La notte del 31 dicembre

Scritto da , il 2014-04-17, genere incesti

Trenta dicembre.

La Panda di mia madre entrò nel vialetto della casa che nostro padre aveva comperato un anno prima sulle prime colline Faentine, la grande festa del 31 dicembre che io e mia sorella avevamo organizzato si stava concretizzando, i preparativi durati per tutto il mese avevano coinvolto una schiera di amici sempre più larga.

L'intenzione di passare l'ultima notte dell'anno tutti insieme in allegria lontani dalla routine della città senza vincoli e restrizioni aveva solleticato anche i più scettici.

L'ultimo ostacolo era rappresentato dall'insistenza di nostra madre nel voler essere presente per salvaguardare il suo piccolo mondo creato dentro quelle mura antiche e composto da porcellane mobili d'epoca e da una miriade di ninnoli che aveva raccolto nei vari mercatini paesani e rionali.

Mio padre a causa del suo lavoro come tecnico petrolifero era vincolato per contratto a passare novanta giorni all'estero prima di poter godere del rientro mensile in Italia e le festività natalizie cadevano perfettamente nel bel mezzo del periodo lavorativo.

Questa situazione casuale aveva creato un risvolto inaspettato anche per noi, perché lei non avendo l'impegno dei festeggiamenti con nostro padre si era resa disponibile alla supervisione della festa in rappresentanza delle mamme delle ragazze presenti, creando una serie di restrizioni su tante cose, ma principalmente su quelle che potevano definirsi novità ed ancor peggio sulle libertà.

Fin dalle prime ore del mattino fra me e Sara fu un susseguirsi di idee per rendere ancora più accattivante quella che noi ritenevamo la nostra festa, gli addobbi, i festoni, i brani musicali e le luci stroboscopiche facevano sembrare il grande soggiorno una piccola discoteca, ed anche il vecchio camino di pietra dava un tono d'intimità e buongusto all'ambiente.

Mia sorella in perfetto accordo con me indipendentemente dal fatto che eravamo gemelli condivideva ogni mia iniziativa con entusiasmo ed interesse, persino la scelta dei vestiti ci coinvolse non singolarmente ma in perfetta sintonia nella costante ricerca del piacevole e del bello.
Avevo sempre avuto un debole per Sara e nonostante fossimo nati lo stesso giorno a distanza di pochi minuti l'uno dall'altra mi sentivo come un fratello maggiore con un senso di protezione verso la sua persona, i miei sentimenti erano conflittuali e quando la vedevo parlare con altri ragazzi oppure assumeva atteggiamenti intimi e confidenziali provavo un sentimento di gelosia che confluiva in rabbia se il rapporto diventava più intenso e continuativo.

La guardai senza farmi notare mentre attaccava una serie di luci colorate sopra alla porta d'ingresso, era sopra una sedia e si era messa in punta di piedi per meglio arrivare in quel punto.... alzando le braccia la corta gonna si era alzata leggermente mostrando le gambe marmoree e nervose, coperte da un paio di calze autoreggenti che le fasciavano le cosce per poi risalire sotto il tessuto pieghettato della sottana, nascondendo alla mia vista i punti più segreti e salienti del suo corpo.

La mia immaginazione nel frattempo elaborava immagini particolari che creavano illusioni virtuali del suo inguine accarezzato dal sottile velo delle mutandine e una peluria bionda dove il dolce avvallamento creato dalle labbra della vagina racchiudevano un mondo di piacere e godimento, il mio cervello riusciva persino a concepire sensazioni olfattive inesistenti create da un malsano pensiero incestuoso.

Quando mi resi conto che stavo fantasticando su mia sorella un senso d'imbarazzo e pudore mi riportò alla realtà, questi pensieri altamente erotici mi avevano fatto avere un'eccitazione con sensazioni violente e crude.

In contrapposizione ai sentimenti affettivi che provavo per la mia gemella, il desiderio e la voglia di possederla con durezza e violenza prese corpo dentro me risvegliando sensazioni vergognose e libidinose.

Lo strano modo con cui avevo concepito questo tipo di sogno virtuale incrinò il mio equilibrio emotivo e psicologico e solo dopo un certo lasso di tempo la mia libidine si placò lasciandomi fiacco e svuotato.

