Ninfe

Scritto da , il 2020-12-12, genere masturbazione

Sono Maria, mi trovavo in vacanze in Giamaica e avevo contrattato un tour con una guida locale, George un ragazzo di colore forse una ventina di anni, è così difficile indovinare l’età dei neri, era lui chi mi aveva accompagnata a questo isolotto che secondo le leggende locali, era abitato dagli spiriti di antiche deità.

Alle sette del mattino siamo arrivati sulle spiagge con questo canotto con un piccolo motorino, mi pareva che da un momento all’altro saremo caduti in mare e devorati dai pescicani, comunque arrivati sulla spiaggia, lui mi lascio con lo zainetto con delle merende e due bottiglie da litro di acqua minerale senza gas, poi mi fece vedere un ruscello di acque limpide e trasparenti se volevo bere acqua naturale, e cosi se ne andò lasciandomi per le seguenti dodici ore a godermi la natura di questo luogo selvaggio e disabitato.

Ho cominciato a girarmi intorno e davvero non c’era un’anima viva, volevo godermi il sole e magari farmi un bagno tutta nuda, tanto non c’era nessuno, sono rimasta solo col mio piccolo bikini, poi sono andata a girare un po’ per l’isola.

Entrai in una specie di boschetto, c’era un laghetto di acque celesti, sembrava qualcosa di irreale, un luogo idillico, ma poi c’erano altre donne, tutte bianche e molto belle devo dire, pensai che fossi stata ingannata, questa gente a quanto pare abita qui, c’erano delle cestine coi frutti del luogo, mi fecero segno di avvicinarmi.

Sono andata da loro e mi presero per mani, molto sollecite mi accompagnarono nella fontana dove sono stata spogliata dal mio bikini, mi guardarono molto attente alla mia micetta senza peli, una di loro sfiorò la mia passerina per toccare la mia pelle umida, ebbi un fremito e sentì piacevolmente il suo tocco, mai mi aveva lasciata toccare da una femmina, ma ora tutto mi sembrava naturale.

Le altre ragazze mi spinsero delicatamente nelle acque azzurrine, e mi lavarono dappertutto, anche le parti intime, ho sentito le loro dita nella mia fica, anche qualche penetrazione dolce e delicata nel mio sfintere, i miei seni sono stati massaggiati a lungo, ero sopraffatta da questa situazione bizzarra.

Facevo i conti ed immaginavo quanto sarebbe stato il prezzo per montare tutta questa sceneggiata, io avevo pagato duecento dollari per tutto il tour d’oggi, ma mi sembrava un regalo.

Loro continuavano a toccarmi e sentivo piacere ad ogni tocco, anzi mi lasciavo andare a questa specie di trance, ero come in un sogno, un po’ lascivo e lussurioso e delizioso.

Avevo bisogno di essere toccata, mi fecero indossare una tunica simile a quelle che indossavano le ragazze, mi portarono su un letto di fiori e foglie, c’era un odore di natura, di bosco, di piante. Mi stavano preparando per qualche cosa, non sapevo cosa fosse, ma volevo essere sacrificata, volevo essere un regalo per qualche deità.

Era come un gioco erotico, irreale ma molto suggestivo, mi teneva la micetta in fiamme, trovavo molto originale l’idea,
Una volta sdraiata, incominciarono a massaggiare le mie braccia, applicando un delicato olio di piante tropicali, poi entrambe le ragazze cominciarono a massaggiare le mie caviglie, le dita dei piedi, poi le gambe, si fermarono sui ginocchi come se sapessero che ero stata operata dai menischi, poi mi alzarono la tunica per massaggiare le mie cosce.

Le sue mani facevano meraviglie, adesso non avevo nessun malore, anche i miei ginocchi sembravano ringiovaniti, le quattro mani sulle mie cosce mi stavano facendo sentire un certo formicolio tra le cosce, mi bagnavano il basso ventre, sfioravano la mia fica, ma si allontanavano subito, andavano e venivano sulla mia pelle, ero come in celo, volevo scopare non importava né cosa né con chi, volevo scopare.

