Un asciugamano molto particolare e...sei indimenticabili porci !

Scritto da , il 2021-02-23, genere tradimenti

Esiste ancora. È Un anonimo asciugamano rosso, da bidè. Ora viene impiegato per quello che deve essere.
Ma per oltre un anno venne impiegato come sborratoio.
Fu la vacca a chiederlo. E fu sempre la vacca ad usare per la prima volta quel termine. Lo sborratoio!!
La parola sborratoio l’ha coniata sempre la zoccola riferendosi alla sua bocca da ragazzina.
Ma torniamo a quell’asciugamano.
Avete idea di come possa essere ridotto un asciugamano dopo che qualcuno ci viene dentro per decine di volte senza lavarlo?
Stopposo e rigido. Pare inamidato in realtà è solo sperma.
Come versarci un litro di sperma, seppur un poco alla volta, giorno per giorno senza mai lavarlo.
Fu la troia a proporre a Luca: " Non lavarlo! Quando vieni a trovarmi portarlo con te! Voglio annusarlo! Anche mettermelo in bocca!"
Divenne asciugamano che usava Luca nelle circostanze in cui si masturbava.
Da quando vivono insieme ovviamente non ha più senso, ma ne ebbe molto nel periodo in cui erano lontani. Ancora oggi, quando le capita sottomano, lo tiene in sospeso, attira attenzione di Luca e aggiunge un significato "mmm" passandosi la lingua sulle labbra.
Quindi lo annusa e aggiunge:” Sa di pulito! Non c'è gusto!"
Quell' asciugamano rosso divenne testimone in altri tempi. Il primo anno quando Luca e Anna vivevano lontani.
Fu testimone da subito. Anche nel periodo che la vacca viveva con il marito.
Le telefonate erano quotidiane. Finché viveva con il marito prevalentemente la sera, prima di cena, la vacca in vasca mentre il maritino preparava la cena.
Parole sussurrate dalla vacca bisbigliate.
"Cosa darei per farmi scopare da tanti porci. Maiali. Decisi…come una vacca. Come una zoccola. Davanti a mio marito!" Per poi interrompere il racconto per godere. Urlo strozzato. Prendere il fiato e poi la consapevolezza che ora toccava a Luca:" Dai sborra porco fammi sentire che sborri! Cosa darei per essere lì e berla tutta! Riempilo quell'asciugamano!!!"
Se Luca era troppo silenzioso era la vacca a dire:" Fammelo sentire che godi porco. Sborra maiale sborra!"
Era una donna di quarantaquattro anni, non una ragazzina!
Quando la zoccola si ricomponeva diceva:" Almeno tu che sei libero di fare casino, tu che vivi da solo e fammi sentire come sborri! Non come me che ho il marito e figli a due passi!"
Quindi la sera successiva stesso rituale
" Sei io fossi tua moglie mi daresti in pasto a dei porci, vero maiale? Ti piacerebbe farmi riempire di cazzi, vero porco?"
E Luca confermava e sborrava. Come richiesto dalla zoccola: nello stesso asciugamano rosso. Senza lavarlo.
La prima volta che lo portò con sé in valigia (avendo accuratezza di inserirlo in un paio di sacchetti, pena odore pregnante dello sperma secco in tutta la valigia) la cagna dapprima lo annusò per poi piegarlo (cazzo com'è rigido! Ce ne sono di sborrate dentro) e inserirlo in bocca.
"Fantastico" il successivo commento della puttana.
Le cose cambiarono in meglio quando andò a vivere con sua madre. Chiusa nella sua cameretta.
Nella prima serata si raccontavano la giornata. La mammina la sentiva parlare al telefono, tanto che quando qualche anziana vicina andava a trovarla commentava:" È sempre al telefono con questo Luca. Per fortuna ogni tanto la sera esce e va da qualche amica. A distrarsi!".

In realtà le amiche serali erano i tori da monta. La vacca era scaltra. Indicava come amiche persone solo sommariamente conosciute dalla madre. Per evitare che le incontrasse i giorni successivi e venisse scoperta.
