Giulia e Bouba

Scritto da , il 2020-09-15, genere etero

Sono Giulia ho 39 anni, sono stata sposata con Carlo per 21 anni, nonostante la differenza di 11 anni di età siamo stati, all’inizio, una coppia follemente innamorata poi con lo scorrere del tempo è prevalso il rispetto reciproco. Fui subito attratta da mio marito sia per la sua fisicità che per la sua personalità, mi conquistò con la sua stretta di mano forte, con i suoi occhi chiari dallo sguardo fermo e penetrante, con il suo fisico asciutto da un metro e novanta, con il suo volto scurito dal sole; oltre a tanta fisicità cedetti alla sua tenerezza alla sua disponibilità ad ascoltare ad aprirsi con me, ad essermi vicino senza mai prevaricarmi. Ora mio marito è comandante di una nave portacontainer destinata a lunghe rotte ma quando l’ho conosciuto era un fascinoso secondo ufficiale di coperta. C’è stato un periodo magico nel quale non mi pesava la assenza dovuta ai suoi imbarchi, anzi quando potevo lo aspettavo nei porti dove attraccava. Abbiamo vissuto quei momenti con intensità senza mai un calo di passione, continuavo a seguirlo lungo i suoi viaggi anche quando abbiamo avuto un figlio e a volte portavo anche lui. Con il tempo i nostri slanci e le nostre passioni si sono affievolite, l’attesa nei porti una volta entusiasmante era diventata noiosa tantoché i viaggi si diradarono sempre di più e quei pochi che facevo erano stancanti per cui alla fine cessarono del tutto. Poi rimasi ad attenderlo a casa da sola perché nostro figlio si era trasferito all’estero per gli studi. Ho riempito le sue assenze vivendo la mia vita in modo dinamico e molto sociale per cui non ho patito solitudine anzi tutt’altro. Non ho mai tradito mio marito pure se le occasioni non sono mancate perché con lui avevo una forte sintonia anche sessuale. Lui sapeva accendere in me il desiderio, anche il semplice denudarmi lo faceva in maniera così sensuale che stimolava il mio piacere arrivando a procurarmi lentamente l’eccitazione cosicché alla fine ero completamente sua. Non c’era nulla di vietato tra noi ed abbiamo vissuto diverse esperienze sessuali tutte appaganti. Una volta in Giappone abbiamo avuto un’incontro a tre con un’altra donna ed in quella occasione raggiunsi la vetta del piacere intenso. Ancora oggi ricordo quell’esperienza con emozione; la partner mi aveva cosparso su tutto il corpo dell’olio aromatizzato e già questa operazione fatta con estrema maestria aveva sciolto la mia rigidità facendo breccia e predisponendomi a quella nuova pratica sessuale.
Mi trovavo tra loro due, sentivo dietro di me il corpo caldo di Carlo il suo respiro sul mio collo la lingua che scivolava lungo le mie orecchie e le sue mani che contenevano le mie mammelle mentre le dita mi stropicciavano i capezzoli, lei mi massaggiava davanti lentamente e con estrema maestria, sfiorava le grandi e piccole labbra solleticando il clitoride.
Ben presto raggiunsi uno stato di eccitazione indicibile e volevo arrivare all’orgasmo ma loro facevano di tutto per prolungarmelo, stavo vivendo una esperienza incredibile, ero quasi ai limiti dell’abbandono dei sensi.
