Incontro al buio in chatt

Scritto da , il 2013-05-10, genere gay

Stavo in uno dei tanti siti gay,avevo messo anche un mio profilo,con foto.Mi scrive un tipo che diceva di abitare in una casa della campagna maremmana,non distante a dove mi trovavo io.
Ci scambiamo delle foto,il tipo si chiama ricciardo,un bel mulatto di 30 anni,una foto lo ritrae nudo,e oltre a un bel fisico,esibiva anche un bel cazzone!
Era dominicano,e dopo aver chattato con lui per un paio di volte,mi invita a casa sua!
Parto verso il casolare di campagna che ricciardo mi aveva indicato,la zona e' bella anche se molto isolata,il mio amico di chatt mi dice che si trovava in maremma per un breve periodo,aveva preso il casolare in affitto.
Mentre mi avvicino alla zona del casolare,comincio ad avere paura,penso che forse era imprudente andare a un appuntamento al buio in un casolare isolato della campagna maremmana,non conoscevo le persona e poi in piena campagna.......di notte!
Sinceramente volevo tornare indietro,ma la voglia di cazzo era tanta! avevo in mente la foto del mulatto nudo e gia' ero tutto eccitato......
Telefono pero' a un amico,gli indico dove stavo andando e che avevo paura,mauro mi disse di stare attento,ma che se non lo avessi chiamato entro due ore,avrebbe allertato le forze dell'ordine!
Ci sono,arrivo davanti al cancello,vedo tre auto parcheggiate,e gia' cominciavo a tremare,ma sempre la voglia del cazzo,mi fa' scendere e andare a bussare alla porta dello splendito casolare.
Mi apre ricciardo,era bellissimo,a petto nudo e con addosso un pantalone corto e infradito.Era piu' bello che in foto,la cosa piu' interessante e sexy era il sorriso,veramente bello,incorniciato a un viso che sembrava un attore di quanto era bello!
Appena entro,ricciardo mi chiede di rilassarmi e di togliermi le scarpe,e magari spogliarmi!
Mi tolgo le scarpe,il pavimento in cotto era caldo dal camino acceso che avevo davanti,rimango in mutande,il mulatto si siede accanto a me,inizia a baciarmi,subito avevo il cazzo duro da morire,tocco il suo e anche lui aveva un pezzo di marmo in mezzo alle gambe,e che pezzo........
Si toglie il pantalone,sotto non aveva le mutande,inizio a prendere in bocca il suo bel cazzone e a succhiarlo tutto,mentre ero intento a succhiare il cazzo a ricciardo,arrivano tre ragazzi,non mi aspettavo la loro presenza,e mi spaventano,mi fermo subito e chiedo spiegazioni a ricciardo,che guardandomi inizia a ridere insieme ai suoi tre amici.........
Non ti avevo detto che avevo invitato dei miei amici?
Guarda che sono molto belli,sono brasiliani e sapessi che cazzi che si trovano!eheheheheheheh
Dai ragazzi fate vedere a stefano che cazzo vi trovate!
I tre brasiliani si spogliarono e mi trovai davanti a dei fisici da invidiare,e tre cazzi da leccare dalla mattina alla sera!
Ero eccitato da matti,stare in mezzo a quattro mulatti cazzuti! Iniziarono le danze.......
Mi presero e mi chiesero di leccare i loro cazzi,a turno mi presi quattro cazzoni in gola,uno sborro' schizzandomi in faccia diversi getti di sperma,un altro mi fece mettere a pecorina e mi inculo' selvaggiamente,godevo con quel cazzone in culo,mi mancava un altro in bocca,e arrivo' subito,dietro sentivo sfilare cazzi e infilare cazzi diversi,tutti arrapati e tutti cazzuti,provarono pure a scopare il mio povero culo penetrandomi con due cazzi contemporeanamente,una goduria! un brasiliano era proprio il mio tipo ideale,belle gambe pelose,e piedi bellissimi,che cominciai a leccare ,ero ubriaco di cazzi,ne avevo ovunque,mentre continuavo a tenermi il cazzo in culo da uno,tre mi sborrarono addosso,ero pieno di sperma,ne avevo nei capelli e su tutto il corpo,furono tre ore di penetrazioni e pompini!
mandai un sms al mio amico e gli dissi che andava tutto bene! anzi benissimo.....
Ero pero' a pezzi,il mio buco di culo allargato cosi' tanto da sentire freddo per l'aria che entrava!
I quattro mi ringraziarono per avergli svuotato le palle,erano contenti del mio servizio che avevo fatto,dissero che ero una puttana! la migliore.
Potevo andarmene,e mi chiesero di tornare se avevo ancora voglia di cazzo,potevo chiedere qualcosa a loro,se volevo! cosa'dissi?
se vuoi rimanere,se hai fame.se vuoi sniffare roba buona!!
No,dissi,se proprio volete sdebitarvi con me,datemi i vostri slip,cosi' ogni tanto mi sego pensando ai vostri cazzoni!
Avevo un dolore al culo talmente forte che non riuscivo neanche a guidare l'auto!
Appena a casa mi feci una bella doccia,mi buttai a letto stremato,ma ancora con il cazzo duro,dovetti segarmi per prendere sonno! avevo nella mia testa quei quattro cazzoni duri!

Questo racconto di è stato letto 2 1 5 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.