Una mamma in aiuto

Scritto da , il 2014-03-13, genere incesti

Mia moglie e il piccolo Alessandro erano già rientrati a Rimini da ore con l'auto di mio suocero.

Nonostante le buone intenzioni di finire il lavoro sul tetto della casa in collina dentro un tempo accettabile alcuni imprevisti m'impedirono di rispettare l'orario preventivato.

Con il cellulare avvisai Serena dei problemi sorti e della decisione di fermarmi per la notte onde evitare un viaggio il giorno dopo.

Come purtroppo succedeva negli ultimi tempi tutto questo fu la classica molla che fece scattare l'ennesima discussione fra noi dai toni piuttosto vivaci, i nostri rapporti ultimamente erano diventati piuttosto tesi e nervosi bastava un nonnulla per rovesciarci colpe e insulti velenosi.

Mi gettai sul vecchio divano distrutto con il pensiero rivolto a mia moglie, alle sue sfuriate alla sua insensibilità , alla sua mancanza di buonsenso nel vedere le cose con senso razionale, quando la sensazione di vuoto che stavo provando mi fece star male il mio sistema nervoso ormai minato da mesi di litigi e discussioni si ribellava a questa situazione.

Mi preparai da mangiare e dopo aver cenato mi appisolai colto dalla stanchezza e dalla tensione sul vecchio divano del soggiorno. Il rumore di un auto dentro l'aia di casa mi distolse dal torpore in cui ero caduto, mi alzai e mi portai sull'uscio di casa. Una figura inaspettata e famigliare rallegrò il mio morale fiaccato dalle vicissitudini famigliari.
"Ciao mamma cosa ci fai qua?"

Sorridendo affettuosamente rispose:
"Ciao tesoro........ Giuliano ho purtroppo assistito alla discussione fra te e Serena, mi trovavo in quel momento a casa vostra e mi dispiace veramente per quello che è successo....ma da diverso tempo vedo che c'è qualcosa non va fra di voi e mi sono chiesta se tu avessi voglia di parlarne di fare quattro chiacchiere?"

"Mamma ti ringrazio e sono felice che tu sia qui?"

L'abbracciai e la strinsi forte a me, mia madre era una bella donna di 49 anni dal fisico aggraziato ed attraente, era vedova otto anni e nonostante la sua vita di avvocato l'avesse portata ad avere continui contatti con molte persone non aveva mai trovato il tempo da dedicare a se stessa, alla ricerca di un uomo con cui instaurare un rapporto continuativo.

La percezione di sicurezza che mia mamma riusciva ad infondermi mi permise di liberare le mie amarezze e di sfogare tutto il risentimento che provavo in quel momento per Serena, svuotando il mio corpo dalla rabbia e dalla tensione accumulata nelle ore precedenti e mettendo a nudo tutta la delusione per una persona che una volta avevo amato alla follia.

Le sue parole calibrate e finalizzate a ristabilire la mia tranquillità riequilibrarono il mio umore portandolo ad un livello accettabile. Amorevolmente guardai l'ovale perfetto del suo viso dai lineamenti signorili incorniciato da una cascata di capelli biondi, rimanendone affascinato dall'immagine che mi trovavo davanti, avevo sempre considerato mia mamma come un'icona di sacro d'inviolabile la figura guida della mia vita. I miei occhi ora vedevano quella di una donna ancora giovanile dai tratti delicati, dalle forme armoniose e gentili, la cui età non rispecchiava minimamente quello che la realtà anagrafica diceva.

"Mamma perchè stasera non ti fermi qui?"

Lei ci pensò un poco sopra e disse:
"Si amore mi farebbe piacere, dunque vediamo.... domani avrei un udienza alle dieci....se vado via di qui alle otto.... passo allo studio poi si!! si può fare tesoro?."

Ero felice della sua decisione la vecchia casa in collina non disponeva di molte comodità ma dava un senso di tranquillità d'intimità di sano benessere al punto che istintivamente mi avvicinai a lei e la baciai sulla guancia. Mia mamma non ne fu sorpresa di questa mia effusione guardandomi negli occhi disse:

"Ti ricordi Giuliano quando eri piccolino che volevi baciarmi sempre sulla bocca perchè lo faceva anche papà"

Sorrisi, e mi tornarono alla mente momenti dolci e delicati, momenti lontani sbiaditi ma incancellabili e mentre le mie mani stringevano le sue, mia madre ruppe quel momento magico con una frase che ebbe del clamoroso.

