L'inizio di tutto 2

Scritto da , il 2020-11-11, genere incesti

Una volta in casa, mi bacia, e mi prende per mano, portandomi in camera dei miei zii, mi spoglia, e mi aiuta ad indossare un reggicalze e un paio di calze di sua madre, poi mi mette del rossetto, e ai piedi un paio di zoccole della zia, rosse, tacco alto, da vera troia dice lui, la madre li mette quando deve scopare col marito, poi mi bacia.
Si spoglia, e dopo aver steso un telo protettivo sul letto, ci stendiamo e cominciamo il gioco dei baci e deli toccamenti, mi eccita, si concentra su di mè, mi porta all'orgasmo, e poi continua, mi lecca per bene il buchetto, e poi, prende dal comodino un tubetto di crema, Papà lo spalma sul suo cazzo prima di inculare Mamma mi dice.
Poi mi stende per bene, mi solleva le gambe e mette a nudo il mio buchetto, ora tesoro, ti brucerà un poco, ma vedrai che ti piacerà, sempre che tu voglia diventare la mia donna, ho paura ma annuisco, si lo voglio, ti amo.
Si avvicina, sento che appoggia la sua cappella, trattengo il respiro, voglio godermi il momento, spinge un poco e magicamente entra.
Si ferma, il mio ano si richiude, ma è impossibilitato dalla presenza della sua cappella, allora il dolore inizia, ma lui rimane calmo, e dopo i primi spasmi, procede di un poco, e ricomincia il bruciore, e così, ci vogliono una decina di minuti, perché lui entri tutto.
Vivo il momento trà dolore bruciore e piacere, e poi inizia a muoversi, credo di aver pianto, di averlo pregato di smettere, ma devo ringraziarlo per non averlo fatto.
Continuò per tutto il tempo a dolermi e bruciarmi, ma riuscii a godere, certo la prima volta non è come la raccontano che godi subito, a mè, c'è voluto un po', ma così, ho iniziato a godere veramente.
Così, dopo che mi venne dentro, mi abbracciò, e mi disse che ero sua, per sempre, lo baciai e ringraziai di avermi fatta donna, la sua donna.
Così, nei mesi successivi, quasi tutti i gironi lo soddisfavo col mio culetto, che oramai era diventato elastico e capiente, poi dopo circa un'anno le cose iniziarono a cambiare, alcuni pomeriggi li passavo sola, e quando ci si incontrava era spicciativo, e i nostri rapporti erano solo sessuali, così, iniziai a preoccuparmi, e un bel giorno scoprii cosa stesse succedendo.
Il mio amato cugino, era da alcuni mesi un giocatore d'azzardo, e col tempo, aveva accumulatoparecchi debiti, alcuni pagati vendendo la sua catenina ecc, un poco rubacchiando soldi alla madre, ma ora il debito era grosso e doveva pagarlo, altrimenti finiva maluccio.
Così un pomeriggio, venne a prendermi a casa era impaurito e preoccupato, devi aiutarmi mi disse, solo tù puoi farlo, dissi di spiegarmi che lo avrei aiutato lo amavo e molto, tutto per tè dissi, mi prese in parola, e mi portò a casa sua, mi spogliò, e poi mi diede dell'intimo, molto carino, rosa acceso, slip e reggiseno, poi in abbinato il reggicalze e un paio di calze nere, ero stupenda, poi mi fece rivestire, rimasi male.
Poi a piedi mi condusse non molto distante, in una zona non proprio del tutto buona, sapevo che era frequentata da tipacci, entrammo in un bar, che avevo già visto da lontano, ma mai entrata.
Una volta al suo interno vidi il solito bancone lungo la parete, alla mia destra un flipper, e poi dei tavolini con degli avventori, seduti, poi una seconda sal, con un biliardo al centro, e alcuni uomini affacendati nel gioco, a sinistra uno sgabuzzino dove vide impilate delle casse e una specie di divano, e alla destra i bagni.
Appena entrati nella sala biliardo, si vedeva una porta, che scoprii dopo, dava su una sala, adibita al gioco delle carte, illecitamente chiaramente, ed era lì, che il mio amore aveva perso il suo danaro, e così, una volta nel bar, mio cugino, con fare sottomesso, saluta il titolare, un Uomo sulla sess'antina, baffoni che spiccano sul suo viso, occhi accesi e furbi, ben piantato, cierca uno e novanta, di origini Calabresi, si gira, ci saluta e poi ci raggiunge, ottimo, seguitemi, e saliamo una scala a chiocciola che ci porta nel suo appartamento, dove, intenta a cucinare c'è la moglie, una donnina l'opposto di lui, piccola tarchiata un grosso seno, bruttina e scialba, si accomodano al tavolo e iniziano a discutere, poi, poco dopo, Pino, il proprietario del bar, per tutti lo Zio Pino, per rispetto, mi dice di avvicinarmi, mio cugino abbassa gli occhi, spogliati ragazzina mi dice, io lo guardo, non capisco, guardo mio cugino, lui non alza la testa, Zio Pino, alza la voce, stupida fai quello che ti ho chiesto, lo capisci l'Italiano o devo usare questa, e mi presenta una mano, mi viene da piangere, e così, assaggio un ceffone dalla Zio Pino, che mi scaraventa sul tavolo, inizio col togliermi le scarpe, poi scivolano a terra i pantaloni e tolgo la maglietta rimanendo in intimo.
Lo Zio mi scruta, poi si avvicina mi palpa le natiche, il piccolo seno, e poi infila la sua manona negli slip, afferra il mio cazzetto e le palline, e stringe, fa male urlo e lui ride.
Poi si risiede, bene, guarda mio cugino e dice, tu vattene e non farti più rivedere o saranno guai, lui fugge in men che non si dica, io non capisco, piango, poi si avvicina, lei, che chiamerò poi Zia, mi prende per mano e mi porta in camera sua.
Cerca di coccolarmi, appare lo Zio, hai capito cosa è successo stupida, no dico non capisco, il tuo cuginetto mi deve un sacco di soldi e tù sei il pagamento, da domani, al pomeriggio, verrai al bar, la Zia ti procurerà gli abiti adatti, i trucchi e servirai ai tavoli, e quando te lo dirò, sarai gentile con certi clienti, e pagherai i debiti del deficiente, cerca di essere puntuale domani alle due, altrimenti ti mando a prendere, e finisci in un bordello non al bar, mi rivestii e fuggii a casa, telefonai a mio cugino, ma non mi rispose.

Questo racconto di è stato letto 3 4 4 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.