Raggiunsi finalmente un orgasmo intenso ed abbondante rilasciando anche un liquido biancastro: Solo alcuni anni dopo compresi di avere avuta la mia prima ed unica eiaculazione. Poi tutto è finito in maniera consensuale e civile, abbiamo divorziato e sono stata una serena ex moglie finché all’improvviso accadde una storia reale che aveva e tuttora ha dell’inverosimile. Cominciò due anni fa quando venne ad abitare, vicino a me una coppia originaria della Mauritania. Lei era una donna sui 30 anni distinta, alta magra elegante nei suoi tailleur di buona fattura, lui un giovanottone ben messo dinamico con un sorriso abbagliante. L’arrivo di questa coppia non accese la mia curiosità e ancor meno m’interessò l’assenza sempre più prolungata di lei, il continuo affannarsi di lui nel barcamenarsi della vita quotidiana mi era indifferente. La svolta si verificò un sabato di inizio autunno quando tornando dal mercato trovai l’ascensore bloccata quindi dovetti salire i tre piani a piedi, forte fu la mia meraviglia vedendo il mio vicino con indosso una maglietta e un short pants che si affannava a pulire il pianale dell’ascensore ed il pianerottolo dai residui di olio da cucina. Mi guardò imbarazzato: “mi scusi signora mi è caduta la bottiglia dell’olio e sto cercando di pulire”, “non si preoccupi – dissi bonaria - sono cose che capitano a tutti ma lei sta sbagliando ad usare quel detersivo che pulisce ma fa anche troppa schiuma, aspetti poso la spesa e torno per darle una mano”. Tornai fuori rapida “ eccomi adesso lasci che l’aiuti vedrà in poco tempo puliremo tutto”, mentre veloce ripulivo lui si era appoggiato allo stipite dello ingresso del suo appartamento, cominciò a parlare quasi sussurrando: “mi chiamo Bouba, non so come ringraziarla, dopo posso offrirle un caffè ?”, risposi sorridendo a quest’ora no grazie!, piuttosto se non ha impegni venga a mangiare qualche cosa da me, se vuole l’aspetto!!” “sono ancora più in imbarazza ma accetto volentieri perché per questo imprevisto non ho nulla da mangiare non avendo modo di organizzarmi” “allora ci vedremo dopo mezzogiorno” dissi salutandolo. Avevo appena chiuso la porta e la solita telefonata della mia amica Amelia mi distrasse, non pensai più a Bouba il quale però puntuale si presentò mentre ero del tutto impreparata. “ Entri Bouba e si accomodi nel soggiorno, io mi darò da fare e presto saremo pronti, Bouba diamoci del tu?” “ certo se lei, scusa, se tu vuoi si”. Ormai eravamo a tavola e pensai fosse opportuno presentarmi, “concludiamo le presentazioni io mi chiamo Giulia, sono stata sposata ora divorziata, ho un figlio che vive all’estero per ragioni di studi universitari, il mio ex marito è comandante di una nave container. Bouba mi fissava in silenzio quando con sottovoce cominciò a raccontarsi “ sono originario della Mauritania, sono uno specialista informatico e lavoro qui presso una multinazionale francese, ero sposato fino a sei mesi fa, lei ha chiesto e ottenuto il divorzio per cui ora sono un ex marito, anche mia moglie è mauritaniana ma vive a Parigi con il suo nuovo compagno. Oramai ci eravamo detto tutto il silenzio scese tra noi fino a quando Bouba si alzò ed allungandomi la mano mi salutò: - “grazie Giulia sei stata molto anzi troppo gentile se posso fare qualche cosa per te chiedi pure” “Bouba accetto il tuo invito ma non credo che tu possa fare molto per me comunque se avremo bisogno ci aiuteremo” . Non vidi né sentii Bouba per quasi dieci giorni ma un venerdì a notte fonda sentii suonare alla porta e spaventata non andai ad aprire ma il campanello suonò ancora e poi sentii una voce sommessa:“sono Bouba”. Rinfrancata aprii e lo vidi ripiegato su stesso mentre si lamentava per un mal di stomaco. Lo feci entrare lo guidai verso il divano: “stenditi ora ti preparo una tisana calda e così prenderai anche un antidolorifico”. La cosa funzionò e presto il calmante fece effetto attenuando i dolori tanto che lui stava per rientrare a casa sua ma gli dissi “resta qui se mai avessi ancora bisogno io ci sono, ecco una coperta