Questo sarà il nostro segreto

Scritto da , il 2020-10-21, genere incesti

Mamma ha avuto me a sedici anni, mi ha allattato fino ai miei primi tre anni, sempre ci siamo fatto il bagno insieme
da quando ho uso di memoria, la ricordo nuda vicino a me dentro la vasca o sotto la doccia, lei insaponava me ed io
cercavo di fare lo stesso a lei, sono stato sempre orgoglioso dalla bellezza di mamma, ma dopo i dodici anni ho cominciato
a sentire cose diverse, quando toccavo le sue grosse tette che mi nutrirono, ora avevo delle erezioni inspiegabili, mamma
all’inizio rideva e non dava importanza a queste mie reazioni, ma io ero turbato e non capivo cos’era l’attrazione sessuale,
lei era la mamma non potevo reagire col cazzo in erezione ogni volta che la vedevo nuda.

A quattordici anni, mamma mi vedeva che avevo vergogna e turbamento, quindi decise che il bagno l’avremmo fatto d’ora in poi
non più insieme, ma io continuavo a vedere lei con le sue curve e le sue forme, come se fosse nuda, sentivo la mancanza della
sua vicinanza ed il suo contatto, le notti mi segavo con la sua immagine nella mia testa, sapevo che non era corretto il avere
questi pensieri, era una perversione, ma era più forte di me, all’inizio lottavo per scapare da questi sentimenti, ma sentivo
che non era giusto.

A diciassette anni, non mi facevo più tanti problemi, avevo la mia ragazza e chiavavo con lei pure, comunque ho scelto lei perché
somigliava molto alla mia mamma, e tante volte mi sembrava di chiavare lei. L’altro problemino era che mi risultava praticamente
impossibile sopportare che lei vedesse a qualsiasi altro uomo, ero geloso di lei, io soffrivo e facevo soffrire anche a lei.

A vent’anni, avevo fatto già il militare, sono stato lontano da lei per un sacco di tempo, ma quando tornai, tornai pure la mia pazzia,
quell’attrazione verso di lei, mi fece un casino enorme quando scoprii che mi sparavo delle seghe con la sua biancheria intima, minaccio
con cacciarmi via.

A venti cinque anni, sono stato contagiato dal COVID-19, mamma pensava che morissi da un momento all’altro, ma i dottori mi dissero
che ero asintomatico o quasi perché avevo solo un po’ di febbre e dolore fisico al mio corpo, mamma stava sempre vicino prendendosi
cura di me, mi pareva di essere tornato indietro nel tempo, fortunatamente con l’uso permanente di tapa bocca e disinfezione continua
tanto della mia stanza come delle cose che adoperavo, la mamma è stata risparmiata dal virus.

La pandemia ci aveva fatto avvicinare, ma la mia perversione rimaneva intatta, quando allentarono il lock-down, incominciai a fare il
bravo e collaborare con tutto ciò che fosse necessario per tenerla contenta, la portavo a passeggiare, a mangiare, al cinema, sapevo
quel che le piaceva e l’accontentavo in tutto, sottilmente la corteggiavo, facevo dei complimenti ai suoi capelli, commentavo quanto
si vedeva bella con questo o quel vestito, come la sua camicetta risaltava la bellezza del suo seno, insomma, la facevo sentire
intelligente, bella ed amata o desiderata. Lei si era ressa conto che io sbirciavo quando lei era sotto la doccia o quando si cambiava
i vestiti, ma non ci faceva più caso, anzi a volte si girava per darmi una vista più bella delle sue tette o culo.

Mamma oramai si era abituata a convivere con il figlio guardone, e si è rilassata ulteriormente, quindi ne profittai per espormi anch’io,
uscivo nudo dalla doccia, quando sapevo che lei doveva venire nella mia stanza fingevo di dormire nudo sopra i lenzuoli, magari col cazzo
eretto. Mi sparavo delle seghe con la porta socchiusa e facendo dei suoni evidenti.

