Mia figlia sara Sara

Scritto da , il 2017-03-14, genere incesti

Come tutti gli anni, mia madre invitò me e Sara (mia figlia) a trascorrere il Natale a casa sua, tutto ciò era diventata un'abitudine da quando mia moglie a causa di una malattia era morta quattro anni prima più o meno nello stesso periodo, di conseguenza questa ricorrenza era diventata una regola fissa particolarmente sentita da tutti noi.

Il mio lavoro di tecnico petrolifero mi aveva portato spesso in giro per l'Italia, e finché c'era sua madre per Sara tutto era andato bene, poi gli ultimi anni li aveva dovuti vivere assieme alla nonna materna, e dopo tutto questo girovagare per ricompensa dei sacrifici fatti la mia società mi aveva destinato alla sede centrale.

Ero veramente felice perché finalmente potevo dedicare molto tempo a Sara.

Mia figlia, era una ragazza meravigliosa magra, alta 1,72 dolce con due grandi occhioni verdi con una chioma castano scuro che incorniciava un viso dolce e pulito, era veramente una bella ragazza.

Acquistai per noi una villetta alla periferia della città, il fatto di poter stare con lei, conoscerla maggiormente mi elettrizzava e mi dava gioia, fin da piccolina per lei ero stato il suo idolo, ed ora sebbene avesse 18 anni non perdeva occasione con il suo affetto di farmelo capire.

La scelta dei mobili era stata fatta praticamente da lei, con un gusto e una sobrietà da perfetta padrona di casa, decidemmo pertanto che con l'anno nuovo saremmo andati ad abitarci, sperando nel rispetto dei tempi, relativi agli allacciamenti utenze da parte delle società fornitrici.

La mattina del primo gennaio, entrammo finalmente in casa nostra, Sara volle che la pigliassi in braccio e ridendo come due cretini ci scambiammo un bacio sotto il vischio, mia madre che ci aveva accompagnato rimase colpita dal nostro affiatamento e ne fu felicissima.

Passarono le settimane, e con l'avvicinarsi del compleanno di Sara, le chiesi quale regalo avrebbe preferito, lei espresse il desiderio di passalo con gli amici in un pub del centro pagando anche per loro, accettai a condizione che il sabato lei fosse venuta a cena con me.

Il mercoledì giorno del suo compleanno per Sara fu una giornata impegnativa, parrucchiera, accordi vari con amiche e amici, e alla sera prima di recarsi al pub mi chiamo nella sua camera al piano superiore della casa e disse:
“Papà guardami sono bella?...mi piace questo vestito mi fa risaltare il sedere”

Mi venne da ridere e pensai che solo pochi anni prima giocava ancora con le bambole, mentre ora si divertiva a civettare.

Prima che andasse le dissi:
“Tesoro aspetta un attimo che ti do il mio regalo”

Con foga lei lo aprì e quando vide l'anellino con il brillante che aveva sempre desiderato rimase a bocca aperta si avvicinò e con un gesto improvviso appoggio le sue labbra sulle mie le schiuse e senti la sua lingua entrare dentro la mia bocca per un bacio che a me sembro lunghissimo, poi con timore e vergogna andò via dicendomi:
“Scusami papà”.

Rimasi come paralizzato, la mia Sara mi aveva colto di sorpresa, non che non avessi gradito il suo bacio anzi...mi ero eccitato al punto di avere un'erezione, e questa cosa mi fece paura .

Assistetti alla partita di calcio Arsenal-Man.City da SKY poi lessi un libro, verso le undici e mezzo sentii la porta d'ingresso aprirsi, era il mio tesoro che tornava a casa. Si avvicinò e disse:
“Papà sei arrabbiato”
la guardai:
“Ma perché amore, debbo essere arrabbiato”
“Per come ti ho baciato prima” rispose Sara

“Ascoltami tesoro il tuo bacio mi ha restituito giovinezza e in tutta onestà mi è piaciuto molto”
Sara capii, si sentii sollevata dalle mie parole, cerco la mia mano e si distese vicino a me sul divano.

Mi sentii svuotato, guardai mia figlia era rilassata complice la stanchezza e la calma che regnava in quel momento si appisolò.

La testa appoggiata al cuscino e le gambe sopra le mie, nella penombra dei faretti del soffitto rendevano giustizia alla sua bellezza, rassomigliava molto a sua madre, le mie mani, da sopra il vestito si muovevano delicatamente sulle sue gambe, in un lento massaggio che lei aveva inizialmente gradito, facendo frusciare il nylon delle calze contro la stoffa della gonna.

