Una storia messicana - parte2

Scritto da , il 2021-08-09, genere dominazione

Carlos è spossato. Ancora in ginocchio a mani legate dietro la schiena e testa bassa. Mendoza fa una telefonata: “Querida mi corazon...brava, si...ti aspetto”. Chiude la brevissima conversazione. Libera Carlos dalle manette e gli ordina di ripulire il suo vomito. Mentre il ragazzo è intento a pulire, nella stanza entra una bellissima creola. Lunghi capelli neri, labbra carnose. Tubino viola corto che le fascia un corpo perfetto. Scalza, piedi curatissimi. Ha un vistoso cerotto su uno zigomo. Carlos la vede. Sgrana gli occhi e smette di asciugare il pavimento. La ragazza fa lo stesso, ma il suo è uno sguardo di odio.
Mendoza, con un sorriso beffardo: “L'hai riconosciuta eh?...porta ancora il segno di quando vi siete, diciamo così, presentati e tu per dimostrarle quanto eri maschio, invece di fottertela e pagarla normalmente come tutte le persone educate fanno nei miei bordelli, l'hai stuprata nel culo e l'hai spedita all'ospedale perchè ha osato dire no in culo al grande macho Carlos Quintero, no?...quindi possiamo saltare l'inutile convenevole delle presentazioni... (si rivolge alla ragazza) vieni Rosa, vieni...siediti qui sulle mie gambe che oggi ci divertiamo...facciamo una cosetta a tre, solo che Carlos ti farà un po' di concorrenza, sta infatti imparando a fare la puttana e devo ammettere che è sulla buona strada!” I due ridono di gusto.

Rosa è seduta sulle gambe di Mendoza. Abbracciati si stanno baciando in bocca appassionatamente. Mendoza si stacca per un attimo e ordina a Carlos, che nel frattempo ha finito di ripulire il suo vomito, di rimettersi in posizione tra le sue gambe. Lo riammanetta dietro la schiena. Si spinge col bacino sul bordo della poltrona e gli fa: “Adesso questo stupendo cioccolatino sulle mie gambe, anche per ringraziarti della gentilezza che hai avuto nei sui confronti, ti aiuterà a leccarmi i coglioni”
La ragazza scende dalle gambe dell'uomo. Si mette in ginocchio accanto a Carlos. Lo prende per i capelli e gli spinge la faccia sui grossi testicoli di Mendoza e gli fa in tono arrabbiato: “Lecca...figlio di puttana...lecca i coglioni del padrone..e leccali bene, bastardo!”. Il ragazzo inizia a leccare mentre Rosa lo tiene sempre per i capelli guidandone i movimenti della testa. Mendoza, nel frangente, si masturba dolcemente. La scena che si svolge tra le sue grasse cosce è goduriosa. Il suo cazzo è tornato duro. Dopo un po si rivolge a Rosa e gli fa: “Basta leccare me...adesso è anche il tuo turno...te lo meriti!...vedo che sei scalza e avrai piedini sporchi, stanchi...fatteli pulire dalla nostra troietta!”

Rosa, a quel punto, molla la presa dai capelli di Carlos. Si stende sul divano mettendo le gambe su uno dei braccioli,in modo da avere i piedi sospesi e fa al ragazzo: “Avanti bastardo...puliscimeli bene...muoviti cane!!”. Carlos obbedisce e inizia a leccarle le piante sul quale c'è una vistosa patina nerastra di polvere e terra. Alla ragazza non basta e gli ordina: “Pure in mezzo alle dita...e le dita una ad una, cane rognoso!”. Carlos con l'espressione disgustata esegue. Mendoza si gode, masturbandosi, quest'altra scena. Il ragazzo sta leccando, quando all'improvviso in mezzo ai piedi di Rosa spunta il grosso cazzo duro e sgusciato dell'uomo che si è alzato e vuole partecipare al gioco. Carlos, così, è costretto a leccare piedi e la grossa cappella di Mendoza. Poi, dopo un pò, l'uomo si sposta verso il viso di Rosa distesa sul divano. Si piega quel tanto che basta per metterle il cazzo in bocca e la ragazza inizia a spompinarlo, mentre Carlos continua a leccarle i piedi.