e adesso dormi”. “ Grazie Giulia”. Quando sabato mattina mi alzai la prima cosa che feci andai da Bouba ma lui non c’era più, non ritenni opportuno andare a casa sua in quanto, essendosi ripreso, non aveva più bisogno di me e non volevo inseguirlo. Nel tardo pomeriggio mi contattò la mia amica Amelia per invitarmi a passare una serata allegramente diversa uscendo con lei e poiché ero sull’orlo di una crisi di malinconia accettai volentieri. Mentre la vasca da bagno si stava riempiendo di acqua calda mista a sale rosa ed olio essenziale di arancio amaro aprii l’armadio e scelsi un leggero vestitino che faceva risaltare i miei punti forti, la vasca era ormai piena e ci scivolai dentro, l’effetto fu oltre modo rilassante e non solo. Cominciai a trastullarmi con i capezzoli e con il clitoride, la risposta fu rapida ed immediata per cui continuai in quella languida masturbazione, ormai il capezzolo destro, quello estremamente sensibile, lo sentivo turgido e molto voglioso di essere accarezzato, toccato, titillato; lo accontentavo ma lui ingordamente voleva sempre di più, le dita delle mani non si fermarono ma scivolarono lungo i bordi della vagina fino a spingersi oltre e procurarmi dei fremiti, ero eccitata tanto da mugolare, il piacere montava sentivo di essere prossima a chiudere la masturbazione con un orgasmo esplosivo: SI! Si!! sussurrai accompagnando il godimento che fu intenso. Rimanevo ancora nell’acqua oramai quasi fredda ma mi sentivo ancora eccitata perché avevo la voglia di sentirmi presa da un uomo. Uscii dalla vasca in parte soddisfatta in parte ancora molto vogliosa, fu allora che guardandomi allo specchiera del bagno mi vidi come una donna attraente, leggermente più alta della media, il ventre tonico era ancora piatto, i miei punti forti: seno natiche e gambe, nonostante l’avanzare del tempo, reggevano e reggevano bene anzi molto bene, come presa da un raptus le mani si allungarono di nuovo verso il basso ma allora decisa mi dissi: “Basta”! altrimenti mi lascio riprendere dalla voglia” in quel momento mi venne in aiuto lo squillo del telefono: “Giulia sei pronta? sto passando a prenderti, tra cinque minuti sono da te” “vieni con calma, vanno bene anche 15 minuti, ti aspetto al portone” “ allora non sei ancora pronta? sei sempre la stessa… ” ma chiusi il telefono per non sentirla. Ero pronta stavo per uscire allorquando suonarono alla porta e fui stupita poiché non aspettavo visite ma quando l’aprii mi trovai dinanzi Bouba “Ciao! mi stavo chiedendo che fine avessi fatto “ gli chiesi “Ero venuto per invitarti fuori a cena ma vedo che sei già impegnata” il suo tono di voce si spense in un calante deluso tanto da farmi intenerire “Oh si! vado fuori con una mia amica ma tieni pronto il tuo invito perché quando me lo riproporrai ci sarò”. “Giulia ci sei ?” impetuosa dal cellulare arrivò la voce di Amelia “si arrivo sto scendendo Ciao Bouba” la voce di Amelia gracchiò “Bouba?? Bouba chi è?? Bouba!!…” chiusi la telefonata senza risposta. Mi accostai a lui e lo baciai su una guancia come se fosse stato mio figlio almeno così credevo sul momento poi lui mi attirò a sé “Sei strepitosa Giulia!!.” quel sussurro caldo sul collo mi fece rabbrividire. Amelia era fuori della sua auto aspettandomi guardandomi esclamò enfatica “Ohhhh!! Ma ti sei proprio messa in tiro questa sera hai intenzioni di rimorchiare?? “ma cosa dici!!...” “ Sali in macchina e taci bella!! te l’ho sempre detto che tu continuando a conservarla alla fine te la troverai rugosa ed inutile….. .dacci dentro ora…” “smettila!!....non ho bisogno di…..” lasciai a metà la risposta poco convinta ripensando a Bouba e al suo respiro caldo. Amelia, vecchia volpe mi guardò sottecchi “oh!!! forse c’è qualche cosa che non so?..e forse dovrei sapere?!!”, il mio sguardo la incenerì “ non volevo essere invadente scusami….. “ indecisa se lasciarmi andare o meno a qualche confidenza mi tenni sul vago “no…no…no mi sono lasciata andare al ricordo di una strana sensione appena provata”, Amelia mi guardò ancora più incuriosita