Stesso sangue

Scritto da , il 2020-11-20, genere incesti

Un caffè fumante in una mano e una sfogliatella nell’altra, portavo la colazione a mio padre come tutte le mattine, ma lui non c’era al letto, sono andata a vedere in bagno e neanche lì si trovava, ho chiamato il suo nome, Pietro dove sei? … Pietro, la colazione è pronta … non c’è stata risposta, allora sono tornata nella stanza da letto, c’era il suo portatile sul letto, era accesso, incuriosita sono andata a vedere, lo schermo mi chiedeva la password, ho provato col mio nome … Paola … Bingo! subito si aprì, lui scriveva una storia … incomincia a leggere, la storia raccontava una perversa relazione tra un padre e una figlia, dove lei s’insinuava a suo padre e lui la prendeva e facevano tante cose oscene.

Non ci potevo credere a quanto leggevo, mio padre aveva una mente molto raffinata e fertile nel descrivere tutte le oscenità che una coppia di pervertiti, padre e figlia, potessero fare, mi son sentita turbata e strizzando le mie cosce dovette ammettere che eroticamente parlando, la storia mi eccitava.

Non potevo rischiare che lui se ne rendesse conto che io avevo ficato il naso nelle sue cose, quindi ho copiato tutto l’archivio e l’ho inviato al mio E-mail, così lo potevo leggere più tarde nel mio laptop tranquillamente, non ero stupefatta nemmeno incazzata, ma la mia curiosità era in aumento, ci saranno altre storie? dovrò dare un’altra sbirciata al suo portatile, ma per ora dovevo agire con cautela, lasciai il suo portatile tale e quale l’ho avevo trovato e sono uscita dalla sua stanza.

Sono andata in cucina a fare la mia colazione, tanto sono sempre io che devo uscire per prima, il mio lavoro nella clinica inizia alle 08:00. Mi ero appena seduta a tavolo quando mio padre rientrò … ciao Paola, scusami ma son dovuto scendere dal giornalaio per prendere una rivista, beh! mi sono sorpresa di non averti trovato … mi domandavo se ti era successo qualcosa … no, non mi è successo niente, ma come mi svegliai molto presto, allora cercavo di fare qualcosa per far passare il tempo, così pensai a scendere dal giornalaio per prendere due riviste, ho guardato quel che portava in mano e c’era un giornale di colore rosso, sicuramente sportivo e due riviste chiuse in plastico, giornali porno, pensai.

Mio padre ha 45 anni, è un uomo giovane e abbastanza attraente direi, mamma se ne andò l’anno scorso, dopo essere stata colpita da un ictus, è morta tornando a casa, penso che lui ancora non accetti la sua partenza, e subisce la sua solitudine.

Io sono Paola, ho 22 anni e lavoro come tecnico anestesista in una clinica a Napoli, sono stata tutta la giornata a pensare a mio padre, non volevo aprire il mio E-mail mentre lavoravo, perché il contenuto della storia scritta da mio padre, era al quantomeno scabrosa, e volevo leggerla nella riservatezza della mia stanza da letto.

E così quella sera parlai con mio padre come al solito, e dopo una leggera cenetta ci siamo andati ognuno nella stanza rispettiva, la prima cosa che feci fu accendere il mio portatile e ho cambiato la password, perché era proprio il nome di mio padre, aprì l’archivio e cominciai a leggere … tutta una storia successa in Africa, in mezzo alla giungla, questo uomo perdeva la moglie morsa da una serpente e si trovava in mezzo alla foresta a convivere solo con sua figlia … passati i mesi lui incomincia a guardare a sua figlia con altri occhi … una bella ragazza … finché un giorno lui la trovò a fare il bagno nel fiume vicino, tutta nuda … lui la guardo nascosto tra i cespugli, e vide quanto era bella, ebbe una erezione formidabile, il suo cazzo nero raggiungeva facilmente i venticinque centimetri, il vento muoveva le foglie degli alberi, cambiando il paesaggio intorno a lui, facendolo praticamente invisibile agli occhi della ragazza che non sospettava che sua padre la stette guardando con occhi affamati di sesso … la storia raccontava poi come lui riuscì a scopare con lei e così via …
Mi sembrava alquanto improbabile, ma la mia gnocca in mezzo alle cosce non sapeva né di continenti neri, né di fiumi con ragazze nude … avevo le mutandine bagnate fradicie, mi sono alzata per lavarmi, ma prima mi son data una piccola strizzata alla mia passerina che mi provoco uno splendido orgasmo. Stavo chiudendo la PC e mi sono accorta di non aver cancellato l’invio dell’archivio alla mia mail, che scema che sono pensai, speriamo che lui non se ne renda conto, così domani che rientrerò più presto farò la cancellazione, mi sono addormentata un tanto pensierosa.