"Ascolta Giuliano sono le nove di sera ormai quella STRONZA di tua moglie non ti chiama più perchè non usciamo ed andiamo in paese"

Rimasi sorpreso...mia madre aveva detto della stronza a Serena una parola che mai avevo sentito uscire dalla sua bocca la guardai e ridendo aggiunsi:

"Aggiungerei anche scema dal momento che non si rende conto di quello che rischia di perdere"

Il paese non dava particolari stimoli l'unico ritrovo era il bar di Lauro punto di aggregazione di uomini e donne del paese e anche sede dell'unico partito politico presente in paese.

Entrando io e mia madre divenimmo oggetto di commenti sussurrati a bassa voce, il proprietario conoscendo mia madre ci venne incontro salutandoci facendo interrompere d'incanto il leggero brusio che ci aveva accompagnato fin dal nostro ingresso, cosi potemmo consumare senza sentirci osservati e discussi.

La breve passeggiata per le viuzze semibuie e deserte del piccolo borgo in compagnia della persona che più amavo in quel momento fu la conclusione di un pomeriggio da cancellare. Ogni traccia della brutta litigata avuta con Serena poche ore prima sembrava svanita nel nulla, la vicinanza di mia madre risultò importante e salutare, istintivamente la strinsi a me e sentii una voglia irrefrenabile di baciarla avvicinai il mio volto al suo e le mie labbra sfiorarono le sue.

Lei con voce allarmata appena sussurrata disse:

"Giuliano cosa vuoi fare?"
" Mamma non dire nulla ti prego"

La baciai....il suo respiro accelerato fu scosso da un leggero fremito...... quando le mie mani sfiorarono il suo seno s'irrigidì e si distaccò da me.

"No!! Giuliano no!"

La posizione in cui si trovava non le permetteva di avere particolari vie di fuga.

"Giuliano ti preg........"

Non la lasciai finire riavvicinai nuovamente le mie labbra alle sue.
La sua bocca curatissima emanava un profumo di fragola mia madre con gli occhi socchiusi prima ricusi il bacio, poi inaspettatamente posizionò la sua mano dietro la mia nuca guidandomi in quel fatato momento.

Questi attimi dolcissimi furono interrotti dal vociare di alcune persone che si avvicinavano da una stradina laterale e che comunque ci diedero il tempo di ricomporci e fingere di ritornare dalla nostra passeggiata serale.

I ragazzi che incontrammo ci salutarono educatamente riconoscendo in mia madre la " Signora Avvocato" e con calma percorremmo i cento metri che ancora ci separavano per raggiungere l'autovettura parcheggiata nella piazzetta del paese.

La distanza che separava la casa dal bar era irrisoria, ma in quel frangente una serie di episodi cambiarono il corso di quella serata, volutamente appoggiai la mano libera dalla guida sulla sua gamba lei mi guardò e non disse nulla accettando questa mia provocazione, e per un attimo la sensazione che provai fu che le piacesse questa mia avance, solo dopo che trovai il coraggio d'infilare la mano sotto la gonna spaziando fra le sue cosce il suo corpo sembrò irrigidirsi come percorso da una scarica elettrica.

Lei serrò con forza le gambe impedendomi di arrivare in determinate zone e il suo volto assunse un colore paonazzo dalla vergogna.

La sua voce divenne implorante:
"Ti prego, ti scongiuro Giuliano fermati sono tua madre ma sono anche una donna, figlio mio stai per oltrepassare una linea pericolosissima"

Fermai l'auto nell'aia del casolare la guardai illuminata dal lampioncino esterno e constatai quanto fosse bella, la tenue luce rischiarava una figura esile vestita elegantemente con un grazioso tailleur griffato le gambe snelle e nervose coperte dalle calze scure accompagnate da un paio di scarpe dal tacco altissimo le davano un aspetto da donna navigata e vissuta, più che di una madre di un uomo venticinquenne.

Un brivido percorse la mia schiena il solo pensiero di averla per me mi dava sensazioni uniche e inimmaginabili mentre mi avvicinavo i suoi occhi appena segnati da un trucco leggero seguivano incuriositi i miei movimenti.
"Mamma vieni entriamo in casa"

"Giuliano ho paura di quello che potrebbe succedere, forse e meglio che io ritorni a casa mia"

"Perché? Mamma sono tuo figlio non voglio farti del male ti voglio bene, su dai vieni dentro"

Dopo parecchie insistenze lei abrogò l'idea di fare ritorno nella sua casa di Rimini e ci sedemmo a parlarne sul divano.