avendo notato il mio turbamento e stava per chiedermi qualche cosa ma tacque. Era passata da molto la mezzanotte quando tornai a casa leggermente euforica per colpa di qualche martini bevuto in più, caddi sul letto e mi addormentai in un attimo. Ero ancora in un sonno profondo quando sentii un rumore fastidioso invece era l’insistente suono del campanello: chi era a quell’ora?, un’altra scampanellata “ Uffà!!! ma non smette!!...suona ancora! “ guardai la sveglia sul comodino: segnava le 15 passate, ebbi un sussulto rotolai dal letto “ma quanto ho dormito??...arrivo!... arrivo!!! “ aprii la porta e mi trovai davanti ancora Bouba che mi guardava con una faccia stranita “ devi uscire ancora?”“ ma no!! sei matto” risposi attonita ma immediatamente capii quanto fosse giusta la sua domanda : ero ancora vestita come la sera prima, “ci vediamo tra 1 ora? !!” farfugliai chiudendogli la porta in faccia. Era pomeriggio avanzato quando decisi di chiamarlo “ Bouba? Sei in casa?” “NO! “ fu la risposta secca e piccata, “quando rientri vuoi passare da me ? grazie” “ NO!! non mi aspettare non so quando ritorno”. Mezz’ora dopo sentii lo scampanellio ma non avendo chiusa la porta a chiave dissi “ entra…siediti dove vuoi… ti racconto… “ “ non sei tenuta a farlo..-“ sempre sulle sue, “ lo so ma te lo dico lo stesso. Avevo bisogno di una serata diversa, leggera dopo una giornata malinconica e la mia amica invitandomi mi ha offerto l’occasione di distrarmi piacevolmente così l’ho colta, sono riuscita a scaricare le mie ombre, ci siamo fatte corteggiare come due signore in cerca di “divertissement” …” l’avete trovato...?” ora il suo tono sembrava avere un velo di rivalità “… cosa dici…? ci siamo ritrovate a bere solo qualche martini traditore in più…”. Nel frattempo Bouba si era seduto al mio fianco sul divano, sentivo la sua fragranza per una doccia recente mista all’afrore della pelle, il suo respiro si andava facendo rapido e breve; le sue mani appoggiate sulle mie spalle cercarono il cursore della lampo, rapido lo fece scendere giù “…voglio solo aiutarti a toglierti il vestito non fraintendermi…” gli avrei voluto soffiare sul viso “bugiardo!!” ma non volevo interrompere quel momento magico. Il vestito mi scivolò di dosso senza intoppo: ero in tanga con il seno libero ben esposto, rimasi immobile in attesa della carezza che non arrivava, mi voltai verso di lui, puntai i miei occhi chiari nei suoi neri come carboni, avevo le labbra secche ma le inumidii con un passaggio lento della lingua, le sue mani grandi e forti mi presero il viso attraendolo al suo fino a che le nostre labbra non si unirono, lasciai che la sua lingua calda, irruente e mobile cominciasse a muoversi con foga. Rimasi attratta dalla sua irruenza, in quel bacio non c’era la pacatezza o la dolcezza di un sentimento ma era solo e semplicemente carnale, le sue mani mi contenevano il viso come se avesse paura che io potessi sfuggirgli mentre avrei voluto gridare “ NO,NO Bouba!! non temere resto qui finché il fuoco che hai acceso in me non diventi cenere fredda”. La mia lingua ormai rispondeva forte e decisa ai movimenti della sua, le nostre abbondanti salive si fondevano nelle nostre bocche rendendole scivolose così meglio disposte ai movimenti, mi mancava il fiato ma mi sentivo completamente coinvolta. Le lingue si toccavano, fuggivano si aggredivano si attorcigliavano, le sue mani calde sui mei seni mi fecero sussultare, la punta delle sue dita leggermente ruvide scivolavano intorno alle areole le stringevano le strofinavano tiravano i miei capezzoli facendomi gemere ed il piacere mi scivolava giù tra le gambe: le rinserrai; mi staccai dalla sua bocca per emettere un languido appassionato sospiro. Ero in piedi completamente nuda davanti a lui che mi guardava affatato, gli tesi le mani lui le afferrò, lo attirai a me le sua braccia mi strinsero sollevandomi per adagiarmi sul tappeto. Ero alla sua mercé. Mi ero consegnata a lui che con tocchi lievi, quasi timidi scopriva palmo a palmo il mio corpo, laddove io tremavo