Tutto iniziò per un film 2.

Scritto da , il 2021-07-25, genere dominazione

Il giorno dopo ripresi il mio lavoro e faticai moltissimo stando sulla scala in alto, montando apparecchiature e tenendomi attaccato ai tubi dell'impianto idrico per non cadere a terra ed infine, al tardo pomeriggio decisi di andare a riposarmi. Mentre stavo salendo nel mio furgone, noto che sul marciapiedi opposto alla mia parte, stava camminando la biondina, Stella appunto, che avevo conosciuto da Samanta. La chiamai e, quando mi riconobbe, venne subito da me e m'invitò a chinarmi in basso per ricevere un suo bacio ed io lo feci subito permettendole di infilarmi la lingua in bocca, cosa che mi provocò un'erezione inaspettata. Lei lo vide subito ed allora le chiesi se era libera da impegni e, quando mi disse di sì, la invitai a salire sul furgone per andare a casa mia dove avremmo potuto liberarci dei vestiti e scopare fino alla ultima mia goccia di sborra. Lei rise e partimmo per casa mia, dove arrivammo poco dopo e, scesi dal furgone, ci fiondammo a sdraiarsi sul lettone ed io, senza esitare le spalancai le coscette che me la facevano figurare come una ragazzina minorenne e perciò gustosissima e prelibata perchè si sà, il frutto proibito è sempre più gustoso di quello che la legge consente e perciò ci diedi giù come un depravato assatanato. Quando me ne venni sborrandole tutto in figa, le dissi che se fosse rimasta incinta, le avrei fatto da spalla per sostenerla nella gravidanza ma lei mi rise in faccia specificandomi che le sarebbe piaciuto avere un figlio dame ma prendeva la pillola e mi svanì il sogno di avere una figlia carina come lei. Poi mi domandò cosa era quella scatola che portai da Samanta ed allora le feci vedere si trattava del clistere e lo osservò con una tale curiosità che mi stimolò a prepararlo riempandolo d'acqua calda e, dopo averla fatta mettere alla pecorina, le unsi l'ano con vasellina ed infilai la cannula dentro il suo culetto e, dopo aver fatto roteare la cannula in vari sensi, girandola da destra a sinistra e poi sfilarla dal culetto per poi rinfilarla con decisione tanto che lei ebbe un sussulto nel riceverla dentro. Aprii poi il rubinetto e lasciai entrare l'acqua a forte velocità e pressione facendo gemere la povera Stella che dopo un poco di tempo iniziò a supplicarmi di fermare l'afflusso dell'acqua nel suo pancino ma volli rimanere fermo nella mia decisione di farle il clistere fino alla ultimissima goccia nella cannula e lei continuava ad implorarmi nel interrompere l'azione in corso. Finalmente la fine arrivò ed io fui rapidissimo ad estrarre la cannula dall'ano di Stella e presi in braccio la bambolina per portarla in bagno dove la misi seduta sul water e la lasciai scaricarsi l'intestino. Solo quando sentii che le sue spernacchiate finirono, entrai lì per posarla dentro la vasca da bagno dove le insaponai il culetto smerdato per poi lavarla meticolosamente, meditando che per leccarle l'ano, sarebbe dovuto essere pulitissimo. Dopo la pulizia la portai sul letto ed iniziai a passarle la lingua e mordicchiandole le chiappette. Poi, stimolato dalle natiche sode, mi venne spontaneo farla sdraiare sulle mie cosce, stando io seduto al bordo del letto, ed iniziai a sculacciarla, prima con dolci colpetti che la fecero ridere un poco ma dopo passai a colpi più decisi e sonori tanto da sentire bene lo schiocco nel colpirla. ad un certo punto iniziò a lamentarsi dei colpi dolorosi ed allora fu il momento ed il motivo che mi fece scattare il desiderio di farle sentire dolore e solo dolore e così lei iniziò a piangere per il dolore, chiaramente, ma anche per l'impossibilità di svincolarsi da me, di difendersi dai colpi che la straziavano ma tutto ciò non m'impietosiva affatto e, anzi, mi ricordai una scena del film che mi stava facendo trasformare in sadico, dove una donna molto autoritaria e severa, stava facendo a due ragazze dai culi paffuti ed eccitanti, delle vere e proprie punture con aghi assai erti, come quelli usati negli anni settanta, prima degli aghi indolore ora da anni in commercio non straziano più i culi italiani ed allora presi la cinta del mio accappatoio e ci legai i polsi a Stella per poi fissarle le caviglie col nastro adesivo ed andai poi al bagno dove nel pronto soccorso avevo delle siringhe che riempii con acqua distillata e, preso un batuffolo di cotone lo inzuppai di alcool denaturato e corsi subito da Stella che seguì con gli occhi il mio arrivo, notando le siringhe su di un vassoio. Posai tutto sul letto e lei capì subito che erano lì per essere usate al suo culetto e cercò subito di divincolarsi per evitare la tortura programmata ma non ci riuscì ed io seguivo il suo tentativo di liberarsi e tutto ciò mi eccitava sempre di più. La misi girata a pancia sotto ed iniziai a strofinare il cotone con alcool alle natiche e, presa la prima siringa, gliela infilai sulla natica con molta lentezza, perciò tutto il contrario del praticare una iniezione perchè l'ago andava infilato velocemente con un solo colpo, in maniera che si sentisse assai meno dolore ma invece la biondina non potè fare altro che urlare con rabbia, pregandomi di smettere la dolorosa pratica ma non ascoltai le sue suppliche e continuai infilandole quattro aghi in ogni natica, poi, iniziai a spingere sempre molto piano lo stantuffo di ogni siringa, una per una e Stella che aumentava le sue grida per il dolore che le stavo facendo provare ed infine, quando svuotai l'ultima siringa, passai a sfilarle gli aghi e strofinai ancora alcool provocandole maggiore dolore perchè l'alcool strofinato sulle natiche, penetrò nei buchini dove prima c'erano stati gli aghi e così la biondina gridò ancora con disperazione. Lì mi passò la frenesia di farla gridare a lungo e passai a spalmarle sul culetto un unguento che le avrebbe dato un senso di freschezza in quelle natiche martoriate da sculacciate prima e poi dagli aghi dolorosi. Dopo la aiutai a rivestirsi e le misi in mano duecento euro, chiamando per lei un taxi che la accompagnò a casa. Quel gioco delle iniezioni mi aveva assai stimolato e dopo cena mi misi al computer dove su Amazon trovai la vendita di vecchie siringhe con aghi simili a spadini erti come uno stuzzicadenti di legno. Ordinai subito dieci siringhe munite di aghi ed i bollitori di alluminio...quelle scatoline che bollivano alcuni minuti, rendendo l'attesa di ricevere un ago in culo assai impressionante, specie se si era bambini in quel momento! ...Io me ne beccai molto spesso quegli aghi in culo ma ora scattava in me la vendetta e voleco fare provare a tanti bei culi quegli aghi, In attesa dell'arrivo del pacco di Amazon, cercai in quei giorni se altra puttane si facevano fare punture al culo e tra una ventina ne trovai solo due che mi ripromettevo di andarle a conoscere e...bucarle il culo che dalla fotografia.

Questo racconto di è stato letto 2 2 2 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.