La giornata trascorse senza imprevisti e tornai a casa presto nel pomeriggio, avevo almeno un paio d’ore per dare un’occhiata al PC di papà.

Sono andata diretto nella stanza di papà, col portatile acceso, incomincia a girare all’interno delle cartelle, c’erano almeno tre con dei nomi suggestivi come “figlia” – “sluts” – “puttane”, in tutte queste cartelle c’erano almeno un paio di storie, copiai tutto e mandai tutto alla mia mail, poi ho cancellato tutti i registri, ma mi sono accorta che il primo archivio, era stato già cancellato.

La sera mi son mesa a leggere e vedere gli archivi, c’erano delle fotografie di giovane donne nude, e altre cinque storie scritte per papà, la descrizione di una delle protagoniste di una storia di incesto, era proprio la mia, anche il colore del bikini della ragazza, coincideva con uno dei miei bikini, il viola.

Un’altra volta la micetta mia divento di fuoco, tolsi le mutandine bagnate e mi son seduta sul letto a gambe divaricate, ho allargato le mie grosse labbra bagnate e ho strofinato il mio bottoncino, scopando la mia micetta con tre dita contemporaneamente, dopo una decina di minuti sono stata premiata con le dolci sensazioni dell’orgasmo, mi sono coricata appagata scopando ancora le mie dita nel profondo della mia passerina.
Questo è andato avanti per delle settimane, oramai era una fissazione il cercare il laptop di mio padre, per vedere se lui aveva scritto altre storie, ma non succedeva niente, allora pensai in sedurre il mio genitore.

Ho sentito mio padre in cucina, andai a vedere, io indossavo una neglige nera trasparente e un perizoma dello stesso materiale e colore, lui ebbe un sobbalzo quando mi vide entrare in cucina … cara che fai? … oh! pà ho sete e voglio bere un po’ di latte … sì ma vestita così … beh! nessuno mi può vedere, perché mi dovrei preoccupare … e si, hai ragione … siamo solo io e te … cercavo di far vedere a mio padre le mie chiappe sode e tonde, le mie tette si vedevano chiaramente sotto la mia veste trasparente, io giravo in cucina e sentivo i suoi occhi su di me, soprattutto quando mi chinai a prendere il latte dal frigo, ho meso il mio culetto con le gambe aperte verso lui, poi mentre uscivo dalla cucina lo baciai castamente sulla guancia … buonanotte pà … buonanotte figlia.

Beh! da ragazza normale sono diventata assatanata, volevo essere protagonista di un “affair” con mio padre, lasciavo la porta aperta quando mi vestivo e sapevo che se lui fosse passato vicino alla mia porta avrebbe dato una guardata.

La sera pure, quando andavo al letto e mi sentivo con voglia di giocare con la mia micetta, lasciavo la porta socchiusa, prendevo il mio dildo rosso, di notte si sentiva il ronzio, immaginavo a mio padre a guardarmi mentre facevo scivolare quel cazzo dentro e fuori la mia gnocca, pensavo a lui a farsi una sega col cazzo in mano, il mio adorato padre che sbirciava me nel momento di raggiungere un bellissimo orgasmo, volevo sentire il caldo della sua sborra sulle mie tette, volevo che lui vedessi il mio viso sfigurato dalla lussuria, trapanando la mia fica con quel aggeggio rosso, lungo e grosso, volevo lui guardassi il mio corpo che se contorceva di piacere, vedere la mia micetta trasudata, bagnata fradicia dai succhi vaginali che inzuppavano il lenzuolo, volevo lui ascoltassi le mie urla disperate, volevo vedessi le mia dita che stuzzicavano il mio culetto, volevo avessi un fantastico orgasmo con me.

Un paio di mesi fa non avevo mai avuto pensieri così devianti, ma ora era tutto quello che riuscivo a pensare, non passava notte che non mi toccasse, pensando alle barbarità più oscene da fare col mio caro genitore.

Un freddo fine settimana, mi incoraggiai con un paio di bicchierini di limoncello e andai nella stanza di mio padre, l’orologio segnava quasi la mezzanotte, fuori la pioggia si schiantava contro le finestre e lampi vari accompagnati di un rumore assordante, la furia della tempesta al suo apogeo.