lui s’attardava facendomi fremere con baci e pizzicotti ora lievi ora decisi, piccoli morsi delicati stringevano la pelle tra i suoi denti forti, poggiava le sue labbra sul mio viso sul collo facendomi cadere in una languidezza eccitante, quando la sua lingua lunga e forte si insinuò nel mio ombelico non trattenni un sussurro rauco e sensuale che lo eccitò. Nudi sul pavimento ci rotolavamo, ci accarezzavamo, le sue gambe lunghe e muscolose mi cinturavano, lo afferravo e lo trattenevo a me, le mie unghie scivolavano lungo le sue spalle ampie e forti, affondavano nelle natiche tonde toniche, la sua risposta non era un lamento ma il piacere di un godimento non trattenuto. Mi afferrò torcendo le mammelle gridai e lui le strinse con più forza cominciai a dibattermi finché non sentii la sua lingua leggera scivolare sui capezzoli turgidi e violacei placando la dolenza, le sue labbra li baciavano, come un bambino li succhiava così che il dolore cedeva il passo al piacere mi aprii tutta e gli offrii il mio clitoride gonfio, turgido che spuntava dalle grandi labbra. Mi slargò le gambe e poggiò la sua bocca sulla mia vagina umida e ribollente, risalì al clitoride che prese tra i denti, mi contorsi come una cagna in calore lo sentivo suggere sempre con maggiore foga: ero pronta; il mio orgasmo fu impetuoso da lasciarmi esausta. In quello appagamento dei sensi sentivo il suo glande duro, grosso e umido battere sul clitoride, scivolare nella parte basse della vulva avvicinarsi all’ano appoggiarsi per tentare un ingresso ma senza insistere, risalire fino all’orifizio vaginale spingere la cappella ma mai oltre la corona del glande in modo da darmi solo la sensazione della penetrazione. Mi stavo rapidamente riprendendo dal precedente orgasmo ed eccitata gli sussurravo“ prendrimi…..prendimi….fammelo sentire…” lui mi stringeva tra le sue braccia lunghe e forti “non ora…ti faccio prima venire ancora…”, sentivo il suo corpo caldo, umido vibrante sul mio, il suo pene turgido si muoveva tra le mie grandi labbra, volevo essere penetrata, presa e questa attesa mi struggeva e mi eccitava in modo parossistico poi quando non me l’ho aspettavo con un solo colpo di reni secco e potente affondò. Sentii il pene entrare in me: il mio gridò acuto si spense in un rantolo; il dolore scemava mentre il piacere faceva vibrare il mio corpo. Non percepivo la grandezza del suo membro ma mi sentivo piena fino all’utero. I suoi movimenti erano una danza. Lo sentivo entrare uscire, strofinarsi lungo la vagina e intorno allo sfintere anale, affondare di nuovo e muoversi con colpi secchi sentivo il dolore ma lo volevo dentro, godevo pazzamente nel sentirmi quella cosa che palpitava dentro di me, gli avevo cinturato i fianchi con le mia gambe per sentirlo di più, pur ansimando riuscivo a rantolargli i miei incitamenti animaleschi, se la mia eccitazione era fuori controllo la sua non era da meno, ormai il suo respiro era grosso affannato, il suo membro era così duro che i colpi sempre più rapidi e ripetuti mi massacravano ma io non sentivo più dolore ma solo il piacere, sbattevo come una farfalla impazzita e con le unghie piantate sopra le reni sussurravo gridavo imploravo “dammelo tutto…tienimelo tutto dentro …ora fottimi….fottimi…ancora….sempre fottimiiiii….che vengo….siiiii…ora.” I nostri corpi sudati ansimavano così avvinghiati da sembrare attaccati l’uno all’altro, eravamo presi completamente dall’intensità del piacere, ognuno di noi due stava sversando la propria carica sessuale che teneva repressa nell’altro, il suo abbraccio divenne soffocante tanto da togliermi il respiro, il suo pene era tutto piantato in me e scaricò la sua magnifica eiaculazione. Il bacino accompagnava con colpi convulsi gli ultimi spruzzi fino ad acquietarsi, noi stremati rimanemmo abbracciati fino a quando il pene floscio non uscì dalla vagina dalla quale colava parte del suo liquido. Mi sentivo vuota. Bouba si alzò per primo ed io potei osservarlo in tutta la sua superba possanza fisica e potei rendermi conto di quanto fosse imponente