Theresa

Scritto da , il 2020-10-18, genere etero


Guardavo fuori dal balcone il vicolo sottostante, la gente camminava spensierata, tra la folla i capelli biondi della mia
ragazza, lei lanciava sguardi verso l’alto indovinando che pure io sarei a guardare e seguire i suoi spostamenti dal
terrazzo.

Theresa, 22 anni, è bionda naturale, la conobbi all’inaugurazione di una gioielleria locale, lei girava da sola guardando
gli scafali e vetrine dove c’erano esposti i gioielli, era assorta a guardare degli anelli quando mi avvicinai, ti vuoi
fidanzare o ti vuoi sposare? gli chiesi, lei sorridendo rispose … ma no, non ho neanche un ragazzo, ma cosa dici … una
ragazza bella come te, non può essere da sola … ed è cosi, mi sono stufata dalla superficialità dei ragazzi d’oggi, per
loro e più importante la partita di calcio, i loro PC, i suoi amici maschi, in somma, affari loro e condividono sempre di
meno con noi ragazze, noi donne abbiamo bisogno dei maschi, ma sembrerebbe che pure i maschi hanno bisogno dei maschi, ma
dai, forse a te è capitato quello sbagliato, rispose io, non so, disse lei, ma ne ho avuto finora sei ragazzi, e tutti uguali
o più meno con gli stessi interessi, calcio e computer, se li trovavi per strada stavano andando a vedere o giocare una partita
di pallone, oppure stavano andando a casa perché c’era qualche sfida in linea con altri ragazzi e quindi dovevano raggiungere i
loro computer, invece a me piace la spiaggia, mi piace camminare la sera sul lungomare, uscire il fine settimana a fare qualche
gita, conoscere altre persone, cioè, una vita un po’ più ricca e socievole, qualche volta rinchiudermi con mio ragazzo ad ascoltare
musica romantica e volerci tanto bene, come coppia, come dice la Berte … non voglio mica la luna … ma non si danno così le cose, e
poi le mie esperienze non mi fanno essere una ragazza molto fiduciosa nei confronti con gli uomini, io abito da sola con la mia mamma,
mio padre se ne andò in Germania e fece un’altra famiglia là, la vita è un guaio perché la dobbiamo inguaiare di più, hai ragione, dissi
io, non vorrei sembrare sfacciato, ma vorresti fare con me qualche passeggiata? … diciamo questa domenica nel tardo pomeriggio? … lei mi
guardo, e disse, mi stai corteggiando? … ma no, ma mi sei sembrata tanto ragionevole che mi hai incuriosito e davvero vorrei sapere più
cose di te … va bene, disse Theresa, scrivi il mio telefonino, e mi diede il suo numero, poi ho fatto lo stesso col mio numero, abbiamo
fatto la prova e abbiamo messo in memoria i nostri numeri.

Ci siamo incontrati con Theresa sei o sette volte, ci siamo affiatati, lei ragioniera di professione, impiegata ad una ditta importante di
Napoli, aveva un passare abbastanza tranquillo, riusciva a guadagnare molto bene e poi faceva i libri contabili di svariati negozietti sui
vicoli, migliorando ulteriormente i suoi ingressi, si capiva che lei era molto capace e fiera del suo modo di vita, non dipendeva da nessuno,
si sentiva libera e voleva rimanere libera, perciò io non la volevo forzare a niente, mi piaceva la sua autosufficienza.

Una serata che siamo usciti a mangiare sul lungomare, è stata lei a dirmi, senti Antonio, io posseggo un appartamentino sui i quartiere,
non ho ancora finito di pagarlo, ma è mio, ti pare se dopo cena ce ne andiamo ad ascoltare un po’ di musica? Io son rimasto piacevolmente
sorpreso e subito ho detto che sarebbe meraviglioso finire la serata in quel modo. Abbiamo mangiato le cozze, pasta e pesce abbondante, un
buon vino siciliano ed un aperitivo dolciastro della casa.

Il taxi ci porto in mezzo ai vicoli del quartiere eseguendo le istruzioni da Theresa, siamo arrivati ad un palazzo non troppo antico, forse
costruito nel dopo guerra, l’ascensore ci porto su al quinto piano, Theresa aprii la porta e siamo entrati nel suo appartamento composto di
una saletta, bagno, cucina e stanza da letto, il tutto arredato con molto gusto con delle cose antiche, i mobili ben curati ma antichi, c’erano
dei quadri con delle foto in bianco e nero e qualche pittura che non saprei definire, ma gradevole di guardare, era tutto con un tocco femminile,
il tocco di Theresa.