In realtà anche quando non usciva la zoccola aspettava che mammina si addormentasse. Era sempre la troia a dire a Luca:" La vecchietta si è addormentata!"
Era il segnale del sesso porco. Ogni sera. Immancabilmente!
La vacca esigeva due orgasmi. Intervallati da una piccolissima pausa. Quindi era il turno di Luca. Una volta sola bastava, visto che era tutte le sere!
Ma il meglio arrivava al rientro della monta in motel.
Spesso la vecchietta era già a letto. Fino a quel momento Luca la aveva solo sentita al telefono in motel. A godere. Ma sapeva poco altro.
Fu Luca a dare delle regole iniziali. Lui domandava. E la vacca rispondeva. Nel caso fosse andata veramente bene il dialogo era di questo tipo:
" Com'è andata puttana?"
"Mmm. Benissimo. Da cinque stelle. Segnalo. Lo voglio riprovare questo porco!" "Hai bevuto?"
La vacca sussurrava le risposte:" Tutto. Fino all'ultima goccia e poi ho pulito per bene!" "Ti ha inculato?"
"Come un vero toro. Mi ha massacrato il culo!!" Luca era già eccitato:" Hai goduto vero troia!"
"Come una cagna in calore. Non so neanche io quante volte sono venuta!" E il dialogo proseguiva su questo tono.
Ma ci fu una sera particolare in cui quell’asciugamano vide tre sborrate in poco più di un’ora!
Luca sborra molto. Moltissimo. E gode come un porco. Ha un orgasmo lunghissimo. Per alcune troie con cui ha scopato vale la pena solo osservarlo quando viene.
In genere la sborra è densissima oltre che essere tanta. Forse è dovuto alle grosse palle. Nonostante la vacca ne abbia viste a centinaia non ne ricorda così grosse in altri porci.
Luca viene talmente tanto da sorprendere anche prostitute navigate. Non fu raro che lo notarono anche vere battone da strada osservando il preservativo pieno.
Quando riapre asciugamano il fiotto bianco e denso è evidente. Immaginate quell’asciugamano. Ogni sera una sborrata. Senza essere lavato.
E quella sera ben tre una dietro altra.
Iniziò tutto quella mattina di quasi dieci anni fa. Dovette disturbarla a lavoro nonostante la puttana non lo desiderasse.
La sera prima era uscita con un toro, un certo Magico.
La prima uscita in assoluto!
E fu una scelta improvvisata in quanto, fino a quel giorno, gli accordi prevedevano che Luca e Anna sarebbero stati insieme in caso di incontri porci.
Non era possibile. Era solo un buono proposito. Troppa la distanza tra loro.
Fu Luca a chiederle se avesse voluto uscire on ogni caso anche senza di lui.
Luca pensò che non avrebbe accettato. In realtà anche Magico (messo al corrente della situazione) pensò che la puttana non avrebbe accettato.
La vacca era al primo incontro al buio e Magico era un toro navigato. Non aveva mai sentito di una troia che si fosse prestata in questo modo. Senza preliminari. Senza un caffè per conoscersi. Caricata come una prostituta e portata immediatamente in motel.
Insomma, Luca e Magico avrebbero scommesso per il no. Invece la vacca accettò! E senza indugi!!!
Per lei fu come bere un bicchiere di acqua. Luca fu talmente sorpreso dall’evoluzione della cosa che dimenticò di chiederle di farsi qualche foto.
Quindi la sentì solo al telefono. Circa venti minuti dopo che era uscita di casa.
E stava già godendo!
Ma stavolta era diverso! La mattina successiva al primo incontro arrivò una proposta chiara. La fece Mauro. Fu lui il referente del gruppo. Eh sì, parliamo di un gruppo.
Stavolta avrebbe dovuto farsi scopare da quattro porci!
Contemporaneamente! Quella era la proposta! La puttana e quattro porci!
E bisognava prendere una decisione. La mattina stessa.