Non mi sono mai sentita così in vita mia, mi sono raddrizzata perché avevo sentito i peli della mia micetta, ma se mi son rasata questa mattina, quali peli, stupita guardavo i ricci biondi e soffici che coprivano le mie grandi labbra, gonfie e palpitanti, non ci potevo credere, ho palpeggiato il mio pube che adesso era folto di peli d’oro biondissimi, mi sono ricresciuti, non so come ma erano veri, gli tirai un po’ e mi son fatta un po’ di male.

Le ragazze continuavano a massaggiare il mio corpo, ma più che massaggiare, era come che sondavano per vedere e sentire il mio essere interno, là dove loro mi erano già massaggiato, la pelle sembrava più fresca, più colorita. Io sono bianca e bionda, forse troppo bianca, ma adesso la mia pelle era diversa più liscia, più giovane.

Io ero sveglia, ma come che sognavo ad occhi aperti, le ragazze mi pettinarono con un pettine giallo luccicante, d’oro? … non lo so in realtà.

Comparve un’altra donna, più sofisticata, di un rango più elevato, ella si chino e diede inizio ad un rito sulla mia micetta, non mi toccava ma io sentivo caldo nelle mie viscere, sentivo un tremolio nella mia figa, sentivo come se mi strappassero qualcosa, sentivo una manipolazione, sentivo cose strane, ma io stavo li che guardavo e non vedevo nessun contatto, poi un benessere sul mio pancino, anche lì ero come ringiovanita.

Mai potrei spiegare tutto quel che successe in quel laghetto, ma era meglio di un spa, mi sentivo tanto bene, ma volevo scopare.

Comparvero altre tre ragazze coi capelli sciolti e le forme fisiche con molte curve, seni abbondanti e fermi, si vedevano sotto le loro tuniche i corpi impudichi, emanavano lascivia e lussuria, due incominciarono a strizzare in miei capezzoli sensibili mentre l’altra in mezzo alle mie cosce mi apriva la micetta e leccava le mie carni rosacee, volevo scopare ma non con delle donne, non sono mica lesbica, ma il piacere era tan intenso che il mio corpo e le sensazione ebbero la meglio, mi torturavano di piacere ma mi negavano l’orgasmo che stava lì, godevo tantissimo ma non avevo lo sfogo desiderato.

Volevo sentire un orgasmo ma non ero capace di toccarmi e sfogarmi come tante altre volte lo avevo fatto, non avevo il coraggio, le ragazze andarono via velocemente, sono rimasta da sola ad aspettare, non potevo andare via, dovevo restare lì.

Dopo una mezz’ora si è fatto un silenzio opprimente, è comparso un uomo bianco e biondo come me, era alto forse 1,90 mt. più o meno, una ragazza di capelli sciolti si inginocchiò e mise la sua testa sotto la tunica corta che indossava questo uomo, i movimenti della testa della ragazza erano ovvi, li stava facendo un pompino.

Dopo qualche minuto, la ragazza andò via, lui mi guardò per la prima volta, adesso io ero sicura e volevo che lui mi scopasse, avrei dato la mia vita per sentire il suo cazzo dentro di me.

Lui si avvicinò a me senza cerimonie, poggiò il suo cazzo sul mio pancino, arrivava poco più sopra del mio ombelico, era enorme, grosso come il mio avambraccio, la mia micetta vibrava in anticipo, lui aprì le mie grandi labbra con la cappocchia del suo cazzo, poi in una lunghissima e delicata ed unica spinta, lo fece arrivare fino alla mia cervice, ebbi il mio primo orgasmo, lui quasi non si muoveva, era la sua michia che andava dentro e fuori dalla mia vagina, in un momento mi sembrava di scopare con un cavallo, riuscivo anche a vedere la sua crini splendente, poi mi sembrava un lupo che fotteva la mia fica, sentivo le sue fauci vicino al mio collo, ogni volta che cambiava il personaggio, i miei orgasmi erano una carrellata di singhiozzi, strilli, urletti, gemiti, tremolii, ero impazzita di piacere, non so cosa fosse ne chi fosse, mai ero stata scopata così a lungo e così bello.

Sono rimasta quasi svenuta, lui se ne era andato quando aprii gli occhi, le ragazze che mi avevano bagnate sono venute coi frutti e pesci arrostiti, avevo molta fame, quando mi alzai e ho visto miei ricci biondi della micetta sporchi di sangue, come se fosse stata sverginata un’altra volta, non lo capivo ma mi piaceva in un certo senso.

