Il mozzo

Scritto da , il 2013-05-09, genere gay

Avevo poco piu' di 20 anni,ero allora un bel ragazzo,alto occhi verdi,con un bel culetto!
Decisi di proseguire le orme di mio padre,lui aveva navigato per anni e girato il mondo almeno 100 volte!lui era andato in pensione da nostromo,aveva navigato su petroliere,e navi passeggeri.
Io prediligo le grandi navi da crociera,sono delle vere citta' galleggianti,ma a 20 anni dovevo fare la gavetta!
Mi imbarcai su una nave mercantile,trasportavamo caffe' e cereali,spesso eravamo 20 giorni in mare aperto senza toccare terra,e comunque l'imbarco durava non meno di sei mesi!
Su questa nave,battente bandiera cipriota,eravamo circa 25 persone,tra ufficiali,marinai e ciurma.La nave era lunga 220 metri,avevamo la nostra mensa e sala di relax con tv satellitare e vari giochi,le cabine erano ognuna di 4 letti,con bagno e doccia ,abbastanza grandi e comode.
L'equipaggio era misto,gli ufficiali di coperta e di macchine erano italiani,cuochi marinai e altri eravamo brasiliani,tunisini,italiani e miste razze africane.
Con il comandante ero in ottimi rapporti,dato che era figlio di un vecchio comandante di mio padre.
ma i giorni in mare sono lunghi.....e quasi tutti eravamo abbastanza giovani! quando si e' giovani si sa' il cazzo tira....e stare in alto mare lontano dalla terra per giorni era difficile.....
Nella mia cabina che dividevo con due ragazzi brasiliani e uno tunisino,si respirava un aria di cazzi,nel senso che in quella cabina le seghe si sprecavano!
Ovvio tutti si segavano in privato o sotto le lenzuola,non certo davanti agli altri.....ma io,ripeto ero molto carino e avevo un bel culetto,che non passo' inosservato dagli altri miei compagni e amici di cabina! Una sera ero nella doccia,quando entro' il brasiliano,un ragazzo di 30 anni molto carino,mentre si lava lo osservo bene,e noto che tra le gambe ha un cazzo notevole,lui mi sorride,poi ci sfioramo spesso,e vedo che lui e' visibilmente eccitato!
Si tocca,e aveva in mano il cazzo bello duro,mi disse,dai divertiamoci,almeno ci svuotiamo le palle!
io mi voltai dandogli le spalle,lui mi appoggio' il suo cazzone duro tra le natiche,e sfiorando le mie chiappette godeva di brutto,anche io ero eccitato,poi mi volto e mi trovo davanti la sua bocca,gli infilo la lingua dentro e limoniamo a lungo,ci tocchiamo i nostri cazzi,io prendo il suo e lo sego lentamente,lui mi chiede di succhiarlo un poco,feci il mio primo pompino della mia vita!lo feci cosi' bene da farlo venire subito,mi schizzo' in viso una grande quantita' di sperma,che in parte assaporai di gusto.Sborrai anche io mentre lui mi leccava i capezzoli,tutto davanti al giovane tunisino che guardava divertito e che noi non ci eravamo accorti della sua presenza.......
Passarono i giorni,anche il tunisino si fece avanti e spompinai piu' volte anche lui,ma il sesso tra noi era ormai frequente,tutti e quattro della nostra cabina scopavamo,ho meglio mi scopavano,ero diventato la loro puttana! Mi piaceva soddisfarli,con me erano gentili e premurosi,i loro cazzi ,sempre in tiro e io ero sempre a divertirmi un sacco,il top era il brasiliano,lui mi inculava alla grande e mi piaceva molto......
Ormai sulla nave le voci correvano,e molti sapevano che mi facevo inculare,non ci volle molto tempo per avere alle mie calcagna decine di marinai affamati di sesso dopo giorni di digiuno in mare!
mi facevo inculare da tutti ormai,tranne il comandante e qualche ufficiale,presi cazzi di tutte le razze,colore e misure,molti erano veramente dotati,come il cuoco panamense che mi inculava spesso con il suo grosso bastone di 28 cm.......
Tutti mi volevano bene,non c'erano per fortuna gelosie,riuscivo a soddisfarli tutti,e tutti erano rilassati e finalmente meno segaioli di prima.......
Nei mesi di imbarco ormai ero diventato la loro donna,mi rispettavano e mi trattavano bene,ero il loro tesoro.Poi con il tempo capitava che alcuni sbarcassero e venivano rimpiazzati,e anche i nuovi venivano informati della mia omosessualita' e quindi mi chiedevano di soddisfare anche loro.Uno di questi era un bellissimo ragazzo cubano,di colore.alto fisico da paura e cazzo non da meno!!! Di lui mi ero particolarmente invaghito,tanto da suscitare gelosie tra l'equipaggio!
Finiti i sei mesi di imbarco,scendo al porto di genova,e con me il cubano che ormai era diventato il mio preferito amante,e che finalmente ero solo per lui adesso arrivati a terra!
Ci siamo subito trasferiti a casa mia,e abbiamo vissuto dei bellissimi mesi insieme!

Questo racconto di è stato letto 6 9 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.