Io e Giovanna

Scritto da , il 2020-10-24, genere incesti


Porca puttana! Disse mia sorella.

Stavamo a guardare un filmino porno di nostro padre, dove c’era un ragazzo di colore con un cazzo enorme, almeno 25 centimetri
o più … tu credi che quello sia vero? Michelle … non lo so Giovanna, i neri si sa che normalmente i loro cazzi sono così lunghi
e grossi, ma tu sei ancora ragazza, cosa t’interessa così tanto? … vuoi incominciare magari con una nerchia a così grossa? … non
essere scemo, chiedevo perché com’è un filmino, magari usano delle protesi o qualcosa del genere … e tu credi che quello sia un
cazzo finto? … ma è così grosso che ci vorrebbe una con una fica spalancata per farcela a prendere una cosa di quelle dimensioni …
aspetta un po’ e adesso vedrai delle ragazze che ce la fanno benissimo con quelle nerchie, aspetta …

E cosi è comparsa una che somigliava di essere una ragazzina, con delle trecce, una minigonna a quadri, una camicetta bianca, i suoi
capelli biondini, ma le sue sopracciglia nere, con la fessa rasata, due piccole tette, e a guardare di fronte si vedeva la sua micetta
piccolissima … mia sorella disse … ma guarda quella, non ce la farà mai a prendere quel coso a cosi gigante … Giovanna, porco dio smettila …
vedrai che non solo lo prenderà nella sua gnocca, ma anche in culo … boh! disse lei, non sarei tanto convinta … perché non sei tanto convinta?
Giovanna … perché? … perché la mia farfallina ce la fa solo a prendere un ditino mio … ci hai messo un dito dentro la tua fica, sorellina mia? …
oh! Michelle, non fare il finto tonto che pure tu ti seghi quel cazzo tuo quasi tutti i giorni … e tu che ne sai, Giovannina? … ti ho sentito e
qualche volta ti ho guardato in bagno … o vero? … allora sei una sorella guardona, eh? … Michelle, t’ho visto anche quando mi rubi le mie
mutandine e pure quelle di mamma, non lo puoi negare, eh? … Giovanna, mi stai facendo incazzare … se continui così, dirò a mamma che hai
succhiato la minchia a Pippo, e anche a Giorgio … ma come fai a sapere tu queste cose? … non sarai stato mica a guardare pure tu, eh? … perché
siamo amici, e tra amici ci raccontiamo tutte queste cose … poi la sorella di Giorgio lo ha fatto con me … cosa! … ti sei scopata la suora di Giorgio?
ma no … lei mi ha fatto un pompino soltanto … ma voi ragazzi fatte proprio schifo, non siete capace di mantenere un segreto … guarda chi parla! …
siete voi ragazze che vi raccontate tutte le cose … sì, ma noi siamo donne, e le donne siamo così … oh! Michelle, guarda là … quella lo sta prendendo
in culo, dopo non potrà né anche sedersi … io quando sarò più grande non permetterò al mio ragazzo di fare quelle cose con me … e allora rimarrai
zitella, cara sorella … perché, Michelle … tu pensi che tutti sono pervertiti come te? … Giovanna, gli uomini siamo così, guardiamo queste stronzate
e dopo vogliamo farle con le nostre mogli, è così, tu credi che nostro padre non s’è fatto il culo di mamma? … Michelle, ma quanto sei stronzo, mi
fai schifo, tu, i tuoi amici e il tuo filmino, meglio me ne vado a dormire …

E così mia incazzatissima sorella se ne andò nella sua stanza, io mi portai il dischetto nella mia stanza per finire di vederlo sul mio laptop e
spararmi la sega giornaliera.