Senza fare rumori, mi coricai nel suo letto sotto le coperte, mio padre sorpreso … ueh! Che ci fai tu qui? … pà fa un freddo cane, la tempesta mi fa paura e mi trovo irrequieta, non riesco a prendere sonno … se non fosse problema per te, vorrei cercar di dormire con te vicino … va bene, mettiti comoda ma non russare … oh! pà non ho mai russato … meglio perché ci ho il sonno leggero … grazie pà.

Pà senti la mancanza della mamma, non è vero? … certo, a quest’ora lei sarebbe lì dove ci sei tu, saremmo accucciati a prodigarci coccole per non sentire il freddo della tormenta … pà mi posso accucciare vicino a te? … si, fai pure … mi sono accucciata vicino a lui, schiacciando le mie tette sulla sua schiena, lui fece rotolare la sua schiena cosa che provocò un solletico tra le mie cosce.

Saranno stati i bicchieri di limoncello o la stanchezza, ma mi sono addormentata molto quieta, sicuramente nel trascorso della notte mi son girata, il fatto è che ad una certa ora sentivo delle mani sulle mie tette … sonnecchiando pensai che la mia mente malata mi stesse giocando uno scherzo e che tutto questo non poteva essere altro che un sogno … invece no … c’era pure un cazzo tra le mie chiappe … un po’ come accomodandomi, spinsi il didietro all’indietro … papà, mi chiamo per nome … Paola … figlia … io facevo finta di essere profondamente addormentata, borbottavo e facevo suoni incoerenti, lui … Paola, dormi? … mi sono accucciata più vicino a lui … allora lui spinse il suo cazzo e mi toccava le labbra della passerina … era una dolce tortura per me, non spingermi indietro ed impalarmi a quella nerchia indurita al massimo, senza volere lanciai un gemito … mio padre si fermo di colpo … Paola … poi a incominciato a spingere … quasi lanciai un urlo quando la testa del suo membro finalmente oltrepasso l’anello di fuoco della mia gnocca … lui era dentro di me … mio padre mi scopava … questa volta non ho potuto resistere e un piccolo urletto mi scappo dalle labbra … mio padre si fermo per un attimo e poi continuo a muoversi molto piano … e proprio in quel momento senti uno schizzo dentro la mia micetta che mi fece sobbalzare, mio padre tiro fuori il suo cazzo e mi diede dei colpi nel avambraccio Paola, stai bene? … figlia … allora feci finta che mi svegliavo … oh! pà che c’è … cosa è successo … figlia guarda cosa ho combinato … mi dispiace assai ma a quanto pare ho avuto un sogno umido … vedi come ho sporcato tutto … oh! pà non ti affliggere troppo … chi sa quanto tempo che non stai con una donna e poi io mi son venuta a coricare con te … non ti tormentare ti prego, forse è stata colpa mia pà … a quanto pare lui si tranquillizzo abbastanza, andò in bagno a lavarsi e prese un altro pigiama … sono andata a lavarmi anch’io perché la mia fica gocciolava sborra, la sborra di papà.

Ero contenta com’era riuscito tutto, ma non ancora soddisfatta, comunque continuavo a girare per casa con dei vestiti che facevano vedere le mie forme sinuose, mio padre a malapena riusciva a contenersi, qualche volta mi sembrava che mi sarebbe saltato addosso in qualsiasi minuto, lui aveva già provato il frutto proibito.

Pà, pensando a quello che è successo l’altra notte, vuol dire che non ti sfoghi te stesso da solo? … cioè, come facevi quando eri adolescente? … figlia, mi trovo a disaggio a parlare di queste cose con te, ma se vuoi sapere facevo come tutti i giovani, mi sparavo qualche sega di tanto in tanto, poi mi sono sposato giovane e tua mamma era molto brava come femmina e non mi lasciava mai insoddisfatto, posso dire che lei pensava a me quasi tutti i giorni, quindi non avevo occhi che per lei, eh! Si è stata una brava moglie.

