Che bel venerdì di Pasqua!

Scritto da , il 2021-04-08, genere tradimenti

"Maledetto lockdown" sono le sue parole. E, potete stare tranquilli che non si riferisce solo al grosso disagio che stiamo vivendo tutti, ma al fatto che fa fatica a incontrare come solo pochi mesi fa quando si allentarono le misure.
In realtà ha una, come sempre, coda di prenotazioni consistente. Il problema essenziale è il coprifuoco.
Ma si apre uno spiraglio: il venerdì di Pasqua.
È il classico giorno dove non è inconsueto uscire prima da lavoro e, per i tori, è sufficiente non farlo sapere alle rispettive cornute e proporsi per la vacca.
Solo qualche giorno prima ebbe modo di dire, mentre si masturbava, senza ritegno, davanti a Luca:" amore se tu sapessi che voglia che ho di essere riempita da tanti cazzi. Ho voglia di una bella gang!
È da molto che non ne facciamo una!”
Da notare quel “facciamo” come se Luca partecipasse. Oramai i suoi aspetti sono più organizzativi che altro. Andare a recuperare i porci sotto casa, filmare, tenere sotto controllo il volume della tv per evitare che le urla si sentano all’esterno e via dicendo.
Il venerdì di Pasqua è un giorno, nonostante le varie zone rosse, parecchio frequentate; quindi, nessuno nota sei giovani maschi che entrano nel palazzo dove abita la vacca.
Arrivano in due gruppi perché sono due gruppi distinti!
La vacca avrebbe dovuto sceglierne uno ma, evidentemente, è troppo infoiata quindi dice al cornuto, ammiccando amorevolmente: “Che dici se li invitiamo entrambi? Tanto è già capitato che abbiamo ospitato anche sei o sette tori tutti insieme!”
E così fu!
Luca tornò da lavoro esausto e trovò la vacca già pronta nella consueta tenuta da monta.
Arrivò il momento e, come di consueto, entrò in camera, si sdraiò faccia su sul letto a gambe aperte non prima di essersi bendata e iniziò a toccarsi in attesa dei primi tre.
Infatti, il primo gruppo era nuovo mentre il secondo, seppur tempo addietro, era già stato ospitato.
Cosa raccontare di veramente nuovo? Ben poco!
Forse il trattamento deciso dei primi tre. Anche a parole. Sono giovani (tutti intorno la trentina) e prestanti. Decisi e porci. E i “Godi cagna in calore” non si lesinano.
La vacca vuole soprattutto riprovare a essere piena. E piena Fu!!!
Come fu particolare la tripletta. Lei dava le spalle al porco che la inculava, davanti a sé un secondo.
Anche la zoccola non fu parca di parole:” Bravi porci! Si. Come maiali! Mi piace come maiali!”
A metà monta arriva anche il secondo gruppo. Si spogliano in sala e si precipitano in camera.
Pochi istanti dopo è veramente piena. Compreso i cazzi in mano!!
Paradossalmente i video dove si comporta da vera cagna in calore sono i più semplici da postare. È talmente piena e attorniata di maschi da renderla irriconoscibile a chiunque!
I porci si danno il cambio e familiarizzano. Hanno portato del vino. Si alternano. Magari un paio in sala scambiandosi esperienze, quindi arrivano altri che hanno già sborrato e i due tornano in camera.
La monta dura tutto il pomeriggio.
Verranno tutti almeno una volta in bocca alla troia. Come da sua richiesta!
Quindi verranno anche nel culo della troia, senza preservativo e con lei che li osserva sopra di sé. Anche questo coma da sua richiesta.
Ripensando alla Pasqua di dieci anni fa. Era il 2011 quindi e Pasqua cadeva (come si dice in gergo) alta, era infatti fine aprile.
Quel week end Luca raggiunse Anna. Non era ancora, per la famiglia della troia, il “nuovo fidanzato “. Lo sarebbe diventato giusto il Lunedì di Pasqua, poco prima del suo rientro a casa quando la troia pensò bene di presentarlo.
Quel week end lo passarono quindi in un albergo a Milano. E i pomeriggi e le serate?
A passeggio per la bella città? Ma neanche per idea: in un noto club prive di zona Sondrio.
Come dire: passano gli anni ma sempre vacca è!!!

Questo racconto di è stato letto 3 3 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.