Col cazzo durissimo e teso, Mendoza libera Carlos dalle manette. Lo fa alzare, girare di schiena e coricare di pancia sul bracciolo dove ci sono le gambe di Rosa. In questa maniera assume una posizione a novanta gradi e quindi ha il culo a sua totale disposizione. La ragazza, a sua volta, si trova Carlos in mezzo alla gambe. Ne approfitta, avvicinandosi alla faccia col bacino, per farsi leccare la fica. Intanto Mendoza con un paio di sputi sulle dita, lubrifica il buco del culo del ragazzo. Beve un grosso sorso di rum direttamente dalla bottiglia. Emette un rutto terrificante e gli fa: “Adesso pure tu proverai la dolce ebrezza di cosa vuol dire prendere un cazzo in culo senza consenso”.
Gli appoggia la cappella nella fessura delle natiche. Gliela sfrega un po'. Poi inizia lenta ma inesorabile la penetrazione. Il ragazzo implora: “No...signor Mendoza...no...vi prego...no. Vi faccio un altro pompino, ma nel culo no...vi prego!”
Mendoza: “Ah no? ...adesso no? Quando Rosa ti diceva no, ti sei fermato? No...hai continuato e forse le sua grida ti hanno pure eccitato di più...così come il tuo implorarmi di non farlo sta eccitando da pazzi me...dai, dimmelo ancora no signor Mendoza che mi viene ancora più duro...dai!”
Il cazzo di Mendoza è arrivato a metà.. Carlos si divincola dal dolore. E' durissimo. Sembra che un palo di cemento armato gli stia salendo dall'ano. Rosa ride soddisfatta, la vendetta si sta compiendo. Vuole partecipare però più attivamente pure lei. Così approfittando di avere messo la fica a portata di bocca del ragazzo, gli piscia dentro e poi gli fa, mentre Carlos geme di dolore: “Sei solo un lurido cesso e come tale vai trattato. Adesso dovrò pure disinfettarmi la fica per lo schifo di averla poggiata sulla tua lurida bocca!”
Mendoza, intanto, assesta un colpo secco e arriva fino in fondo al culo. Carlos urla di dolore, si contorce e sviene. L'uomo con una grassa risata esce lentamente il cazzo dal culo. E' ancora durissimo e un po' sporco di sangue. Gli ha quasi spaccato l'ano. Sposta il ragazzo dal bracciolo che stramazza a terra tipo una marionetta a cui si spezzano i fili. Sale sul divano dove Rosa è ancora a gambe divaricate e se la scopa.

Mendoza, nonostante la mole, si muove agilmente su Rosa senza schiacciarla. Quell'enorme cazzo glielo esce e glielo entra con grande abilità. La bacia e la lecca sul collo. La sbatte con veemenza. Poi dopo un po' cambiano posizione. L'uomo si mette sotto e la ragazza sopra a smorzacandela. Si sfila il tubino ed è completamente nuda. Ha delle tette bellissime e sode. Mendoza gliele afferra, mentre la ragazza si mette a “cavalcare” ansimando di piacere.
Intanto Carlos a terra, sembra rinvenire. E' spossato e dolorante per l'inculata potente che ha subito. Ma nonostante ciò, mezzo stordito, strisciando, cerca di allontanarsi. Quando una mano lo afferra per i capelli. E' quella di Mendoza che gli fa: “Dove cazzo pensi di andare, eh!?...pezzo di merda, non ho ancora finito con te!”. Lo alza e se lo avvicina al cazzo. Rosa smette di cavalcare, si sposta e lo prende in consegna tenendolo pure lei dai capelli. Lo posiziona sul cazzo dell'uomo che si sta masturbando velocemente e gli fa prendere la poderosa sborrata sia in bocca che in tutto il viso.

I due se la ridono di gusto, mentre Carlos, con la faccia interamente imbrattata di sperma, piange. Poi Rosa, soddisfatta per la vendetta consumata, lo scaraventa a terra e si mette a leccare e ciucciare il cazzo di Mendoza.. Mentre il ragazzo rantola piangente per terra cercando di ripulirsi il volto, l'uomo fa una telefonata e dopo pochi secondi tornano Ramon e Pedro. Lo prendono di nuovo in consegna. Gli fanno lavare la faccia. Lo riammanettano e lo ribendano. E mentre lo portano via, Mendoza, disteso in totale relax nel divano con Rosa tra le cosce che gli sollazza il pisello con ciucciatine e leccatine, gli fa: “Portatelo dove l'avevate preso e dite a tutti in giro che c'è una nuova puttana a disposizione di chi vuole approfittarne. Ha la un ottima bocca e soprattutto il culo sverginato (ride di gusto). Magari prima di lasciarlo, sul blindato potete approfittarne pure voi (i due sgherri ridono di gusto)...altrimenti...beh, fatene quello che volete...purchè resti in vita e sappiano tutti chi è e cosa vuol dire sfidare Luis Miguel Mendoza...così da sentire da solo la vergogna e il bisogno di ammazzarsi!...andate!...via, che qui Rosa me lo ha fatto tornare duro e voglioso.”

Questo racconto di è stato letto 1 2 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.