Che bello scopare la madre e la sorella (2 parte)

Scritto da , il 2014-06-03, genere incesti

Il sole era tramontato lasciando il posto alle le luci della sera, i lampioncini automatici del giardino rischiararono fiocamente la stradina che conduceva alla porta di casa, il mio passo veloce si fermò quando da dietro la voce di mia madre mi chiamò:
“Marco aspettaci”
Istintivamente mi fermai, mi voltai, mia mamma in compagnia di Lisa stavano sopraggiungendo di ritorno dal lavoro le guardai erano allegre entrambe belle e felici sembravano più due sorelle che madre e figlia, nel vederle assieme un pensiero sconcio e godereccio nella mia mente mi fece sorridere.
Fui preso sottobraccio da entrambe:
“Fratellino stasera io e la mamma dobbiamo uscire perciò per mangiare ti devi arrangiare”

La cosa sul momento mi suonò male ma feci finta di nulla, nella mia testa il fatto che uscissero insieme mi riportava alla mente certi discorsi fatti da Lisa con situazioni discutibili e non proprio gratificanti specialmente per mia madre.
Entrando in casa mia sorella mi bloccò e mentre mia mamma andava in cucina sussurrò:
“Marco debbo parlarti”

Accennai con un cenno del capo che avevo capito...entrai nella mia stanza seguito a breve da Lisa, appena fummo soli lei si avvicinò e mi baciò con foga, la sua lingua s'intrecciò con la mia e le sue mani cominciarono a toccarmi tutto il corpo tutto questo avvenne in una frazione di tempo breve però sufficiente a farmi avere un'erezione poderosa, risposi alle sue bramosie baciandola e spogliandola con la chiara intenzione di lasciarla nuda, cristo come mi eccitava il corpo di mia sorella......

La voce di mia madre ci chiamò ed interruppe questo momento dolce e delicato fu allora che il mio pensiero si cristallizzò sul fatto che loro due sarebbero uscite insieme per andare dove?... con chi?... a fare cosa?... questa idea mi assillò miscelando gelosia e rabbia in egual misura.

A quel punto chiesi a Lisa alcune delucidazione sulla serata che avrebbero dovuto trascorrere insieme lei e mia madre
“Ascolta fratellino stasera io e la mamma usciamo perché dobbiamo incontrare delle persone che ci possono aiutare ad avere alcune griffe importanti per il magazzino, perciò dobbiamo essere gentili e carine con loro”.

La terminologia usata da Lisa mi lascio alquanto perplesso in particolar modo “Quel dobbiamo essere gentili e carine non mi piacque molto” c'era un qualcosa che sapeva di scambio di piaceri e potevo immaginare cosa avrebbero potuto volere da mia mamma e mia sorella queste persone, cercai di essere il meno invadente possibile ma mentre Lisa faceva il bagno, mi recai nella stanza di mia madre e chissà perché non mi sorpresi nel vederla agghindata con calze reggicalze e altri accessori che non facevano parte della routine quotidiana.

Mentre stava tentando di entrare in un vestito aderentissimo, le chiesi:
“Mamma Lisa mi ha detto di stasera.... ma per un incontro di lavoro tu e Lisa vi preparate cosi accuratamente indossando vestiti e biancheria cosi particolare?”

La guardai con aria triste e indagatrice, attesi una sua risposta....lei ebbe un attimo di esitazione e forse per vergogna oppure perché probabilmente aveva capito i pensieri che mi frullavano in testa rispose:
“Scusa Marco non debbo darti spiegazioni...vorrei vestirmi, lasciami sola”

Ero deluso ed amareggiato me ne andai nella mia stanza, chiusi a chiave la porta e mi immersi nei miei pensieri.
Quella notte non presi sonno facilmente e quando verso le due le sentii rientrare la mia rabbia e il mio sdegno era pari alla loro sfacciataggine dal momento che bussarono alla porta per darmi la buonanotte.