il suo membro dal quale gocciolavano ancora filamenti di sperma, avvicinai la mia bocca e glielo ripulii con la lingua. Mi aiutò a sollevarmi guardandomi stupito per quello che avevo fatto, mi sussurrò “ sono stremato per averti dato tutto di me ma ti prenderò ancora”. Ero troppo esausta per rispondergli mi limitai solo a vederlo avviarsi verso il bagno; il suo modo di camminare seguiva un ritmo ancestrale e il suo culo una opera d’arte; provai una contrazione e mi toccai. Tornò così come era uscito dalla vasca: grondante acqua, mi sollevò e mi accompagnò in bagno scivolai nella vasca lanciando un urlo ”è fredda!!! perché l’hai fatto?!!!?” “perché ti voglio pimpante, tonica…” così dicendo uscì “dove vai” “in cucina tu nel frattempo fai una bella doccia alternando acqua da bollente a fredda a bollente” “ fossi pazza….” “ ti conviene farla da sola altrimenti la faremo insieme e ti castigherò senza indulgenza”. Ero seduta nuda vicino al tavolo del soggiorno, lo sentii uscire dalla cucina e lo vidi dirigersi verso di me chinandosi mi mormorò “ti piace la cucina giapponese?” “l’ho provata tempo fa, non mi dispiacque ma non mi fece impazzire” “adesso ci arrangiamo con quella..”. Non mi aveva entusiasmato la sua cenetta e decisi renderla più succulenta, andai al forno feci scaldare quello che c’era e lo portai a tavola. “Giulia….stare con te mi fa sentire bene…” “ certo perché sono brava come cuoca, utile come una coperta nelle fredde notti invernali… come due dita di wiski nei momenti topici,,,, e sempre meglio di una pillola di Roipnol” gli feci un allegro sorriso pesi la sua mano e me la portati al viso. Mi sollevò appoggiando il mio corpo sul vicino tavolo mi sollevò le gambe e se le poggiò al petto, sentii il suo membro già barzotto che scivolava lungo la vagina, tentava l’ano, si strofinava sul clitoride cercando farlo inturgidire ma non rispondevo con entusiasmo, ero scarica però lui non mollava. Lasciò che le gambe rimanessero penzoloni lungo il tavolo e accostò le sue labbra alle mie e mi baciò con tale delicatezza che non potei non rispondere, al bacio lungo si accompagnava un titillamento del mio capezzolo ingordo il quale rispose con un vivace gradimento, mi risollevò le gambe e tornò a giocare con il mio clitoride, non trattenni un sospiro, mi spinse più indietro sul tavolo mi allargò di nuovo le gambe: la mia vulva si offriva alla sua lingua. Si avventurò tra le grandi labbra ed emisi un guaito “Ah….Ah…” mi aveva risvegliato e ora la mia eccitazione stava montando, ansimavo di nuovo sentivo le dita che mi masturbavano, mi strappava il clitoride facendomi male ma il dolore ormai era solo piacere, con l’altra mano mi dava colpi secchi precisi e forti sui capezzoli diventati gonfi e violacei, ogni colpo un sussulto un fremito e l’attesa di un altro colpo, mi agitavo mi torcevo in un crescendo inarcando la schiena. Poi con un unico colpo secco e lungo sentii il suo membro penetrare fino in fondo “SI!!.....SI!!!!.....” il grido esplose dalle mie viscere perché sentivo quel pezzo di carne dura di nuovo dentro di me, usciva rientrava si muoveva con colpi duri, non era una penetrazione languida e delicata ma piuttosto dura e cruda con il suo membro ben eccitato duro e ferigno che si muoveva rapidamente. Ero stordita in quanto un sesso così travolgente e primitivo con Carlo non l’avevo mai provato, questo mi piaceva, mi appagava e mi sentivo posseduta non riuscivo a contenermi mi lasciai andare ad un giusto orgasmo. Mi ero svuotata ma il suo pene era ancora duro, sentii la sua mano scivolare sulla vagina e raccogliere gli umori e spalmarli sulla rosa dell’ano, “ non farlo ti prego non sono mai riuscita a sopportarlo neanche con Carlo…non farlo” “ arriverò là fin dove sarà possibile… non temere” così parlando aveva posto la cappella al centro e si era fermato. Le sue mani e le sue dita si muovevano in continuazione sul mio corpo balzando da una parte all’altra così facendo mi distraeva ma tenendo alta la mia eccitazione; il colpo fu secco ma non forte o violento sentii