Giovanna, ha compiuto i quindici anni il mese scorso, io sono Michelle due anni più grande di lei, i nostri genitori si trovano a Milano in visita
ai nostri nonni, la nostra casa è a Torre Annunziata, ogni anno il rito si ripete, lasciano me a carico. Giovanna da piccola è stata brava a cucinare,
quindi non ci facciamo mancare niente, scherziamo e ridacchiamo di tutto, e approfittiamo la loro assenza, per sbirciare tra le loro cose, così abbiamo
trovato dei filmini porno ed anche tre cazzi finti di diverse misure, uno molto grosso …

L’indomani prestissimo in mattinata, chiariva ma il sole non era ancora uscito, mi svegliai per andare in bagno, passavo vicino alla stanza di Giovanna
e l’ho sentita singhiozzare e gemere … mi sono avvicinato alla porta e capii che lei si masturbava, senza né anche a pensarci il cazzo mi diventò duro …
silenziosamente ho aperto la sua porta … lei reggeva un cazzo finto e lo strofinava sulla sua micetta … era uno dei tre cazzi trovati … il più grosso …
ero eccitato ma mi pareva anche divertente vedere a una ragazza ancora vergine, cercando di sfondarsi la gnocca con tale cosa gigante … Giovanna, dissi …
lei fece un sobbalzo e si è messa sotto il lenzuolo, ma che fai scemo, mi stavi a guardare? … sei uno schifoso guardone? … ma no … stavo andando in bagno
e ti ho sentita, non c’è niente di male in quello che stai facendo, ma dovresti incominciare con quello più piccolo … forse si, disse lei … ma non vorrei
rimanere zitella, sai … quindi volevo provare un po’ e sono andata nella stanza di mamma, non ho ne anche scelto, questo stava di sopra e l’ho presso … ma,
Michelle … tu hai fatto già l’amore? … si, dissi … ma con qualche tua compagna a scuola? … ma no … con una puttana … cosa! come sei andato con una puttana?
“pate ma” … cosa! … nostro padre ti porto a scopare? … e si … così si fa da sempre … ma voi uomini siete proprio degli sporcaccioni … e tu? … ti sei fatta
scopare? … no, Giorgio è l’unico che è riuscito a toccarmi ma solo sopra le mutande … ma ti piace quando ti toccano? … e a chi no? … sono piccola ancora ma
sono una donna e mi piacciono i ragazzi … non ti hanno mai leccata? … no, mi fa paura e ho vergogna se qualcuno mi guarda lì da sotto … ma quanto sei scema,
una guardata non ti toglie niente da dosso … dai … fatti guardare … fammi vedere com’è piccola la tua micetta … ma sei pazzo … sei mio fratello … perciò,
non puoi avere ne paura ne vergogna … dai fammi vedere, ti farò imparare qualche cosa … voglio sapere se sei bagnata … lo sai che si deve lubrificare per
avere rapporti … dai togli il lenzuolo … va bene, ma non mi toccare … pian-piano, lei sposto il lenzuolo facendo vedere le sue gambe bianche … abbassando
la testa con timidezza, spostò il lenzuolo facendo vedere le sue cosce chiuse e in mezzo quel cazzo nero … dai scemolina … non avere vergogna … sei bella,
dovresti avere più confidenza in te stessa … e cosi come stai mo’ non si vede nulla … dai … fammi prendere questo cazzo che è troppo grosso … anzi, aspetta
che vado a prendere quello blu che è più piccolo … magari ci puoi provare con quello … ho fatto un salto alla stanza di mamma e ho portato gli altri due cazzi …
tieni, prendi questo blu e dammi quello nero … lei dando un gemito fece scorrere quel cazzo immenso fra le labbra della sua passerina, togliendolo dalle sue
cosce … dai … dammi quello e prendi questo blu … adesso, accendilo … cosa devo accendere, come s’accende? … devi girare quella specie di tappo … ecco … così …
lo senti il ronzio? … questo è un vibratore … se lo metti vicino al tuo bottoncino, sentirai cose belle … provaci … ooohhh! Michelle … ooohhh! … si sente
davvero bello … hai visto, hai imparato un’altra cosa … adesso, vuoi sentire come si sente una leccata? … no, non credo di essere pronta per ora, magari
un’altra volta … meglio se adesso te ne vai … mi stai cacciando via? … ma certo, sono ancora spaventata e non credo di poter riuscire ad altro per oggi …
va bene … ma mi fai vedere la tua micetta per ultima volta … lei tolse la sua mano che copriva a malapena il suo sesso e mi fece vedere in tutto il suo
splendore la sua passerina giovanissima, quasi senza peli con le sue labbra rosee e gonfie dalla eccitazione vissuta … sai sorella, è la più bella gnocca
che io abbia mai visto … adesso fai da te, io vado …

Lasciai a Giovanna da sola ma portai con me l’immagine della sua vagina da ragazzina, m’era rimasta impressa in testa ed era fonte della mia eccitazione,
facendomi segare pensando a lei, dovevo riuscire a convincerla a fare altre cose insieme a me, la volevo scopare …

I nostri genitori ci hanno telefonato per chiederci come si svolgeva tutto in casa, gli abbiamo rassicurati che non c’erano problemi di nessuna indole e
che potevano restare tranquilli, mamma voleva sapere sulle sue piante e roba di cucina, e cose di donne, e cosi poi mio padre disse che sarebbero restati
dai nonni ancora un’altra settimana, io dissi benissimo che ne dovevano approfittare e godersi delle vacanze che ben si meritavano.