Il vestito nel muoversi era risalito quel tanto da mostrare la cucitura del collant, cercai di allontanare dalla mia mente, alcuni pensieri pericolosi e non proprio paterni che nel frattempo mi stavano sorgendo, ma non potei fare a meno di sollevarle leggermente la gonna e guardare sotto.

Nel fare questo provai un senso di vergogna, ma la libidine e la curiosità di violare le intimità di mia figlia era nettamente superiore all'imbarazzo e al senso del pudore.

Sara indossava un paio di mutandine bianche di pizzo che i collant chiari non riuscivano a nascondere, ed una addombratura scura sul pube lasciavano trasparire la completa trasformazione da fanciulla in donna.

Mia figlia si mosse, si stiro tutta, si alzo dal divano e sorridendo si chinò su di me mi bacio nuovamente sulla bocca, e disse: “Papà vado a letto sono stanca“

Non ci giurerei ma ebbi l'impressione che lei si fosse accorta della mia "esplorazione".

Il sabato fu una giornata movimentata per Sara, telefonò alle sue nonne dicendo che alla sera l'avrei portata al ristorante, era tutta eccitata......ed io la volevo stupenda e bella le dissi:
“Amore questi sono cinquecento euro vai a comperarti qualcosa per stasera”

Sara felicissima chiamò la sua amica Betta e si accordarono per andare a fare gli acquisti.

Tornarono nel tardo pomeriggio, Sara volle che vedessi cosa si era comperata e mostrandomi una scatola disse:
“Guarda Papà” dentro c'era un completino avorio della Perla con tanto di reggicalze ed aggiunse:
“Questo me lo metto stasera” e mi diede un buffetto sulla guancia sorridendomi con aria maliziosa.

Salimmo in auto Sara era veramente graziosa il vestito che si era comperata era giovanile e nello stesso tempo elegante, le sue gambe lunghe ed affusolate fasciate dal nylon delle calze e le scarpe con il tacco molto alto la slanciavano moltissimo, sebbene io fossi alto 1metro e 85 poco mancava che mi superasse in altezza, con la coda dell'occhio la guardai e constatai che mia figlia era una gran bella ragazza, in quel momento dentro me ritornarono i vecchi pensieri tremendamente libidinosi avuti in precedenza e dovetti fare un lungo respiro per annullare quelle sensazioni.

Parcheggiai il SUV nel vialone centrale di Milano Marittima, scendemmo e prima di andare al ristorante passeggiammo guardando le vetrine del centro cittadino, passando davanti ad uno specchio Sara si fermo mi prese sottobraccio e sentenziò:
“Però papà facciamo una bella coppia sei cosi giovanile che dimostri al massimo 30 anni”.

Nel frattempo un'anziana signora ci passo accanto e rivolgendosi al marito disse:
“Guardali come sono belli fanno tenerezza ”
Io e mia figlia ci guardammo e ci mettemmo a ridere.....poi istintivamente avvicinammo i nostri volti, le labbra delicatamente si sfiorarono, si toccarono....ebbi un erezione Sara guardandomi negli occhi disse:
“Papà sento qualcosa di strano e cominciò a ridere”

Poi aggiunse:
“Credo sia meglio che andiamo al ristorante che ne dici? il suo sorriso fu un misto di ironia e delicatezza “

Non mi ero mai sentito in imbarazzo come in quel momento senza dire una parola e amareggiato per la figura fatta c'incamminammo verso “la Lampara” noto ristorante della costa romagnola.

Mangiammo bene, Sara fu corteggiata dal figlio del proprietario e ossequiata dal cameriere, la cosa mi piacque potevo vedere Sara all'opera, civettare..... provai una sensazione di gelosia ed eccitazione contemporaneamente, vedere altre persone sbavare per lei mi eccitava.

Rimanemmo per un certo periodo a chiacchierare con il proprietario, poi c'incamminammo verso l'auto, Sara era esultante lo si vedeva dal volto e sorridendo con aria felice disse:
“Papà è stata una serata bellissima mi è piaciuta moltissimo, ne rifaremo ancora? “
“Dai!!! papà dimmi che usciremo ancora insieme, mi piace stare con te mi sono sentita una signora, sai che il cameriere credeva fossi tua moglie.”
Salimmo in auto e considerato che era ancora presto per andare a casa chiesi,
“Sara terminiamo la serata in un piano bar?”
Come un invasata rispose:
“Siiiiiiii!!! piano bar, piano bar, piano bar....... papà sei meraviglioso ti amo”.

Il “Saloon Kitty” era il piano bar più conosciuto della zona.

