Per una volta ho chiavato mia sorella Michela

Scritto da , il 2015-08-06, genere incesti

“Michela hai portato i due cd alla tua amica? ”
“Si ci sono andata ieri e ti ringrazia”
Mia sorella è quella che ogni fratello desidera una ragazza non rompipalle e all'occorrenza una ottima complice, siamo gemelli ed esiste fra noi una sorta di mutua assistenza che ci porta ad aiutarci a soffrire e gioire spontaneamente senza regole ed interessi particolari siamo come guidati da un istinto naturale puro e sincero fin dalla nascita.

Come tutte le mattine ci stiamo preparando per andare a scuola, è la solita routine, si ripete ogni giorno con una consueta regolarità ben programmata e definita al secondo.... prima l'uso del bagno poi la seguente vestizione, infine la colazione e per ultimo la camminata verso la fermata del bus una sorta di rito che ci accompagna fin dai tempi della scuola elementare e si protrae nell'arco degli anni fino ai giorni nostri, in completa libertà, indipendenti, e soprattutto autonomi senza l'assillo dei genitori.

Non si tratta di una scelta imposta dalla nostra volontà ma di un puro semplice calcolo di tempi dovuti ai lavori di nostra madre e nostro padre e mentre la mamma è impegnata in turni massacranti presso l'ospedale cittadino, papà e sempre in giro per il territorio nazionale a bordo del suo camion.

Michela smangiucchiando una ciambella è già è al telefono con la sua amica del cuore, mi chiedo perché la cosa non mi sorprende dal momento che sta usando il mio cellulare, la guardo con aria leggermente scocciata, ma non ho il tempo di dire nulla, la sua sagacia nel prevenire i miei rimbrotti è veramente proverbiale.
“Fratellino, ho preso una ciambellina anche per te tieni pulcino” il tutto accompagnato da un sorriso disarmante e da una voce squillante.
“Michela se tu non fossi mia sorella ti sculaccerei” una frase gettata lì in forma simbolica ma che comunque dimostra tutto il bene e l'amore che provo per lei.

La bella giornata di primavera tiepida e luminosa è un invito a tutto eccetto che andare a scuola, mia sorella cammina davanti a me e sculettando nei suoi jeans si addentra nella ressa degli studenti, e come per magia sia perché quello è il nostro ultimo anno ma sopratutto perché è una bella ragazza tutti le cedono il passo, lasciando dietro di se un brusio di commenti di ammirazione e d'invidia.

Il mio amico Sandro mi viene incontro preoccupato.
“Marco ho l'interrogazione di scienze e non so un cazzo”
“E a me che me ne frega? Sono cazzi tuoi”
“Dai Marco bigiamo la scuola ed andiamo in sala giochi”
“Ma dai Sandro e terza volta che ti seguo ora basta dai!!! poi mia madre mi fa delle seghe per tutte queste assenze”
“Dai l'ultima volta”
So che è sbagliato e non vorrei farlo ma Sandro è il mio migliore amico e per l'ennesima volta lo seguo in questa sua debacle scolastica.

Mentre lui è impegnato con una Slot Machine io ripasso alcune pagine di scienze dal momento che domani verrò sicuramente interrogato, sono intento nella lettura quando una mano si appoggia sulla mia spalla, mi giro di scatto e mia sorella Michela ridendo dice.
“Anche tu qui fratellino”
rimango sorpreso e anche un poco arrabbiato
“Ma perché hai bigiato le lezioni? “ le chiedo con aria severa.
Lei guardandomi divertita non si scompone
“Avevo il compito di matematica, e tu brutto stronzo allora che ci fai qui?”
Per un attimo ci guardiamo negli occhi poi scoppiamo in una risata.
“Ma dai Michela.....tu non devi fare sboccia alle lezioni se la mamma lo sa s'incazza”
“Se non glielo dici tu lei non saprà nulla”
La sua risposta e semplice ma vera.
“Ok, dai Michela prendiamo l'autobus ed andiamo a Marina di Ravenna, almeno siamo sicuri di non incontrare nessuno”
“OK ci sto”

Saluto Sandro intento a dissanguarsi con una di quelle dannate macchinette ed assieme a mia sorella saliamo sul Bus numero 70 con destinazione la zona balneare.
Il mare è calmo, il tepore del sole dopo la pausa invernale da una sensazione di benessere e libertà il tutto ci colpisce direttamente dandoci una voglia di correre per la spiaggia di toglierci da dosso il peso dell'inverno.