Lo sai pà che anch’io a volte mi trovo con dei bisogni di coccole e tenerezze, per questo mi ho comperato un aggeggio che mi rilassa in quel senso, ma figlia, una bella ragazza come te dovresti avere un fidanzato, non ti pare? … pà già da un pezzo che non sono più vergine, fidanzati ne ho avuti parecchi ma il più delle volte son risultati dei rompicoglioni fantastici, tanto che mi sono stufata dai ragazzi d’oggi … penso che dovrò trovarmi un fidanzato più maturo … figlia, ti vuoi trovare uno vecchio come me? … no! pà tu non sei mica vecchio … sei un uomo maturo e molto attraente, pure tu un’altra femmina la troverai senz’altro … ma credo che nel frattempo dovresti fare come me e soddisfarti da solo … aspetta che ti faccio conoscere il mio amichetto … adesso che avevo la sua attenzione, dovevo approfittare il momento, sono andata nella mia stanza e ho preso il mio dildo rosso …

Vedi pà questo mi toglie delle voglie senza procurarmi fastidi di nessun genere … mi son seduta sul divano di fronte a lui che mi guardava con uno sguardo impacciato e incredulo, ma allo stesso tempo molto interessato … mi sono alzata un po’ la gonna e lui ha aperto la sua bocca stupito … l’ho accesi e un ronzio riempì la stanza … vedi mi faccio solletichi per le cosce … alzai un po’ più la gonna quasi a far vedere il mio perizoma rosso, lui passava inavvertitamente la sua lingua per le sue labbra … e quasi sussurrando, disse … fammi vedere un po’ di più figlia … e allora mise in mostra il mio perizoma e la mia fica rasata … ho allargato le cosce e ho passato su e giù il dildo sopra le mie labbra … brividi percossero la mia spina facendomi inarcare la schiena … lui mise una mano sul rigonfiamento crescente nella patta dei suoi jeans … dai pà sfogati, se vuoi tiralo fuori … cosa devo tirare fuori, figlia? … quello che tocchi con la tua mano, esso … tuo cazzo … pensavo di aver oltrepassato una barriera infrangibile da dove non hai modo di tornare indietro … ero molto eccitata … lui abbasso la sua cerniera e il suo cazzo balzo come una molla … il bellissimo cazzo di papà … una ventina di centimetri … la testa luccicava e gocce di perla fuoriuscivano in anticipo dall’apice … le piccole mutandine mie erano bagnate … continuavo a passare il grosso fallo sopra la micetta soffermandomi sul pube e tormentando il mio bottoncino della lussuria … dai pà, fai vedere come facevi da giovane … va bene, ma tu mi fai vedere come fai con quella cosa tua lì … ho spostato il perizoma e puntai il dildo sulla fica aprendo le labbra gonfie e rosate, un forte gemito scapo dalla mia gola … lui acchiappò il suo cazzo con la mano destra e cominciò a menarlo lentamente.

Aprì la mia camicetta e il mio reggiseno rosso si fece visibile, pà ansimava e la sua minchia s’induriva ancora … le sue pupille dilatate dalla sua eccitazione, gocce di sudore si formavano sulla fronte, lui aveva abbassato i suoi jeans fino ai talloni, suoi coglioni arrosati e gonfi di sborra accumulata … figlia, fammi vedere le tue tette, disse … io infoiata e contentissima per essere riuscita a sedurre mio padre, subito mi slacciai il reggiseno misura quattro, le mie tette sode sobbalzarono in avanti … quasi le uscirono gli occhi dalle orbite, la sua lingua inumidiva gli angoli della bocca, mentre la sua mano aumentava il movimento sul suo cazzo … vuoi venire sulle mie tette pà? … lui non emise una parola ma si mise in piede … ho lasciato il dildo e ho preso le mie tette, offrendo a mio padre abbondante carne dove far atterrare il suo nettare perlaceo … oh! pà il tuo cazzo è diventato enorme … lui ansimava pesantemente … io ero in ginocchio e immobile in attesa di ricevere il liquido calido del uomo che mi aveva procreata con lo stesso seme che ora si approntava a rovesciare su miei seni … lui muoveva la sua mano con violenza e velocità … io ero affascinata, il mio sogno perverso si stava avverando, mio padre con tutte le sue energie, scaricava i primi schizzi di sua sborra sul mio viso, poi a abbassato la sua nerchia per finire sulle mie tette, i miei occhi rilucenti di lussuria, il mio cuore batteva con una emozione sconosciuta finora, una emozione deviata ma elettrizzante.