Entrammo e Gigi appena mi vide mi venne incontro sfoderando un sorriso “Salve Ingegnere come va? era un pezzo che non veniva da noi”
Ci scambiammo i soliti convenevoli, poi aggiunsi:
”Gigi io e mia figlia vorremmo sentire un po di buona musica”

Gigi con molta professionalità mi accompagnò in un tavolino appartato e disse
“Bella ragazza complimenti ingegnere”
Mi scappò da ridere e gli dissi
“Guarda Gigi che questa è veramente mia figlia”
Molto imbarazzato Gigi si scusò e ritorno all'ingresso.

Tornando al tavolo raccontai l'accaduto a Sara, lei rise con gusto.
”Papà qua mi scambiano per tua moglie o per la tua amante allora abbracciami”

La serata era dedicata alle canzoni di Frank Sinatra il pianista aveva una voce molto bella e calda, l'atmosfera era rilassante tanto che Sara appoggiò la sua testa sulla mia spalla mi prese la mano, mi guardò con amore.

”Papà ti voglio bene”
e si strinse maggiormente contro me.

Il suo corpo cosi vicino al mio mi elettrizzo e mi fece sentire orgoglioso di essere suo padre, quella sera Sara bevve più del dovuto ed arrivai al punto di dire:
“Ora basta bere tesoro, si è fatto tardi ed è ora di ritornare a casa.”

La sostenni per tutto il tragitto fino alla macchina, l'aiutai nel farla salire le tolsi il pellicciotto, misi in moto l'auto e ritornammo a casa.

Sara era ancora intontita dai fumi dell'alcool, tanto che una volta parcheggiata l'auto. la presi in braccio e la portai in casa, con fatica salimmo in camera sua, l'adagiai sul letto con l'intenzione di spogliarla per la notte, era una situazione intrigante ma molto erotica tornarono i cattivi pensieri e come avevo fatto alcune sere addietro le sollevai la gonna fino alla vita, lo spettacolo che mi si presentò fu meraviglioso, finalmente potevo vederle, le cosce, il ventre piatto, il monte di venere, i peletti neri che uscivano lateralmente dalle mutandine senza la barriera velata dei collant.

Dopo aver sganciato le calze dal reggicalze le feci arrotolare lungo le gambe e le sfilai lentamente, istintivamente le baciai i piedi i polpacci per risalire fino alle ginocchia, incontrai la candida e profumata pelle delle cosce per arrivare fino al punto dove le gambe si congiungevano e formavano un leggero provocante promontorio, posai le mie labbra sul profumato tessuto di seta delle mutandine, e in quell'istante sentii la mano di Sara appoggiarsi alla mia nuca e spingere in direzione della sua vagina era cosciente la sensazione fu meravigliosa quando la senti dire:
”Papà amore ti amo”.

Scostai leggermente gli slip e cominciai a leccarle le grandi labbra, insinuai la lingua dentro la sua fessura leccai il clitoride fino a che la sentì gemere di piacere, lubrificai le pareti della vagina con la mia saliva un sapore salato mi entrò in bocca erano gli umori di Sara.

Il solo pensiero che stavo leccando la figa di mia figlia mi eccitò talmente tanto che fui sul punto di venire più volte.

Sara mi teneva sempre la testa fra le mani gemeva divaricando le gambe al fine di facilitarmi il compito, e incitandomi diceva :
“Dai Papà cosi mi piace!!! sei un maiale,un animale stai leccando la figa di tua figlia”
Queste parole ebbero l'effetto di centuplicare la mia libidine e le risposi:
“Si troia, e fra poco ti chiaverò lurida puttana”

La senti dire con voce eccitata e stridula:
“Papà mi fai morire siiiiii!!!! come mi piace dai papà ti prego, ti prego voglio il tuo cazzo in bocca subito, subitooooo!!”

Cambiai posizione, e le sue mani s'impossessarono del mio uccello, magistralmente Sara cominciò a succhiarlo e leccarlo lavorava con la punta della lingua l'avvolgeva percorreva con la lingua tutta la sua lunghezza poi apriva la bocca e l'ingoiava fino alla radice per poi ricominciare daccapo, le sue dita palpavano ed accarezzavano i miei testicoli per poi succhiarli e leccarli.
Rimasi sorpreso, meravigliato da tanta maestria.....con decisione la fermai
“Tesoro fermati ti prego altrimenti vengo”

Le tolsi la camicetta e comparve il petto coperto dal reggiseno dello stesso colore delle mutandine le apri il gancetto e le due efebiche coppe di carne finalmente libere da impedimenti si mostrano in tutta la loro bellezza con le mani accarezzai i piccoli globi di carne e vi posai sopra le mie labbra i capezzoli rosati s'inturgidirono cominciai a succhiarli e a morderli ma Sara mi fermò dicendomi:
“Papà ti prego per favore non lasciarmi dei segni altrimenti se ne accorge il mio ragazzo”

Ebbi un moto di stizza, il solo pensiero che mia figlia si facesse toccare, baciare da un altro m'infastidii e che poi violasse il suo corpo mi mandò il sangue in ebollizione, ero geloso.....Si!! ero geloso di mia figlia.