Mauro propose di venirla a prendere. La avrebbe portata a Monza dove, in un appartamento, la avrebbero aspettata altri tre. Poi avrebbero iniziato le danze.
Luca ebbe difficoltà a contattarla. La vacca su sbrigativa. Il lavoro era al clou e il maritino sempre incollato alle calcagna.
Andò in bagno a telefonare.
Accettò al volo!! Senza indugiare! Luca pensò che non avesse capito bene tanto che le ribadì che erano in quattro!
La vacca rispose quasi infastidita.” Ho capito! Ho capito! Per me è ok. Ora però devo andare!”
Luca era basito. Qualche istante dopo ricevette un sms. Vide che era della zoccola e pensò che ci avesse ripensato.
Dovette leggerlo più volte. Non ci aveva ripensato.
Sms diceva: “Amore ho pensato che andare fino a Monza con un estraneo in auto mi mette imbarazzo. E se chiedi che vengano in due a prendermi? Uno guida e uno dietro con il cazzo già pronto da succhiare finché non arriviamo a casa!”
Luca le rispose con un: “Ma sei sicura?”
Immediatamente la vacca scrisse un ultimo sms:” Sicurissima. Un'altra cosa. Dì al tipo che una volta entrata in casa mi piacerebbe che mi mettessero in ginocchio all0ingresso circondata dai loro cazzi!”
Luca aveva letto bene!
Ricontattò Mauro e riportò il tutto. Anche Mauro (come Magico giorno prima) era incredulo. Mai sentito di una puttana simile.
Chiese a Luca se avesse avuto dei desideri porci. Luca ci pensò un attimo e gli venne in mente che gli sarebbe piaciuto vederla con il viso imbrattato di sborra.
Si raccomandò comunque di afre scegliere a lei se gradiva foto o meno e che, in tal caso, avrebbero dovuto essere fatte dal suo telefonino.
La sera arrivò rapidamente. Quando Marco arrivò al parcheggio (che sarebbe diventato il consueto punto di ritrovo per varie decine di incontri) inviò un messaggio a Luca con tipo auto e colore della medesima.
Mauro era dietro, alla guida un certo Marco.
Luca girò informazione ad Anna la quale rispose con un laconico: “Vado, a dopo amore”.
Intesa era che fosse stato Luca eventualmente a telefonare. Non voleva dare anche quella incombenza alla troia. Scoprì in seguito che fu uno scrupolo inutile: la vacca sarebbe stata perfettamente in grado di telefonare senza alcun problema. Ma all’epoca, Luca, non lo aveva ancora capito!
La vacca fece pochi passi e arrivò nel parcheggio. Intravide che effettivamente sull’auto c’erano due persone. Uno alla guida e uno dietro.
Salì senza esitare a fianco di Mauro. Solo allora sentirono la sua voce: “Ciao. Andiamo subito che qui mi conoscono”
Marco avviò auto.
Fu allora che Anna guardò per un istante Mauro. Quindi abbassò lo sguardo e vide che aveva estratto il cazzone. Già in tiro. Non esitò un istante e si abbassò per succhiarlo!
Mauro impazzì fin da subito. Commentava con “Che bocca cazzo che bocca…che puttana…che troia…pompinara…pompinara”.
Marco alla guida intuiva che dietro stava accadendo qualcosa di unico. Guidando allungava la mano dietro ma la troia la respingeva volutamente.
Faceva anche la preziosa!
Mauro non voleva sborrare subito ma non sarebbe arrivato fino a Monza con una bocca simile. Chiese il cambio a Marco che accettò con entusiasmo.
Un rapido stop e ora la puttana ha in bocca il cazzo di Marco. Il più dotato (non che Mauro e gli altri non lo fossero) il più giovane, il più porco, il più energico!
La vacca non fa una piega e succhia anche il suo.
Mauro alla guida avvisa glia altri due. “Ragazzi preparatevi! Una vacca mia vista prima! Vedrete che puttana! Vedrete che puttana!”
