C.E.O.

Scritto da , il 2020-10-24, genere zoofilia


Come ogni Venerdì, salivo in ascensore verso il ventiquattresimo piano dove si trova il mio appartamento,
come al solito ero ansiosa e desiderosa, alle 19:00 come tutti i fine settimana, mi portano i miei compagni,
Mister Leo il golden retriever, Mister Bob l’alano e Mister Max il pastore tedesco, da tre mesi sono i miei
padroni e signori, non capisco come mai ho potuto fare tutti questi anni senza le loro coccole, sono le 18:50,
apro la porta del mio appartamento con la mia impronta digitale, chiudo e mi tolgo le mutande subito, vado in
bagno di corsa per pisciare ed essere pronta per loro, mi lavo rapidamente la mia micetta vogliosa e aspetto,
suonano il campanello, sono arrivati, apro la porta col telecomando e sono loro, tutti e tre coi guinzagli ed
il copre muso, mi vedono e molto disciplinati si siedono ad aspettare le miei istruzioni, ringrazio e dò una
mancia al ragazzo del canile e chiudo la porta, vado vicino a i miei ragazzi e tolgo guinzagli e copri muso,
facendo un gesto con le mie mani dico … siete liberi mammina vostra è pronta … subito loro si fanno avanti,
Mister Leo che è il più amorevole subito mi lecca tra le cosce, mentre Mister Bob da dietro fa lo suo tra le
mie natiche … mi abbasso per accarezzare il pancino di Mister Max e cercare il fodero peloso dove questo peloso
ragazzo nasconde il suo coso … ci sono già delle goccioline … mi tremano le cosce … c’è una lunga lingua introdotta
nella mia vagina … gemendo come una pazza e gridando con lussuria, vedo che è Bob chi si sta dando da fare … do dei
colpetti sulla sua testa apprezzando le sue attenzioni … Leo gira intorno a noi un po’ disorientato, quindi l’ho
acchiappo e prendo subito la sua guaina tiepida … lui rimane immobile poi incomincia a chiavare la mia mano … il suo
cazzo esce pian-piano … Bob è salito sulla mia schiena e mi stringe forte con le sue zampe dando colpi sulle mie chiappe
e cosce … finché fa centro ed il suo cazzo scivola dentro di me … grido due o tre volte sentendo l’impeto dei sui colpi
e la lunghezza del suo membro che si fa spazio tra le mie carni … spingo il mio bacino all’indietro per far entrare il
suo nodo prima che si formi fuori … voglio sentirmi bloccata e posseduta intensamente da lui … ho dei graffi su una coscia
ma non me ne importa … ciò che conta ora è il piacere che sto sentendo … le mie natiche tremano e lascio i cazzi che avevo
in mano, per ruotare liberamente il mio culetto e godermi la sborrata di Bob che riempie la mia cervice … godo tantissimo …
arricciando le mie dita … il mio orgasmo arriva con forza, facendomi piegare le gambe … inarcare la schiena come una gatta …
lui l’ha fatto un’altra volta, il suo cazzo mi lascia sfinita, stordita … rimaniamo cosi per svariati minuti … schizzi di
sborra escono dalla mia micetta, Bob cerca di staccarsi da me … mi fa gridare … stringo i muscoli della mia vagina e prendo
le sue zampe posteriori … ma lui si sgancia da me lo stesso facendo scorrere a fiume il suo seme fuori dalla mia passerina …
Max è pronto a leccare le mie labbra ingrossate dalla lussuria … poi m’imprigiona tra le sue zampe e dopo un paio di colpi,
sono ancora una volta travolta dalla velocita con cui lui sbatte contro la mia micetta … dopo Bob, il cazzo di Max sembra più
piccolo e piacevolissimo sentire le sue cariche, il suo nodo lo stesso ce la fa a chiudere la mia vagina come un tappo … anche
lui allenta i suoi colpi e scarica una mole di sborra dentro di me … mi tiene stretta a se … poi si gira e rimaniamo annodati
culo a culo … Leo s’avvicina e prendo il suo cazzo in bocca … Max mantiene la mia micetta a fuoco ardente … alla fine il suo
cazzo scivola fuori e lui si gira a leccare la mia gnocca che ha una cascata di seme in uscita libera … sento gli spruzzi di
Leo in bocca, sapore salino, passo la lingua per le mie labbra per inumidire la mia bocca, che piacere mio dio! … Leo va dietro
a me e mi monta quasi delicatamente, poi appunta il suo cazzo sulla mia gnocca e fa centro subito … velocemente inizia la sua
chiavata … gli stimoli di max tenevano la mia micetta al bordo di un orgasmo … Leo mi sta avvicinando a quello … senza sosta
lui mi sbatte il suo cazzo all’interno … le mie pareti vaginali avvolgono e mungono il suo cazzo … sento i primi brividi …
spingo all’indietro e rotolo il mio bacino contro il mio peloso amante … grido … singhiozzo … ansimo e cado con la testa sul
pavimento … inarcando la mia schiena, mi colpisce un altro orgasmo benedetto … ooohhh! … ooohhh! … ooohhh! … torno a gridare
dalla lussuria … le camere HD del mio appartamento hanno registrato tutto …