Lei mi offrii un caffè e poi qualche liquore dal suo bar, ci siamo messo a parlare mentre ascoltavamo i Matia Bazar, tutto ad un tratto lei si sedette
sul bordo del divano e mi chiese … ti piaccio? Io alquanto gradevolmente sorpreso ho risposto di sì … lei si è avvicinata e ha detto … allora baciami …
ho messo il bicchiere sul tavolino e pressi le sue mani … mi sono avvicinato di più e prendendola dalle spalle la baciai … un bacio antico e desiderato
da entrambi … lei si strinse più al mio corpo ed io sentivo le sue tette dure e rotonde schiacciate contro il mio petto, sembrava che lei volesse strofinare
i suoi capezzoli contro di me … tutto ciò stava risultando che mio cazzo s’induriva come una roccia, lei consapevole sposto la sua mano sopra la mia erezione,
uh! Antonio, ma cosa è questo bell’affare che lotta per uscire da lì? … e facciamolo uscire, mi sbottonai la cintura e lei mi abbasso la cerniera e i boxer,
venti centimetri di cazzo rigido puntavano verso il cielo, oh! Quant’è bello disse Theresa prendendolo con la sua mano, poi mi guardo negli occhi e disse …
dai, andiamo a farci una doccia … si alzo e mi porto una vestaglia, poi scomparve nella stanza da letto … da là Theresa gridò … guarda che in bagno ci sono
delle pantofole … sono andato in bagno c’erano tre pari di pantofole, ho presso un paio e tornai in saletta vicino al divano mi sono spogliato nudo, sono
andato in bagno e aspettavo Theresa … è stato uno spettacolo vedere Theresa in un neglige rosso che arrivava fino a suoi fianchi armoniosi di femmina,
l’erezione è stata istantanea, ero alquanto imbarazzato nel far vedere mio cazzo cosi indurito, ma Theresa si tolse il suo neglige ed è stato ancora peggio,
quasi mi fa sborrare proprio lì, la sua pelle bianchissima e liscia, le sue tette sode coi suoi capezzoli puntando all’insu, la sua micetta coperta da ricci
d’oro, lei aprii l’acqua e presse il mio cazzo eretto e mi bagno con la doccia, poi mi guardo e disse ,,, sembra che ti faccio buona impressione, altroché …
sono piacevolmente meravigliato ante la tua bellezza vichinga direi, ni sembri una dea nordeuropea, coi tuoi occhi celesti, capelli dorati e pelle bianca,
sei davvero bella … lei un po’ con timidezza abbasso la testa e ringraziò i complimenti … lei mi bagnava con la spugna ed io accarezzavo le sue tette fingendo
di lavarla, ma lei apprezzava il tocco delle mie mani, è venuta vicino e si è strusciata con le sue tette al mio petto ed il mio cazzo andò tra le sue cosce,
lei mise suo bacino in avanti facendomi sentire le delicate labbra della sua gnocca, non c’è lo fatta più e l’ho pressa dai suoi fianchi e ho strusciato con forza
il mio cazzo fra quei ricci d’oro, che poi è scivolato sul suo ombelico … lei ansimava e sorrideva vogliosa, godeva a stuzzicare il mio membro, poi mi passò
la doccia per inginocchiarsi e prenderlo in bocca, ha messo le sue mani sulle mie natiche, grattando con le unghie mia pelle, iniziando un movimento avanti-indietro
con la sua testa, dopo svariati minuti non potendo contenermi di più ante tale stimolo, sono esploso nella sua bocca, lei l’ha fatto arrivare fino in gola ed ingoiò
tutti gli schizzi di sperma usciti dal mio cazzo … io mi volevo scusare … ma lei riprese la doccia lavò sua bocca e mi diede un bacio sussurrando … grazie …
poi con la spugna finii di lavarmi il cazzo, ci siamo asciugati e andati nella stanza da letto, io con la vestaglia e lei il suo neglige rosso passionale, mi
sono ripreso quasi subito, ho visto in bagno degli oli aromatici e avevo messo uno in tasca, incominciai a spalmare un po’ sui suoi piedi, poi le sue lunghe gambe,
