vietava il rapporto fra consanguinei.....allora mai come in quel momento avrei voluto gridare a tutta voce “Viva l'incesto”.

La presi in braccio e salimmo i gradini che portavano nelle camere da letto lei nascose il suo viso sul mio petto e sorridendo disse.
“Papà mi porti in braccio come fossi tua Moglie”
“Si Marta per me sei la mia donna, ti amo figlia mia”
A completamento di quella frase le sue labbra s'incollarono alle mie, l'adagiai sulle coltri del letto matrimoniale la posizione di Marta era conturbante, allargo leggermente le gambe e con malizia ne sollevò una affinché la gonna del vestitino risalisse, il bordo più scuro delle calze comparve assieme al gancetto del reggicalze, ecco la sorpresa che mi aveva tenuto nascosta la sua lingeria sexi mi fece trasalire.
Con infinita lentezza quasi a voler centellinare ogni secondo di quello splendido spettacolo sollevai la gonna verso l'alto e il reggicalze color Malva mi apparve in tutta la sua concupiscenza.
L'inguine coperto dalle mutandine dello stesso colore fecero salire il mio già elevato tasso di eccitazione.
“Sai che proprio bella…”
“Hai un buon profumo tesoro…”
La sua mano s'intrufolò dentro i miei pantaloni e ne estrasse il cazzo, le piccole dita di Marta afferrarono il mio arnese e cominciarono a manipolarlo, quando la punta della sua lingua cominciò a roteare intorno alla cappella succhiando e leccando afferrai il suo capo agevolando il suo movimento, per un attimo persi il lume della ragione, mia figlia mi stava facendo un pompino.
A malapena trattenni l'eiaculazione volevo che questi momenti durassero il più a lungo possibile perciò cercai di allentare gli stimoli sempre più crescenti e distolsi il mio pensiero da quel massaggio terribilmente eccitante.
Le sfilai la parte superiore del vestito le slacciai il reggiseno e le accarezzai il petto i nostri baci diventarono lunghi e profondi la mia mano era sulla sua pancia e le mie labbra si posarono sulla rotondità del suo ventre e ne solcarono ogni centimetro lasciando una leggerissima scia di saliva, il mio sguardo incontrò il suo, la dolcezza del suo volto dovuto alla maternità e alle attenzioni che le prestavo trasmisero in lei un senso quasi materno nei miei riguardi sfociando in una interminabile carezza sul mio capo.
La mia mano ora era salita lungo le cosce le aveva sfilato le mutandine, le avevo aperto le gambe e tuffato la mia bocca nel suo inguine, la mia lingua era entrata dentro la sua figa alla ricerca del clitoride ogni piegolina vaginale fu solcata e violata, sentivo il sapore del suo sesso nella mia bocca era una sensazione bellissima....il suo sapore, la morbidezza del suo clitoride che si induriva sotto la mia lingua. mi preparò al passo successivo.

Le tirai su le gambe e, guardandola dritta negli occhi le infilai il cazzo dentro la pancia, le pareti vaginali si schiusero al suo passaggio la sublime sensazione che provai in quel momento era indescrivibile, ero un padre che stava scopando la figlia incinta, mentre le sue cosce si aggrapparono alle mie reni i suoi talloni martellarono le mie natiche accelerando il ritmo fino all'orgasmo venni con un rantolo seguito a breve distanza dai gemiti di godimento di Marta .
Mi accasciai su di lei esausto e felice avevo inondato di sperma il suo utero.

Il tempo trascorse velocemente Leandro e Marta si separarono alcuni anni fa il mio studio s'interessò delle pratiche e mia figlia non volle che infierissi legalmente su lui, il bambino che che portava in grembo ora ha due anni, ed è una gioia vederlo crescere, mia figlia ed io viviamo il nostro rapporto nella clandestinità nascondendoci dai pettegolezzi e dalle malelingue mantenendo uno stato di assoluta formalità esternamente ma di assoluto amore e felicità fra le mura domestiche.


Questo racconto di è stato letto 5 5 2 7 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.