Ciao! … sono Gloria, da due anni sono CEO di un’importantissima ditta straniera in Italia, relazionata col software e roba del
genere, gran parte del mio successo lo devo ai miei compagni pelosi che mi caricano di energie, mi tengono calma nel prendere
delle decisioni e hanno portato saggezza nel mio modo di vivere la vita e collegare la mia attività col mondo esterno, sono molto
apprezzata nel mio lavoro, cosi sono stata premiata con il posto massimo dell’azienda.

Tutto incomincio un giorno che mi trovai ad accompagnare a Paola a casa sua, lei aveva bevuto un po’ più del solito e stava facendo
casino a un suo ex, come lei è una cara amica mia, ho visto che la situazione si stava mettendo brutta, quindi l’ho presa per un braccio
e abbiamo preso un taxi, giunti a casa sua, un appartamento vicino al settore bancario di Milano, lei mi presento le due mascotte,
compagni, che la proteggevano da sempre, Ursus e Ralph, due alani di colore marrone chiaro , mi sono impaurita nel vedere quelle
bestie tanto grosse e vedere che la mia amica a una taglia piccola, a volte quanto si mette i suoi jeans e maglietta, sembra quasi
una adolescente ancora, Paola mi rassicurò che i due animali erano docili, amichevoli e molto teneri, se lo dice lei, pensai … ma poi
ho potuto constatare che davvero quei cani avevano tanti pregi, il primo che erano veramente una compagnia insostituibile … ma poi lei
mi insegno e mi fece anche provare, che erano anche dei maschi instancabili … e le loro prestazioni ti toglievano ogni voglia da dosso,
nel senso sessuale, lì per lì, pensai ma questa compagnia mia è impazzita … ma dopo aver provato ed essere stata trascinata appesa al
cazzo di Brutus, mi son dovuta ricredere, poi lei mi diede l’indirizzo del canile dove le aveva acquistati e dettagli vari, cosi io comprai
non due sino tre maschi giovani e possenti, per tenermi compagnia, il bello è che il canile dà un servizio completo, perché coi i miei obblighi,
non potevo averne cura di loro, tranne che per i fine settimana, cosi fece un contratto con loro, li vengono a prendere tutti i Lunedi alle
07:30 precise, li tengono fino al Venerdì 19:00, prendendosi cura di loro con assistenza veterinaria e tutto ciò che risguarda il loro benessere,
sistemati cosi, posso dire che non rappresentano per me niente altro che gioie … mi coccolano durante tutto il fine settimana … ma poi mi scopano
tutto il fine settimana …