Abbraccio con forza mia sorella lei mi guarda e sorride.
“Proprio come due fidanzatini ehh!!” la sua voce e da classica presa in giro.
“Si cara sorellina come due fidanzatini” rispondo io nello stesso tono.

Facciamo un lungo tragitto a ridosso del bagnasciuga rimanendo muti e silenziosi la luce dirompente del mattino ci fa godere di queste immagini dalle tinte gentili e soft, sento Michela stringersi ancora più forte a me, le sue mani cercano le mie ed insieme corriamo per la spiaggia .
Lei non dice nulla ma chissà quali pensieri e sensazioni passano per la sua testolina istintivamente la bacio sulla guancia, lei si ferma e mi accarezza il volto e a sua volta alzandosi in punta dei piedi mi bacia...ma non sulla guancia sulla bocca.

“Che c'è sorellina hai bisogno di coccole”

Rimango perplesso e scombussolato, lei si rende conto che la sua azione non ha avuto l'effetto voluto pertanto ripete l'azione con decisione, sento una vibrazione improvvisa e una leggera eccitazione prendermi, fra me e me penso.
“Cazzo mia sorella mi ha baciato sulla bocca e mi è piaciuto..... ma che cosa mi piglia?”

Lei e davanti a me sorridente che mi fissa divertita, l'osservo con occhio indagatore in un attimo vedo quello che per anni non sono riuscito a catalizzare, una ragazza carina con una coda di cavallo bionda, un seno piccolo ma ben fatto un corpo aggraziato e sensuale, sento scattare dentro me un cataclisma di strane sensazione di voglie represse di desideri immorali ora sono io che mi avvicino e poso le mie labbra sulle sue in un bacio sensuale.

Le nostre lingue si toccano s'intrecciano in un vorticoso balletto la mia eccitazione è evidente al punto che una coppia di nostri coetanei passandoci accanto ridono e il ragazzo rivolto a me dice con fare sarcastico.
“Amico ti conviene calmarti altrimenti la metti incinta”
Michela ride della battuta ma il tutto dura una frazione di secondo, quando le mie mani accarezzano il seno e i glutei in profondità la sua libido la fa gemere di piacere.

“Marco mi sto bagnando la passera”

Questa sua frase mi fa salire la pressione a mille.... ho voglia, una voglia tremenda di scoparmi mia sorella, il mio cazzo preme sulla stoffa dei jeans e pulsa fortemente velocemente ci dirigiamo verso le cabine di uno stabilimento balneare, sono tutte chiuse ma alla fine riesco a trovarne una aperta probabilmente forzata da qualche extracomunitario in cerca di un riparo, entriamo nell'angusto locale le mie mani spogliano mia sorella nella fretta e nell'impazienza smaglio i collant di Michela le sfilo le mutandine di pizzo nere lasciandola nuda dalla vita in giù con occhio indagatore controllo per un'ultima volta che nessuno ci disturbi poi le mie mani accarezzano le sue cosce, il suo inguine, con avidità le infilo le mani sotto il maglioncino alla ricerca delle tettine le sollevo il reggiseno senza sganciarlo mi approprio del suo petto con bramosia appoggio le mie labbra su quella parte anatomica che il freddo ha fatto inturgidire, i suoi capezzoli diventano piccoli e raggrinziti, la mia bocca succhia lecca e morde i rosei bottoncini con cupidigia, mentre la cerniera dei miei jeans viene slacciata sento l'aria fresca solleticarmi il cazzo le sue mani manipolano la mia cappella e lo avvolgono in tutta la sua lunghezza, il volto di mia sorella è trasfigurato i suoi occhi esprimono libidine allo stato puro.

