Il marocchino

Scritto da , il 2020-10-28, genere esibizionismo

Ogni tanto, al venerdì sera, decido di andare a fare la troietta, non è battere, ci mancherebbe, non porterei mai via lavoro a chi ci campa, con il lavoro più vecchio del mondo, diciamo che passeggio e mi faccio rimorchiare.
Ho una zona ben precisa, zona industriale vicino a Como, dove so, che bazzicano omosessuali, infoiati, anziani e vecchi, e così, mi preparo, mi metto comoda, tacchi, reggicalze calze e un vestitino facile da togliere o da sollevare a secondo delle necessità, e così, verso le undici mi reco in zona.
A Luglio, ero sola, mia moglie era dal suo amante, per una settimana di vacanza, così mi preparo, un trucco leggerissimo, non si sa mai se ti fermano per strada, un filo di rossetto, che intensificherò, una volta arrivata, è importante, gli uomini adorano le labbra rosse, e così, infilo nel borsone le scarpe, e messami una tuta larga, salgo in auto e mi avvio.
Una mezz'oretta, e arrivo, c'è già movimento, e così, in auto mi cerco un posticino tranquillo, ho un'utilitaria cabrio, così posso fare Meglio la figa, scendo e inizio a camminare nelle vicinanze della mia auto, mi notano, ma non si avvicinano, sono gay convinti, uomo a uomo, non amano le trans o le trav, sono, li chiamo io, i puristi del cazzo, pelo e cazzo senza preservativo, non mi piacciono, e aspetto.
Verso le dodici, un ragazzo mi aggancia, chiede il prezzo, gratis dico io a condizione che prima si faccia fare un pompino, e lui accetta.
Ci appartiamo, e io mi inginocchio, e inizio a succhiare il suo cazzo, non male, saporito, mi piace, e lo pompo per una decina di minuti, e poi infilo il preservativo, mi appoggio a una pianta, allargo le chiappe, e lo incito a scoparmi.
Nel frattempo ci si avvicinano i soliti segaioli guardoni, che io adoro, di solito mi sborrano sul corpo, o in bocca, li invito ad avvicinarsi, e li sego, mentre il ragazzo mi pompa di brutto, e mi viene in pochi minuti, si sfila, mi butta il preservativo sulla schiena e se ne và, io rimango a bere un po' di sperma.
Poi mi riavvicino alla mia auto, non sono soddisfatta, anzi, e così, mi tolgo il vestito, mi metto a fare la scema, ballo, mi tocco mi metto a pecora sul cofano, ecc, e così, si fermano delle auto, io li faccio avvicinare, e dico, il cazzo più grosso nel culo gli altri in bocca, gratis, non mi accorgo però che non sono Italiani, ma Marocchini, e in un attimo mi ritrova a sceglie trà tre verghe pazzesche.
Ormai sono in ballo, mi inginocchio e succhio il più grosso, non mi stà in bocca, lo lucido lo bagno, e poi lì, in strada dico entra e scopami, mi afferra per i fianchi e mi introduce la cappella, lo fermo, no tesoro il preservativo scherzi, no mi risponde, scherzi tù, sei un frocio Italiano, qiondi senza nulla, e me lo sbatte dentro fino in fondo, mi divincolo, mi afferrano gli altri due, e il Primo mi rompe per bene il culo, mi monta per dieci minuti e poi mi riempie di sperma, cazzo cosa ho goduto, lo toglie e inizio a bagnarmi di sperma, subito l'altro mi infila e continua a scoparmi, io perdo il senso del tempo godo e godo, non faccio nemmeno in tempo a succhiarli mi vengono in culo tutti e trè, mi sento piena e esausta, mi tremano le gambe, e poi il primo mi dice, sali in auto con mè, verrai a casa mia, do le chiavi al suo amico e salgo.
Durante il viaggio lo pompo, è stupendo, sono nuda ma non mi interessa, il vestito è rimasto li in terra, arrivati a casa sua, periferia di Milano, scendo e lo seguo nuda, mi guardano, mi deridono alcuni extracomunitari del posto, salgo con lui, e ricomincia tutto.
una notte all'insegna del sesso, e a mattino, esausta mi addormento, al mio risveglio a metà pomeriggio, mi ritrovo sporca e nuda a letto, mi alzo, e trovo una donna in cucina, che mi fa segno del bagno, mi lavo e rientro, nuda, chiedo e lei non parla Italiano, mi dà un loro vestito e rimango seduta, verso sera il mio amante rientra, mi chiede come stò, e mi riporta in camera, e ricomincia da capo, la sera si destreggia trà lui e suoi amici, rimango da lui trè giorni e trè notti, rientro a casa distrutta, devo andare dalla dottoressa, il buco non si richiude più, lei mi visita ride e dice, tesoro, ora puoi sederti sui paracarri e farli scivolare dentro, sei rotta tesorina, te lo hanno rotto per d'avvero questa volta, auguri.

Questo racconto di è stato letto 6 8 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.