Una nuova madre

Scritto da , il 2021-09-19, genere incesti

I miei genitori si sono divisi quando io avevo circa quindici anni, non andavano d'accordo, ma nulla di che, nessuna lite, ma si ingnoravano, e ognuno di loro aveva intrapreso relazoni con altre persone.
Io rimasi con mia madre, e mi abituai presto, a un vorticoso passaggio di maschi per casa, che si fermavano spesso per lunghi periodi, mia madre era molto sexi e calda, mi capitava spesso di vederla nuda, anche se la cosa nonè che mi eccitasse molto, ma come scoprii verso i diciannove anni, era altro che mi attirava, scoprii di essere gay.
Non è che prima non lo pensassi, ma furono poche le occasioni, di incontri con il mio stesso sesso, qualche sega, pompini veloci, ma finita la maturità, conobbi Franco, uno dei ragazzi di mamma, che capita la mia natura, un pomeriggio che lei era al lavoro, è entrato nudo nella mia camera, esenza nemmeno parlare, imboccavo il suo stupendo cazzo, e lo pompavo, come una perfetta troia.
Poi mi spogliai, e una volta nudo, mi baciò, e sentire la sua lingua in bocca era stupendo, mi girò, e dopo avermi per bene leccato il culetto, con l'ausilio di una cremina che usava mamma, Franco, mi rese donna.
Me lo infilò tutto nel culo, incurante dei miei lamenti, mi sverginò.
Provai una sensazione stupenda, di godimento e appagamento, sentirlo martellare il mio buco, e poi riempoirmi di caldo sperma, mi fece raggiungere il paradiso.
Una volta finito, mi abbracciò, e mi sussurrò all'orecchio, sei più bravo di tua madre a prenderlo in culo, e così quando lei non c'era, io diventavo Paola, Franco iniziò a farmi indossare intimo di mamma, e poi calze, e infine mi regalò due paia di scarpe del mio numero, e così, mi trasformavoin una bella ragazza.
Per circa sei mesi, mi gustai il suo cazzo, e un paio dei suoi amici, ero diventata una vera esperta in cazzi, ma poi successe il patratak, mamma un giorno rientrò, e mi trovò, con piantato nel culo il palo di Franco, entrò urlando, dando sberle e pugni al povero Franco, mentre io, al culmine del godimento, in sua presenza, mi girai e mi masturbai, sborrandole il vestito.
Praticamente mi cacciò di casa, e così, dovetti chiedere a papà se mi ospitava, nel frattempo lui si era messo con una donna più grande di lui, di qualche anno, o almeno sembrava, li avevo frequentati poco, lui era sempre sul vago quando parlavamo di Ivana la sua nuova compagna.
Comunque mi accolse con entusiasmo sia lui che lei, e visto che avevano una casa enorme, era di lei, mi diedero una camera distante da loro, con una mia entrata personale, così non disturbavo nessuno se rientravo tardi, e poi mi disse papà, se devi portare una tua amichetta, mica dobbiamo saperlo noi no?.
Evidentemente mamma non aveva raccontato i dettagli della mia cacciata, e così, potei continuare a frequentare Franco e i suoi amici senza problemi, li raggiungevo a casa loro.
Passarono circa quattro mesi, quando mi accorsi che qualche cosa non quadrava, trà Ivana e papà, andavano molto d'accordo, ma spesso lei spariva per alcuni giorni, e una volta rientrata, era stanca, e sciupata, ma non capivo, e poi una volta la intravidi nuda, e sorsi qualcosa tra le gambe, magari era il sapone o una spugna, così decisi di spiarla, e quando ero solo, mi giravo la casa in cerca di punti cechi.
Così trovai la posizione giusta per il bagno e per la loro camera.
Un sabato, papà era al lavoro, e Ivana, aveva appena finito di riordinare la sua camera, quando, la intravidi, aprire un cassetto, e prelevare reggiseno e slip, lei aveva dell'intimo stupendo, lo avevo aprezzato molte volte sbirciando nei suoi cassetti, e così capii che andava a farsi la doccia, e mi appostai fuori in giardino, avendo prima scostato la tendina del bagno.
Mi misi comodo, Ivana entrò in bagno, e di spalle, la vidi denudarsi, già dadietro era una favola, un culo da sballo, coscie tornite, e poi era una donna alta non grassa ma messa bene, e poi si girò per entrare in doccia, e già mi pregustavo i suoi seni pieni, e la figa, sicuramente depilata, ero gay, è vero, ma lei mi attizzava, mi presi in mano il cazzo semieretto, e iniziai a segarlo, e quando Ivano si girò, a momenti sborro.
Ivana si girò, e tra le gambe, apparve un cazzo semimolle, da urlo, era una trans, mio padre era un frocio, ecco da chi avevo preso, e capii il perché, con mamma non aveva funzionato.