La mattina seguente la voce di Lisa mi svegliò...la sua insistenza nel volermi parlare mi convinse e la feci entrare in camera mia, con un sorriso appena accennato disse:

“Dai fratellino non t'incazzare l'uscita di ieri sera è stata per lavoro, poi io sono stata brava la mamma un po meno, ma io sono stata veramente brava”
incuriosito le chiesi:
“Cosa vuol dire che la mamma un po meno?”

“Ma cosa t'interessa della mamma?....Lei fa la sua vita se le va di andare con un uomo o più uomini sono fatti suoi....... bhe!! se lo vuoi proprio sapere si è fatta scopare e mi ha detto che l'hanno anche inculata”

Ascolta fratellino stasera da momento che è sabato vado a ballare con le miei amici se vuoi....poi venire con me... e ricordati che è un privilegio passare una serata con me.

Le risposi:
“OK ci penserò”

Durante il giorno io e mia madre c'incrociammo diverse volte e dal momento che era rimasta a casa per registrare i conti trimestrali del magazzino pranzammo assieme...la sua voglia di cominciare un dialogo fra noi risultò difficoltosa dal mio comportamento sbrigativo e frettoloso limitato nel linguaggio alle parole Si...No...Forse...

Conoscendo mia madre sapevo che a un certo punto avrebbe preso in mano la situazione, cosa che puntualmente avvenne e mentre mi allenavo con la cyclette nella piccola palestra di casa mi bloccò e disse:

“Ascolta Marco ora fermati ed ascoltami, vorrei sapere perché ce lai con me, cosa ti ho fatto? Sei arrabbiato perché ieri sera mi sono messa calze e reggicalze, oppure perché ho indossato quel vestito appariscente che a te non piace fammi capire?

La fissai negli occhi e con risentimento le dissi:
“No mamma sono deluso perché ieri sera ti sei prostituita per avere alcune griffe per il nostro magazzino, ed anche perché ti sei fatta inculare da più uomini”

Mia madre sbiancò in volto e mi mollò un forte ceffone che mi fece rintronare la testa, poi sibilando fra i denti aggiunse:
“Lisa sei una grandissima stronza ma te la faccio pagare accidenti se te la faccio pagare”

Mi sedetti sul divano del soggiorno frastornato ripensando a quello che avevo fatto mettendo in mezzo senza volere anche mia sorella, questo non mi piaceva affatto, vidi mia madre uscire frettolosamente e immaginando dove sarebbe andata chiamai Lisa e la misi al corrente di quello che era accaduto lei rimase un attimo titubante poi aggiunse:

Va bene fratellino non ti preoccupare ci penso io stai tranquillo, tui preparati ad uscire con me perché mi sa tanto che stasera tirerà una brutta aria in casa nostra.

Come previsto da Lisa la tensione regnava fra le mura domestiche, mia madre al rientro dalla sua missione di chiarimenti con mia sorella sembrava più nervosa che mai....evitai ogni contatto con la mia genitrice ed attesi il rientro di mia sorella con impazienza, mi ero già preparato ed ero pronto ad uscire con lei.

Avevamo lasciato casa nostra da diversi minuti e solo sulla Peugeot 107 di mia sorella mi liberai dallo stress delle ultime ore.... mi rilassai la voce calma e pacata di Lisa mi diede una sensazione di tranquillità e di benessere... le accarezzai il volto e di ritorno lei mi baciò la mano.

Cenammo in pizzeria, poi le proposi di modificare i programmi per la serata mia sorella mi chiese:
“Marco allora cosa vorresti fare?”
“Ascolta Lisa facciamo come avevi pensato tu andiamo a ballare.... poi invece di tornare a casa passiamo la notte in albergo”

Mia sorella ne fu subito entusiasta ed approvò in pieno la mia idea:
“Ok fratellino ci speravo che prima o poi tu mi facessi una proposta del genere è da parecchio tempo che io e te non facciamo più nulla”

Il paradiso era una discoteca molto conosciuta sulla costa ed era il ritrovo degli amici di mia sorella verso le undici e trenta entrammo, fu subito chiaro che Lisa faceva parte di quell'elite di persone che quando entrano in un locale attirano su di se l'attenzione dei maschi

Fui presentato alle sue amiche e mi trovai subito al centro della loro attenzione il fatto che fossi un bel ragazzo agevolava il mio compito e rimasi sorpreso dalla disponibilità di alcune di loro conoscendo Lisa la cosa non le avrebbe fatto sicuramente piacere ma notai in quel momento che era piuttosto impegnata a gestire una situazione non molto chiara con il suo ex, non volli intromettermi ma m'innervosii alquanto quando si baciarono a pochi metri da me.