Un giorno dopo la mezzanotte, sentii dei mugolii e qualcuno che ansimava, venivano dalla stanza di mamma, il mio cuore batteva fortissimo,
la sua porta era socchiusa, la luce dal tavolino illuminava scarsamente la stanza, lei nuda sul letto con le due mani sul suo sesso, si capiva
che con una mano sfregava le sue grosse labbra mentre l’altra penetrava la sua figa, il cazzo quasi mi scapava dal mio pigiama, le sue tette
rotolavano coi i suoi movimenti, quant’era bella … sono rimasto a guardare finché dei sussulti presero il sopravvento e lei strizzando le sue
cosce e piegandosi in avanti è venuta gemendo con lussuria. Sono andato nella mia stanza a sfogarmi pure io, con la porta socchiusa.

È come un vizio, lei sapeva che io la guardavo quando si toccava la sua passerina follemente eccitata, sentendo pure che mi sparavo una sega
vicino alla sua porta. Almeno due volte a settimana il rito si ripeteva, lei bellissima e spettacolarmente nuda che ansimava, miagolava e gridava
la sua lussuria, ed io fuori magari con una delle sue mutandine a schizzare sborra sulla sua porta.

Una notte, lei ebbe un orgasmo particolarmente intenso ed io follemente eccitato entrai nella sua stanza col cazzo ancora in mano, lei mi guardo con
i suoi occhi chiari ed io capii che era rimasta come interdetta, non reagiva, aveva le sue gambe leggermente aperte, io guardavo ipnotizzato la sua
micetta bagnata e brillante, le sue labbra ancora tremavano, porsi una mano sulla gnocca e sentii il suo calore ed i suoi fluidi, mamma senza forze
mi tolse la mano dal suo sesso e con voce autoritaria di mamma mi caccio via, e non ti permettere più, aggiunse. Abbassai la mia testa ed uscii,
ma quella immagine e quella sensazione di avere tenuto tra le mie dita il suo clitoride palpitante, non mi lasciava pensare ad altre cose.

Per giorni non riuscivo a guardarla in faccia, pure lei si sentiva incomoda, ma il tempo appiana tutte le cose e riprendemmo la routine, lei si
faceva guardare ed io godevo vicino alla sua porta, può che sia maledettamente sbagliato, ma era un palliativo ragionevole, almeno per me già che
non perdevo la speranza di toccare ancora la sua figa.

Arrivò la estate e mamma girava intorno coi dei vestiti più leggeri, molte volte con le magliette strette che facevano vedere il suo seno rotondo e
abbondante, un giorno che indossava una maglietta bianca particolarmente stretta, io feci finta d’inciampare e gli versai a dosso tutto un bicchiere
d’acqua, le sue tette si vedevano maestose, continuando a fare il finto tonto, cercavo di asciugare e pulire l’acqua dalle sue sizze, prendendo quei
capezzoli induriti tra le mie dita, lei divertita mi lasciava fare, ma se ne accorsi il gonfiore che si faceva sotto in miei calzoni, subito se ne andò
dicendomi, stronzo che non sei altro.

Ma i giochetti continuarono, lei fuori al terrazzo a prendere il sole in bikini, ed io vicino in costume col cazzo puntando in cielo … mamma ti spalmo
un po’ d’abbronzante sulla schiena? eh! sì dai è lì sul tavolino, godendo come un bambino col suo giocatolo nuovo, ero lì a spalmare la bellissima schiena
di mamma, le sue cosce, il suo derriere, il suo decolté, abbassavo il suo bikini fin quando lei non mi ammoniva, la spaccatura del suo culo era da godere,
oh! Mamma gli dicevo, quanto sei bella, mentre cercavo che un ditino mio raggiungessi la sua fossetta rossa, non mi infastidire, diceva lei, ma più che
sottrarsi rotolava i suoi fianchi involontariamente.