Mio padre ad occhi chiusi, non finiva di schizzare sulla mia pelle, mi aveva bagnata con la sua spruzzata meravigliosa, ero molto fiera di me e di lui, non mi aspettavo tutta questa potenza ed energia … oh! figlia, non dovevo … ma guarda cosa ho fatto … sono un porco maiale … guarda come t’ho combinata con tutta quella roba … non dovevo … Pà, per pacere, non ti tormentare, ti prego … fin da ragazza che io ti volevo come uomo … ero un po’ gelosa di mamma che ti teneva tutte le notti … più di una volta ho sentito i vostri giochetti … ero felice di vedere a voi due felici, ma allo stesso tempo dicevo che mamma era troppo fortunata di tenere te, tu sei un bel uomo … adesso io sono donna e vedo che sei anche un bel maschio … e bello che io possa avere un uomo così come te … adesso io mi sento fortunata … non ti affliggere … sono adulta, sono matura e so quel che voglio … sei tu che mi fa sentire più donna che mai … lui ancora col cazzo in mano mi guardava, con adorazione ma nei suoi occhi c’era una piccola ombra di dubbi ed incertezze … mi son fatta in avanti e ho preso il suo cazzo ammorbidito ed inzuppato … guarda pà, possiamo vivere dei momenti felicissimi io e te, perché ci dobbiamo punire per questo desiderio? … perché non viverlo con la passione che solo tu mi puoi dare? … io ti voglio pà … e tu credi che qualcuno ci perdonerà se questo si viene a sapere? … ma pà, fuori dalla nostra porta c’è un mondo con molte perversità, il nostro è un amore, un po’ più complesso ma sempre amore è.

Papà per alcuni giorni si mostrò pensieroso, ma una sera mi aspetto con una cenetta, aveva cucinato lui e preparato tutto per noi due … sarà che lui mi vuole corteggiare? pensai … il mio cuore batteva di contentezza ... abbiamo mangiato parlando di tante cose e facendo ricordi dei momenti più felici passati insieme … ci siamo bevuti una bottiglia di vino siciliano leggermente spumante, la cena è stata deliziosa … pà, lasciami fare il caffè … mi alzai e lui mi prese per la vita e mi fece sedere sulle sue gambe … mi bacio sul collo … e la sua mano si fece posto sulle mie tette … ebbi un brivido repentino … il mio cuore si è accelerato … e lui parlò, sai figlia spero di non pentirmi, ma credo che tu abbia ragione … se ti guardo come donna, non posso non notare quanto sei bella e allora come uomo … posso reagire come l’altro giorno … così dicendo prese il mio mento e mi bacio sulla bocca, io mi girai e lo abbracciai … la sua mano strinse il mio didietro con forza ed io feci sentire le mie tette contro il suo petto … avevo un senso di completezza … alla fine io e mio padre insieme.

Pà vai al letto ed io porterò il caffè, mi sono andata a lavare e poi indossai il mio neglige viola e perizoma nero, le mie tette dondolavano libere, la mia pelle bianchissima luccicava, portai un vassoio con caffè e due bicchierini di amaretto, pà ringraziò e prese l’amaretto per primo mandandolo giù di un sorso … oh! pà, fai piano … ho sempre fatto così con l’amaretto, dai figlia vieni vicino a me … subito pà, ma prendi il caffe pure … io mi accucciai vicino a lui sorseggiando il mio caffe, ho poggiato la testa sul suo petto … suoi peli solleticavano la mia guancia … lasciai il caffe sul tavolino e ho carezzato il suo ventre e anche i peli del suo pube … si vedeva che il suo cazzo si raddrizzava sotto il lenzuolo … la mia bocca si faceva acqua … volevo prenderlo e sentirlo all’interno della mia bocca … ho spostato il lenzuolo e mi trovai coi venti e più centimetri di cazzo desiderato … ho formato una gabbia intorno ai suoi coglioni … questo cazzo maturo era tutto da esperimentare … ho tirato e premuto la sua sacca con tenera pressione … pà ansimava e mi lasciava coccolare il suo magnifico membro.

Son belle e calde le tue palle pà, non ci posso credere che io sia venuta da lì, son pure sexy come me … è vero? … si, figlia … ma tu sei molto di più … le mie labbra erano a centimetri da quella testa tonda, luccicante e che già emetteva delle perle in forma di gocce, era lo sperma di mio padre … con la punta della mia lingua acchiappai un paio per assaporare … un assaggio così delizioso mi fece prenderlo in bocca … mi crogiolavo col cazzo di mio padre, un profumo intenso e maschile … i miei sensi mi portavano dei brividi … una delle mie mani si insinuò tra le labbra umide della mia gnocca … mio padre strizzava uno dei mie capezzoli, il suo cazzo en mi bocca aveva finito di crescere … era tutto bagnato e pronto … mi son mesa a cavallo a lui … spostai il filo delle mie mutandine minuscole e feci scivolare il suo membro nella mia avida passerina … non ho potuto evitare un grido di piacere e lussuria … oh! babbo come è duro e lungo … lui arrotolò il mio neglige e lo tolse, poi mi abbracciò schiacciando le mie tette contro il suo petto … mi scopava con dolcezza … io muovevo il mio bacino sopra il suo cazzo, lo ruotavo e poi su e giù, lo sentivo profondamente dentro di me … eravamo una affiatata macchina di scopare.

