Io, mia moglie e sua sorella.

Scritto da , il 2020-10-21, genere etero

Mia moglie, trentenne come me, ha una sorella bella ma mai da farmi pensare che era da scopare e non avevo fatto mai caso al suo aspetto fisico...bel culo? Belle cosce? boh, sì aveva un bel viso ma ero troppo innamorato di mia moglie e non facevo caso alle altre donne quando le incontravo sulla strada ad ancheggiare e smuovere le proprie forme...io guardavo solo mia moglie di una bellezza comune ma di certo era genuina e non aveva mai adottato un trucco sul viso e neanche il rossetto sulle labbra: era solo acqua e sapone, carina in viso, due bei seni e cosce da smuovere anche le pietre; stavo proprio bene con lei. Ogni tanto sua sorella nella nostra città e andava chiaramente dai suoi genitori ma qualche fine settimana veniva a cena da me e sua sorella. Parlava del suo lavoro, si rideva scherzava e tornava poi a dormire dai suoi. Un sabato sera venne da noi a cena e lì, vuoi il cibo piccante ed il vinello che scaldò animi e corpi, la serata finì che avvisai i miei suoceri che Paola, la mia cognata appunto, rimaneva a dormire da noi senza chiarire il motivo e dopo mia moglie vedendola ben allegra dal vino, l'aiutò ad alzarsi dal divano e, non avendo noi ancora una stanza per ospiti, la condusse in camera nostra e la spogliò infilandola nel lettone dove poco dopo ci infilammo sotto le coperte e... vuoi il bel culo di mia moglie, vuoi gli effetti del vino, le chiesi se voleva fare l'amore e subito si mise sotto di me allargando le cosce dicendomi che dovevo accontentarmi di una scopata e via per non svegliare sua sorella anche se ben ciucca, così la baciai in bocca e intanto la penetravo in figa scopandola con delicatezza anche per non fare ballare troppo illetto e non svegliare la cognatina. Dopo la bella scopata decidemmo di dormirci sopra e mi girai come mio solito su un fianco ed andai involontariamente ad aderire con mio ventre sul culo di Paola ed il cazzo riprese forma drizzandosi ben bene. Rimasi fermo così ma poco dopo sento una mano intrufolarsi nei pantaloni del pigiama e, fatti due conti, essendo mia moglie girata di spalle con me, la manina non poteva che essere della cognatina che anche se nel sonno girovagava palpandomi il cazzo. La sentii nel buio girarsi e si mise sotto le coperte scendendo a d abbassarmi i pantaloni e si prese in bocca il cazzo ben turgido e pronto per godere. Mi fece un magistrale bocchino e dopo che le sborrai in bocca, sentii che ingoiava tutto e poi si era girata di fianco a dormire. Al mattino dopo un bel sole riscaldò la stanza, mia moglie si svegliò ed io ero già sveglio così lei mi baciò in bocca poi ci girammo tutt'e due verso Paola e la trovammo nud tutta scoperta ed io potei constatare che era una bella figa mai considerata tale. Mia moglie mi guardò ammiccando ed io allora diedi una palpata al culo di Paola veramente ben fatto e dissi a Maria mia moglie che la loro mamma sapeva fare dei bei culi così palai ancora di più la cognatina che poi con le palpate si svegliò trovandosi nuda tutta scoperta e corse a coprirsi poi si girò verso di noi e intanto mia moglie si alzò ed andò in bagno così dissi a Paola che avevo gradito molto il suo bocchino e lei trasalì capendo che non era sato un sogno ma una realtà, così quando Maria ritornò a letto, le dissi appunto che Paola mi aveva sbocchinato ma non se ne era resa conto, convinta di avere sognato ciò. Maria ci rise sopra e improvvisamente si rivolse alla sorella dicendole di unirsi a fare godere a me e Paola quasi non ci credeva ed io pensavo stesse scherzando ma lei fu decisa e si mise a masturbarmi poi disse a Paola di mettersi sdraiata a cosce allargate per prendersi la mia sberla di cazzo in figa e la sorella non se lo fece rpetere. Io prima pensai che era uno scherzo ma le cose avvennero sul serio e così mi scopai anche la cognata e poi dissi a mia moglie che dovevo farle il servizio completo così la girai la cognatina e le leccai l'ano per farlo rendere scivoloso e poco dopo la inculai facendola strillare un poco per le mie esagerate misure. Dopo che le sborrai dentro la rigirai e la scopai bene e dopo mi dedicai a mia moglie che non vedevo affatto ingelosita ma vogliosa di godere anche lei così poco dopo ci trovammo a leccarci formando un triangolo e scopai nuovamente tutte e due sia davanti che in culo. Mi fermai a riprendere le forze e mia moglie corse in cucina a preparare una colazione per tre e dopo averla consumata riprendemmo a scopare tutta la mattinata. dato che era Domenica Paola se ne andò a pranzo dai genitori ma nella seguente settimana io e Maria andammo ad acquistare un letto singolo che accostammo al matrimoniale unendo poi le lenzuola così avevamo un tre posti e tutti i sabatoce la godevamo in tre. Dopo alcune settimane mia moglie mi disse di essere incinta ed io gongolai con i suoceri felicissimi anche loro e quando al sabato venne Paola le dicemmo dell'evento prossimo e lì anche lei ci disse la stessa cosa lasciandoci chiaramente sbigottiti: nessuno di noi aveva pensato a evitare "contrattempi".

Questo racconto di è stato letto 5 3 4 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.