Un tardo pomeriggio molto caldo, mamma era lì in bikini sotto il sole, si vedeva la fessura del suo sesso, sono andato vicino e dissi … mamma girate che
ti spalmo un po’ d’olio, lei appisolata si è girata, ho abbassato il suo bikini e vedevo la sua micetta rasata di recente, ho spalmato la sua schiena e
dopo massaggiavo i suoi glutei, abbassai di più il suo bikini e massaggiai tra le sue cosce, lei ansimava ma non diceva niente, le mie dita scivolavano
in mezzo alle sue chiappe toccando il suo culo sodo, lei ruotava il suo bacino e non diceva niente, strizzava le mie dita con le sue natiche e non diceva
niente, di striscio toccavo la sua passerina, lei gemeva, ho inserito due ditta nella sua figa, lei muoveva il suo bacino ed alzava il suo culetto, oh!
Antonio, la vuoi smettere, disse … ma non finiva di muovere i suoi fianchi, ho messo quattro dita nella sua micetta, lei dimenava il suo bacino disperata …
oh! Antonio fai più forte disse … gemendo e ansimando, io muovevo la mia mano più dentro e più veloce, quasi gli facevo un fisting, mio pugno era metà dentro
la sua gnocca, senza neanche toccarmi cominciai a sborrare come un pazzo, contemporaneamente lei ebbi dei sobbalzi e venne a fiumi i suoi umori bagnavano
le sue cosce e la sedia sdraio, mi alzai baciando le sue chiappe e me ne andai a fare una doccia.

Mamma preparava una cenetta molto contenta e spensierata, io innervosito per averla toccato così a lungo mi avvicinai da dietro e la baciai sulla guancia,
mamma stai bene? Chiesi io, lei si voltò e disse, figlio mio mi sento splendente, siediti che mangiammo un po’ di pasta. Veramente i suoi occhi erano più
lucenti, il suo viso emanava una folgore di pace, come se si fosse levata qualche peso da sopra, forse la sua inibizione era ceduta dopo il nostro incontro.
M’accontentai pure io e ci siamo seduti a parlare rilassatamente del più o meno della situazione della pandemia e tanti altri temi in trascendenti.

La settimana trascorreva normale, ma adesso salutavo mamma con baci sul collo e la stringevo a me con forza, lei si dimenava un po’ e scapava dalle mie braccia.

Una sera che lei era in cucina a preparare la cena, sono arrivato da dietro ho baciato suo collo e ho presso le sue tette, dai scemo non fare così che mi turbi,
disse mamma, ma io non smettevo strizzavo le sue sizze e massaggiavo i suoi capezzoli, lei si voltò ed io baciai la sua bocca, lei rispose mio bacio con passione,
dai siediti che si fa fredda la pasta, abbiamo mangiato e parlato un po’ di tutto.

Quella sera mi offrii per lavare i piatti e mettere in ordine la cucina, lei se ne andò per lasciarmi fare, la sera era ancora calda, dopo aver sistemato tutto,
andai sul divano a guardare la Tv, mamma è venuta vicino indossando un pantaloncino corto del suo pigiama e una maglietta stretta, dai mamma vieni che ti massaggio
un po’, lei si è messa dandomi la schiena, l’olfatto mi diceva che si aveva messo del profumo, io massaggiai il suo collo, le sue spalle, mentre massaggiavo le sue
vertebre . dissi … senti mamma qui vicino alla tua scapola sinistra c’è un nodo, forse di tensione, alzati un po’ la maglietta per massaggiarti proprio lì … non
saprei dire se lei lo fece a posto oppure no, alzandosi la maglietta le usci la sua tetta sinistra bella e tonda, ho perso tutta la concentrazione, massaggiavo
quel nodo con una mano, ma l’altra mano ha presso subito il suo seno sodo, mamma ti vuoi togliere la maglietta, chiesi … lei disse, va bene … e la tolse, ho fatto
sciogliere quel nodo con le due mani, ma poi mi accomodai dietro a lei e ho preso le sue tette, lei ansimando disse … non mi fare del male … io eccitato risposi,
mai lo farei, la baciavo sul collo e stuzzicavo i suoi capezzoli, gli feci sentire il mio cazzo sulla sua schiena, ma non mi volevo affrettare, non la volevo
spaventare, dovevo agire con calma, dopo qualche minuto, l’ho fatta sdraiare sul divano mentre io mi chinai a succhiare i suoi capezzoli induriti, lei aveva gli
occhi chiusi e aveva come dei singhiozzi mentre gemeva, toccai la sua micetta sopra la stoffa del suo pigiama, il quale era abbastanza largo, quindi dalla sua
coscia nuda, sono arrivato alla sua passerina nuda, calda, umida, rasata e morbida, lei fece un sobbalzo quando la penetrai con due dita, lei apri i suoi dolcissimi
e scintillanti occhi chiari, mi guardò e disse, andiamo a letto e saremmo più comodi e si alzo prendendo la mia mano, si fermo un attimo e mi bacio con passione.

