La vacanza in Toscana

Scritto da , il 2015-03-28, genere incesti

Mia madre affacciandosi al balcone mi chiese.
“Giuliano hai preso tu la borsa grigia”
“Si mamma l'ho caricata nel baule dell'auto”

Questa vacanza era capitata in un momento molto delicato, mia madre era tesa e nervosa, il pensiero di affrontare il viaggio per la Toscana e lasciare il negozio in mano alle commesse l'assillava.

E questo era solo un piccolo problema rispetto alla successione di eventi che si erano evoluti nell'arco di sei mesi da quando si era separata da mio padre lo stress accumulato l'avevano progressivamente spossata, i problemi derivati da quella situazione avevano creato uno stato di agitazione che indirettamente si era riversata anche su di me.

La guardai mentre scendeva le scale immedesimandomi in una persona che la vedeva per la prima volta e dedussi che dopo tutto a 39 anni se voleva poteva rifarsi una vita, tutto sommato era ancora una donna piacente con un corpo curato e sportivo che vestiva in modo sobrio e giovanile, bastava solo che lei per un momento dimenticasse le vicissitudini che mio padre le aveva procurato per ritornare a vivere un'esistenza regolare.

La toscana, esattamente la zona senese era la meta che io avevo scelto, ero sempre rimasto affascinato da questa regione ed avevo organizzato una specie di Tour che partiva da Montalcino fino ad arrivare a Sant' Antimo per poi visitare la zona Chiantigiana con visite alle cantine dei maestri vignaioli.
Nel descrivere ogni luogo con minuziosa precisione indussi mia madre a liberarsi del suo cattivo umore, il mio continuo ciarlare accompagnato da qualche parola dolce e da buffetti sulle guance avevano calmato la sua irrequietezza.

Arrivammo verso le due in un magnifico agriturismo nelle vicinanze di Buonconvento la signora alla reception ci accompagnò alle camere ed essendo in bassa stagione con una clientela ridotta
ci riservarono le stanze migliori, lo stile rustico e la ricercatezza dell'arte contadina davano una particolare luce a tutto l'ambiente.

“Giuliano guarda che magnifico panorama” Mi avvicinai a lei l'abbracciai e la baciai teneramente sulla fronte i nostri occhi s'incontrarono, i suoi erano di un azzurro intenso.

“Come sei bella” Le dissi con la più assoluta spontaneità.
“Grazie amore come sei dolce con la tua mamma”
“Giuliano ci facciamo dare le biciclette ed arriviamo fino al laghetto laggiù”
“OK mamma ...l'idea mi piace”
“Però prima mi cambio mi metto i jeans”
Feci per uscire dalla stanza.
“Dove vai tesoro”
“Mamma ti devi cambiare d'abito non vorrei....”
“Ma smettila sciocco non ti scandalizzerai se mi vedi in mutande”
“Noo!! Mamma pensavo che la cosa ti disturbasse”
“Ma figurati sono tua madre”
Con flemma lei si tolse la gonna e con cura la posò sul letto rimanendo in collant e mutandine, slacciò la camicetta e con il busto ricoperto dal solo reggiseno s'infilo un maglioncino nero a collo alto e di seguito un paio di jeans elasticizzati. Sebbene mi rendessi conto che si trattava di mia madre quella particolare situazione mi creò un certo turbamento.

Cercai di pensare ad altro per allontanare quelle riflessioni che un figlio non dovrebbe mai fare sulla propria genitrice, ma onestamente feci fatica ad allontanare l'immagine del suo corpo seminudo con il risultato di provocarmi un' iniziale erezione con un persistente dolore ai testicoli.

Con le biciclette scendemmo lungo un sentiero che ci portò direttamente al laghetto, la vidi felice come una ragazzina pedalare con foga con i capelli arruffati da un leggero venticello che si era alzato in quel momento.

“Abbiamo fatto bene a venire, mi sento bene e sono contenta”
Mi prese la mano e ci dirigemmo verso un piccolo pontile in legno, ci sedemmo ai bordi della struttura con le gambe a penzoloni sull'acqua.

“Che calma che c'è qui Giuliano” La sua mano mi accarezzò i capelli e ridendo disse
“Sarebbe ora di tagliarli”
Quella carezza per tutti innocente a me fece un altro effetto, mi sentii elettrizzato:
“Mamma ti va di parlare un poco?”
“Di cosa vuoi parlare tesoro”

Finsi di pensarci un poco sopra, ero curioso, volevo andare su argomenti personali della sua vita, volevo conoscere meglio mia madre, ma soprattutto saggiare fin dove potessi addentrarmi.

