Sublime schiavetta (drabble)

Scritto da , il 2022-08-25, genere dominazione

In ginocchio devi stare, posizione da schiava, bocca aperta e lingua di fuori.

Non ti lego mani e piedi perché son sicuro che mi ubbidirai, perché tu sei fin troppo docile.

E così su quella sabbia bollente, vestita solo di un nero e corto vestitino da servetta, stavo in ginocchio ad attendere il primo cliente.

E non si fecero attendere i porci, tutti in fila ad attendere il loro turno, per infornare il loro sfilatino nel dolce forno della mia vorace bocca.

In venti furono e data la mia disponibilità, presto fecero a lordarmi col loro seme sotto il solleone.

Questo racconto di è stato letto 2 5 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.