Il seno era di marmo, sotto il cazzo si vedevano due testicoli rotondi, perfetti, poi con la sua mano destra, curatissima con unghie bellissime rosso fuoco, lo prese in mano e lo sistemò, e al tocco, divenne duro, su quel corpo statuario, stava benissimo.
Ivana entrò in doccia e si lavò, intravedevo che insaponava il cazzo e lo menava per lavarlo bene, io gocciolavo già, e poi uscì, si asciugò, asciugò per bene il cazzo e si mise slip e reggiseno, e finì con unpoco di trucco e andò in camera a vestirsi.
Inutile dire che lo spellai a furia di segarlo, il mio cazzo al pensiero di Ivana era sempre duro, così non passava giorno, che non la sbirciassi, e così, spesso la potei vedere nuda.
Per non dire le poche volte che con particolare agilità, vidi papà scoparla, o viceversa, lei indossava sempre reggicalze e calze, e vedere mio padre intento a incularla a pecora, e vedere il cazzo di Ivana penzolare e agitarsi sotto i suoi colpi, mi faceva impazzire, e vederla sborrare senza toccarsi poi, da film porno.
Le volte che papà lo prendeva erano più rare, ma vedere Ivana affondare il cazzo in papà, era sublime, lui gemeva e godeva, lei lo cingeva e lo masturbava mentre lo pompava e lo faceva venire trà urletti e spasimi.
Erano una coppia perfetta, ma col passare dei giorni, io mi innamoravo di Ivana, sempre di più, e il caso mi aiutò.
Rientrai a casa un pomeriggio, ero stata con Franco indossavo ancora intimo e calze, e mi precipitai in bagno, per lavarmi e cambiarmi papà era come sempre al lavoro, e Ivana doveva essere da un'amica, la casa era vuota, mi spoglio dei pantaloni e camicia e ancore trav entro in bagno, e mi trovo Ivana nuda, intenta a smaltarsi le unghie dei piedi, rimango basita, lei mi guarda e mi vede trav, io la guardo e noto il suo cazzo duro che penzola, balbetto qualche cosa e fuggo in camera.
mi spoglio e metto mutande e maglietta un pantalone e sento bussare, Ivana entra, indossa una vestaglia di pizzo nero, si avvicina e mi dice, perdonami non sapevo che rientravi, e non avrei voluto che scoprissi il nostro segreto in quaesta maniera, io la guardo e prendo il coraggio, a io lo sapevo già, ti ho sbirciata tante volte, lei mi guarda, anche nell'intimità con tuo padre?, annuii.
Rimase muta, li in piedi davanti a mè, e ad un tratto, la vestaglia mal chiusa, complice il suo cazzo eccitato, si aprì, e la vidi nel suo splendore.
Non la richiuse, io eccitato guardavo i cazzo, e lei mi chiese da quando ero gay, e le raccontai tutto, poi si avvicinò e mi disse, ne parlerò con papà ok? annuii, poiallungai la mano, lo toccai, era caldo liscio, cercai di proseguire ma lei si rifiutò, sono la donna di tuo padre, e deve essered'accordo lui, e se ne andò.
Pochi giorni dopo, che si parlarono, papà venne in camera mia, è inutile parlare, hai capito tutto, e sai che sono gay, come ho saputo che lo sei anche tù, poi mi abbracciò, e mi accompagnò da Ivana, in sala.
Devi sapero Rinaldo, mi disse papà, che ho conosciuto Ivana in un bordello, ci siamo innamorati, e poi sposati, ma non è solo mia, Ivana, a secondo delle richieste ha ancora dei clienti, in settimna, al motel, ma a volte, parte per alcuni giorni, e si prostituisce in Germania, di solito una settimana di seguito, ecco il perché rientrava stanca e emaciata.
oRA CHE è TUTTO CHIARITO, DIREI, CHE potresti fare sesso con li se ti và, In men che non si dica era trav e intenta a gustarmi trà le chiappe il cazzo della mia nuova mamma.
Non passava giorno, che non toccavo o baciavo Ivana, mi era poi permesso di vivere la mia femminilità e con il suo aiuto migliorai moltissima, e poi arrivò la settimana che doveva andare in Germania, la vedemmo partire con tanta tristezza, una settimana senza di lei era lunga.
Così, la sera dopo cena, papà mi salutò e andò in camera sua, io nella mia, ma poi dopo una mezz'ora, indossai un intimo stupendo, autoreggeni e tacchi e mi presentai da lui, era sul letto nudo intento a segarsi, mi vide e mi sorrise, dai papì, per una settimana sarò la tua donna se ti và, mi abbracciò, baciò, e poi mi misi a pancia sopra,è la nostra prima volta e tivoglio vedere, sollevai le gambe, e accolsi papà nel mio culo.
Mi fece impazzire, mi vennedentro mentre mi baciava passionalmente.

Questo racconto di è stato letto 6 6 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.