“Quanto ti manca papà”
“Mmmm...un argomentino leggero” e sorrise amaramente.
“All'inizio molto, ma ora ho capito che la soluzione migliore è stata questa, anche se dentro me ho tanta tantissima rabbia per il suo tradimento”
Pacatamente lei rispose a tutto ciò che le chiedevo....continuai su questa falsariga fino ad arrivare a quelle domande che lasciano perplessi e alle quali non sempre fa piacere rispondere.

“Mamma quant'è che non fai l'amore”
“Ma veram.. ma io.. Giuliano ma che domanda mi fai !!!!”
Farfuglio qualcosa borbottando, l'avevo messa in crisi.
“Ma dai mamma sono grande capisco....”.
“Ma io mi vergogno di parlare di queste cose con te”
“Dai mamma rispondimi sono curioso”
“Noo!! no no tesoro se permetti queste sono cose personali”
Si alzo e si diresse verso il fondo del pontile, la raggiunsi a mia volta e all'orecchio le sussurrai “Allora mamma non me lo vuoi proprio dire?”

Lei si girò verso me con il viso fra il serio e il divertito e sebbene si sforzasse di restare impassibile un abbozzo di sorriso si delineò ai margini della bocca.

“Se mi dici il perché con un senso logico, forse e dico forse te lo dico”

Era una domanda alla quale neppure io sapevo dare una risposta non si trattava di sola curiosità c'era un misto di eccitazione e sadico piacere nel sapere che altri uomini l'avevano posseduta.
Esattamente, le dissi le stesse cose che pochi attimi prima avevo pensato, non omettendo nulla compreso il malsano piacere che mi dava pensare che altre persone l'avevano scopata.

La sua reazione fu di vero stupore sgranò gli occhi dalla sorpresa.
”Giuliano sei un porco”

Mi ero eccitato nel sentirmi dire del maiale, mi era piaciuta la sua reazione ma forse ero stato troppo diretto nel dirle quello che mi passava per la testa avrei dovuto agire con più oculatezza, lei mi fissò intensamente poi prese la bici e si diresse verso l'agriturismo.

Le stanze erano comunicanti e dalla mia sentivo chiaramente che stava parlottando al telefono con Licia la sua amica Psicologa.
La sua voce era calma e decisa. Cercai di carpire qualche frammento del loro dialogo ma sentendo solo la voce di mia madre dovetti dedurre quello che le rispondeva la sua amica.

“Ma si Licia mi ha chiesto se ho mai scopato con altri uomini”
“Ma si..si.. cosa dovevo rispondergli secondo te....mi sono vergognata, ci mancava solo che mi chiedesse in che posizione l'ho fatto“ poi una risata soffocata concluse il dialogo.

Ecco...avevo avuto la mia risposta, non ero amareggiato anzi immaginavo che Licia l'avesse invitata ad essere più elastica con me, conoscendola come una donna molto disinvolta non mi sarei meravigliato che le avesse consigliato di aprirsi e di non nascondermi nulla.
Dopo le Otto sentii bussare alla mia porta era lei, vestita accuratamente e truccata con raffinatezza sembrava tutto fuori che una madre quarantenne.

“Giuliano andiamo a mangiare?”
Risposi affermativamente.
“Mamma andiamo a mangiare in paese voglio uscire.”
Azzardai questa proposta anche per allentare lo stato di tensione che si era creato nel pomeriggio.
Mia madre accettò.

Parcheggiammo l'auto in una via centrale e dopo una breve passeggiata per le vie dell'antico borgo ci fermammo in una tipica osteria toscana. Passammo due ore nella più assoluta armonia e tranquillità dimenticandoci le ultime incomprensioni, poi dopo aver cenato c'incamminammo senza fretta verso l'auto.

Rimasi sorpreso quando mia madre bloccandomi per un braccio mi fermò e disse.
“Ascolta Giuliano l'ho fatto”
”Fatto cosa?”
“Rispondo alla domanda che mi hai fatto oggi”
Mi sentii mancare il respiro, sapevo che il dialogo con Licia l'avrebbe portata ad aprirsi ma non pensavo cosi presto.

