Anche le trasferte sono occasioni per prendere cazzi !

Scritto da , il 2021-03-28, genere tradimenti

La puttana è molto concreta e pragmatica. Le interessa solo una cosa: godere!
Non ha (sarebbe più esatto dire, non ha mai avuto) veri altri interessi.
Dichiaratamente di bassa cultura e quasi orgogliosa di esserlo. "Ho sempre odiato la scuola " è una dichiarazione alla quale ricorre spesso. Mai andata autonomamente ad una mostra di nessun genere, il cinema la innervosisce in quanto non può fumare, la politica la annoia e si crea delle impressioni sommarie legate all'impressione del momento.
Segue qualcosa di sport, ma solo per vicinanza con Luca. Quasi costretta.
Il lavoro? Solo per vivere. Non è certo posseduta dalla furia lavorativa!
Inoltre non lavora da tempo, quindi se era infoiata nei periodi in cui era impegnata, immaginate nei periodi di inattività !!!
Luca talvolta va in trasferta lavorativa e gli viene spesso proposto (in alternativa a un albergo) un appartamento. Questo comporta che ha modo di ospitare la mogliettina.
Secondo questa situazione è un’occasione per implementare la sua raccolta di cazzi? La risposta è scontata!
Non dimentichiamo che la vacca ha una certa notorietà sui vari siti in cui è iscritta e poco alla volta ha setacciato anche mezza Lombardia, ma ovviamente in altre zone d’ Italia lei rappresenta una chimera e i tori si limitano a inviare messaggi di ammirazione, ma con poche speranze di incontrarla.
Immaginate quando arriva la notizia che da lì a breve la vacca sarebbe stata per qualche giorno in zona!
Anche in questo caso, quindi, la puttana ha solo l’imbarazzo della scelta nel toro di turno.
Ricapitolando, quando la vacca rimaneva nella casa di residenza ( mentre Luca era in trasferta) la medesima vacca la possibilità che oramai conosciamo con l’aggiunta di scegliere se è il caso di dirlo a Luca o di tenerlo nascosto.
Se va a stare da Luca ha, anche in questo caso, un’ampia scelta di porci.
Anche il viaggio diventò occasione di monta. In un caso fece amicizia con un bel giovane maschio (ma soprattutto sveglio) tanto che inviò a Luca un messaggio in cui gli anticipava che, una volta arrivata a Milano con la nuova conoscenza, si sarebbe recata immediatamente in motel.
La seconda circostanza accadde con la presenza di Luca. Un rientro frettoloso a casa in auto. Frettoloso in quanto la sera stessa Anna e Luca erano stati inviati a cena dal figlio della troia.
Erano in ritardo, ma a ritardo si sommò un consistente altro ritardo.
La causa vera fu una sosta in Autogrill per un veloce caffè. Uno sguardo fulminante con un ombroso (ma per la cagna irresistibile) maschio.
La zoccola che invita Luca a lasciarla da sola a gestire la situazione.
Luca che aspetta fuori, appoggiato all'auto. Quindi un SMS che gli dice "Ti siamo appena passati davanti. Seguici che il motel è più avanti ". E ancora, per Luca, l’attesa in auto ascoltando le urla della troia e i gemiti e le parole irridenti del porco.
Dopo un’ora abbondante il rientro a casa passando il tempo a cercare una scusa plausibile per quel ritardo.
Ma torniamo alle trasferte di Luca.
Si hanno traccia di quasi una decina di incontri con vari porci della zona. Con solo uno ci fu una replica, ed è quello che andiamo a raccontare.
Massimo è un toro relativamente esperto. Fisicamente possente. Intorno ai quarant'anni. Muscoloso, alto, tonico e spallato. Potrebbe sembrare un nuotatore.
Il cazzo (sono in imbarazzo ad usare i medesimi aggettivi, ma cosa volete farci, è vero!) è semplicemente mostruoso! Soprattutto in grossezza tanto che l'esposizione della sua foto nel sito ha suscitato vari apprezzamenti femminili.
La vacca (sto anticipando) ha una figa talmente capiente tanto che non è inconsueto che lei solleciti (lo faceva già da ragazza, giusto per far capire quanti ne avesse già presi nonostante la giovane età) che le venga infilata intera mano all'interno fino al polso. Ma quel cazzo la riempie totalmente, tanto da indurre Luca a filmare i particolari anatomici di quel palo che stantuffa come un pistone di un camion.