Io che volevo sedurre a mio padre, alla fine sono stata corteggiata da lui, e adesso avevo il premio grosso del suo cazzo tra le pieghe della mia micetta, non potevo essere più contenta e soddisfatta … sentivo il suo membro pulsare vicino alla mia cervice … lui aveva allargato le mie chiappe e stuzzicava con un dito il mio buchetto stretto del culo, come fa a sapere che ciò mi fa impazzire? … quando mise un secondo dito, ho cominciato a gemere con forza e urletti selvaggi uscivano da me … lui capì che mi stava portando vicino al orgasmo … cominciò a scoparmi con più energie … io lo baciavo e mordevo le sue labbra … rigiravo i suoi capelli e mi trovai a saltellare sul suo cazzo … mi volevo impalare di più sopra quella nerchia favolosa … è mio padre e mi sta dando un orgasmo incredibile … sussultavo e gemevo con forza … un po’ animalescamente … ma mai prima d’ora mi son sentita cosi appagata … sicura … amata … per un solo uomo … mio padre.

Lui aveva riempito la mia fica col suo sperma paterno, sono scivolata dal suo petto accucciandomi vicino a lui, lasciando una gamba sopra la sua coscia, sentendo i peli dei suoi coglioni, lui respirava affannosamente, anch’io cercavo di recuperare i miei sensi ed il mio respiro.

Mio padre disse … neanche nei miei sogni pensai mai di stare al letto con te figlia mia … non ti è piaciuto pà? … non mi fraintendere ragazza mia … mai avrei potuto immaginare di averti al letto con me così … nuda … coccolarti dopo aver fatto l’amore con te … che sei mia figlia, è non posso nemmeno dire qualcosa di diverso che … sono contento, mi è piaciuto tantissimo … ma penso e ci ripenso che stiamo sbagliando, e che dovrei essere io a mettere a posto questo pasticcio … ma non ho né la forza né la volontà … perché davvero ho goduto come da parecchio non lo facevo … e lo vorrei ripetere … oh! pà non sai quanto piacere mi fa a sentirti dire tutto questo … perché io si lo sognavo e lo desideravo.
Ma figlia, non trovi che sia improprio tutto questo?
Pà, quello che importa e che siamo più vicini, che ci è piaciuto ad entrambi, non vedo perché dobbiamo complicarci con altri argomenti. Mi alzai e lo baciai sulla guancia, per rassicurarlo con quel che avevo detto … beh! se non facciamo del male a nessuno … perché no, disse Papà, ed io tornai a baciarlo questa volta nella bocca. E poi pà io ti voglio ancora … cosa vuoi figlioccia … perché non mi fai un piccolo massaggio mentre ci penso, pà … va bene, sdraiati sul tuo pancino … lui si mise a cavallo sulle mie chiappe e cominciò a massaggiare la mia schiena … sentivo il suo cazzo morbido che si accomodava tra le mie natiche … allora ho spinto il suo uccello col mio culetto, dicendo … oh! pà quanto è bello.
Paola non so a cosa stai pensando, ma ho la sensazione che qualcosa ti passa per la testa … oh! pà non essere così ansioso … pensavo solo a come siamo stati bene insieme … quanto sei bello tu e su quanto sarebbe bello avere ancora il tuo cazzo … lo voglio pà.
Lui non aveva tutto il suo peso su di me, quindi mi son girata facilmente … adesso lo guardavo agli occhi … il suo cazzo incominciava ad indurirsi … oh! pà è così bello quando lo metti dentro la mia fica … dai metti le tue dita nella mia passerina … fai pà … sono tutta per te … sentì due delle sue dita addentrarsi nella mia micetta … ho lanciato un sospiro di sollievo insieme ad un gridolino di lascivia … scopami con le tue dita pà … fammi venire ancora … fai felice alla tua figlioletta … stavo menando miei fianchi per ingoiare le sue dita con la fica … lui presi una mia tetta e tiro un mio capezzolo, facendomi urlare … stavo impazzendo … avevo gli occhi chiusi, contorcevo le mie mani in disperazione alla ricerca dello sfogo che s’avvicinava … proprio come un vulcano scoppio in me una sensazione meravigliosa che mi faceva gemere e sussultare … il mio respiro pesante e affannoso sottolineava la esperienza erotica provocatami dal mio genitore … pà alzami le gambe e scopami ti prego … lui ubbidì prontamente … separando le mie cosce in alto, mi chiavo la sua lancia senza pietà, facendomi urlare ulteriormente, mentre altri brividi pazzeschi percorrevano il mio ventre lussureggiante, il rossore delle mie guance smascherava la mia eccitazione sessuale, il cazzo di mio padre mi faceva impazzire … mai nessuno mi aveva fatto godere così intensamente … adesso lui mi scopava con forza inaudita … le sue chiavate toccavano la mie carne e l’attrito mi faceva tremare, godevo e godevo come non mai, mio padre si era piegato sulle mie tette … sentivo il suo peso e miei capezzoli strusciando sul suo petto … lo baciavo sul collo e lo stringevo a me, lui era mio … io la sua possessione, l’ho sentito irrigidirsi e tremare, e gemere … una sensazione liquida e calda si rovesciava dentro la mia micetta, svariati schizzi, lui mi stringeva con forza e mi scopava con vigore, depositando il suo seme nella profondità della mia gnocca … siamo rimasti uniti carnalmente per parecchi minuti … non volevo lascialo uscire dalla mia fica.

