Un mese da soli nella nostra casa la mare - Capitolo 5

Scritto da , il 2021-02-26, genere incesti

Ci svegliammo verso le 15 e dopo un rapido bagno tornammo a casa. Arrivati a casa Alessia si fece una doccia e si vestì.
* "Vado in paese a fare la spesa"
- "Ok, ci vediamo dopo."
Anche io mi feci una doccia e iniziai a preparare tutto per la sera. Prima di tutto scelsi i vestiti da mettere: una polo grigia a maniche corte abbastanza attillata che metteva in evidenza i miei bicipiti e i miei addominali e pettorali, una tuta, di un grigio più scuro rispetto alla maglietta, che arrivava poco sopra alla caviglia. Decisi di non mettere le mutande per stare più comodo e evidenziare eventuali erezioni. Dopo essermi vestito iniziai a sistemare la casa. Apparecchiai la tavola per noi due con delle candele per creare un po' di atmosfera. Dopo di che sistemai il letto. Quando Alessia tornò a casa rimase piacevolmente sorpresa.
* "Hai preparato tutto per stasera!"
- "Già, bisogna solo cucinare"
* "Cosa avevi in mente?"
- "Lascia fare a me"
Durante la cena, non successe nulla di particolare, tranne che per qualche "provocazione". Più volte mi strusciai su Alessia per farle sentire la "presenza" e le toccai le tette diverse volte. Verso la fine della cena mi bagnai la maglietta "per sbaglio".
- "Fanculo!"
* "Ahahahah"
Allora me la tolsi rimanendo solo con i pantaloni.
* "Aspetta ti asciugo..."
Così dicendo prese un tovagliolo e mi si avvicinò. Si mise dietro la sedia e iniziò ad asciugarmi con il tovagliolo, accarezzandomi il petto e l'addome e scendendo sempre più in basso. Alla fine arrivò a mettermi la mano nei pantaloni accarezzandomi il membro. Mi girai verso Alessia iniziando a baciarla. La presi in braccio mettendole le mani sul sedere. La portai in camera e feci sdraiare sul letto. Anche io mi sdraiai accanto a lei e iniziai a spogliarla. Ormai il mio pene era completamente eretto e creava un bozzo nella tuta. Quando lei era completamente nuda, mi tolsi i pantaloni. Mi sdraiai sopra di lei e iniziai a penetrarla lentamente. Andavo su e giù guardandola negli occhi. Sentivo che la sua figa si stava bagnando sempre di più. Iniziò ad ansimare per il piacere.
* "Andiamo sotto la doccia"
Ci alzammo dal letto e senza mai staccarci entrammo in bagno. Iniziai subito a insaponarla partendo dalle tette e soffermandomi sulle labbra della sua figa. Anche lei iniziò a insaponarmi partendo dalla parte alta e poi scendendo all'inguine, senza mai toccarmi il pene. Le sue mani mi fecero impazzire e dopo averla "spinta" contro il muro iniziai a sbatterla con foga.
- "Ti piace farti rompere la figa!"
Non riuscì a rispondere, iniziò a gemere e ansimare sempre più forte fino ad arrivare all'orgasmo. A quel punto la feci girare mettendola a pecora e iniziai sfondargli anche il culo. Sentii di essere sul punto di venire, così rallentai sempre di più fino a fermarmi.
* "Ora lo voglio in bocca"
Decisi di accontentarla subito, si mise in ginocchio davanti al mio cazzo e iniziò a leccarlo. Si soffermò soprattutto sulla cappella e poi iniziò a succhiarmi le palle. Dopo avermi ben lubrificato lo prese in bocca e iniziò a succhiarlo. Ormai non cela facevo più e proprio sul punto di venire iniziai a spingerle la testa su e giù. Alla fine venni e le riempii la bocca di seme caldo. Iniziammo a lavarci a vicenda dandoci carezze e baci proprio come due amanti. Dopo la doccia ci mettemmo a letto e ormai abituati ci addormentammo abbracciati nudi.

Spero che questo capitolo vi sia piaciuto. Presto ne uscirà un altro

Questo racconto di è stato letto 4 9 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.