“Dai fratellino bravo cosi... dopo me lo metti dentro la figa, vero?....dai porco toccami la passera ho bisogno di sentire qualcosa dentro voglio che tu mi riempia la pancia di sborra”

Non me lo faccio ripetere due volte violo l'ingresso della parte più sensibile del suo corpo scivolando dentro di lei, un mare di umori caldi e ribollenti avvolgono le mie dita e in breve tempo ho le mani che colano prodotto vaginale.
“Cosi Marco dai dai...cosi...senti come sbrodolo fratello, sono una troia e tu un maiale perché ti vuoi chiavare tua sorella”

Michela sembra aver perso la ragione, dalla sua bocca escono frasi e parole che eccitano la mia libido portandomi su valori eccelsi di eccitazione le rispondo chiamandola lurida vacca, puttanella, succhiacazzi in perfetta sintonia con il suo linguaggio

Il posto limitato m'impone come unica posizione quella seduta Michela si siede sopra me posizionandosi con delicatezza sul mio cazzo, sento le pareti della figa aprirsi delicatamente il mio arnese scivola con facilità dentro l'utero grondante di umori, il suo saliscendi diventa prima un massaggio per il mio uccello poi man mano che la lubrificazione accresce il ritmo s'impenna e diventa sempre più ossessivo, sento dolore ai testicoli la prego di attenuare l'andatura, ma lei in piena estasi erotica non sente minimamente la mia preghiera, mi trovo costretto a guidarla tenendola per i fianchi ad una cadenza più accettabile, siamo stretti avvinghiati fusi in unico corpo ci baciamo incitandoci a vicenda, poi una sensazione di calore parte dai nostri inguini e s'irradia dentro noi, è uno stimolo una sensazione sublime che parte dalle nostre viscere e si espande dentro i nostri corpi ormai uniti in una morsa strettissima.
Vengo dentro la pancia di Michela con un rantolo liberatorio seguito da un suo urlo di piacere, provo una gioia immensa nell' averla posseduta, la sensazione di potere e godimento quando l'ho penetrata e le sono venuto dentro è stata la sublimazione del dominio su di lei, il piacere eccelso di sentire la sua carne vibrare fra le mie dita mi ha elevato per un attimo a depositario unico del suo corpo

Per alcuni minuti rimango inanimato stremato, stanco, accanto a lei ma meravigliosamente felice. Con infinita lentezza le pulisco i residui biologici del mio seme dalla sua vagina godendomi questi attimi cosi dolci ed intimi di un rapporto nato per puro caso in una mattina di Marzo inoltrato, ci guardiamo rilassati con affetto e con amore, il suo sorriso mi dona felicità i teneri baci che ne seguono sono come l' ultimo suggello di un episodio che comunque rimarrà isolato e di conseguenza irripetibile per nostra comune volontà.

Quella che può sembrare una storia raccontata in fretta e furia è invece la cronistoria dell'unico rapporto sessuale avuto con mia sorella cinque anni fa quando facevamo l'ultimo anno di liceo.

Ora siamo tutti e due sposati e dopo quell'avventura non si sono verificati altri rapporti incestuosi anche se a volte ritrovandoci da soli e lontani da occhi indiscreti non disdegniamo di ricordare quegli attimi di passione accompagnati da qualche palpeggiamento non proprio fraterno.
Certi persieri e certe voglie seppure per pochi attimi a volte riaffiorano improvvisamente ma vengono repressi altrettanto velocemente per una forma di rispetto verso i nostri attuali partner, lasciandoci però in bocca quel sapore tutto particolare che ci ha unito con un filo invisibile e indissolubile nel più dolce dei tabù.... il tabù che si chiama "incesto".

Questo racconto di è stato letto 5 2 6 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.