le cosce … guardavo quei riccioli biondi sulla sua passerina, un’altra volta il mio arnese era indurito come l’acciaio, ma non si vedeva perché avevo ancora la
vestaglia, lei si sedette e si tolse il neglige rimanendo nuda, si sdraiò sul suo ventre e mi chiese di massaggiare la sua schiena, le sue chiappe rotonde e sode
attirarono subito la mia attenzione, versando un poco d’olio nella mano incominciai con i su glutei, ma lei senza muoversi, mi disse … ti prego la schiena … va
bene, ho detto … aprendo la mia vestaglia mi son messo a cavallo sul suo culetto, facendole sentire i miei coglioni e mio cazzo sulla la linea divisoria delle
sue chiappe, lei ha accomodato il suo bacino per stringere la mia nerchia con le sue pompe, rotolava i suoi fianchi per imprigionare il mio membro fra le sue
natiche, io spalmavo senza sosta accarezzando i lati esterni dei suoi seni schiacciati sul letto, ho massaggiato anche le sue braccia, poi prendendo tutte e due
le braccia tirai indietro facendo alzare il suo viso e le sue tette dondolarono in avanti, cominciai a chiavare le sue chiappe, lei mugolava ansimante, e godeva
l’attrito del mio cazzo tra le sue natiche, ma dopo un po’, disse … mi vuoi massaggiare davanti, ti prego … certo, risposi, alzandomi per farla girare … le sue
tette perfette scintillavano con gocce di sudore nella fenditura, erano toste e si muovevano al ritmo della respirazione faticosa, appoggiai le palle sulle sue
cosce ed il cazzo sul suo pancino, la sua fessura bionda restava nascosta sotto al suo pube, ho cominciato dalle sue spalle, il suo collo, approfittando di baciare
le sue labbra semi aperte , lei rispondeva con mugolii di gatta e mordeva il suo labbro inferiore in modo provocativo, inarcava la sua schiena e strizzava le sue
cosce, ho massaggiato il suo ventre e i suoi fianchi, poi ho lasciato per ultimo le sue tette, ho lasciato cadere goccia a goccia l’oleo sui suoi capezzoli, lei
dimenava le sue tette leggermente, quasi in modo impercettibile, inarcava ancora la sua schiena, facendo crescere in avanti le bellissime tette, cominciai a
massaggiare suoi capezzoli e poi la rotondità delle sue tette stupende, lei gemeva ad occhi chiusi, successivamente e in un batter d’occhio lei si alzo e mi trovai
sdraiato con lei a cavallo su di me, lei comincio a sfregare la sua micetta sul mio cazzo duro da farmi male, volevo penetrare quella delizia bionda, l’immaginavo
stretta e calda, ogni volta che sentivo la sua fessura volevo spingere, ma mi trattenevo per non rovinare l’atmosfera di essere dominato da questa donna, lei non
parlava ma io sentivo la carica sessuale del suo dominio, poi mi trovai dentro il suo culetto, mi volevo fermare e chiedere escusse alla mia patrona, ma lei si
abbasso, mi diede un bacio e disse … lascia … mi piace anche cosi … e continuò a dimenare il suo bacino su e giù facendomi entrare fino in fondo nel suo sedere,
ero al settimo cielo, lei con le sue tette sul mio petto mi baciava in bocca, sul viso, sul collo, in un momento aveva le sue mani tra i miei capelli e poi
accarezzava tutto il mio corpo, pian-piano aumentava la velocità, si alzo e mise le sue mani sui i suoi fianchi, le sue tette saltellavano su e giù, poi con le
mani sulle sue natiche per tenerle più aperte, incomincio a saltellare sul mio cazzo inchiodandosi profondamente la mia nerchia nelle sue viscere, tremando e
gridando … dai fottimi il culo … più forte … a cosi … cazzo mi fai venire … ooooohhh! è caduta all’indietro sussultando senza controllo …