Quando la spinta erotica lasciò spazio alla razionalità, rientrai dentro i limiti della normalità dove il disagio e il piacere si suddivisero equamente le mie sensazioni.
Mia madre con voce calda e armoniosa ci avvisò che la cena era pronta, la strana eccitazione che mi aveva pervaso precedentemente si riversò anche su lei, la sua figura snella e magra contrastava con la realtà di una donna che aveva due figli, il portamento signorile i lineamenti delicati completati da una finezza naturale l'aveva fatta diventare il sogno erotico di molti dei miei amici.

Anche se la cosa mi aveva fatto incavolare mi sentivo ugualmente orgoglioso di avere una mamma cosi bella e attraente.

Sara si sedette a tavola di fronte a me, inavvertitamente mia madre fece cadere a terra una posata meccanicamente ma dopo un rapidissimo calcolo mentale e mi affrettai a raccoglierla, chinandomi sapevo che avrei trovato le gambe di mia sorella nel mio campo visivo, ma mai avrei immaginato che la posizione di Sara.....avrebbe potuto mostrarmi uno spettacolo cosi allettante.

Sara teneva le gambe dischiuse e i miei occhi spaziarono fra le sue cosce le autoreggenti lasciavano un solco visibile sulla candida pelle...e le leggere mutandine di pizzo bianche permettevano d'intravvedere una chiazza più scura nella zona pubica.

Accidenti!!!! Avevo sempre creduto che mia sorella fosse bionda naturale ma mi resi conto in quell'occasione che non lo era, una successiva mossa accompagnata da una fragorosa risata le fece allargare ulteriormente le gambe permettendo una visione più accurata delle sue parti intime....un brivido di piacere percorse la mia schiena in tutta la sua lunghezza.

Il mio tempo di permanenza sotto il tavolo aveva fatto insospettire mia madre che con voce severa disse:
“Marco ma cosa diavolo stai facendo guardi le gambe di tua sorella”
Colto di sorpresa risposi.
“No mamma ma cosa dici”
Ma l'inequivocabile protuberanza nella mia zona pelvica diceva esattamente il contrario.
“Ma Marco cos'è quello”
La sua voce severa ora tendeva all'isterico
“Ma sei un maiale sei un porco e tu scema chiudi quelle gambe che tuo fratello si sta eccitando guardando la tua co...la tua co...”
Non riusciva a finire la frase
“La tua passera, chiudi quelle gambe cretinaaaa “
“Ma porca Miseria ho un figlio maniaco e una figlia stupida”

Lo stato confusionale in cui mi ritrovai mi fece alzare da tavola..... e senza dire una parola coprendomi con le mani la parte incriminata mi diressi verso la mia stanza.

Il brontolare di mia madre continuò ancora per un lungo periodo....poi tutto si calmò....la stanchezza e la forte emozione provata mi fecero addormentare sopra il piumone senza neanche spogliarmi.


Trentuno dicembre

Mi svegliai presto e non sapendo l'umore avrei trovato incontrando le due donne mantenni un profilo basso.....mia madre sbollita la rabbia era più aperta ma comunque si vedeva chiaramente che provava ancora risentimento verso me, Sara si dimostrò invece più aperta e disponibile fino al punto che quando ci ritrovammo da soli mi chiese apertamente.

“Marco ma davvero sbirciavi sotto la mia gonna?”
Istintivamente avrei voluto negare ma la sua disponibilità e la sua dolcezza nel rivolgermi la domanda mi permise di essere sincero e risposi affermativamente.
“Hai trovato qualcosa d'interessante?” non risposi ma le sorrisi.

Verso le cinque del pomeriggio cominciarono ad arrivare i primi invitati e dopo le otto erano tutti presenti, il vociare, e le risate cristalline delle ragazze riempirono l'ambiente dove si sarebbe consumato il cenone....... un'atmosfera di cordialità e festosità si diffuse in un crescendo continuo.
Mentre il servizio di Catering completò la consegna di tutte le pietanze, l'immensa tavola imbandita si rivelo un vero centro informativo di notizie gossip, di amori finiti oppure sbocciati di avventure vissute e progetti futuri.

La soddisfazione di come stessero funzionando bene le cose si ebbe quando nella sala entrò mia madre l'accolse un applauso lungo e sincero una miriade di complimenti completarono il suo ingresso lasciandola emozionata e felice.

In effetti il lavoro di “restauro” eseguito nel pomeriggio con l'aiuto di Sara aveva avuto un esito eccezionale... indipendentemente dal fatto che mia madre fosse una donna molto attraente il trucco leggero e sapientemente dosato combinato a sua volta con un vestito attillato e sensuale aveva creato un mix di classe ed eleganza.