Avevano sborrati tutti e tre, dandomi due orgasmi sconvolgenti, la mia passerina fradicia, ancora tremante e rosea per gli sbattimenti,
sentiva di voler essere ancora schiacciata e penetrata da quei tre che per adesso stavano a pulire i loro cazzi, slinguavano a dovere i
loro membri … io ero rimasta per terra … un pochettino indolenzita ma ancora affamata di cazzo … restavo su una chiazza di sborra,
giocherellavo con la mia micetta … guardando i miei maschi che si pulivano i me lanciavano sguardi di tanto in tanto … mi son rotolata
in quella chiazza di sborra … volevo sentirmi bagnata da i suoi umori … ho strisciato con le mie tette sul pavimento lasciando due strisce,
due solchi in quella acquosa chiazza … mi son girata a guardare … mi sono alzata sui i gomiti e guardavo la mia passerina … luminosa … cosi
bianca … luccicante direi … Max si è alzato ed è venuto ad annusare la vagina della loro cagnetta … mi son subito sentita lusingata dalla sua
attenzione … allargai un po’ le cosce … la sua lingua comincio a fare meraviglie … in un attimo, mi teneva ansimando e gemendo coi brividi che
mi percorrevano dalla testa ai piedi … mi son girata e ho preso posizione per scopare … ho mantenuto il mio bacino basso … cosi lui poteva
centrare la mia fossetta piccolina … il mio culo … lo sentito una volta ed è scivolato fuori … con la aiuto delle mie dita, finalmente entro
con forza nel mio sedere … ooohhh! mio dio … ooohhh! quanto mi piace essere fottuta cosi forte e veloce, le mie tette dondolavano con un tremito
spaventoso … lui mi teneva salda a se, sbattendo il suo cazzo nella profondità delle mie viscere, le dita dei miei piedi impazzivano chiudendosi
ed aprendosi … le mie mani increspate s’afferravano al pavimento umido e scivoloso … ho gridato forte quando il suo nodo si fece spazio nel mio
sfintere … ma poi Max ha rallentato cominciando a bagnare il mio intestino con il suo caldo liquido … avevo le natiche imprigionando la sua nerchia …
assicurandola bene in fondo e salda al mio culetto … la sensazione era deliziosa … strisciavo le mie cosce per procurarmi ancora più piacere … le
mie dita eccitavano ancor di più il mio bottoncino che riceveva i colpi dei coglioni di Max … siamo rimasti cosi per una quindicina di minuti …
schizzando seme sulle mie chiappe, Max scivolò fuori, avevo gli occhi chiusi godendomi la scopata … sentivo le leccate sul mio didietro … all’improvviso
due zampe si sono impossessate dei mie fianchi … sentivo i possenti sbattimenti … un enorme cazzo affusolato violava l’ingresso della mia micetta,
entrando fino ai coglioni, ho urlato parecchie volte … ma non di dolore … lussuria e godimento mi provocava questa nerchia maestosa … Bob mi possedeva
con vigore ed energia, ero sua completamente … brividi incontenibili scuotevano il mio essere … inarcavo la schiena … spingevo il mio culetto all’indietro …
tremavo una e più volte … il mio orgasmo aveva avuto il sopravento … ero persa in un’altra dimensione … intanto lui mi faceva sentire chi era al comando …
mi faceva sentire la sua cagna in calore … e riversava nel mio utero i suoi cuccioli, leccandomi i capelli … siamo rimasti attaccati a lungo … Bob era
l’unico che mi trascinava a rimorchio … collegata al suo cazzo mi spostava da un luogo all’altro … gridavo e i brividi ricominciavano … mi faceva godere
in modo pazzesco … poi m’ha lasciata cadere dal suo cazzo gigantesco … ho messo una mano sotto la micetta per acchiappare il suo seme … poi l’ho bevuto
religiosamente … anche lui era mio e la cagna alpha sono io …

Mi alzai di corsa al bagno e ho lasciato a Leo guardandomi senza spiegazioni … lui s’approntava a farmi la festa … ma con tutta la sborra che mantenevo
dentro il mio corpo … avevo bisogno di lavarmi un po’ dappertutto, soprattutto il mio culetto allargato dalla minchia di Max … ero comunque soddisfatta
dalle scopate fatte … ma la serata era giovane e c’erano ancora due giorni in avanti … volevo riuscire ad essere inculata e scopata nella micetta
contemporaneamente, era un’idea che girava nella mia testa da sempre e non avevo mai avuto il coraggio di farlo, perché essere annodata davanti e da
dietro mi faceva intimorire un po’ … ma in ufficio il solo pensarci mi faceva subito bagnare il mio perizoma … adesso dovevo trovare il modo e scegliere
i candidati giusti … pensavo che Max da sotto e Leo da dietro … scartavo a Bob per le dimensioni del suo arnese … ma poi sospiravo ogni volta che pensavo
a lui fottendomi da solo il mio culetto … povero bambino mio, mammina dopo penserà a te …