Una volta sdraiata, lei disse … Antonio … tu l’hai voluto … adesso lo voglio anch’io … non mi deludere … io mi stesi tra le sue gambe, dicendo … mamma sono quattordici
anni che aspettavo questo momento … mai ti deluderei … chinai la mia testa per prendere in bocca per la prima volta il suo bottoncino che fremeva, lei sentii le mie
labbra e fece dei singhiozzi e miagolii di piacere … avevo un’erezione gigantesca che a malapena riuscivo a controllare, da un momento all’altro avrei chiavato a la
mia mamma adorata, quasi non ci credevo, non ero vicino solo alla sua gnocca, non ero vicino solo al suo corpo, ma ero vicino alla sua anima … sono rimasto a leccare
la sua figa fino a quando la sua voglia di cazzo era tanta che mi chiedeva di fottere la sua micetta … dai Antonio, vieni su di me … l’avevo fatta godere un paio di
volte con le mie leccate, l’ho sentita gridare il suo piacere irrefrenabile, l’ho sentita sobbalzare e gemere raggiungendo due favolosi orgasmi … adesso m’approntavo
a sfondare la sua passerina col mio cazzo duro come l’acciaio, mi avvicinai alla sua bocca stravolta di lussuria, il mio petto strisciava sulle sue tette grosse e
possenti, ci siamo baciati e slinguati per svariati minuti, la nostra respirazione era affannosa, la nostra passione stava in crescendo, lei adesso poteva sentire
la mia virilità sul suo pancino, come io sentivo la sua micetta bagnata fradicia, ma non volevo affrettare le cose. Stavo facendo l’amore alla mia mamma, baciavo
una donna, bella, sexy, vibrante e intelligente. Non si trovano ragazze così tutti i giorni. Ho interrotto il bacio e guardavo il suo bel viso, ma quanto sei bella
mamma, pensai, lei aprii gli occhi e sorridendo dolcemente, disse … dai figlio, ti voglio sentire dentro di me … mi inginocchiai sul letto e cominciai a strusciare
il mio arnese contro la sua micetta gonfia ed umida, lei voleva guardare e si alzo sui gomiti, e disse … ma quanto è grosso? … ventidue centimetri, dissi io … porca
miseria, disse lei, chiudendo gli occhi allargò le sue cosce ed aspetto che io la penetrasse, ho appoggiato la testa all’entrata del buchetto vaginale e cominciai a
spingere, lei inarco la sua schiena emettendo urli … quattro o cinque volte ho fatto entrare mia picca fino alla metà, per poi tirarmi indietro, volevo che lei si
abituasse alla mia lunghezza … poi l’ho spinto fino in fondo … lei chiavo le sue unghie sulle mie spalle e grido forte … caaazzzooo! … allora cominciai con ritmo
sostenuto a chiavare alla mia bella mammina che si godeva suo figlio per la prima volta, io speravo di certo che ce ne fossero tante altre volte, lei ansimava e
cercava d’abbinare i miei colpi muovendo i suoi fianchi, ogni volta che spingevo fino in fondo, lei gemeva forte … ooohhh! … ooohhh! … lei ha messo le sue mani
sopra le mie natiche per spingermi più in fondo … più veloce … più veloce, io trapanavo ogni angolo della sua figa … ho presso una tetta, mentre l’altra mano
prendeva una chiappa, forzavo la sua micetta a prendermi di più dentro di lei …