L'avvicinarsi del nuovo anno era imminente, ed allo scoccare della mezzanotte fu un susseguirsi di brindisi, abbracci e baci, lo spumante ed i balli riscaldarono un ambiente già di per se caldo dove i primi approcci amorosi fra ragazzi e ragazze mostrano il formarsi di coppie nate nello spazio di poche ore.

Sara era corteggiatissima e bissata da inviti al ballo che lei gentilmente respingeva, trovai la cosa molto strana anche perché il più insistente di questi era un ragazzo che lei aveva più volte confessato piacergli molto, ero curioso di capire il perché di questo suo comportamento.... ma sul momento la preoccupazione maggiore era rappresentata da mia madre i troppi brindisi e i continui complimenti al suo indirizzo la stavano privando di senso pratico e razionalità.

Sentii una mano leggera appoggiarsi sulla mia spalla mi girai di scatto era Sara.
“Sei allarmato anche tu per la mamma? pensi anche tu che sia meglio intervenire”
Annuendo m'incamminai con risolutezza nella sua direzione capii subito che lo stato d'ebrezza la rendeva vulnerabile, comportamento che i suoi interlocutori avrebbero potuto interpretarlo in altro modo. Con premura la prelevai da quella situazione e la condussi ai piani superiori nella sua camera.

La sua fragilità mi convinse di essere estremamente delicato la distesi nel grande letto matrimoniale e mi sedetti accanto a lei.
La porta si apri Sara con apprensione mi chiese.
“Marco come sta la mamma”
Sorridendole con l'intento di tranquillizzarla la buttai sulla battuta.
“Diciamo che se l'ubriacatura si potesse quantificare in una scala da 1 a 10 lei sarebbe molto vicino al nove”
“ Marco vuoi che stia io con lei”
“No.... Sara ora resto io con lei, poi quando si addormenterà verrò giù”
Lei mi sorrise e con un gesto affettuoso mi mandò un bacio.

Il respiro di mia madre passò da una forma quasi impercettibile ad un leggero russare......una serie di movimenti involontari le fecero cambiare postura con il risultato che il vestito si sollevò lasciando scoperta una porzione di coscia....mi avvicinai per ricoprirla ma all'ultimo istante un idea bislacca mi frullò in testa, presi il bordo della gonna e invece di ricomporlo lo spostai verso l'alto facendo molta attenzione di non svegliarla.

La mia audacia fu ricompensata dalla deliziosa visione che si celava sotto di essa, sfiorai con la mano il nylon delle calze, ma un ulteriore improvviso cambio di posizione mi gelò il sangue....la nuova impostazione supina risultò perfetta per la mia esplorazione, con determinazione sollevai nuovamente l'indumento scoprendo l'inguine e la pancia.

Mi fermai un attimo per darmi forza e constatare il suo stato di dormiveglia....avuta la conferma di poter procedere senza rischio posai un dito sul suo inguine, lambii il leggero avvallamento del monte di venere soffermandomi leggermente sul solco vaginale, esaltato da follia pura e dal delirio sessuale avrei voluto stringere ed affondare le dita in quella parte anatomica, ma la paura e un briciolo di buon senso mi sconsigliò di mettere in atto questa pratica.

Una vampata di calore avvolse il mio corpo, l'immagine riflessa dallo specchio del comò rimandò l'aspetto di un volto paonazzo non dalla vergogna ma dall'eccitazione....ero consapevole della scorrettezza che stavo attuando, ma ciò non mi distolse dalle intenzioni prefissatami.

Sotto i collant le mutandine blu scure di seta risaltavano fra il biancore della sua carnagione con infinita lentezza avvicinai il volto alla suo ventre, la voglia di annusare l'odore che mia madre aveva fra le gambe divenne irresistibile, portai il naso vicinissimo al suo inguine ed aspirai profondamente, il profumo di donna che impregnava la sua biancheria intima solleticò il mio olfatto fino a portarmi all'erezione.

Lasciai la camera dopo averla coperta con un plaid con la sensazione di avere commesso un atto sacrilego...... erano le due e mezza e molti avevano lasciato la festa.....al piano inferiore Sara s'intratteneva con gli ultimi invitati rimasti, e la mia presenza suscitò immediatamente l'interesse dei presenti per la salute di mia madre, dopo averli rassicurati che non vi era nulla di preoccupante anche loro ci lasciarono.