Lisa si sedette accanto a me e con aria liberatoria disse:
“Finalmente se ne andato non lo sopporto più ho dovuto baciarlo per liberarmene”

Il mio sguardo corse alle sue gambe erano molto belle velate dal nylon delle calze e mi rammentai la prima volta che scopammo, le paure iniziali, la paura di Lisa di rimanere incinta il godimento incredibile che provai nello sborrare sul suo ventre, la sensazione sublime di aver violato un tabù che ci era stato inculcato dalla prima infanzia.

La guardai e libero da inibizioni la baciai sulla bocca, mi aspettavo una netta disapprovazione da parte sua ma invece accade l'incontra-rio non solo rispose al mio bacio ma la sua mano si poso sul mio pene, le sue amiche non sembrarono per nulla colpite da quello che stava accadendo anzi alcune di loro accennarono con parole di approvazione la nostra performance, ne rimasi colpito e sorpreso e rivolto a Lisa sorridendo chiesi:

“Lisa ma loro non sono.........”
“Fratellino ma cosa pensi che solo noi scopiamo in famiglia, qua ci sono minimo altre due mie amiche che hanno rapporti con il fratello...svegliati Marco”

Verso le quattro di mattina uscimmo dal locale Lisa era piuttosto alticcia perciò mi misi io alla guida raggiungemmo il motel che avevamo prenotato la sera precedente era un posto singolare di una nota catena alberghiera dove tu entravi e parcheggiavi davanti al tuo mini appartamento senza dover passare dall'accettazione perché ti veniva consegnato un Pass per aprire il cancello e per accedere al tuo alloggio.

A fatica la sollevai e dopo varie peripezie riusci a stenderla sul letto....era veramente bella mia sorella cosi indifesa e vulnerabile era una provocazione, con una mano le sollevai lentamente la gonna centimetro per centimetro scoprendo le se gambe velate un poco alla volta, avvicinai il mio volto alle sue cosce il fruscio della stoffa sul nylon dei collant mi eccitava tremendamente la sua pelle emanava un profumo di femmina ed un calore erotico senza pari la mia mano si posò sulla morbida carne..... mia sorella si sveglio da quel leggero torpore derivato dall'alcool e disse:
“Si Marco mi piace quello che mi fai chiavami voglio che tu mi chiavi”

La mia perlustrazione continuò senza intoppi le avevo fatto risalire la gonna oltre la vita le cosce confluivano in un piccolo promontorio “il monte di venere” avvicinai il naso per godermi l'odore del sesso di mia sorella la sensazione che provai fu sublime e altamente erotica il suo profumo di femmina aveva impregnato le mutandine e i collant preso da un raptus di voglie insane presi i bordi del collant e lo strappai all'altezza dell'inguine, provai un piacere immenso nel sentire lo strappo del nylon la candida pelle di Lisa apparve improvvisamente...... il mio volto si gettò sul suo inguine e comincia i a leccarle la morbida carne la mia bocca lasciò succhiotti sulla pancia istintivamente Lisa apri le gambe a compasso le mie mani artigliarono il candido slip di satin e lo lacerarono in più punti, stavo godendo di questa mia mania di lacerare, strappare, gli indumenti di mia sorella e mi accorsi che anche lei ne provava godimento:
“Marco mi sembra di essere violentata.....cazzo!! mi piace dai fratellino strappami anche il reggiseno"

Non me lo feci ripetere due volte ed anche quell'indumento fece la stessa fine degli slip.....