Arrivano parcheggiano. In silenzio salgono una rampa di scale.
Sempre in silenzio entrano in casa. Alfonso e Giovanni li aspettano in piedi. All’ingresso. Con i pantaloni già abbassati e il cazzo fuori.
Nessuna presentazione: la vacca è in ginocchio con quattro cazzi a cerchio.
Lasciano a lei iniziativa. Passa da un cazzo all’altro. Con un gesto invita anche ad avvicinarli in modo che possa averne in bocca anche due contemporaneamente.
È la prima volta che ha in bocca due cazzi insieme!
Quando ritiene sia arrivato il momento, la cagna si alza. Nessuna presentazione.
È Marco a prenderla per mano. Pochi passi e sono in camera.
Non si sente una mosca volare. Solo eccitazione porca! Tanta eccitazione porca!
La vacca si spoglia in un angolo della camera. I porci in un altro.
È completamente nuda! All’epoca non indossava alcun corsetto.
I porci sono altrettanto nudi. Tutti. La luce al massimo della intensità.
Marco è al centro del letto. Con un palmo della mano batte sulle lenzuola. È un invito alla vacca a salire.
Solo allora la prima parola: “Vieni qui puttana che ti facciamo godere per bene!”
La puttana sale senza indugiare. Solo allora i quattro sentono chiaramente la sua voce: “La prima sborrata in bocca! La voglio in bocca!”
Luca nel frattempo è in casa. Sul divano. La tv accesa davanti ma non riesce a vederla.
Il campanello suona. Cazzo, cazzo, è il noiosissimo vicino di casa. Si era dimenticato che giorni prima aveva preso un impegno con questo cazzo di vecchietto noioso come una giornata autunnale.
E parla, parla questo cazzo di vecchio.
Ma Luca pensa ad Anna. Non sa niente. Chissà come sarebbe andata. Chissà cosa stesse facendo adesso.
Il tempo passa. Finalmente il vecchio se ne va. Cazzo è passata oltre un ora da quando la zoccola è uscita.
Chiama senza indugio.
La vacca risponde. Ha la voce squillante. “Ciao amore!”
Luca pensa che qualcosa sia andato storto. La vacca lo tranquillizza: “No tranquillo tutto bene! Siamo in pausa. Sono stati gentili. Hanno portato dei pasticcini”
La vacca è di poche parole. Nel sottofondo altre voci tra cui risate.
Luca vorrebbe soffermarsi. Arriva una voce chiara. Autoritaria. Volutamente ad alta voce. È Marco e quello che dice desidera che venga sentito anche da Luca: “Dai puttana vieni qui che ricomincia la monta!”
Luca stava parlando. La zoccola lo interrompe: “Devo andare amore. A dopo!”
Luca è basito. Ha detto “devo”. Che significa “devo”? È evidente che nessuno la avrebbe obbligata a interrompere la telefonata.
La puttana ha “voluto” andare!
La cagna passa il telefono a Mauro il quale è talmente eccitato da dire parole sconnesse:” Luca che troia che è la tua donna…mai visto una puttana simile…abbiamo scopata come una cagna…adesso sta già succhiando e vuole ancora cazzo”
Quindi si congedò scusandosi che non erano riusciti ancora a fare delle foto assicurando Luca che le avrebbero fatte a breve.
Luca si riadagiò sul divano. Voleva masturbarsi si trattene. Voleva capire meglio cosa fosse accaduto.
Mezz’ora dopo un sms della troia: “Sto rientrando”. Poco dopo arrivano sei foto.
Le primissime foto in assoluto!
La vacca chiama Luca appena scesa dall’auto. Sta per parlare ma dice. “Cazzo la vecchietta è ancora in piedi!” Si riferisce alla madre.
“Ciao piccola” è la madre che parla” ti sei divertita da Antonella?”.
Quando uscì la madre le chiese dove fosse diretta, la puttana ovviamente trovò la scusa di una amica.
Quindi si chiude incamera. Si spoglia e inizia il racconto.