Stanchi e spossati ci gettammo sul divano, mia sorella si distese accanto a me appoggiandosi con la testa sulle mie gambe le accarezzai il capo con tenerezza, lei con l'imprevedibilità che la contraddistingueva mi chiese.
“Marco sul serio ieri mi guardavi le gambe”
“Si è vero Sara, l'ho fatto e ti chiedo scusa”
Sempre più incuriosita e divertita si rigiro a pancia sotto e con un sorriso malizioso mi rivolse altre domande.
“Caro fratello..... dimmi quello che hai visto?, ti è piaciuto?, cosa hai provato?.
La sua voce lasciò trasparire un tono eccitato.
Gli stimoli avuti il giorno precedente si ripresentarono più forti e più intensi, consapevole di non sapere dove questo dialogo ci avrebbe condotto risposi con altrettanta enfasi.

“Bhe!!! Sara posso dirti che avevi le mutandine bianche, che non portavi i collant, e credo tu non sia bionda naturale e tutto questo mi hai fatto eccitare”
Lei mi guardò e sempre sorridendo e con aria divertita aggiunse.
“Da quello che posso vedere anche ora ti faccio lo stesso effetto”

“Sei sicuro che la mamma dorma?”
Le risposi affermativamente.
Ora il suo sguardo era diventato intenso e voluttuoso, dalla sua bocca il sorriso era scomparso, si alzò dal divano e velocemente si diresse verso l'impianto stereofonico poi accompagnata da una musica lenta si piazzò davanti a me ballando sensualmente.

Mia sorella incurante del cataclisma che mi stava provocando improvvisò un ballo che in breve tempo si trasformò in uno spogliarello, le sue mani in un estenuante gioco erotico con movimenti invitanti e lussuriosi accarezzarono prima il ventre e i piccoli seni , poi sollevarono la parte inferiore del vestito da sera mettendo in mostra due gambe sode e bellissime.

Tutto si stava svolgendo in un continuo crescendo e quando il capo firmato cadde a terra il cuore mi balzo in gola, la sua biancheria intima era completata da un capo di abbigliamento che ormai raramente veniva indossato dalle donne il “reggicalze”, le mutandine e il reggiseno completavano la parure di color rosso che la rendevano semplicemente unica e desiderabile.

Mi alzai di scatto e in un attimo ci ritrovammo nudi, le mie mani spaziarono sulla morbida carne. La sua bocca si aprì per l'emozione quando le mie mani accarezzarono la pelle liscia e calda, un sussulto e un sospiro profondo lasciò capire quanto lei volesse quel momento, chiuse gli occhi e si abbandonò a questa avventura.

Le nostre bocche si unirono in un furente bacio, succhiai avidamente la sua lingua e contemporaneamente lei fece altrettanto con la mia, i leggeri morsi che torturarono le mie labbra diedero un gusto particolare a quei baci, l'illecita passione in cui eravamo caduti non fece altro che alimentare il fuoco che ci ardeva dentro.
Mai avevo visto un corpo dalle forme cosi belle e perfette era come un frutto non ancora maturo ma neppure acerbo il suo corpo conservava le sembianze di una ragazzina che più non era e al contempo lasciava intravvedere la sensualità della donna che era diventata.

I lunghi capelli biondi emanavano un buon profumo, ed incorniciavano perfettamente l'ovale del viso, la mia bocca arrivò al lungo collo e lo ricopri di baci la sua testa si spostò all'indietro per meglio ricevere questa mia esternazione, un brivido di piacere percorse la sua schiena e Sara emise un sospiro prolungato, sentendosi bagnata mi prese la mano e la porto sul suo inguine le mie dita accarezzarono le pareti interne della vagina quando la ritrassi era intrisa dal suo piacere.

Per calmare il desiderio Sara strinse forte le cosce nella speranza di attenuare il calore che saliva dal suo inguine, arcuò il bacino cercando un contatto con il mio per tentarmi per indurmi a voler essere penetrata le sue piccole tettine sussultarono sotto il tocco delle mie mani i capezzoli rosati diventarono turgidi ed invitanti. Succhiai con avidità quel seno divino riempendomi la bocca con quei piccoli globi di carne