"Fratellino sei proprio un sadico maiale e io sono una lurida vacca che godo al pensiero di essere stuprata..... ah!!! tesorino guarda che ancora non piglio la pillola perciò se mi verrai dentro …..Bhe!! hai capito”

Nella mia libidine sfrenata volli che Lisa prendesse in bocca il mio pene, la posizionai nel modo migliore per ricevere in gola il mio attrezzo, riuscii senza difficoltà nel mio intento mia sorella non mi deluse, sebbene ancora leggermente frastornata comincio a leccarmi la cappella, poi con un movimento continuo ondulatorio e cadenzato mi procurò sensazioni eccelse.... il mio pene era al massimo dell'erezione la sapiente arte della stimolazione orale mi porto alla soglia dell'eiaculazione e con difficoltà riusci ad allontanare il viso di mia sorella dal mio pene.

Le fui sopra la liberai dei vestiti rimasti e immersi il mio cazzo dentro la figa di Lisa, le sue parole passarono dal dolce al volgare nel breve attimo di un alito di vento.... da unico amore a stronzo, maiale, sventrami.. godeva come una troia del nostro particolare rapporto, lo viveva come una cosa sua, vietata, di conseguenza ne gioiva di questa circostanza incestuosa al punto di non vergognarsi e di voler completare la nostra unione con un rapporto senza protezioni misura drastica, ma che in fondo piaceva anche a me...... eravamo veramente fatti l'uno per l'altra.

Il mio pene dentro la sua passera scorreva agevolmente l'enorme quantità di lubrificazione naturale emessa dalla sua vagina facilitava il nostro amplesso, sapevo i rischi che stavamo correndo in un rapporto senza difese, amavo mia sorella la desideravo immensamente e in particolari momenti vederla incinta con il pancione mi eccitava da morire ma il pensiero di una sua gravidanza mi faceva vivere in uno stato di tensione enorme.....i mie colpi diventarono sempre più veloci ed ossessivi.... la lussuria di Lisa non si limitava più solo a gemiti ma a veri e propri urli di piacere, era come una bestia in calore, il suo viso era tirato i muscoli del suo corpo tesi come corde di violino....era all'apice del godimento .

La sua voce m'incitava a sfondarla, a riempirla di sborra, pur non volendo seguire il suo volere nel momento cruciale invece di uscire velocemente dalla sua pancia spinsi fino alla radice il mio pene lo immersi in tutta la sua lunghezza nelle sue viscere e schizzai dentro il suo utero tutta l'essenza della vita, urlai di piacere non avevo mai goduto nella mia vita come quella volta.... riempire di seme mia sorella era il massimo della soddisfazione una gioia unica, sentire la sua calda vagina aspirare ogni goccia della mia essenza mi inebriò al punto di sentirmi ubriaco, ebbro di felicità.

Ci guardammo in volto per un periodo interminabile baciandoci ed accarezzandoci poi con estrema dolcezza con infinito amore, la sua mano arginò la fuoriuscita di sperma dalla vagina usando gli slip ormai inservibili come tampone, mi sorrise e candidamente disse:

"Ora aspettiamo Marco, se mi hai messo incinta non so come risolveremo questa situazione, comunque penso che ci sarà da ridere a raccontarlo alla mamma"

Ora dopo che la frittata era capitata... ero preoccupato molto preoccupato sapevo che Lisa desiderava questo ma io non ero molto sicuro di volerlo....

La mattina seguente, il cellulare di Lisa squillò per moltissime volte le telefonate si accavallarono fra loro quelle dei suoi amici e quelle di mia madre, selezionò le chiamate rispondendo prima a nostra madre che preoccupata chiedeva informazioni di dove fossimo finiti, poi raccontò alla sua migliore amica quello che era successo descrivendo i particolari molto dettagliatamente, in quell'occasione la cosa m'infastidii la sensazione di essere stato usato mi risuonò in testa.... non ne fui affatto contento, avrei voluto farlo presente a mia sorella ma non feci in tempo.....si alzò velocemente dal letto e corse in bagno a vomitare.... fu cosi per tutta la mattinata....demmo colpa alla colazione probabilmente al latte avariato sperando si trattasse di questo.......ma un ragionevole dubbio ci accompagnò per il resto della giornata........

Questo racconto di è stato letto 2 5 5 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.