Giovanna camminava dentro di casa col suo bikini e a volte passava di corsa tutta nuda a fare la doccia, io non smettevo di pensare a lei, e così un giorno
mentre lei faceva la doccia sono entrato in bagno silenziosamente e mi son messo in un angolino per passare il più inosservato possibile, lei uscii ancora
gocciolante d’acqua e con gli occhi socchiusi, mentre sistemava i suoi lunghi capelli con le braccia all’insu, le sue tette già ben sviluppate dondolavano
libere, la sua micetta bagnata con la fessura che scompariva tra le sue cosce, che bella questa sora mia, pensai … tutto ad un tratto lei se ne accorsi che
io ero lì e si avvolse con l’asciugamani, stronzo … mi hai messo paura … che fai lì tutto scemo che non sei altro … vattene, dai vai via … mi son girato,
dicendo … Giovanna sei troppo bella … e poi me ne andai nella mia stanza.

Lei è rimasta incazzata tutta la mattina, la sentivo parlare da sola, brontolare e dire delle parolacce, mi son mantenuto il più lontano possibile per non
aggravare la situazione, poi sono uscito a comperare dei gelati, lo so che a lei piacciono assai e quindi volevo fare pace, son tornato e l’ho fatto vedere
i gelati per dopo pranzo, lei mi guardo severamente ma poi addolciò il suo sguardo, dicendo … cosa vuoi mangiare frate? … non so … pasta, aglio e olio …
magari un’insalata coi pomodori e poi ci facciamo il gelato … ti pare? … va bene … vai … che ti chiamo io quando sarà tutto pronto, poi si girò per cucinare …
lei aveva un grembiule di mamma e pantaloncini corti … il suo culo tondo era diviso in due natiche tra le quali scompariva parte del suo pantaloncino … santo dio! …
com’è bella questa sora mia … mi fa rizzare …

Faceva così caldo che decise di farmi un bagno prima di mangiare, avevo il cazzo che voleva la mia attenzione dopo quella vista sensuale e provocativa, mi sono
spogliato e messo sotto la doccia, decise di non farmi la sega, lo avrei fatto questa sera tranquillamente al letto, uscii da sotto l’acqua col cazzo ancora
duro, l’asciugamano in testa, quando mi sento osservato, sobbalzai vedendo Giovanna nello stesso angolino dove mi ero messo io questa mattina, ridacchiava e
guardava il mio cazzo in attenzione, lo vedi quanto è sgradevole trovare a qualcuno che ti guarda inaspettatamente? … Giò … per me non è così, anzi mi fa
piacere che tu sia cui con me … lei puntando il dito verso il mi cazzo, disse … e cosa stavi facendo che sei conciato così? … pensavo a te sora mia … solo
a te … sei tu che mi fai diventare così … sei tu la causa … la mia testa gira su di te … e allora sei tutto scemo, io sono tua sorella … se ne andò velocemente,
dando però ancora una guardata al mio cazzo …

Quella sera, Giovanna girava avanti-indietro irrequieta, mi vuoi dire che vai trovando, sora mia … non sono cazzi tuoi … va bene, ma non dire poi che non mi
sono interessato del tuo benessere, oh! frate … scusa, non volevo essere maleducata … ma sono nervosa e non riesco a capire perché … stai diventando donna …
forse ti farebbe bene un massaggio per sciogliere tutta quella tensione … magari sotto la doccia … ti pare se ci mettiamo in costumi e andiamo sotto la doccia?
ti faccio un massaggio e dormirai come un angelo … tu credi? … altroché, ne sono certo … ma non nudi … e si fai il cretino, subito fermiamo tutto, va bene? …
come vuoi tu, sora mia …

