La scala oscillava molto ma ...e chi scendeva?

Scritto da , il 2020-11-15, genere etero

Lavoro per una ditta che installa cavi per il telefono e quel giorno stavo su una scala a due metri di distanza da un campanile di una chiesetta di montagna, trovandomi su un paese con strade assai strette e chi abitava lì se si affacciava alla finestra poteva sbirciare in casa altrui. Ero preso nel collegare due cavi, quando mi richiamò l'attenzione un rombo di motocicletta che si fermò davanti alla chiesa e vidi scenderne una ragazzona bionda con una tuta che risaltava le sue generose forme e andò dritta alla porta del Parroco che io già conoscevo di fama ( un Don ma a tutti gli effetti infatti si chiamava Don Giulio ed era un genuino dongiovanni, insomma, un donnaiolo. Pensai quindi cosa arebbe combinato con quella biondona. Poco dopo vidi che si apriva la finestra sul campanile, a due metri appunto da me e in quella stanza vidi la ragazzona togliersi la tuta da moto ed indossare una gonna larga ed una maglietta che conteneva malamente i grossi seni. Niente male come spettacolo iniziale. Ecco che poi il parroco entra e si siede sul letto dove già sedeva la bionda, la quale scoppia in un pianto e Don Giulio subito si prodiga per consolarla e casualmente appoggia la mano su una coscia di lei e mentre lei si appoggia col viso alla spalla del prete, lui fa scorrere la mano sulla cosciona e risale lentamente fino ad arrivare all'inguine e poi si alza e la solleva ponendola poi seduta sulle sue gambe e riprende a scorrere la mano ma questa volta infilandola sotto le mutandine e noto che le sta sditalinando il griletto, infatti poi la mano esce da sotto la gonna e va ad accostarla alla bocca e succhia gli umori che io vedevo intrisa. Lei assunse un' espressione stupita ma lui le disse che voleva solo consolarla e di nuovo riprese la toccata di figa e con l'altra mano slacciò il colletto della maglietta e cercò di sfilarla e così lei intervenne aiutandolo e se la tolse. Allora lui slacciò il reggiseno ed andò a ciucciarle i seni ed i capezzoli si eressero come cazzetti da quanto erano grossi. Poi lui si slacciò i pantaloni e mise fuori il cazzo che già si stava addrizzando e spinse la testa della ragazza ino a fare combaciare la bocca al suo cazzo e lei, imbarazzatissima, tentò di cambiare strada ma lui fu deciso nel farle eseguire un bocchino e lei dovette infine arrendersi e iniziò a scorrere sul cazzo con le labbra. Il prete intanto le sussurrava che la avrebbe scopato come si deve e la avrebbe fatta ben godere e, visto il bel culone, le disse ancora che poi sarebbe stata anche inculata ed io, con la scala che sembrava dovesse stare per farmi cadere, mi barcamenavo a tenermi dritto per non prdermi lo spettacolo gratuito. Quando vidi il prete che afferrava la testa alla biondona, capii che se ne stava venendo ed infatti urlò dicendole che stava godendo pazzamente ed era il momento che lei spalancasse le sue coscione per prendersi il cazzo in figa e la fece quindi roteare per stenderla sul letto e le aprì le cosce per poi iniziare a leccarle la figa che subito sbrodolò tanti umori e li ci si spalmò il glande e si mise sopra di lei per penetrarla senza indugi e con la delicatezza di toro scatenato. Lei infatti urlò dal dolore ma lui se ne infischiava paurosamente e la scopò senza sosta fino a sborrarle tutto dentro non curandosi minimamente di averla di certo fecondata. Lei gli si rivolse protestando con fermezza ma lui non se ne interessò e anzi, la fece rigirare a pancia sotto e, senza almeno lubrificarle l'ano, la penetrò a secco facendola urlare dallo straziante dolore che le fece provare e fino alla fine la inculò senza sosta e lì, invece di sborrarle dentro dato che lì non ci sarebbero state spiacevoli conseguenze, le schizzò tutta la sborra sul viso e poi andò ad appoggiare il suo culo alla bocca di lei imponendole di leccargli l'ano e lui intanto si stava masturbando e poco dopo il suo cazzo riprese forma e così la penetrò nuovamente in figa e quella volta terminò il gioco con lo sborrarle sui seni e poi ficcandole il cazzo in bocca perchè lo ripulisse a fondo e bene, così le ordinò. Dopo che lui si rivestì allora lei fece altrettanto e mentre si guardava allo specchio non potè non accorgersi di me e si girò guardandomi con espressione impaurita e mi fece poi il classico segno di porre l'indice davanti alla bocca come volesse esortarmi ad essere muto su quanto avevo visto lì e poi roteò l'indice come se volesse comunicarmi che ci saremmo incontrati dopo ed infatti, mentre io ero finalmente sceso dalla scala senza esserne caduto rovinosamente, trovai lei difronte a me.

Questo racconto di è stato letto 6 9 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.