Sono uscita dal bagno, rinfrescata dopo la doccia, Leo mi attendeva e sollecitamente è venuto a leccare le mie cosce … ho grattato la testa di Max il
quale si alzo … ho preso un tappetto distendendolo sul pavimento … ho sistemato a Max … chinandomi sul suo pancino ho accarezzato la sua guaina …
Leo cercava di farmi alzare di più il culetto per raggiungere la mia passerina … ma doveva aspettare perché io non ero pronta … il cazzo di Max
cresceva abbastanza e l’ho preso in bocca … alzavo un po’ le spalle, nascondendo il culetto dalla lingua di Leo che gironzolava dietro di me …
a suo tempo strofinavo le mie tette nella pelliccia di Max … ooohhh dio! … che goduria pazzesca … il cazzo di Max era aumentato ed il suo nodo
era fuori dal fodero, ho alzato i miei fianchi per farmi leccare il culetto … Leo subito capii e la sua lingua stuzzicava il mio buchetto … fremiti
percorrevano la mia pelle … ho cavalcato a Max impalandomi nella sua nerchia calda … incomincia a scopare a Max, abbassando il mio ventre e facendo
salire il mio culetto … l’ho offrivo a Leo … lui mi monto e comincio a cercare la mia fossetta rosa e vogliosa, Leo provava ripetutamente, ma non ci
riusciva … mi faceva disperare … ansimavo più che mai … gemevo impaziente … mi sono fermata un attimo … Leo è venuto e ha centrato la piccola fessura di
un solo colpo facendomi sobbalzare e provocandomi sussulti e una tremolina in crescendo … ero posseduta completamente … c’ero riuscita … mi sentivo
contenta, allegra più che mai … e fottutamente arrapata … la mia micetta ed il mio culo stringevano questi due cazzi favolosi … Max veniva scopato da me,
mentre Leo scopava come forsennato il mio buchetto … l’orgasmo m’ha fatto abbassare le mie tette sul torace peloso di Max, il quale slinguava il mio viso …
ero quasi svenuta su Max, tremando in convulsioni fuori di tutto controllo … il mio corpo faceva da se … la mia mente quasi in bianco … mi fosse la sborra
arrivata al cervello? mi domandavo scherzosamente, totalmente spenta restavo sulla pelliccia di Max, sentendo i morbidi peli di Leo sulle mie natiche …
il suo nodo era tutto dentro di me … il bello è che Leo mai forza l’uscita del suo nodo, lui aspetta tranquillo che succeda quel che doveva succedere …
e cosi senza sforzo alcuno, il suo cazzo scivolo fuori dal mio culo … un filo di liquido scendeva tra le mie cosce … sentivo pure che si era fatta una
umidità sui i coglioni di Max … rotolai a accanto a lui, facendo scivolare il suo cazzo fuori di me … mentre guardavo il soffitto mi sentivo leggera
come una piuma … il mio respiro era ancora affannoso … ancora le mie mani e le dita dei miei piedi si muovevano da soli … passavo la lingua inumidendo
le mie labbra, sentendo ancora il sapore del cazzo di Max … stringevo i muscoli delle mie natiche quasi per rammemorare la sensazione di aver tenuto due
cazzi dentro di me … stringevo forte anche il mio culetto per farlo diventare stretto ancora … mi godevo questa pace interiore … chiudevo i miei occhi
sognanti a questa realtà tutta mia … divagavo nel dolce far niente … una slinguata sul viso mi fece aprire gli occhi, era Bob col suo muso vicino che
voleva qualcosa da me … ed io sapevo bene cos’era … cosa vuoi da mamma piccolino mio … un’altra slinguata sul mio viso, poi è andato giù sul mio pube …
la sua lunga lingua sbatteva tra le mie cosce, facendomi stringerle poi che mi faceva tremare … ormai rilassata, mi son girata e misi in quattro … senza
perdere un attimo Bob salto sulla mia schiena e con una forza pazzesca mi lego a se, poi suoi colpi centrarono il mio culo … cercai di balzare in avanti
e offrire resistenza, ma la forza della bestia era molto più della mia … non avendo modo di oppormi … mi rilassai e lui fece entrare tutto il suo cazzo
dentro le mie viscere … il mio sfintere allargato di proporzioni si arrese al suo nodo, facendolo entrare fino in forno … i suoi coglioni sbattevano sulle
mie chiappe … c’era un po’ di male … ma la perversione e la lussuria presto presero il vantaggio e cominciai a godere … io volevo a Bob nel mio culo e
adesso lui mi teneva stretta fra le sue zampe e sbatteva sua nerchia profondamente nel mio intestino … quella cosa immensa dentro di me si gonfiava ancora
e cresceva … lui scopava con forza e velocità … io alzavo i mie ginocchi per raggiungere l’altezza dei suoi coglioni e sentire di più la penetrazione
selvaggia … quando ha rallentato ho sentito i getti di calda sborra versandosi al mio interno … la sensazione mi provoco un ulteriore orgasmo, ma questa
volta più dolce e tranquillo … il mio corpo mi chiedeva di fare una pausa … aspettai quasi venti minuti il rilascio del nodo di Bob … intanto lui mi ha
trascinata, legata al suo cazzo per mezza stanza … grida e anche parolacce in suo contro … ma anche apprezzamento e ringraziamenti alle sensazioni provocatomi
dal suo bellissimo cazzo … come al solito … sono caduta sul pavimento, quando lui scivolò fuori da me …


Sono le prime ore di sabato, me ne vado a coricare … stanca si … sfinita mai … in mattinata vedremo come si comportano questi cavalieri a quattro zampe …
due dei miei pensierini li ho compiuti già … si prevede un buon fine settimana senz'altro …

Questo racconto di è stato letto 5 1 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.