Mi sono andato subito a cambiare nella mia stanza, poi ho preso la mia vestaglia e sono andato in bagno … Giovanna si faceva aspettare … son passati dieci
minuti circa e mia sorellina assente totale … giusto quando stavo per tornarmene nella mia stanza, Giovanna entro in bagno … indossava la sua vestaglia …
non mi guardava negli occhi … l’incontrario … il suo sguardo sfuggiva i miei occhi … disse lei … fai vedere … ti sei messo il costume? … togliendomi la
vestaglia, ho detto … ma certo, vedi? … va bene … disse lei togliendosi a sua volta la vestaglia … quasi mi viene un colpo, nel vedere mi carissima sorellina
che indossava … reggipetto ed un perizoma nero che copriva appena sia il suo seno che il suo sesso … oh! Giovannina ma tu non scherzi, eh! … sei bellissima …
dai facciamo presto che mi trovo incomoda … e perché, sora? … non hai niente da nascondere e si tutto da far vedere … non mi ero accorto quanto sei diventata
bella, davvero … già, dai … andiamo sotto la doccia … cercando di accontentarla e non spaventarla, subito ho aperto l’acqua e l’ho invitata sotto il getto
dell’acqua … lei si tolse gli scarpi da spiaggia e alzando la sua gamba entro nella vasca … incomincia a bagnare il suo bellissimo corpo … prima i fianchi,
poi il suo petto … dai … tieni tu la doccetta per metterti un po’ di sapone … dissi, passandole il soffione … ho presso la spugnetta, versai un po’ di
sapone ed incomincia a passarla sulle sue spalle, poi sulle sue tette coperte dal reggipetto, il suo torace ed i suoi fianchi … lasciai la spugna e ho messo
sapone nelle mie mani . incominciai a insaponare la sua pelle delicata … adesso, Giovanna mi guardava con le labbra carnose della sua bocca semi aperte …
quando incominciai ad insaponare le sue cosce, lei le stringe quasi inavvertitamente … mi sono inginocchiato per stare in una posizione più comoda … mi
è rimasta la sua micetta all’altezza dei miei occhi … si notava la spaccatura del suo sesso … l’ho fatta appoggiare un suo piede sulla mia coscia e l’ho
massaggiato col sapone e la spugna, ho ripetuto il tutto col altro piede … tutto il tempo tenendo sotto controllo la sua passerina che gocciolava l’acqua
della doccia … dai girati, chiesi a lei … lei esegui ed io mi alzai per incominciare da sopra … le sue spalle … la sua schiena … i suoi fianchi … le sue
cosce … con la spugna sfioravo la fessura stretta coperta da quel piccolissimo pezzo di stoffa nera … i muscoli delle sue natiche si contraevano, stringeva
le cosce … io provavo ad aprire i suoi glutei per insaponare il suo culetto … mettevo la spugna lì e massaggiavo avanti-indietro … l’ho sentita gemere …
non la volevo toccare da nessuna parte intima, perché ero sicuro che sarebbe scapata … ti senti un po’ meglio? … l’ho chiesto … avevi ragione … disse lei …
mi sono rilassata … dai … chiude l’acqua per uscire … aggiunse … ma dico io … mi vuoi lasciare a così? … puntai il dito sul gonfiore del mio costume … e
cosa vuoi fare … domandò … prendi sapone, spugna e con le tue mani mi puoi lavare e magari fare un po’ di massaggio … dissi io, facendo vedere il mio
disappunto … non molto sicura lei mi guardò … poi prese la spugnetta, verso del sapone e cominciò a passare la spugna sul tessuto … poi con un sguardo
che mai dimenticherò … mi chiese … vuoi che ti lavo sotto il costume? … ti prego … risposi … lei si mise sui talloni e abbasso un po’ il mio costume,
facendo saltare in avanti il mio cazzo come se fosse una molla … oh! disse lei … mettendo una manina sulla mia minchia, facendomi accapponare la pelle …
oh! … com’è grosso … e molto duro … non ti fa male? … se lo continui a muovere, mi farà tanto bene ed avrò il mio sfogo … tu vuoi che ti faccia venire? …
proprio così sorellina, dai forza che ci sai fare … dai … lei incominciò a farmi una sega sempre più veloce … non ce l’ho fatta a resistere per più di un
minuto … al momento che vide mia sorellina massaggiando la sua micetta, cominciai a spruzzare sborra dappertutto … ooohhh! … ooohhh! … gridavo con forza
mentre tremavo e tenevo la mano di Giovanna aggrappata al mio cazzo palpitante … lei adesso mi guardava sbalordita … i suoi occhi aperti al massimo … aveva
un’ombra di timore nel suo sguardo, l’ho presa per mano e l’ho fatta alzare … aveva sborra anche sul suo collo, i suoi capelli, sul reggipetto nero ed
anche sulle palpebre … lei era come una automa … ho preso la doccia e ho lavato i suoi capelli, poi il suo collo, il suo viso, slacciai il reggiseno nero
e lavai le sue tette, non parlava ansimava e mi guardava stordita … l’ho fatta uscire dalla doccia … l’ho tolto il perizoma nero … l’ho asciugata perbene …
poi l’ho detto … vai Giovanna … vai nella tua stanza, ma tu Michelle … stai bene? … ma quanta di quella roba … mio dio! … ma ce l’hai un serbatoio? non
scherzare e vai … e non ti preoccupare che sto benissimo …