Entrambi respiravamo per la bocca, scatenati come due animali, ho sepolto la mia faccia nel suo collo, succhiando e baciando e facendola strillare, mi sono alzato
a guardarla, le sue tette balzavano su e giù quasi toccando il suo mento … sse … ssei … sei … cosi … bella … mamma, sono riuscito a balbettare, mettendo un freno
su quelle tette appoggiai mio petto su di lei … poi con entrambi le mani acchiappai le sue natiche, accarezzando il buchetto del culo, facilmente il mio dito medio
scivolò dentro, lei mi strinse di più dicendo … scopami figlio … scopami forte … vieni dentro di me, bambino … suoni gutturali scapavano dalla mia bocca, ansimavo
vicino all’orecchio di mia mamma, ed il primo spruzzo di sborra che uscii dal mio cazzo mi fece tremare e gridare … ooohhh! mamma … ooohhh! … quanto mi piace scoparti
mammina mia … subito ho sentito la sua figa contrarsi in piccoli spasmi, mentre raggiungeva il suo orgasmo … schizzo dopo schizzo io la baciavo e stringevo fortemente
a me, ero in una connessione incredibile con mamma, eravamo una sola carne, lo stesso sangue, ho collassato su di lei, lei mi strinse amorevolmente e disse … Antonio,
è stata la più bella scopata della mia vita … sei il migliore che io abbia mai scopato … oh! mamma, ma pure tu non scherzi, la più bella figa d’Italia … sei bellissima,
poi ci siamo rilassati ridacchiando e baciandoci come due innamorati … rotolai sulla schiena, mentre mamma s’accomodò al mio fianco, sbattendo la mia gamba con
la sua figa straripata di sborra, lei mi chiese … ti piace? … sorridendo annui con la mia testa … mamma, dissi io … si, caro, che c’è? … ma abbiamo scopato,
dissi … e allora? disse lei … è stato bello mamma, è stato molto bello. dissi … aspetta qualche minuto e lo facciamo ancora, aggiunsi … davvero! disse lei …
mi vuoi scopare ancora … vuoi avere ancora la figa di tua mammina? … aggiunse … ma tu mamma sei uno schianto.

Ci siamo baciati e coccolati per un po’ … poi lei ha fatto la prima mossa … sai, forse questo ti ecciterà ancora … così dicendo mi cavalcò e fece scivolare
tutta la sborra rimasta nella sua fica sul mio stomaco … poi comincio a spalmarlo sulle sue tette e a leccare le sue dita piene di seme, muoveva il suo bacino
sensualmente, occasionalmente strofinandosi contro il mio cazzo … è chiaro che lei ci sapeva fare … pochi istanti bastarono per indurire il mio cazzo … lei
adesso provava col suo culetto … mamma, mi vuoi dare il tuo culo? … domandai … sì, ma non adesso, rispose … perché no mamma, cosa c’è? … perché si devono fare
delle pulizie prima di prendere qualcosa da quella parte … forse domani, rispose … ho capito, dissi … intanto lei ha indietreggiato un po’, poi si è chinata a
leccare e pulire il mio stomaco dalla sborra versata … ooohhh! mamma quanto sei bella.

Mamma si resse conto della mia erezione, sollecitamente si chino ma senza toccarmi, comunque guardando direttamente nei miei occhi, comincio a leccare i miei
coglioni mettendo in bocca alternativamente prima uno e poi l’altro, poi mantenendo i suoi occhi chiari sui miei, mise sua bocca direttamente sulla capella
facendo scomparire interamente mia picca dentro la bocca, mi si è accapponata la pelle, coi brividi su tutto il mio corpo … senza battere occhio guardavo i
suoi occhi che emanavano passione e amore, desiderio e lussuria, dedizione e bontà … questa è mia mamma ... tutta una femmina …

E' una bellissima esperienza quando è tua mamma chi ti succhia la minchia … mentre faceva tutto ciò, lei giocava con la sua passerina gustosamente, ansimava e
gemeva … dopo una decina di minuti, la sua saliva inzuppava tutto il mio membro … mamma, se continui così mi farai venire … io ti voglio scopare …

