Tacchi a spillo

Scritto da , il 2010-09-22, genere poesie

Guardo il suo corpo sgretolarsi
mentre soffre più di me,
io l'accetto per se stesso,
la sua pelle dolce è,
muove piano le sue mani,
sulle calze a rete che
lo difendon dalla gente
mentre si tocca dietro e
piango sola oltre muro,
aspettando nuda che
i suoi tacchi a spillo rossi
muovan passi verso me.
Fremo tutta di piacere,
il pudore ormai non c'è
Entro dentro, ora basta!
Tra sofferti reggicalze
prendo il cazzo rosso sangue
tra le labbra tremoltanti
mio fratello è dentro me.

Questo racconto di è stato letto 5 0 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.