Siamo tornati nelle nostre stanze per separati … m’addormentai quasi subito …

Michelle! … Michelle! … chiamava mia sorella … mi sono alzato con un senso d’angoscia … cosa stava succedendo a Giovanna? … andai di corsa nella sua stanza …
che c’è … cosa ti succede? … guarda disse lei … mi son rotto qualcosa … sto sanguinando … forse qualche arteria … vedi quanto sangue … guardai intorno e
vidi vicino al cuscino, quel cazzo blu macchiato di sangue … capii subito e ne approfittai … aspetta Giò che vado a prendere qualcosa per pulire … sono
andato nel bagno dei nostri genitori e presi due asciugamani piccolini di mamma, tornai da Giovanna e chiesi … dove ti sei fatta male sora? … fammi vedere …
qua disse lei … puntando tra le sue cosce … ma forse t’ha arrivato il tuo periodo, dissi … ma no, disse … quello m’he venuto la settimana scorsa … questo
dev’essere più grave … guarda ho sporcato mezzo letto … aspetta, Giovanna che devo vedere da dove esce tutto questo sangue, apri le cosce … aveva il suo
pube insanguinato, anche i pochi peli che crescevano intorno alla sua micetta erano sporchi di sangue, le sue labbra ancora rosse e gonfie … lei s’era
sverginata da sola con quel cazzo blu … credi che dobbiamo chiamare il dottore, chiese … fammi vedere ancora, dissi … lei allargò le sue cosce … cominciai
a pulire con l’asciugamani … ma che bella gnocca che ha questa sorellina mia, pensai, con due dita ho aperto la sua micetta fingendo di guardare attentamente …
ma guardavo ammirato la bellezza del suo bottoncino avvolto in quelle pieghe sottili … non ho resistito e ho sfiorato con un dito il suo clitoride … lei balzò
e disse … che fai scemo … non mi toccare … ti sbagli sorellina … ti volevo solo pulire, ho capito pure che è successo … dimmi la verità … sei stata a giocare
con quel aggeggio blu, eh? … si, disse … lo sai che c’era sulla mia testa quella doccia che abbiamo fatto insieme … dove tu sei venuto con tutta quella forza
lasciandomi inzuppata della tua roba … si, lo so … e allora? … vorrei … vorrei … cosa vorresti sora? … vorrei se possiamo fare ancora una doccia io e te? …
e ci possiamo toccare un po’ … io ci sto, dissi … ma … nudi? … si facciamo nudi … ma solo toccarci, disse … va bene, dissi … e quando faremmo questo
esperimento? … possiamo provare dopo pranzo, disse … oggi? domandai … perché, hai qualcos’altro da fare? … NOOO, risposi affrettatamente …

