Il cornuto esibito a un giovane pubblico.

Scritto da , il 2021-04-25, genere tradimenti

"L'unica cosa che mi dispiacque fu non pulirli bene dopo che mi avevano sborrato in bocca!!! ". Così la troia dice ancora oggi, a distanza di nove anni! Non le sarebbe più capitato. Non almeno in questi termini. Un cazzo dietro altro. Senza pausa. Lei seduta su un bordo del letto e davanti a lei vari semicerchi. Il primo composto da quattro porci e poi dietro man mano gli altri che si allargavano man mano che si allontanava. La stanza era in penombra ma non così buia da non permettere identificazione dei porci. Tutti giovani. Qualcuno anche molto giovane
Per la zoccola erano solo cazzi da succhiare
La zoccola si diverti parecchio in quella villa.
Per lei erano solamente cazzi da succhiare e da far sborrare in bocca. Non respinse nessuno.
Andò in questo modo. Fummo invitati ad andare in una villa nel comasco. La puttana ha il ciclo mestruale ma, nonostante ciò, accetta l’invito.
Arriviamo. Al piano inferiore una normale festa con tanto di barman che serve. Pieno di ragazzi molto giovani. Pare una festa qualunque tanto che tememmo di aver sbagliato posto. Notiamo che ci sono delle scale. Le salimmo. Al piano superiore un lungo corridoio con camere solo a sinistra. Lo percorriamo fino in fondo. Quando transitiamo davanti alle porte chiuse sentiamo distintamente dei gemiti. In qualche stanza è evidente che stanno facendo una gang.
Ultima camera a sinistra. Entriamo. Un letto singolo appoggiato al muro. Al centro un gruppo di quattro o cinque ragazzi che discorrono di argomenti neutri. Sono giovani, al massimo arriveranno a trent’anni.
A destra un glory hole. Lo indico alla troia che mi guarda ammiccando.
La invito ad entrarci.
-Dai vieni anche tu che mi eccita maggiormente se ci sei anche tu che mi guardi. - dice la puttana.
Accetto l’invito. Entro anch’ io. Passano pochi istanti e da un buco spunta il primo cazzo. Quindi un secondo, infine un terzo.
-Mmmmm, tutti per me! - dice la troia.
Si getta sul primo. È vestita, avendo il ciclo non si spoglia nemmeno, questo per non illudere inutilmente i porci.
Si inginocchia e inghiotte l’uccello come se non ne vedesse da anni. Con altra mano cerca l’altro e lo raggiunge a mala pena.
Dietro la parete sento un chiaro gemito. Il porco le sta sborrando in bocca.
La puttana non fa una piega, ingoia e continua a succhiare. Lo pulisce per bene, poi passa a quello successivo. Improvvisamente quasi stizzita si alza.
-Non mi piace in questo modo, non arrivo alla radice e non sento le palle. -
Usciamo dal glory hole.
Ho un sussulto. I ragazzi da cinque erano ora una quindicina.
Circondano la puttana. Io cerco il suo sguardo. La zoccola mi fa capire che non ci sono problemi.
La zoccola lentamente si incammina spontaneamente verso il letto. I ragazzi la circondano e camminano, con lei al centro del gruppo.
Si siede sulla sponda del letto che avendo questo un lato appoggiato al muro permette solo di avere i maschi di fronte a lei e non alle sue spalle.
Si forma un semicerchio davanti alla puttana. Da dove sono io intravedo solo il viso della zoccola ma non vedo i dettagli. Troppi maschi intorno.
Si forma un secondo semicerchio e anche un terzo.
La testa della troia inizia a pompare. Vedo che si sposta per passare da un cazzo all’altro.
Si sentono i primi gemiti, qualcuno dice che troia, come succhia questa puttana, brava tutto dentro fino alle palle.
Poi i primi urli di piacere. Quelli della seconda fila cominciano a tirare fuori il rispettivo uccello.
Improvvisamente ho un sussulto: davanti a me passa un grosso gruppo.
Forse richiamati da altri si aggregano anche loro. Ora i semicerchi sono parecchi.
Una voce alta e porca dice: - Questa troia beve tutto cazzo. Beve tutto questa puttana, dai ragazzi dissetiamo questa vacca. -
Improvvisamente neanche si fossero messi d’accordo tutti allentano le cinture dei pantaloni per tirare fuori i rispettivi uccelli. Nel frattempo, i primi sono già soddisfatti e hanno lasciato il campo alle seconde file. In un angolo stanno commentando estasiati il servizio fatto dalla puttana.
Prendo la briga di contare le teste. Lo faccio due volte per esserne certo.
Sono ventisette. Ventisette porci con il cazzo fuori.
Vedo la testa della puttana che si sposta da un cazzo all’altro. Qualche porco gode in silenzio tirando indietro la testa, chi dice brava bevi troia, chi sei fantastica, chi cazzo che bocca che hai.
Uno dei ragazzi verificando la differenza di età aggiunge ma che brava di bocca è la zietta. Molti girano lo sguardo nella mia direzione. Ci sono solo io appoggiato al muro. Mi pare anche di sentire la parola “cornuto”. È semi buio ma molti sorrisi mi appaiono beffardi.
Godono tutti. Noto che almeno tre, dopo il primo giro si rimettono in coda.
La troia non accenna a fermarsi. È chiaro che finché avrà un cazzo davanti lo prenderà in bocca.
Fino all’ultimo.
Quando si alza e si avvicina mi aspettavo di vedere tracce evidenti di sperma, almeno sulla camicetta.
A parte un piccolo rivolo niente altro.
-Ho bevuto tutto, a litri. Fantastica bevuta di sborra. -
Quando le faccio notare che qualcuno ha fatto altro giro la troia mi dice che l’ha capito dal sapore della sborra.
-Ogni sborra è diversa dalle altre- aggiunge la puttana.

E poi accadde! Il gruppo si dileguò. La maggioranza di loro torno al piano inferiore esattamente a gruppetti come erano saliti. Sotto la festa scorreva come se niente fosse accaduto e stesse accadendo al piano superiore. I saloni erano fortemente illuminati tanto da poter distinguere anche un pelo nel naso a chiunque. Tavolini con vino distribuiti.
La vacca era soddisfatta. Scendendo anche noi. Le proposi di rientrare a casa. La vacca tentennò un istante e mi rispose: "Aspetta un attimo ". Capii che voleva fare un giro nel piano. Non che avesse qualcosa da fare. Era evidente che la quasi totalità degli occhi si sarebbe posata su di lei! E anche su di me. Sia i porci che pochi istanti prima avevano usufruito della sua bocca ora la osservavano senza mollare un istante lo sguardo. Ora potevano osservarla nel pieno della luce. Ma la vacca non si accontentò di questo: mi prese per mano e mi costrinse quindi a seguirla in quella esibizione.
Lei davanti e io trainato dietro: la vacca insieme al suo cornutone! In quel momento non ne ero pienamente consapevole. Ora sì!!!

Questo racconto di è stato letto 3 0 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.