Dopo un breve pisolino, mi sono svegliata rannicchiata vicino a lui dove mi trovava sicura e protetta sul suo petto calido e confortevole, i muscolosi pettorali di mio padre mi invogliavano a continuare l’orgia di sesso iniziata in precedenza … pà, sei sveglio? … uhm! … si, figlia cosa vuoi? … oh! pà sai quanto vorrei la tua lingua nella mia gnocca … ma non ti stanchi mai, eh! … ma pà da tanto tempo che sognavo di giacere con te … adesso non ti lascerò tranquillo per un bel po’.
Mio padre mi ha accomodata con un cuscino sotto le natiche e poi si è piazzato in mezzo alle mie gambe, lui massaggiava l’interno delle mie cosce, giungendo fino alle mie labbra e stringendole insieme … i primi brividi incominciarono … oh! pà volevo tanto questo … mio padre si chinò sul mio inguine ed annusò la fessura bagnata … mangiami pà … mangiami la fica! … mio padre si è lanciato come un animale vorace … mi leccava e succhiava selvaggiamente, inghiottiva ogni goccia dalla mia fonte del piacere, assaggiava il tutto a piccole soste, poi continuava il suo festino di fica giovane, ho afferrato i suoi capelli e l’ho stretto contro la mia micetta … poi lui mi ha aperto la fica e ha attaccato il mio clitoride con la sua lingua e le sue labbra … ooohhh! pà, mi piace … non ti fermare pà … succhiami la fottuta fica … ooohhh! pà … scopavo il suo viso come forsennata … dentro pà … succhiami dentro … ringhiavo con una feroce lussuria e strofinavo aggressivamente la mia fica contro il suo viso … ooohhh! papà succhia … succhia … ooohhh! ssiii … urlavo senza vergogna … venivo nelle labbra di mio padre … sentivo che lui ingoiava tutti i mie succhi … le mie cosce si stringevano con forza sulle guance di papà … il suo viso luccicava tutto bagnato … il suo mento gocciolava il mio nettare … ooohhh cazzo! … no, papà, ti prego! … non ce la faccio! … ooohhh! cazzo … non c’era niente che si avvicinasse alla maestria di papà per leccarmi la fica, mi aveva fatto godere follemente.
Io e papà abbiamo continuato con le nostre vite, anche se c’era stata una svolta nel nostro rapporto, ma avevamo i nostri lavori, dovevamo spartirci i compiti casalinghi, comperarci il cibo e tutte le cose che le persone devono svolgere quotidianamente, soltanto che adesso eravamo a darci felicità a vicenda e questo era un altro cambiamento favorevole.
La mia stanza da letto era diventata solo la stanza dove cambiare i miei vestiti, oramai dormivo a fianco a mio padre tutte le notti, anche se per dire il vero, non tutte le notti solo dormivamo, io appena sentivo l’eccitazione di mio padre, non lasciavo perdere l’opportunità di fare l’amore con lui.
Figlia non pensi che sarebbe buono se ti trovi un ragazzo? … oh! pa non ritornare sul fatto già ne abbiamo parlato e non sento la minima voglia di trovare uno scemo che mai mi darà quello che mi dai tu … le cose che mi fai sentire tu pà … voglio te … mettilo in testa, voglio soltanto te … a lui piaceva vedermi con la biancheria intima molto sexy, ed io ne approfittavo questa sua debolezza, quindi sempre andavo al letto coi dei vestiti più trasparenti e più lussuriosi che potevo acquistare, e così ogni volta prima di andare al letto passeggiavo dal bagno alla nostra stanza da letto, poi in cucina, poi nella mia stanza, quando mi accucciavo vicino a lui, il suo cazzo era già indurito, il mio corpo giovane e sexy lo faceva impazzire ed era proprio quello il mio obiettivo, che goduria mio dio! … mio padre mi desiderava ogni giorno di più.