Le sali sopra appoggiai la mia verga alla sua pancia lei capi che era giunto il momento mi sorrise e nascose il suo volto nel mio petto come a volersi vergognare, ma capii che il suo era tutto un gioco molto eccitante, la baciai la mia lingua entro dentro la sua bocca e fu il bacio più intenso e più voluttuoso che diedi in mia vita.

Alzai leggermente il bacino e posizionai il pene all'ingresso della fessura di mia figlia, con molta delicatezza e lentezza entrai in lei, Sara aveva gli occhi chiusi e la bocca era semiaperta, la senti dire “Papà e grosso ahhh!!!”
“Si papà cosiii dio mio, com'è grosso”

Spinsi il mio attrezzo fino in fondo, lui si apri la strada fra le tenere carni del suo utero, l'apertura vaginale era liscia e moderatamente umida si schiuse come un'ostrica, e senti il calore della dolce morsa avvolgere il mio pene, la sensazione fu bellissima, il solo pensiero che stavo violando la pancia della figlia che diciotto anni prima avevo concepito mi portò alla soglia del godimento.

Prima con delicatezza, poi sempre con più impeto affondai il pene dentro il suo utero, il ritmo cadenzato e regolare fece si che la lubrificazione della vagina di Sara diventasse ottimale, nel marasma di questi dolcissimi momenti lei raggiunse il massimo dell'eccitazione, e con voce appassionata, mi sussurro:
“Papa sono felice che tu sia dentro me, non voglio più stare con il mio ragazzo, voglio solo te, voglio che tu mi metta incinta, voglio il pancione”.

Sentivo il cazzo ingrossarsi sempre di più e i gemiti iniziali di mia figlia si stavano trasformando in godimento puro, le sue gambe ora avevano circondato i miei fianchi e mi attanagliavano in una morsa vigorosa le reni, il suono cupo degli inguini che si urtavano si toccavano facevano da contrapposizione agli urli di Sara.

La sensazione stupenda di essere dentro a mia figlia, di possederla, di sapere che era mia e che potevo fare con lei tutto quello che volevo, aumentava a dismisura la voglia di farla godere, assaporavo ogni attimo di quel momento, la sua pelle fresca e profumata, l'elasticità dei suoi seni, l'odore del suo sesso, mi faceva letteralmente impazzire, e dovetti rallentare diverse volte per non eiaculare, ma alla fine non resistetti più.

Sentii l'urlo e l'irrigidimento del corpo di Sara e capii che anche lei aveva raggiunto l'orgasmo, a quel punto con un rantolo disumano riempii di seme la sua pancia....per un attimo ripensai alle frasi dette da lei sicuramente dovute all'eccitazione, e il panico s'impossessò di me, sebbene lo scenario di Sara con il pancione mi affascinasse le conseguenze sarebbero state a dir poco disastrose e troppo compromettenti.
Stremati ci accasciammo sul letto il mio tesoro era con gli occhi chiusi e le gambe oscenamente divaricate un rivolo di sperma fuoriusciva dalla sua vagina, i vestiti erano sparsi per la stanza, presi le sue mutandine le annusai per sentirne l'odore poi con le stesse mi asciugai la verga e le pulii la fessura.
Mi avvicinai le accarezzai i capelli poi le dissi “Amore dormiamo assieme lei annui ci coprimmo e ci addormentammo.

Ci svegliammo alle dieci di mattina con il suono del telefono, era mia madre che voleva sapere come era andata la cena, lei e Sara parlarono per una mezzoretta, la senti ridere ed incensarmi di complimenti.

Aspettando il suo ritorno pensai alla notte di follia che ci aveva coinvolto in un rapporto per quanto bello pur sempre incestuoso e mi chiesi se fosse la cosa giusta continuare su quella strada il timore di fare una cosa sbagliata mi tormentò....i pensieri si accavallarono in un susseguirsi d'immagini dolci e sensuali e quando sentii le labbra di mia figlia posarsi sul mio collo ci guardammo e i sensi di colpa che aleggiavano in me sparirono in un attimo, lei mi prese la mano ed io la seguii docilmente verso un altro round verso un nuovo capitolo di una storia complicata ma bellissima.
ospedale

Questo racconto di è stato letto 1 7 3 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.