Con la bocca percorsi il suo corpo fino ad arrivare all'armonioso incavo dell'ombelico lo centellinai con la punta della lingua ed esplorai con immenso piacere il suo ventre mi soffermai sulla dolce rotondità appena accennata nella zona addominale....il suo respiro diventò più forte e più veloce quando le mie labbra si soffermarono sul monte di venere, Sara prese la mia testa fra le mani e la premette contro il suo sesso. Con la punta della lingua solcai le grandi labbra un fremito di piacere la scosse tutta e accentuò maggiormente la stretta delle sue cosce sul mio volto.
La mia attenzione si concentrò sulla vagina, la tentazione di assaggiare quelle teneri carni diventò impellente, con voracità succhiai e morsi e leccai con sfrenata libidine quella delicata parte....gustandomi i suoi urletti di sorpresa e felicità lasciando al mio passaggio una leggera scia di saliva sulla candida pelle. In quel momento fui colto da scrupoli e paure mi domandai se non stessi abusando dell'amore di mia sorella e se fosse giusta la cosa che stavamo facendo e quali conseguenze avrebbe portato in seguito, il mio smarrimento fu intuito da Sara e il suo sorriso e il suo incitamento a non pensare a nulla allentarono i miei dubbi.

La sua mano scese sul mio inguine e giocherello con i miei peli pubici successivamente portò il pene alla bocca nel vederla cosi determinata le mie ansie sparirono definitivamente e potei concentrarmi sul piacere che stava montando in me il leggero massaggio della lingua e il solleticare dello scroto mi fecero raggiungere una completa erezione.
Il piacere fu così intenso che provai la sensazione di svenire.

Mia sorella in pieno marasma erotico muovendo il capo in un movimento cadenzato iniziò a leccarmi e succhiarmi il cazzo mugolando ed ansimando senza ritegno, di riflesso le infilai dentro la vagina il dito medio stimolando le pareti uterine grondanti di umorie secrezioni.
Il suo corpo si contorse assumendo una posizione di attesa.

Ci ricoprimmo nuovamente di baci non c'era parte dei nostri corpi che non fosse stata toccata o esplorata rimaneva solo l'atto più importante la congiunzione carnale tanto desiderata ed immensamente voluta da entrambi.
Il mio cazzo premeva premeva contro la sua pancia con delicatezza, entrai dentro lei con paura e rispetto.
Nel violare quell'ingresso che sfatava il tabù dell'incesto era racchiusa tutta la passionalità e l'amore che provavo per Sara per un attimo rimanemmo immobili come a voler percepire le sensazioni che ognuno provava, poi assecondando un impulso naturale le pareti vaginali si schiusero permettendo la penetrazione prima con movimenti lenti e precisi, poi in seguito sempre più frenetici e cadenzati.
Mia sorella assecondando gli spasmi dell'utero cinse i miei reni con le sue gambe in una morsa ferrea.

Ad ogni mia spinta la sensazione che l'orgasmo fosse imminente mi portò ad emettere grugniti e versi che eccitarono moltissimo mia sorella. Ogni volta che sentivo avvicinarsi il godimento deceleravo bruscamente e ricominciavo a penetrarla lentamente con affondi più lievi e meno potenti quando poi percepivo un leggero calo di tensione e un suo rilassamento ricominciavo con colpi sempre più veloci ed affondi mirati ad aumentare la sua libido, il suo volto cambiava continuamente espressione e al rilassamento subentrava un piacere immenso che la faceva gemere spudoratamente, in questo gioco eccitatissimo ci stava di tutto dalle incitazioni a “sfondarla e romperle la figa” a frasi dolcissime per poi arrivare a parole che in altri momenti sarebbero state ritenute offensive.

Quando un mare di umori caldi provenienti dalla sua figa avvolse il mio cazzo capii che Sara aveva raggiunto l'orgasmo la sua bocca spalancata emetteva suoni gutturali che racchiudevano tutto il piacere che le stava esplodendo dentro, al limite dell'appagamento lo stesso orgasmo scaturii dai mie lombi cercai di eiaculare fuori dalla sua pancia ma lei mi trattenne spingendo il mio inguine contro il suo.
“No tesoro non uscire non ti preoccupare ”

Riversai dentro la sua pancia il mio seme....ed in quel momento capii che la nostra unione era completa.
Rimanemmo abbracciati sopra quel divano ancora per un poco la paura di venire scoperti da nostra madre condizionò quel momento che normalmente due persone che hanno fatto all'amore si concedono per gustarsi quegli attimi di riposo e tranquillità composto di tenerezze e dolcissime effusioni.
Con il passare dei mesi quel rapporto nato improvvisamente si trasformò in una relazione nascosta e ben coltivata basato sulla riservatezza e sulla certezza di un amore reciproco ma soprattutto nel comune desiderio di sentirci l'uno parte integrante dell'altra.

Questo racconto di è stato letto 2 2 3 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.