Dopo pranzo, Giovanna è passata con la vestaglia verso il bagno, io andavo dietro a lei, lei mi dava degli sguardi provocanti e giocherelloni, come se
andassimo al parco dei giochi, subito si tolse la vestaglia e andò sotto la doccia … io andai dietro … guardavo le sue chiappe perfette … vuoi che ti
lavi la schiena? … si, disse … passandomi la spugna … versai un po’ di sapone e massaggiavo le sue spalle, scapole, fianchi e glutei, mi affezionai
subito a quest’ultima zona … versavo sapone e lavavo fianchi-glutei, glutei-fianchi … passavo la spugna in mezzo alle chiappe sode … poi sui talloni
ho cominciato a lavare le sue cosce, spingendo la spugna verso la sua gnocca … lei mi stringeva la spugna con le sue cosce … dai scemo che mi fai solletico …
smettila … ansimava e spingeva suo culetto all’indietro … non volevo farla incavolare, quindi continuai con le sue gambe e i piedi … girati Giovanna, dissi …
io ancora sui talloni mi trovai con la sua fessa in faccia o quasi … lei vedendo il mio sguardo fisso nella sua micetta, mi lancio un getto d’acqua dicendo …
dai scemo, lavami … io scuotendo la testa dissi … dai metti un piede sulla mia coscia … lei alzo la sua gamba, le labbra della sua passerina s’aprirono
un po’ … il mio cazzo duro da far male … vuoi che ti lavi pure lì, chiesi … va bene … ma non mettere le dita … versai un po’ di sapone sulla spugna ed
insaponai la sua micetta … avanti-indietro … mia sora, stringendo i denti, disse … basta Michele … basta, ti prego … mentre stringeva anche le cosce …
allora mi alzai e comincia a lavare le sue tette indurite coi capezzoli all’insu … poi ho strizzato un seno e l’ho lavato coscienziosamente … prendo a
seguito l’altro e ripeto l’operazione … mia sorella, restava con i gli occhi chiusi e una tremarella leve … il suo respiro era affannoso … ho lavato il
suo collo raffinato … poi l’ho passata la spugna, dicendo … è tuo turno Giovanna … l’ho dato un bacio in fronte … lei aprì gli occhi e mi guardo con dolcezza …
lei prese la spugna e cominciò a strofinare i miei pettorali … oh! Michelle … ma quanti muscoli … è perché faccio palestra, Giovanna … pure tu sei un bel
fustone, eh? … continuava a ruotare la spugna sul mio petto mentre mi guardava divertita … prendendo le sue tette, dissi … sora, anche tu stai diventando
una bella ragazza, guarda queste tette … lei indietreggiò sorridendo … abbassando la sua mano prese il mio cazzo … oh! Michele, stai eccitato anche oggi, eh? …
vuoi che facciamo come l’altra volta? … e tu lo vuoi fare? … si, si io lo vorrei fare … mi piacerebbe farlo … mi guardava direttamente negli occhi coi suoi
occhi scintillanti … quasi supplicanti … e io posso toccare anche a te? dissi … anche solo un po’ … lei non parlò ma annui con la testa … allora facciamo,
dissi io, mettendo la mia schiena vicino alla parete e muovendo in avanti il mio cazzo … lei mi passo la doccetta e con le due mani, prese la mia nerchia e
comincio a massaggiare tutto in lungo e poi accarezzava anche i miei coglioni … si mise sui talloni e guardandomi negli occhi, disse … Michele, tu mi vuoi
leccare? … io risposi, certo che mi piacerebbe assai … e allora ti posso baciare qui? … ma certo, fai ma senza i denti … lo so, disse … poi il mio uccello
scompari nella sua bocca … si sente cosi grande e possente, disse … poi torno a ingoiare tutta la mia minchia … sentii la punta del mio cazzo scendere
nella sua gola stretta … poi sentii dei brividi nella mia schiena, sapevo molto bene che il mio orgasmo era vicino … non volevo venire in bocca a Giovanna …
volevo la sua passerina … la fece alzare … ho preso il suo mento e l’ho baciata con passione … lei si strinse a me, rispondendo con ardore il mio bacio …
un bacio come innamorati … come amanti … forse l’ho eravamo già…