scivolare dentro il glande io mi ero tesa irrigidendo i muscoli del perineo. Si chinò su di me e mi sussurrò con un respiro greve “ il peggio l’hai superato alla grande ora respira bene e lasciati andare non resistermi” così dicendo spingeva ed ora sentirmi scivolare il suo grosso grosso membro dentro cominciavo ad eccitarmi mi sentivo allargare e cominciava a piacermi. I sui toccamenti al capezzolo ed al clitoride mi rilassarono completamente il ora il suo pene era scivolato tutto dentro con i testicoli a contatto con il perineo; era stato magnifico sentirlo avanzare slargarmi lo sfintere “Si!!! Si!!!! BOUBA lo sento…” gli sussurrai, volevo che continuasse, si muoveva in una maniera lenta esasperante, me lo tenne fermo tutto dentro finché non mi rilassai del tutto poi cominciò a chiavarmi con forza con movimenti in rapido crescendo, me lo tirava fuori lasciandomi il culo completamente aperto sentivo il vuoto, lui percepiva il mio desiderio e rapido riprendeva a chiavarmi. Impazzivo per come mi prendeva mi sentiva slargata sfondata capivo che nulla sarebbe stato più come prima ed ero felicemente arrapata. Mentre continuava a penetrarmi con le dita mi masturbava il clitoride, ebbi un momento di totale abbandono poi presi tra le mani il suo viso bagnato di sudore “Oh…Oh..tutto…tutto… ah….ah…” “ ti piace con delicatezza o vuoi che ti monto?…” “ montami!!….” ripiegato su di me lo sentii imbufalirsi, gli affondi portati in profondità colpivano la vescica fino a perdere urina, la profonda eccitazione mi procurava sempre più ravvicinate contrazioni della vagina. Bouba si era imbestialito, i testicoli che sbattevano contro il perineo cominciarono risalire nello scroto contratto, le mie mani gli carezzavano il corpo e lo sentivo fremere “Bouba fammi venire….vieni con me!!” la mia richiesta sussurrata fu una frustata per lui. L’assalto finale fu brutale e violento ero sconvolta fin quando non sentii i suoi rauchi gridi strozzati, i colpi convulsi e lo sperma colare all’esterno dell’ano. Per me è rimasto sempre un mistero come lui abbia avuto la forza il lunedì successivo ad affrontare una giornata di lavoro mentre io ero annientata tanto da non rispondere alle ripetute telefonate della mia amica Amelia ma alla fine risposi per evitare che venisse a casa. Ieri è venuto Carlo mi ha presentato la sua nuova compagna già incinta, non navigherà più e andranno a vivere in Svizzera dove ha sede il quartier generale della sua compagnia di navigazione, ho firmato i documenti per il divorzio. Uscendo dallo studio dell’avvocato ci siamo fermati in bar del centro per i saluti, gli occhi di Carlo erano tutti per la sua compagna e per il loro frutto in arrivo ma non mi sentivo né gelosa né imbarazzata, poi Carlo mi fissò:” il tempo non ha fatto svanire per niente l’allure e sei sempre fascinosa” Carlo “smettila! “Giulia lo sai che io so che non sai raccontare bugie.
Ora che siamo due persone libere che non devono né rinnegare né rimpiangere il nostro passato volevo dirti che sto preparandomi per vivere il presente al meglio”..”sono felice per te…Carlo, io sto iniziando un rapporto con un giovane francese originario della Mauritania…”. Mi sono alzata e accostandomi alla sua compagna l’ho abbracciata “… tienilo da conto è un uomo fantastico, ti farà felice” poi mi sono avviata all’uscita risposi a telefono “ Ciao Bouba …” “Giulia?!...non prendere impegni questa sera sei mia ospite::” “non posso.. mi tremano le gambe” “perché?... Giulia non stai bene!?? volevo invitarti a cena ma mi preoccupi, ho prenotato un tavolo per questa sera… sai domani sono a casa poi c’è il sabato..la domenica… tutto per noi questo weekend” mi mancava il respiro non potevo rispondere avevo un groppo alla gola “Giulia? Ci sei?” “Si!......Si Bouba…sto benissimo!” “non mi sembra che tu stia tanto bene… vero?... dimmi…non farmi preoccupare amore!” il cuore saltò in gola ed ebbi un crampo violento “sarò a cena con te, mio Bouba,”

Questo racconto di è stato letto 1 6 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.