L’orgasmo è stato violento, tanto che io non sono arrivato, ero sbalordito dalla forza estrema del suo piacere, lei con gli occhi chiusi, ansimava e faceva
una specie di risatina nervosa, il mio cazzo era ancora dentro il suo culo, lo feci scivolare fuori, lei aprii gli occhi, muoveva la sua bocca en passava la
sua lingua sopra le sue labbra come volendo inumidirle, senza parole si sdraio vicino a me mettendo una gamba sulle mie cosce, oh! Caro, sei stato magnifico,
mi hai fatto impazzire, aspetta due minuti e ti farò impazzire io a te, non avevo nessun dubbio, l’ho messa tra le mie braccia accarezzando i suoi capelli
chiari.

Si è fatta un pisolino di mezz’ora più meno, svegliatasi ha subito presso in mano la situazione, mio cazzo, lei si è chinata e lo ha presso in bocca mentre
io giocherellavo con la sua micetta, lei si accomodò poi a cavallo sulla mia testa, eravamo in un sessanta nove, con lei che ingoiava mia picca ed io che
slinguavo la sua passerina dolce e profumata, mettevo i naso nel buco del suo culo ed anche davo colpi con la mia lingua in quella fossetta rossa, avevamo
anche un ritmo, quando io affondavo la mia lingua nella sua fessura, lei quasi soffocava ingoiando il mio cazzo nella sua gola, abbiamo fatto cosi per parecchi
minuti, poi Theresa si accomodò vicino a me.

Theresa, mi chiese … t’è piaciuto la penetrazione anale? … è stato bellissimo, rispose io, pensando in tutte le emozioni ed il suo orgasmo selvaggio, che l’ha
lasciata quasi svenuta … e allora ti piacerà pure questa disse lei, alzandosi dal letto e prendendo dal suo cassetto un cazzo rosso di gel ed un altro colore pelle,
un strapless, in ginocchi allargo le sue cosce per infilarsi quel coso nella sua micetta, gemeva mentre accomodava quella nerchia possente, dopo ciò, Theresa
aveva un cazzo quasi quanto il mio … adesso mi vuoi far girare, domandai … lei disse, no ti voglio guardare negli occhi, pero metti un cuscino sotto di te … eseguii
i suoi ordini e aspettai di essere inculato dalla mia donna, ero incuriosito ed eccitato, lei si chinò sulla mia minchia e l’ingoiò fino alle palle, ripetendo rapida
e continuamente, mi faceva sentire un piacere enorme, poi due delle sue ditta sono andate dentro il mio culo, poi un’altra e poi aveva quattro ditta dentro di me,
succhiava la mia nerchia e mi chiavava il culo con le sue dita … c’erano dei fremiti nel mio ventre, in qualsiasi momento sborravo, ma lei mi strinse il cazzo con
le sue dita … non venire ancora, disse, si raddrizzo tra le mie gambe e comincio a penetrarmi mentre mi segava con la sua mano, è stato impossibile trattenermi …
lanciai un urlo ed un schizzo che arrivò quasi fino al tetto, poi quasi incosciente continuai a sborrare sulle sue tette, lei spalmava il seme sui suoi capezzoli,
mi chiavò il culo come una forsennata fino a venire pure lei, quasi senza respiro è caduta sul mio torace, togliendomi quel suo cazzo finto ma travolgente … mi
baciò sulle labbra e domandò … t’è piaciuto questo sesso anale? … e tu hai visto quanto ho sborrato? risposi io, non ricordo un’altra sborrata uguale a questa,
mi hai fatto impazzire davvero, mi baciò ancora mentre si stringeva forte a me, mugolii uscivano ancora dalla sua bocca.

Amore … per la prima volta la chiamavo “Amore”, senti non ti credere che io sia un po’ recchione adesso … Antonio, caro amore mio … tutti gli uomini hanno
qualcosa di frocio, come tutte le donne siamo un po’ lesbiche, non ti preoccupare che questo è fra me e te, in coppia dobbiamo essere liberi di vivere la
nostra sessualità, non inguaiare tutto ciò di bello che abbiamo fatto, sento te come una persona sensibile e che ti sei affidato a me devotamente, io valoro
moltissimo la tua fiducia nei miei confronti, inoltre che hai un cazzo formidabile, che m’è piaciuto tantissimo, dai che lo facciamo di nuovo, è il turno della
mia gattina, così dicendo si mise a giocherellare col mio cazzo che presto scompariva nella sua bocca …

Siamo rimasti a chiavare come conigli e di tanto ci facevamo tante coccole, Theresa è mia ragazza da due settimane e posso dire che questa pinta per essere durevole.


Questo racconto di è stato letto 2 8 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.