Camminammo muti fino all'auto, una volta seduti ci guardammo negli occhi, nella consapevolezza che le avrei rivolto altre domande imbarazzanti lei restò ferma in attesa.
“E dimmi mamma ti è piaciuto”
“Si mi è piaciuto”
“Ma l'hai fatto prima di lasciare papà?”
Ebbe un attimo di esitazione, la stavo mettendo in difficoltà mi rendevo conto quanto fosse per lei difficoltoso aprirsi totalmente, questo voleva dire mettere a nudo la sua vita privata i suoi segreti i desideri e le sue manie poi dopo un breve attino di silenzio disse.
“Si Giuliano l'ho fatto poco prima che ci separassimo io e papà passavamo un momento bruttissimo e cedetti”
“Con chi?”
“Con un fornitore era da tempo che mi faceva una corte spietata”
“Mamma ti ha sborrato dentro”
La vidi trasalire. “Ma come parli Giuliano"....Ma poi resasi conto che il dialogo a quel punto non avevrebbe avuto alcun senso interromperlo chinando il capo sussurrò.
"Si è venuto dentro di me”

Ero particolarmente eccitato avrei voluto saperne di più conoscere altri particolari ma non volli andare oltre, la vedevo indifesa e fragile allungai una mano e le feci una carezza istintivamente la baciai sulla guancia.

“Giuliano perché mi fai tutte queste domande”
“Mamma mi eccito moltissimo nel sentire queste cose.”
Lei rimase perplessa.
Ti eccita sapere che altri uomini mi hanno posseduta?”
“Si mamma moltissimo e sai il perché....perché sei tu che mi ecciti”
Dissi questa cosa con la più grande disinvoltura e semplicità, tanto che mia mamma questa volta neanche si arrabbiò e scoppiò in una fragorosa risata.
“Tu sei matto figlio mio....ma pensa te...lo eccito”

I giorni successivi passarono all'insegna del girovagare per i borghi e i luoghi caratteristici della zona del chianti, mia madre sembrava tranquilla ed allegra e riservammo il quinto giorno di soggiorno per un'escursione al castello Banfi di Montalcino.

La visita al castello fu interessante e decidemmo di prendere per il rientro una strada secondaria. Dopo diversi Km ci trovammo in una landa dove non vi erano case coloniche ne indicazioni solo la strada che proseguiva, con l'eccezione di un vecchio magazzino di attrezzi agricoli vicino ad un boschetto e un laghetto artificiale.

“Mamma scendiamo vorrei fare alcune foto”
“Ma non c'è nulla di bello da fotografare Giuliano”
“Ci sei tu dai mamma faccio alcune foto a te”
“Fammele bene”
Le scattai alcune pose in piedi ed altre da seduta.
“Mamma ne facciamo qualcuna osé”
“Coosaaaa!!”
“Ma si mamma...dai mamma ne facciamo qualcuna un poco svestita”
“Ma dai Giuliano smettila”
“Mamma ti ho già visto in mutande e reggiseno che differenza c'è dall'averti vista all'agriturismo e vederti qui”
La situazione era ridicola mia madre che le scappava da ridere cercando di rientrare in auto ed io che l'inseguivo bloccandole la strada e tutto questo avveniva nell'ilarità più completa.
Riuscii a bloccarla.
“Dai mamma ne facciamo solo qualcuna”
“Ma smettila, vorresti fotografarmi spogliata?”
E dopo una ventina di minuti di tira e molla finalmente riuscii a strapparle un si.
“OK... solo qualche foto e niente nudo....e se passa qualcuno?”
Ci spostammo dietro il magazzino al riparo dalla strada.
“Cosa devo fare”
“Togliti il maglioncino”
Rimase in reggiseno.
“Giuliano sono pazza a farmi vedere cosi da te”
“Brava mamma ora la gonna”
“Nooo.. la gonna no”
”Dai mamma solo qualche posa”
A fatica e borbottando si sfilò la gonna, rimanendo con i collant e le mutandine.
Gli scatti si susseguirono con velocità in rapida successione, la situazione era estremamente eccitante, la feci sedere sull'erba.
“Mamma allarga un poco le gambe”
“Allarga le gambe?....Ma non ci penso neanche”
Mi sedetti accanto a lei e cominciai una vera opera di convincimento, con tutta la mia diplomazia le assicurai che le foto mai nessuno le avrebbe viste e che sarebbe stato il nostro piccolo segreto.

Anche se lei rimarcava che si vergognava di farsi vedere da me senza vestiti per essere fotografata alla fine sembrò più disponibile e riuscii a farle togliere i collant e divaricare leggermente le gambe.

Indubbiamente lo spettacolo di mia madre senza abiti era coinvolgente ed eccitante, ma ora la mia libidine marciava di pari passo con la voglia di vederla nuda.