La sua voce era emozionata ed insicura.
"Ascolta tesoro capisco il momento particolare che stai provando e so che la scema non ti sta certo aiutando però non credo che que........"

Non la lasciai finire la carezza che le feci la lasciò senza parole con la bocca spalancata.....la sua camicetta in un tempo infinitesimale fu aperta e la mia mano s'infilò dentro le coppe del candido reggiseno. La sentì solo dire:
"Ecco la mia paura.... è quella di finire a letto con te"

Con mossa rapida sganciai il bianco indumento liberando il suo seno da costrizioni ed impedimenti che ne svalutavano la sua portata. Le grandi mammelle dalle scure aureole facevano da contraltare al suo fisico snello ed esile, rivelandosi piacevolmente allettanti per la mia bocca.

Le mie labbra vi si posarono sopra leccando succhiando e mordicchiando questa parte anatomica insospettabilmente soda, le mie dita titillarono i bottoncini rosati dei capezzoli fino a farli diventare turgidi e raggrinziti.

Dentro me stava montando una forte eccitazione al punto che i testicoli cominciarono a dolermi il solo pensiero che stanotte avrei potuto avere mia madre mi faceva impazzire.

Il blocco che inizialmente aveva traumatizzato mia madre stava scomparendo e sebbene il suo apporto a questa situazione fosse marginale alcuni gemiti di piacere mi fecero capire che non era del tutto indifferente allo sviluppo di questa strana situazione, le mie labbra incontrarono le sue e questa volta non ci fu bisogno di forzature le nostre lingue s'intrecciarono subito mia madre era veramente deliziosa sciolsi i suoi capelli raccolti in una treccia e fermati con un semplice elastico lasciandoli liberi e fluenti.

La mano che prima aveva spaziato sotto la sua gonna intraprese nuovamente il suo cammino senza trovare questa volta impedimenti.

Mia madre distaccò la bocca dalla mia e disse:
"Giuliano allora sei proprio intenzionato a scoparmi, guarda figlio mio che non sai a cosa vai incontro io sono una donna focosa e gelosa"

Con delicatezza la distesi sul letto e con infinita lentezza le sollevai la gonna fino alla vita, Lei mi lasciò fare continuando a fissarmi intensamente negli occhi lo spettacolo che mi si parò davanti mi lasciò senza fiato le belle gambe di mia madre ricoperte dal nylon dei collant e dalle candide mutandine mi fecero avere un erezione improvvisa e considerevole, la mia mano si appoggio sul sesso di madre e con un dito percorsi il dolce avvallamento che separava le due labbra della figa.

Ora fui io a fissare mia madre e vidi che aveva socchiuso gli occhi le sue labbra erano diventate una leggera fessura e man mano che la pressione aumentava sul dolce incavo della vulva il suo respiro diventava affannoso e veloce..... stavo masturbando mia madre..... si!!! la stavo toccando il solo pensiero di questa azione mi fece quasi venire dal piacere.

Se nel pomeriggio qualcuno mi avesse detto che alla sera mi sarei trovato con i genitali di mia madre fra le mani lo avrei preso sicuramente per pazzo. Gettai il mio volto sul suo inguine ed aspirai profondamente.

"Giuliano per piacere non stare tra le mie gambe non mi sono lavata da diverse ore perciò vedi tu... Lei non s'immaginava che questa mia forte voglia di aspirarne i profumi e gli aromi che le mutandine e i collant avevano raccolto essendo a diretto contatto con la sua vagina mi davano un piacere enorme e una brama sfrenata. "
"Mamma guarda che mi piace l'odore che hai tra le gambe mi eccita moltissimo "

"Giuliano sei un maiale" e rise.

Ma la sua risata durò poco notai un poco di apprensione quando feci scorrere verso il basso le calze e le mutandine guardando il ciuffetto curato di peli scuri dissi:

"Mamma ma allora non sei bionda naturale"

La mia sortita ebbe un effetto rilassante sia per alleggerire la leggera tensione che si era creata che per la convinzione che mia madre fosse realmente bionda.