E così era questa sera, mentre mi accomodavo sotto i lenzuoli, vedevo la protuberanza che faceva il suo cazzo sotto le coperte, subito ho preso quel pezzo di carne della mia carne, lui accarezzò il mio seno … figlia … questo che viviamo io e te, è come un sogno … io non ho avuto tante donne ,,, a tua mamma l’ho amata tantissimo, più che a nessun’altra, ma tu sei speciale … mai mi era passato per la testa de finire al letto con te, ma adesso trovo che mi stai dando una seconda giovinezza, sei nella mia mente a tutte le ore … se prima ti amavo come figlia, ora posso dire che questo amore si è rinforzato, sto tutta la giornata in attesa del minuti che ci coricheremmo insieme e ci carezzeremmo non come padre e figlia, sennò come amanti … sei troppo bella figlia mia e ogni volta che ti vedo nuda mi fai diventare così … lui puntava verso la sua erezione … io afferravo saldamente il suo cazzo e guardavo a mio genitore con lascivia … il suo membro mi faceva semplicemente impazzire … mi sentivo amata ma in un modo puttanesco, di lussuria … capivo che non era un amore pulito e senza macchia … era un amore libidinoso, un incesto tra me e mio padre, ma non potevo rifiutare tutto il piacere che comportava questo rapporto malaticcio, me lo godevo coscientemente, e lo rifarei una e mille volte.
Le carezze ai capezzoli bastavano a far siche le mie cosce si stringessero provocando una sensazione morbosa di desiderio, volevo quel membro in mezzo ai grandi labbri della mia fica già umida e in attesa di ricevere al suo ospite … volevo sentire il peso de mio padre che mi fa allargare le cosce e poi penetra la rosacea carne di sua figlia, e poi i suoi movimenti quando mi scopa con forza, con desiderio … a volte con malizia, quasi volendo violentarmi … passione sfrenata … è quello che mi porta a tanti orgasmi … prima di mio padre, non sapevo di averne le condizioni per sentire orgasmi molteplici, ma con lui li ho sentiti … lui mi provoca orgasmi che mi fanno quasi svenire … la confidenza di essere tra le sue braccia, mi fa abbandonarmi a questo sesso scatenato … che non finisce mai … sempre volendo di più, in attesa dei brividi più folli.
Il cazzo di papà dentro di me è adesso, e sempre lo sarà, il mio eterno desiderio, mi sento come parte sua, non solo biologicamente, ma è una realtà emotiva, fisica e di spirito. Sono unita a lui più che mai, soprattutto adesso che il mio essere ha esperimentato la sua sessualità, la sua forza, anche la sua tenerezza … il maschio che è in lui fa uscire in me la femmina infoiata, è come la perfezione.
Se poi aggiungo tutte le volte che mi lascia sul letto tremante, sussultante, ansimante … quando il tempo scompare … quando le stelle luminose invadono il mio subcosciente e mi portano ad altre dimensioni, mai conosciute prima di lui … quando il mio corpo si contorce senza controllo … quando i miei arti si muovono e tremano da soli … il mio corpo si divide in cento modi … mi riesce difficile uscire da quel stato di catalessi … come ipnotico … il mio amante perfetto è lui … mio padre.
Lui smesse di scrivere quei racconti erotici, non ha più bisogno di fantasticare, adesso la realtà, come al solito, ha superato la finzione, adesso siamo noi due a vivere tutte le nostre fantasie con la veridicità del nostro amore, le inibizioni non sono parte del nostro universo, non abbiamo limiti e non siamo propensi a crearli, le sue voglie e anche i suoi desideri sono uguali ai miei, essendo dello stesso sangue, ci apparteniamo l’uno all’altro.


Questo racconto di è stato letto 1 0 7 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.