Ma la vacca non scelse Massimo solo per la dotazione, ma soprattutto per il viso, gradevole se non bello con occhi chiari come il mare.
Massimo arriva accompagnato da un ragazzino. Lo aveva anticipato e ne Luca né tanto meno la vacca pongono obiezioni.
Il ragazzo è, per l’appunto, un ragazzo. Inesperto e infine poco concreto. Uno di quei tipi che prendono coraggio solo se sono in gruppo, ma da soli sarebbero ben poca cosa.
La puttana lo userà essenzialmente come cazzo da succhiare mentre viene scopata da Massimo. È evidente che quest'ultimo ha invitato il ragazzo con due obiettivi: il primo fargli fare esperienza ma il secondo è più sottile, esibire che razza di toro da monta lui possa essere!
Massimo è consapevole di avere un uccello oltre misura e ne va orgoglioso e fiero. Anche troppo. Sorride infatti compiaciuto mentre la vacca, come sempre in ginocchio, lo divora.
A Luca i due tipi non piacciono molto, ma non tanto per il comportamento durante la monta, ma per il prima e il dopo. Sono chiassosi, parlano ad alta voce di cazzi e di sborra tanto che Luca deve richiamarli spesso all'ordine. È pur sempre una abitazione con dei vicini di casa e non troppo distante da lì abitano altri colleghi di Luca.
La monta va bene. Non è memorabile come in altre circostanze e con altri tori, ma è degna di nota tanto che la vacca apprezzerebbe un bis.
Bis che viene organizzato dopo circa un paio di mesi, nel frattempo la vacca si fece scopare da altri porci della zona, quindi il rientro a casa (lasciando Luca a lavoro in trasferta) e ovviamente ci diede dentro anche in quella circostanza, quindi l’ulteriore ritorno da Luca e in quella circostanza chiese di replicare di replicare con Massimo. La troia chiarì che in questo caso gradiva solo la presenza di Massimo, senza il ragazzino da svezzare.
È sottinteso che la puttana apprezzava Massimo anche come maschio oltre che come toro da monta.
Massimo è libero solo nel tardo pomeriggio ma Luca desidera essere presente quindi fa di tutto per uscire da lavoro in tempo. Vorrebbe arrivare prima del toro per organizzare il video e Luca non esclude di partecipare alla monta, quindi, conta di avere il tempo per lavarsi.
E tutto questo è ben noto alla zoccola. Ne avevano parlato in precedenza.
Luca ha un inconveniente che gli porta un poco di ritardo. Nel frattempo, Massimo è già arrivato. La vacca invia un messaggio a Luca; "Amore ci sei? Massimo è già qui! "
Luca si prende solo una decina di minuti in più e fa di tutto per affrettarsi ma poco dopo arriva un messaggio vocale della puttana che dice: “Amore noi cominciamo, Massimo dopo deve andare. Ti lascio la telecamera sulla mensola all'ingresso. "
" Che puttana "pensa Luca, ma dopo tanti anni non ne è certo sorpreso.
Quando arriva a casa entra a trova effettivamente la videocamera sulla mensola dove di consuetudine vengono appoggiate le chiavi dell'auto e i documenti.
La camera è al piano superiore raggiungibile da una quindicina di scalini immediatamente vicini all'ingresso.
La porta è sicuramente aperta in quanto si sentono i genitori della troia. Luca accende la telecamera. Sale ed entra in camera.
Massimo appare ancora più possente è sopra la vacca. Lei gli artiglia le natiche e le spinge verso di sé.
Stanno sicuramente anche limonando.
Luca è attratto dell'enorme palo che riempie la fuga della puttana entrando e uscendo fino alla cappella per poi affondare i colpi!
Finirà con Massima faccia all'aria mente la vacca lecca e succhia la cappella (di più era impossibile vista la grossezza del cazzone!) fino a raggiungere il suo risultato: immancabile bevuta!!!

Questo racconto di è stato letto 3 1 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.