Dopo un ulteriore serie di scatti particolareggiati del suo corpo le feci la proposta di togliersi tutto.
"Nooo.... noooo... finiamola qui... su Giuliano sii ragionevole ti ho accontetato ma ora basta".
Mi chinai e la baciai con dolcezza sulle labbra.
“Forza mamma, dai il reggiseno e le mutandine”
"Ti ho detto di No!! basta!!...non voglio farmi fotografare nuda"

Continuai con maggior convinzione la mia opera di persuasione e solo dopo mezz'ora di carezze e suppliche le sue difese cominciarono a cedere.
Le accarezzai la schiena massaggiandola leggermente, poi velocemente sganciai il candido reggipetto di pizzo che scivolò dal suo busto cadendo a terra. Le sue mani si posizionarono a coppa sopra i seni con l'intento di coprirli.

Con garbo le presi le mani e le spostai. le mammelle si mostrarono in tutta la loro bellezza con delicatezza le baciai i capezzoli.
Lei seguiva ogni mia mossa consapevole che stavo passando un limite pericolosissimo, con gli occhi imploranti sussurrò.
“No per favore fermati figlio mio non voglio ti prego”
Ma la voglia e il pensiero di poterla gestire a mio piacimento era troppo radicata nella mia testa e le sue preghiere mi scivolarono addosso come acqua sopra i sassi senza lasciare alcuna remora in me.

Le mie mani artigliarono i candidi slip di pizzo e li fecero scivolare lungo le gambe, annusai voluttuosamente la stoffa aspirando gli aromi di sesso che traspiravano dal bianco indumento.

Lei cercò di opporsi stringendo le cosce e definendo una pazzia quello che volevo farle ma la libidine aveva raggiunto il livello massimo, la volevo ora non si trattava più di fotografarla, volevo possederla, volevo entrare dentro lei, volevo chiavarla.

Le mie labbra si posarono sulle sue e la mia mano s'incuneò fra le sue gambe forzando l'ingresso della vulva lei sgranò gli occhi e sussurrò.
“Mio dio Giuliano cosa mi fai”
A quel punto non tentò neanche di opporsi era consapevole che avevo raggiunto un punto di non ritorno, lasciò che le aprissi le gambe per meglio posizionarmi. Nel frattempo mi ero liberato dei jeans e dei boxer. Il mio pene senza alcuna fatica trovò la strada per infilarsi dentro la pancia di mia madre forzando l'ingresso e violando le calde pareti dell'utero. Il mio cazzo entrò fino alla radice provocandomi qualche fitta per la mancanza di una lubrificazione adeguata.

La mia bocca nel frattempo cominciò a baciarle i seni succhiando e mordicchiando i capezzoli lasciandole dei succhiotti visibili sulle candide coppe. La passera di mia mamma cominciò a secernere liquido vaginale facilitando il movimento del pene dentro lei, la guardai in volto i suoi occhi erano chiusi e il suo respiro era diventato più rapido e pesante. I colpi dei miei lombi la scuotevano tutta al punto che si avvinghiò ai miei reni con le gambe. Stavo vivendo un sogno insperato lei era mia e non doveva essere più di nessun altro uomo, il desiderio di rientrare nella pancia che mi aveva partorito si era realizzato. Le mie labbra si posarono sulle sue e la mia lingua non trovò difficoltà ad entrare in simbiosi con la sua attorcigliandosi in un balletto forsennato.

I tonfi cupi e sordi dei nostri inguini che sbattevano l'uno contro l'altro seguendo la cadenza dell'amplesso erano la colonna sonora più dolce e desiderabile che potessi sentire.

“Più piano Giuliano fai più piano non voglio venire subito”
Queste parole mi fecero impazzire dalla gioia lei stava godendo con me...con suo figlio.
“Mamma ti amo”
Lei sorrise ed aggiunse.
“Se vuoi puoi venirmi dentro tesoro non c'è problema”
“Bravo…così sii!!...ora più forte tesoro...Accidenti figlio mio che piacere mi dai... si bravo scopamiiiii...riempimi di sborra."
Mi incitava a possederla con più veemenza. Era tesa ed eccitata...esaudii la sua richiesta penetrandole il ventre con maggior intensità. La guardai negli occhi e mi sorrise.
Poi mi irrigidii e iniziai ad eiaculare per un tempo che mi sembrò infinito.
“Resta dentro me ancora un po’” mi sussurrò all'orecchio. La baciai.
Ritornammo all'agriturismo sul tardi e per i due rimanenti giorni ci scambiammo solo qualche bacio e qualche coccola, lasciando alle mura domestiche il compito di difendere la nostra intimità di un rapporto dolcissimo e intenso sempre più bello e sempre più incestuoso.

Questo racconto di è stato letto 3 0 2 9 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.