Giovanna mi guardava con adorazione, si vedeva che lei era già molto eccitata … ma se anche io sentivo la stessa eccitazione o forse più … non volevo
affrettare il momento di prenderla … perciò ho continuato ad insaponare le sue tette … mi inginocchiai per baciare sua pancia, suoi peli pubici … aprii
le sue labbra e baciai il suo bottoncino … Giovanna gridò … ooohhh! mio dio … ooohhh! mio dio … rabbrividì indietreggiando … lasciai cadere la doccetta
e ho messo una delle sue cosce sulla mia spalla … mettendo poi la mia lingua dentro suo sesso … Giovanna era impazzita … non sapeva se fuggire o prendere
la mia testa per non farla staccare dalla sua gnocca … urli e singhiozzi … tremava e sua respirazione era molto agitata … ooohhh! Michelle … non ti fermare ….
ooohhh! … ooohhh! … ooohhh! mio dio … tenendo la mia testa attaccata a suo pube … scopava la mia bocca … poi mise la sua mano coprendo la fessura pulsante …
dai Michelle … non più … non ce la faccio … ti prego … mi alzai e l’ho abbracciata e baciata … le sue gambe quasi non la reggevano … tremava e cercava il
sostegno delle mia braccia … aveva paura di guardarmi l’ho tenuta stretta e l’ho rassicurata … dai scemolina … stai bene … stai tranquilla … va tutto bene,
stiamo solo io e te … oh! Michelle … scusami … non ho voluto … è stata la prima volta che sento una cosa così bella e così forte … sono stata stravolta …
ma adesso io devo baciare te … tuo cazzo … Giovanna usciamo dalla doccia è più di un’ora che stiamo sotto l’acqua … hai ragione, andiamo nella mia stanza,
disse …

Siamo usciti nudi dal bagno, nella sua stanza Giovanna subito mi chiese di sdraiarmi … lei s’accovaccio accanto alle mie gambe ed inizio ad accarezzare
la mia minchia … i suoi occhi pieni di luce … di desideri accumulati … mi voleva compiacere … si chino sopra il mio sesso … i suoi lunghi cappelli neri
mi coprivano il cazzo … ho sentito la sua bocca chiudersi sulla capella … poi vedevo solo la sua testa che saliva e scendeva … un pompino favoloso …
come in incognito … dopo cinque minuti non potevo più reggere tanto stimolo … prima di lanciare il primo schizzo, mi sono messo in ginocchio … Giovanna
è rotolata sulla sua schiena, e mi guardava con sorpresa, pretendeva dire qualcosa ma non emetteva suono … una schizzata abbondante l’arrivò sulle tette …
poi un’altra sul viso … un’altra sui cappelli … un’altra sulle palpebre … in quel momento lei si raddrizzo sul letto e l’ho prende in bocca … io finii di
sborrare nella sua bocca … la sua lingua mi procurava rabbrividì in tutto il corpo … ho schizzato una quindicina di volte … Giovanna aveva la sua bocca
piena … un po’ fuoriusciva dalle sue labbra … ingoiò tutto e mi guardava estasiata, come per dire … “io voglio ancora” … intanto la sua mano giocherellava
con il suo buchetto … ansimavo molto forte … ma lo stesso mi chinai e comincia a baciare le cosce di Giovanna … lei non fece altro che allargare e lasciar
via libera verso la sua micetta … lei era intenta a prendere la sborra rimasta su di lei per poi leccarsi le dita … io ero a leccare il suo clitoride e
spalmavo la sborra delle sue tette … leccavo le sue labbra, succhiavo il suo bottoncino … lei scuoteva la testa e cominciava a gridare e singhiozzare …
i suoi gemiti si fecero più intensi … io chiavavo la sua micetta con la mia lingua … lei strapazzava i miei cappelli … ansimava e scopava la mia bocca …
e cosi fu … ooohhh! … ooohhh! … ooohhh! … sobbalzava sul letto … ooohhh! mio dio … piangeva come una bambina … la sua micetta tremava da sola … brividi
sulle sue tette … fermati Michelle, fermati … per dio! … avevo il cazzo al suo punto … quasi duro … puntai la testa tra le sue labbra e affondai la sua
micetta lentamente ma continuamente … ooohhh! si Michelle … scopami … scopami sempre … ooohhh! frate … ooohhh! … lei avvolsi le sue gambe intorno a me …
quant’è bello frate … chiavami il tuo cazzo bello fino in fondo … e così ho fatto … e così abbiamo fatto da allora …

Giovanna ha il suo fidanzato ed anche io ho la mia fidanzata, ma ogni volta che i nostri genitori ci lasciano da soli a casa … la loro stanza da letto
diventa la nostra … con quell’enorme letto dove non ci stanchiamo mai di scopare …

Questo racconto di è stato letto 2 0 2 2 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.