La mia lingua entro dentro la fessura che mi aveva partorito e mia madre comincio a gemere prima con sussurri quasi impercettibili poi con urletti sempre più marcati fino ad emettere un suono continuo e roco accompagnato da sospiri profondi, la mia lingua percorse ogni anfratto ogni centimetro del canale vaginale e in breve tempo la mia bocca si riempi di umori che lei secerneva in abbondanza. Stava godendo la troia.

Il clitoride fu oggetto di una particolare attenzione da parte mia, titillato e stimolato in continuazione assunse la forma di un minuscolo pene, il suo piacere oltre che dalle frasi sconnesse e smozzicate s'intuiva anche dalla particolari posizioni che il suo corpo stava assumendo s'inarcava scosso da tremiti, le sue gambe spalante e la muscolatura tesa e nervosa facevano intuire quando piacere provava in quel momento.

Per un attimo interruppi quello che stavo facendo e rivolto a lei eccitato volli esprimerle tutto il mio affetto e il bene che sentivo per lei.

"Mamma ti amo"

Lei mi guardo amorosamente e rispose "

"Giuliano sei dolce, e mi bacio appassionatamente."

Mai avrei immaginato che in una serata tanto anonima e insignificante avrei avuto il privilegio di prendere il corpo di mia madre e farlo mio, in quel momento mia moglie non esisteva minimamente ero li con la donna che mi aveva generato con il doppio della mia età in quel grande letto nuda e disponibile..... provai una sensazione di potere immenso mi sentivo soddisfatto ed invincibile.

"Mamma voglio entrare dentro te"

Le sussurrai con voce emozionata, stavo per avere un incesto con mia madre stavo violando un Tabù e ne ero felice.

Lei prese il mio cazzo con una mano e l'indirizzò all'imboccatura della sua figa, mentre faceva questo i suoi occhi azzurri fissarono in continuazione i miei, e solo quando fui entrato completamente dentro la sua pancia lei li chiuse emettendo un sospiro interminabile.

Cominciai a muovermi su e giù dentro il suo utero prima delicatamente poi sempre più rapidamente con una ritmo regolare aumentando l'intensità dei miei colpi un po per volta, il suo corpo era come un fuscello si arcuava e si contorceva dal piacere emettendo un rumore sordo e cupo ogni qualvolta i nostri inguini si toccavano duramente.

Mai avevo avvertito un senso di benessere cosi elevato nemmeno con mia moglie avevo avuto la percezione di piacere totale che stavo provando in quel momento le sensazioni che mia madre mi faceva sentire in quell'istante erano sublimi e indescrivibili la sua figa era calda ed aspirava il mio cazzo risucchiandolo con contrazioni delicate ma stimolanti, si avvertiva un'impressione di svuotamento totale della libidine dal mio corpo un godimento immenso fino allo sfinimento delle mie forze.

Per diverse volte fui sul punto di espellere il mio seme ma riuscii sempre a bloccare questo stimolo ma il piacere non poteva più essere rimandato e lo dissi chiaramente a mia madre con voce infervorata.

"Mamma non ci sono problemi se io..."

"No tesoro non c'è alcun problema vienimi pure tranquillamente dentro riempimi di sborra"

Rispose lei con voce sibilante

Riversai dentro la pancia di mia mamma un interminabile quantità di sperma il mio urlo di godimento coincise con il suo, avevamo raggiunto l'apice del piacere simultaneamente e sfiniti uno accanto all'altro ci baciammo con passione.

Con i suoi slip la fuoriuscita di sperma dalla sua vagina mi piaceva guardare il suo corpo nudo con la bocca percorsi la sua pelle passando dalle cosce alla vagina, all'ombelico, per poi arrivare al seno ed infine alle morbide labbra, ci guardammo e sebbene spossato mi sentì pronto a ricominciare lo feci presente a mia madre e lei ridendo disse:

"Ehi!! superman io domani ho un udienza ti sei forse dimenticato".

Sono passate diverse settimane il rapporto con Serena si è ulteriormente deteriorato al punto che la separazione sembra la naturale conclusione della nostra storia.

L'unico vantaggio di tutto ciò è il trasferimento a casa di mia mamma, il nostro rapporto continua senza problemi intensamente e senza incrinature. Amo la donna e la figura che rappresenta e ogni giorno che passa ci leghiamo sempre più in una fusione dolcissima composta di amore filiale e di sesso incestuoso che non sappiamo dove ci porterà ma che momentaneamente soddisfa tutti e due.

Questo racconto di è stato letto 2 5 7 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.