Lei a cavallo si è spostata verso la mia testa, ci siamo baciati a lungo … ho afferrato entrami i lati del suo culo … mamma gemeva nella mia bocca … a un certo
punto l’ho alzata con forza tenendola quasi in aria … lei aprii gli occhi in sorpresa, mentre io la facevo scendere dolcemente sul mio cazzo, la sua bocca carnosa
faceva una grossa “O” … nascondendo suo viso lussurioso sul mio collo, sussurrò nel mio orecchio … ooohhh! figlio … mi fai morire … tuo cazzo è grosso ed è bello …
è tutto per te mamma … incominciai a scopare mia madre con piacere, con forza, ma senza fretta, volevo sentire a lungo le pieghe della sua micetta avvolgendo la
mia nerchia, volevo procurargli orgasmi senza fine, la volevo far impazzire … volevo sentire ancora le sue unghie graffiare le mie spalle …volevo sentirla gridare,
ansimare, gemere … i suoi gridolini … volevo vedere le sue tette tremare coi i brividi del suo orgasmo … volevo sentire il suo corpo senza forze e arreso alla mia
perversione … tutta mia ---- mamma era solo mia.

Cominciai a rallentare i miei colpi, sentivo la sua micetta che stava mungendo il mio cazzo, adesso niente aveva importanza, il mondo intero era scomparso in
quella nebbia sessuale nella quale eravamo sommersi io e lei, non c’era più nessun tabù in questo universo irreale, non c’era più nessun rimorso, avevamo per
noi una galassia dove i nostri sensi regnavano, signori e padroni.

Il mio cazzo stava spingendo in fondo alla sua gnocca, il suo ultimo orgasmo teneva a mamma quasi svenuta sopra il mio petto, io la inchiodavo a me, mio membro
palpitante s’approntava a scaricare un’altra mole di sborra nelle profondità de la micetta di mamma, capivo oramai che questo era quello che avevo sempre voluto,
scopare mia mamma senza limiti, senza frontiere di nessuna specie, di possedere alla femmina che più avevo desiderato durante tutta la mia vita.

Ancora qualche sbattuta e arrivavo … uno spruzzo … ooohhh! … seguirono tanti altri schizzi, riempivo sua passerina … lei lo sentiva perché mi stringeva forte e
faceva dei mugolii d’apprezzamento … che donna chi sei! … quanto sei bella! … stringevo mia mamma acchiappando le sue chiappe con le due mani, mentre affondavo
la mia nerchia dentro quel suo paradiso, umido e caldo … eravamo una massa inerte io e lei, una sola entità, le nostre anime s’erano fuse.

Il tempo trascorso non era stato osservato, non sapevo s’era presto o tarde in questa dimensione sospesa dove ci avevano portati gli eventi vissuti, lei ancora
su di me ed io che scivolavo col mio cazzo fuori dalla sua micetta, l’ho presa delicatamente facendola sdraiare sul letto, lei con gli occhi chiusi e la sua testa
indietro, non si svegliava dal quel buio o letargo dove s’era cacciata … la guardavo quasi religiosamente, il suo corpo nudo mi faceva inarcare ancora la mia schiena
godendo di nuovo l’immagini di aver posseduto tanta bellezza, il suo bel viso, Il suo collo elegante, le spalle e i fianchi armoniosi, Il suo seno abbondante, le
lunghe gambe e le sue cosce ben tornite. Il triangolino rasato con la sua fessura scintillante e bagnata, lei è stata un regalo da là su, quest’angelo di donna può
venire soltanto dal paradiso e lei è mia mamma.

Antonio … disse mamma alzandosi sui gomiti … ma che ora è? … non lo so mamma, è ancora buio là fuori … Antonio … sai cosa abbiamo fatto? … certo di si, mamma …
e allora come la mettiamo? … mamma, io e te abbiamo vissuti insieme quasi sempre, quindi non vedo nessun problema, io ti ho desiderato da tutta la vita … e poi …
tu lo sai … è stato bello … o vuoi dire che non t’è piaciuto? … no, disse mamma … è chiaro che mi sono sfogata pure io … ti ho desiderata pure io … è stata davvero
una piacevolissima serata … e allora mamma, questo sarà una cosa tra te e me … questo sarà il nostro segreto.

Questo racconto di è stato letto 1 8 4 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.