Il figlio del mio collega

Scritto da , il 2020-09-30, genere gay

Erano anni che non vedevo il figlio del mio collega, aveva più o meno l'età di mio figlio, ventidue anni, era un ragazzetto l'ultima volta che l'ho intravisto, una sera che io e mia moglie siamo andati a trovare i il mio collega e la moglie, donna carina e simpatica, il mio collega invece un bell'uomo, in quel periodo lavoravamo a stretto contatto, e per qualche tempo, sono stata la sua puttana, pompini tutti i giorni, e quando eravamo via per lavoro, ero la sua donna nel letto, scopava bene, ed era ben attrezzato.
Lo rivedo dopo parecchi anni, e con piacere, lui ora lavora per un'altra azienda, ma proprio perché eravamo molto amici, mi chiede il favore di assumere il figlio per un breve tirocinio, nulla in contrario, fisso il colloquio per la settimana dopo, e così, forzando un poco la mano, viene assunto.
Per uno strano caso, il ragazzo viene mandato nel mio reparto, e così me lo ritrovo in ufficio, e così mi ritrovo spesso a guardarlo, e a vedere un po' suo padre, molti anni prima, e penso, chissà se ha un bel cazzo come il genitore, e passano i giorni e più lo guardo, più mi sale la voglia di conoscerlo meglio, e così inizio ad invitarlo alla macchinetta del caffè, e a scambiare le solite chiacchiere, calcio politica e donne, che trà poco non conosco bene, l'unica è mia moglie, non perché sia monogamo, ma perché sono omosessuale, sin da piccola, e i miei figli, non sono miei, ma di suoi amanti, ma siamo una coppia stupenda e innamorata.
Così sondo, cerco di capire, e noto che se parlo di donne arrossisce, e indago, non vedo donne sul suo profilo, se non amiche, così faccio una cosa che non pensavo di fare nella mia vita, una sera chiedo la sua amicizia, non come Paolo, ma come Paola, con il mio profilo diciamo speciale.
Il giorno dopo, rincaso accendi il pc, e trovo che ha accettato la mia amicizia, e non solo, istaura una discussione, da notare che nel mio profilo, dichiaro apertamente di essere una trav omosessuale, e così, passiamo un paio di settimane, alla sera a ciattare.
Le sue domande diventano molto personali, e io rispondo senza veli, poi passa alle foto, quelle pubblicate, sono chiaramente caste, un po' per mia volontà, e un po' per la stretta censura di FB.
Ad una serie di richieste di foto più spinte, decido di mandarne alcune molto, ma molto spinte, foto dove appaio nuda con lingerie, e foto dove spompino i miei partners, devo averlo eccitato moltossimo, e così inizio a martellarlo, una foto, un racconto della sua vita e della famiglia, e lui abbocca, e mi racconta dei suoi, che la madre aveva scoperto che il padre era gay, e che anni fa, lo costrinse a cambiare ditta perché aveva una relazione con un collega, accidenti, pensavo mi avesse lasciata per migliorare invece fù costretto, e poi mi disse che aveva avuto delle ragazze,con qui aveva fatto anche sesso, ma che era attratto dalle trav o dalle trans, e ammise che anche gli uomini non spiacevano.
Inizio un lungo corteggiamento, lo devo portare a fare il primo passo, sono brava, sono o nò una donna?, lui mi attrae e molto, non mi piacciono i giovani, ma lui ha qualcosa che mi eccita, non so.
E così, un po' in azienda, dove lui non sa che Paola sono io, anzi, inizio a fare battute su gay, sui trans, battute ambigue, dove non denigra, anzi, quasi faccio capire altro, lo metto a suo agio insomma, e così, un giorno mi dice che in rete, ha conosciuto una donna, mi dice, capisco ha vergogna, e che questa donna lo attrae, e che vorrebbe conoscerla, frequentarla, farsela insomma, così, inizio ad istruirlo, e alla sera dall'altra parte del monitor, gioco una partita che conosco a fondo, e passate alcune settimane lo convinco a chiederle di uscire, cosa che chiaramente farà subito la stessa sera, e io rispondo invece che se vuole lo invito io a cena, a casa mia, ho un appartamento a Milano, dove vivo la mia vita da Paola, dove incontro amanti e clienti, è sì, a volte lo faccio per danaro, batto sin da giovanissima, è stupendo, comunque, il giorno dopo, alla pausa mi dice della proposta e lo consiglio di accettare, perché sicuramente Paola, vorrà scopare, di prepararsi bene qualche giorno prima, e così, manco a dirlo, la stessa sera accetta.
Organizziamo per il venerdì entrante, così, me lo potrò tenere a lungo nel letto, e manco a dirlo, la settimana passa come un soffio, trà il lavoro, i consigli ad Francesco, è il suo nome, e le ciat serali.
Il venerdì arriva, io preparo una cenetta leggera e afrodisiaca, del buon vino e poi ottimo dopocaffè, e un'oretta prima del suo arrivo mi preparo.