Spiega tutto per bene. Dall’ inizio in auto. Al sapore dei due cazzi succhiati. All’essere messa in ginocchio fino all’ingresso in camera.
Luca non resiste e sborra!
“Bravo dai fammi sentire! Sborra porco sborra!!” lo incita la troia.
Anche lei viene.
Arriva al racconto del primo tempo in camera.
Lei è sintetica ma precisa. Quando Luca parla di scopata lei lo corregge:” Mi hanno pompata come porci! Mi hanno veramente pompato”
La vacca da solo indicazioni: “Mi hanno scopato in tutti i modi. Alla pecorina oppure li avevo sopra di me ma soprattutto non mi facevano mai mancare un cazzo in bocca. Qualche volta anche due! Mai senza cazzo in figa e in bocca”
La puttana disse che erano bravi anche nello sborrare. Quando sborrava uno rifiatava e poi veniva un secondo poi il terzo poi il quarto per ricominciare con il primo.
“Giovanni sborrava come una fontana. Mi ha sborrato mentre ero alla pecorina e quella bestia di Marco ci dava dentro nella mia figa!”
Solo quando si calmarono u poco lei riuscì ad andare a cavallo di Mauro.
Davanti a sé aveva i cazzi di Alfonso e Giovanni.
Marco appariva inspiegabilmente scomparso. La vacca lo sentì alle spalle che armeggiava nel metterle il secondo cazzo in figa.
Anche quella fu una prima volta!
La puttana lo gridò talmente tanto che imploro i porci: “Vi prego non tirateli fuori non tirateli fuori…che bello…mamma mia che bello due cazzi in figa…sì…sì…siiiii”
Finché non ebbe ennesimo orgasmo.
Luca alla descrizione del racconto, seppur a mozzichi, si segava. Talvolta non capiva distintamente cosa dicesse la troia e la sollecitava a essere più chiara.
“Ho mia mamma nella stanza di fianco!” disse la zoccola. In realtà Luca non chiedeva un volume più alto la solo più chiarezza.
Ma la vacca ansimava troppo per essere chiara.
Nel frattempo che si segava Luca con un occhio monitorava il sito.
Il gruppo di maiali non tardò a farsi sentire. Comparve un messaggio rivolto alla comunità: “Ragazzi oggi abbiamo avuto un incontro con una new entry! Una milf vacca da paura! Disinibita e puttana incredibile! Gode come una cagna in calore! Una vera ninfomane che ama essere trattata da com’è cioè una vera troia!! In più beve anche tutto!! Le piace la sborra!!”
Da quell’istante il profilo di Luca e Anna ebbe centinaia di visualizzazioni.
Ed erano iscritti da pochi giorni!
Ma torniamo a Luca. Arriva il momento della seconda sborrata nell’asciugamano.
“Godi porco. Godi! Sborra dai sborra! Fatti sentire tu che puoi!” lo accompagnava la puttana.
Luca era sfinito. Due sborrate. Ma rimaneva ancora molto da chiarire.
Le foto.
Le prime due. Le prime due in assoluto.
Un divano. Quindi erano in sala. Al centro uno dei porci. La zoccola gli è a cavallo. Sempre sul divano ma in piedi ci sono altri due porci. Uno a destra e uno a sinistra. La vacca non ha che da girare la testa per succhiare uno o altro.
Lo fa nella seconda foto. E lo fa con una intensità che le compaiono le fossette sulla guancia!
Quando Luca la chiamò (ricordate?) era in pausa. Fu solo allora che conobbe i nomi dei quattro porci. Dopo averci scopato.
Erano stati gentili. Le avevano procurato un accappatoio. Girare per casa completamente nuda senza scopare era troppo anche per lei!
Fu la chiamata di Luca. Ricordate quel: (“Dai puttana vieni qui che ricomincia la monta!”
Luca stava parlando. La zoccola lo interrompe. “Devo andare amore. A dopo!”