Scomparirono tutti e un’altra volta quel silenzio inusitato, come dal nulla lui comparve vicino a me … la sola sua presenza mi fece sdraiare ed allargare le mie cosce, lui mi penetrò con forza facendomi urlare, come se volesse punirmi mi scopava violentemente, era aggressivo, è comparso il lupo e le sue fauci si sono chiavate sul mio collo sommettendomi, sentivo le grosse palle del cavallo che colpivano con forza le mie natiche, ma anche questa volta ebbi un susseguire di orgasmi, anche questa volta volevo non finisse mai di scoparmi, anche questa volta scomparì, lasciandomi sfinita.

Non so quanto tempo mi sono addormentata, mi svegliai col cantico degli uccelli, non c’era più nessuno … solo il letto di fiori e fogli, la mia micetta bionda coi peli ricci, era appiccicosa, c’era ancora il seme di quel essere dentro di me, avevo ancora voglia di scopare, ho camminato verso la spiaggia tutta nuda, il sol leone sopra la mia testa mi faceva supporre fosse mezzogiorno.

Mentre camminavo sul sentiero più avanti, c’era un grosso tronco d’albero liscio e abbattuto, in mezzo sporgeva un tronchetto a forma di cazzo, era tal la mia foga per scopare che non lo pensai due volte, mi son montata a cavallo di quel tronco e cominciai a strofinare la mia fica contro di esso.

Pazzesco ma sentivo che l’albero tremava, infilai quel tronchetto nella mia micetta pelosa, cavalcai per parecchio quel cazzo arboreo, mi riempiva la micetta con una resina appiccicosa, il suono delle foglie del bosco salutavano questo incrocio tra femmina e albero, io spasimando, strofinavo le mie tette contro la corteccia, godendomi un orgasmo stupendo.

Sulla spiaggia c’era mio zainetto con la maglietta gialla e miei pantaloncini bianchi, sono andata a nuotare un po’ e lavarmi la fica fradicia, l’acqua tropicale tiepida mi fece sentire i formicolii vaginali, ho inserto due dita e poi tre, mi sono procurata un altro orgasmo, non ricordo di essere stata mai tanto eccitata … volevo ancora scopare … mi sono seduta sulla sabbia bianca con la fica sommersa in acqua e mi sono scopata un’altra volta, questa volta con delle dita nella micetta e nel culetto.

Mangiai due panini e ho bevuto molta acqua, poi sono tornata sul quel laghetto azzurrino, per cercare di scopare ancora, non c’era niente, solo il mio bikini appeso ai ramoscelli di un cespuglio, mi è venuta un po’ di preoccupazione, c’erano altre persone sull’isolotto? … ho sognato ad occhi aperti? … sono stata scopata così bello per due volte, non può essere stato un sogno.

Ho cercato e girato dappertutto, ma non c’era anima viva, inspiegabile, cosa potrei fare adesso … io voglio scopare … mi son girata verso il tronco abbattuto con quella verga irreale, non c’era … cose da pazzi … un tanto impaurita sono tornata sulla spiaggia.

George, la mia guida arrivò giusto in orario, gli commentai alcune cose che avevo vista, senza fare riferimenti alle scopate pazzesche, lui si è meso a ridere dicendo, sono state le ninfe della lacuna e del bosco che ogni tanto appaiono in fronte a delle persone speciali e fanno delle curazioni a cambio di rapporti sessuali. Allora mi guardai le cicatrici dei miei ginocchi, erano scomparse.

Tornata in Italia, andai a farmi controllare dal chirurgo che opero i miei menischi, lui non ci poteva credere, i miei menischi stavo lì nuovi rigenerati, mi ha fatto fare due raggi-X, per controllare e non c’erano spiegazioni.

Visto i risultati, andai dal mio ginecologo, lo stesso ero stata operata dagli ovari tanto tempo fa, e adesso i miei ovari erano lì rigenerati anche loro, non potevo avere bambini perché miei ovari erano malati, invece ora sono fertile un’altra volta, volevo saltare dalla gioia giacché il mio ragazzo voleva dei bambini e parlavamo di adottarne almeno uno, adesso non vedo l’ora di provarci per avere i nostri.

Questo racconto di è stato letto 2 4 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.