Controllo dopo la doccia che l'estetista, mia amica, il giorno prima, non si sia dimenticata qualche pelo, poi indosso un completino di pizzo nero, il nero attizza, sistemo il mio piccolo seno, che nascondo con una fascia di giorno, è una seconda, carino, capezzoli con una bella aureola, poi il classico reggicalze e un paio di calze otto denari, finissime, sistemo il mio cazzo infilandomi i testicoli all'interno, e lo rigiro per bene, sembra che abbia una figa in mezzo alle gambe, poi mi trucco per bene, un poco pesante, non mi deve riconoscere subito, mi metto un rossetto porco, rosso fuoco, e poi la mia parrucca capelli lunghi bionda, e per ultimo, mi infilo un paio di sandali tacco dieci, eccomi sono pronta.
Alle otto precise, Francesco è sulla porta con un bellissimo mazzo di rose rosse, apro, lo bacio sulla guancia, e lo faccio accomodare, sistemo i fiori e beviamo un aperitivo, è molto impacciato, continua a guardare le mie gambe, che mostrano parte delle calze e dei nastrini, visto quanto è corto il mio vestitino rosso, facci apposta a sfregagli la mia gamba sulla sua coscia, e le luci basse mi aiutano a mantenere la mia identità nascosta.
Ceniamo, ridiamo, beviamo, si scoglie un poco, e poi, gli servo il dolce, appoggio il mio seno sulla sua spalla, avvicino la mia bocca al suo orecchio, ecco il dolce, zuccherato come mè, poi lo bacio.
Per un attimo resta basito poi ricambia, finalmente mi dico, mi siedo sulle sue ginocchia, inizia a frullare la lingua e mi accarezza il seno, sussurro all'orecchio, non morde tesoro, toccalo pure è mio è vero, e così sento la sua calda mano che mi palpeggia, io poi mi alzo, mi giro e mi inginocchio, è mio, in un attimo il suo cazzo duro è nela mia bocca, e inizio a pomparlo, so che non resisterà, e in effetti, pochi minuti e mi sborra in bocca,e io bevo tutto.
E' imbarazzato lo vedo, mi alzo, lo bacio, e lo prendo per mano, vieni Francesco, e lo porto in camera mia, dove lo spoglio completamente, lo guardo, mi metto al suo fianco sul letto, e dico, mai vista una donna? mai spogliata?, sembra risvegliarsi, e sfilato il vestito, rimane ad ammirarmi, mi slaccia il reggiseno, e osserva le mie tettine, le baci, le succhia, succhia il capezzolo, io inizio a godere, e poi scivola giù, io allargo un poco le gambe, e lui sfila gli slip, il mio cazzo esplode, duro, tra le mie gambe, ho trenta centimetri di cazzo, che fanno divertire parecchie persone, rimane a guardarlo, toccalo non morde forza, lo sapevi che non ero una ragazzina no?, lo tocca, e piano piano lo afferra e inizia a segarlo, poi, senza dire nulla, o inbocca e inizia a farmi un pompino da favola, su e giù, mi piace, dai siii siii fammi venire, si impegna e dopo una ventina di minuti schizzo sul suo viso un a bella quantità di sperma.
Senza perdere tempo, lo bacio, e poi mi giro, ora, Francesco, fammi tua, il suo cazzo è un palo, durissimo, dai inculami, sfondami, sono la tua cagna, il ragazzo non capisce più nulla, mi ingroppa sfondandomi con un sol colpo, cosa che io adoro, e mi pompa, lo incito, e lui è un bufalo, mi sbatte come un drago, e mi porta al culmine del godimento, sborro ancora, e lui mi riempie di sperma caldo.
Ci accasciamo abbracciati, mi bacia, grazie Paola, è stato meravoglioso, ringrazia Paolo dico, e mi sfilo la parrucca, lui mi guarda, arretra un poco, tu?, lei scusi, io non so, e quasi fugge, lo fermo, lo bacio, tranquillo tesoro, e scendo a baciae il suo bel cazzone, che in pochi attimi ritorna durissimo, e lo sbocchino fino a farlo venire.
Passiamo abbracciati parte della notte, e verso mattina, mi guarda e mi dice, mi scoperesti'.
sI RISPONDO, MA NON ORA NE OGGI, SERVIRà UN POCO DI TEMPO TESORO, LO VEDI Com'è, TI SFONDEREI, LUI LO TOCCA E DICE, SARò TUO AMORE, GIURALO, LO BACIO E ACCENNO DI S'
Il giorno dopo Francesco si trasferisce da mè, e di giorno al lavoro siamo colleghi, e alla sera, sono la sua donna.
Poi visto che insisteva perché lo sverginassi, gli diedi una condizione, che se alla fine del mio racconto era ancora deciso, la sera stessa, lo avrei fatto mio, e così, gli raccontai della storia trà suo padre e mè, che ne ero innamorata, e che mi era spiaciuto che fosse fuggito così, senza spiegazioni, lo immaginavo che fossi tù, devo dirti che era innamorato di tè, stava lasciando mia madre, ma poi rinase incinta di mia sorella e così, non potè farlo, poi mi abbraacia, mi bacia, e mi dice, dai come è il padre, è il figlio no?, sei rimasta la donna della famiglia, io mi giro, e dico, Francesco, mettimi incinta.

Questo racconto di è stato letto 6 9 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.