Luca è basito. Ha detto “devo”. Che significa “devo”? È evidente che nessuno la avrebbe obbligata a interrompere la telefonata.
La puttana ha “voluto” andare!
La cagna passa il telefono a Mauro il quale è talmente eccitato da dire parole sconnesse:” Luca che troia che è la tua donna…mai visto una puttana simile…abbiamo scopata come una cagna…adesso sta già succhiando e vuole ancora cazzo”) che avevo scritto poco fa?
La vacca lasciò quindi un Luca basito. Fu lei a far cadere spontaneamente accappatoio.
Quindi con un gesto invitò uno dei porci e sedersi sul divano. Il resto fu una conseguenza.
Mentre erano sul divano a Mauro tornò in mente la promessa a Luca: sborrarle in faccia!
Decisero che era meglio farlo in camera. E soprattutto decisero che era meglio farlo scopandola!
Quindi le rimanenti quattro foto!
Solo il viso, si vede solo il viso a faccia su. Ma è evidente ciò che sta accadendo: ha uno sopra di lei che la scopa. Infatti, la cagna sta godendo.
Quindi al porco di turno quando arriva la sborrata si precipita sulla faccia per riempirle il viso.
E da il cambio a un altro.
La puttana ha già avuto una razione di sborra. Le cola dal viso. Ne sta arrivando un'altra. Il fiotto è in aria! Ma la cagna ha la bocca spalancata dalla goduria. Probabilmente quella sborra atterrerà in bocca!
Luca venne la terza volta!
Asciugamano era rigido da far impressione. Ma non doveva lavarlo.
La sera dopo ci sarebbe stata una ulteriore sborrata.
E quella successiva la vacca avrebbe chiuso la memorabile settimana con un altro nuovo toro.
Il mitico Tentazione. Il post dei porci non era passato inosservato.
Tentazione la invitò per la domenica pomeriggio. Il maritino aveva organizzato un pranzo riparatore con alcuni amici comuni.
Ovviamente la puttana declinò invito!!!
Quel pomeriggio salì in auto con quel porco per dirigersi a Milano. Tentazione è referenziatissimo. Aveva una coda di troie che aspettavano la sua monta tanto che qualcuno fu sorpreso che si dedicasse immediatamente ad una zoccola iscritta da pochissimo tempo.
Evidentemente la fama di grandissima vacca era circolata velocissimamente!!!
Ma Tentazione non vuole telefonate da nessuno. E non garantisce alcuna foto.
Prende la vacca di turno, la porta a casa e la monta in un appartamento riservato a quello con tanto di gioco di specchi!
A Luca dirà che non vuole telefonate quindi Luca decide di andare al cinema.
Tentazione però (bontà sua) gli invia un messaggio intorno le 14:” È iniziata la monta!” assicurandolo che ne avrebbe inviato un secondo alla fine.
Luca pensa che se sia dimenticato in realtà ne riceve uno intorno le 17,30 “La monta è finita!”.
E Tentazione non millantava.
“Non ho mai scopato così tanto in un colpo solo!” confidò al rientro la vacca mentre si masturbava con Luca “non sono mai stata così tanto alla pecorina…e poi davanti ad uno specchio e lo vedevo in faccia quel porco mentre mi pompava.”
In realtà (sempre per bontà di Tentazione) arrivarono anche tre foto. Scattate dal telefono della puttana.
È a fine monta. Lui a cavallo e le offre il cazzo che lei succhia con intensità folle. Che fossette sul viso.
Ma è la terza foto ad essere diversa. Non pare nemmeno una foto hard. Si vede solo il viso della puttana. Nessun cazzo. Ha gli occhi chiusi e le labbra serrate.
Sembra una bambina che si sta gustando il gelato: ha la bocca piena! Di sborra!
È istante prima dell’ingoio.
Che settimana da troia!
Anzi il tutto avvenne in quattro giorni.
Sei cazzi per quattro giorni!!!
E ancora sborra su quell’asciugamano!!!








Questo racconto di è stato letto 3 7 0 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.